Autore Topic: Defiance  (Letto 2003 volte)

Sakurambo

  • Abed Nadir
  • Post: 1594
    • Mostra profilo
Defiance
« il: 9 March 2013, 10:05:05 »
è partita la prevendita su steam del gioco legato alla serie tv che partirà il 15 aprile
ecco un video di gameplay



qualcuno per caso l'ha già preso?

tfpeel

  • cuore di panna | Sacrificata sull'altare del dio PILØ | CW, cosa mi combini?
  • *
  • Post: 46230
  • Sesso: Femmina
  • #teambellarke #teambellamy
    • Mostra profilo
Re: Defiance
« Risposta #1 il: 6 April 2013, 12:43:31 »
è uscito nei negozi il 02 aprile ... sto ancora cercando di capire se è compatibile con il mio pc, prima di comprare un gioco che non ha certo un prezzo omaggio  :scettico:

r3dl4nce

  • The Todd
  • Post: 117
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: Defiance
« Risposta #2 il: 20 April 2013, 00:48:29 »
Posto una piccola recensioncina (completamente e puramente personale) di gioco e serie TV

Se servono info sul gioco chiedete pure! :)

Citazione
Convergenza serie TV e videogioco? Sì grazie. Solo su Defiance.


I’m going to Jackson, I’m gonna mess around,
Yeah I’m goin to Jackson, look out Jackson town


Così cantavano Johnny Cash e June Carter. E con Nolan e Irisa (lui umano, lei aliena di specie Irathient) che reinterpretano un classico country inizia l’episodio pilota di Defiance, una nuova e interessante produzione. Che ha di così speciale? Diciamolo subito, è un interessante esempio di cross-media, dato che sotto il nome Defiance ricade una serie TV pubblicata da Syfy in USA e un videogioco online MMO pubblicato da Trion Worlds Inc. Ma al contrario di tantissimi casi in cui si trae un videogioco da un film già esistente o viceversa, nell’idea di Syfy e Trion le due produzioni andranno a braccetto, permettendo e promettendo di avere nel videogioco collegamenti con la serie TV mano a mano che vengono trasmessi gli episodi e negli episodi potremo vedere in futuro risultati di ciò che avviene nel videogioco. Sembra interessante eh?

Quindi, cos’è Defiance? Parliamo in primis dell’ambientazione (il cosiddetto lore) comune a tutto il brand Defiance.
In seguito ad un collasso della loro galassia dovuto a una collisione stellare, varie specie aliene cresciute sui numerosi pianeti di quella galassia (Irathient, Indogene, Gulanee, Castithian, Liberata, Sensoth, Volge) decidono di partire alla ricerca di una nuova galassia e di un pianeta abitabile. Costruiscono quindi enormi navi spaziali chiamate Ark (ehi, ciao Noè ;) ) sulle quali partono per lo spazio e viaggiano in criosonno per secoli arrivando infine, indovinate un po' dove, eh già, sulla Terra, pianeta che si rivela adatto alla loro vita. C'è il piccolo problema però dei simpatici nonché numerosi terrestri che occupano quel bel pianeta che i nostri amici alieni pensavano fosse disabitato. Non attaccano briga da subito (sono alieni educati!), bensì cercano di aprire delle trattative cercando la possibilità di una pacifica convivenza. Queste sette specie aliene vengono sulla terra conosciute come collettivo Votan, inizialmente a pochi membri del collettivo Votan viene concesso di creare una colonia in un'area del Brasile, mentre gli altri rimangono sulle Ark in orbita intorno alla Terra in attesa che si ottengano dei risultati dai trattati per stabilire come poter convivere. C'è molto sospetto e poca voglia di collaborazione da ambo le parti. Questo clima di tensione non può durare all’infinito, infatti  la situazione crolla e iniziano i problemi, prima con l'assassinio dell'ambasciatore Votan negli Stati Uniti, poco dopo con l'enorme esplosione della flotta delle Ark, per la quale ogni fazione incolpa membri dell'altra fazione. Detriti e resti della Ark cadono sulla superficie della terra, cambiandone quindi la struttura anche perché viene rilasciata e attivata in maniera casuale e incontrollata la tecnologia di terraformazione presente sulle Ark (ricordiamo che erano partiti per colonizzare un pianeta). La cosidetta Pale Wars, tremenda e cruenta guerra tra Umani e Votan, va avanti quindi fino alla Battaglia di Defiance (ribellione) momento in cui sia tra le file degli Umani che tra quelle dei Votan i soldati si ribellano agli ordini militari e decidono che è l'ora di firmare un cessate il fuoco, salvare e curare i feriti e i reduci di guerra e iniziare a trovare il modo di convivere pacificamente tutti sull'attuale Terra trasformata dalla terraformazione e dalle battaglie.

Notevole come idea alla base no? È con un incipit del genere quindi che il progetto Defiance prende vita, traducendosi in una videogioco di tipo MMO shooter “sparatutto con visuale in terza persona” e una serie TV di cui per ora si è visto il pilot.

IL VIDEOGIOCO
Defiance il gioco è un MMOTPS, ovvero un gioco multigiocatore massivo online del tipo sparatutto in terza persona. Si inizia con la caduta dello stratocarrier (un enorme trasporto intercontinetale terrestre) su cui ci troviamo dovuta a un probabile attacco di soldati mutanti, dopo l’immancabile esplosione la nostra capsual di salvataggio ci porta su una Terra pesantemente modificata da anni di guerre e dall’introduzione di specie vegetali e animali aliene (dovuta alla terraformazione). Il nostro personaggio è un Ark Hunter (chi va a cercare tecnologia aliena nei relitti delle Ark che cadono sulla Terra) al soldo di Karl Von Bach, fondatore e titolare delle Von Bach Industries, ditta che si è arricchita con lo sviluppo tecnologico, fornendo armi ai soldati terrestri durante le Pale Wars e che cerca di portare un avanzamento tecnologico unendo scienza terrestre e tecnologia Votan. È così che il nostro personaggio ha un impianto EGO (Environmental Guardian Online) installato, un simbionte cibernetico che permette di avere abilità particolari (mimetismo/invisibilità, proiezione olografica, super-velocità, aumento potenza di fuoco) oltre a fornire informazioni sull’ambiente circostante, a gestire comunicazioni radio, ecc.
Iniziamente è proprio il sistema EGO a guidarci in un facile tutorial che spiega le varie basi del gioco, le due armi da equipaggiare (primaria/secondaria, scambiabili ruotando la mouse wheel come da classico shooter), gli scudi che permettono di assorbire parte del danno che riceviamo prima di essere feriti, le granate, ecc. Il gioco ha le meccaniche di uno shooter, uno sparatutto con una visuale in terza persona, avendo la telecamera praticamente sopra e dietro la spalla destra del personaggio. Il gioco è decisamente basato sull’abilità del giocatore, sia come mira che come capacità di posizionarsi e schivare i colpi nemici, è importante colpire punti critici o parti scoperte nei nemici (impagabile nonché molto splatter fare headshot con fucile da cecchino, vedere la testa del nemico esplodere e il sangue uscire a fiotti) ma è ancor più importante rimanere in vita spostandosi dalle traiettorie di sparo, usando casse e altri elementi ambientali come riparo, meccaniche ben chiare a chi gioca shooter (sia FPS che TPS) ma un po’ meno conosciute dai giocatori di MMO. Sì, perché il gioco, se come meccaniche di combattimento è uno shooter, non si fa di certo sfuggire l’aspetto MMO. Il mondo di gioco è vasto, comprendendo 5 grandi zone (Mt. Tam, Madera, Marin, Sausalito, San Francisco) ed è persistente, ovvero si gioca sempre in un ambiente di gioco attivo , giocando si incontrano sulla nostra strada altri giocatori che possono aiutarci a completare certe missioni e soprattutto a uccidere i nemici attirati dalle Arkfall (alla quali spesso partecipano 50-60+ giocatori in contemporanea). Il nostro personaggio poi aumenta le sua abilità EGO completando obiettivi in gioco e livellando, permettendo di sbloccare e attivare abilità attive (gli EGO power a cui ho accennato in precedenza) e abilità passive, senza essere ristretto nei binari delle “classi” predefinite che spesso si trovano in altri MMO (qua è il giocatore a decidere come vuole giocare, che abilità utilizzare in un dato momento, che armi imbracciare, ecc). Migliorando il personaggio e livellando, anche le armi a nostra disposizione salgono di livello, permettendoci di avere dei piccoli bonus sulla categoria di armi che utilizziamo più frequentemente. Mentre una cosa che manca (e per fortuna! dico io) è quello che comunquemente viene definito gear grinding. Un’arma di altissimo livello e di rarità leggendaria non è milioni di volte più forte di un’arma normale, ha in più dei piccoli bonus e delle sinergie particolari per essere moddata (i mod sono parti delle armi come l’ottica, il caricatore, la canna che possono essere sostituite con parti più performanti) ma un bravo giocatore non avrà problemi con nessuno dei due tipi di arma.
Con queste meccaniche si svolge quindi il gioco, che ci porta a seguire una storia giocabile o da soli o in gruppo con amici o anche perfetti sconosciuti che stanno completando la stessa parte della missione che stiamo svolgendo. La storia si basa sul ritrovamento prima di Karl Von Bach, disperso dopo la caduta dello stratocarrier, in seguito alla ricerca della tecnologia Votan (Ark-tech) con la quale Von Bach è convinto di poter “guarire” la terra malata e ferita dopo le Pale Wars e la terraformazione. E veniamo così a interagire con personaggi dotati di un carisma enorme (lo sceriffo Cooper è il mio idolo, Cass è la tipica ragazza cattiva, ecc) oltre che con nemici sempre più forti e più pronti a impedirci di impadronirci della Ark-tech (dai mutanti ex-soldati della EMC ai 99ers con impianti cibernetici fino ai fortissimi alieni Dark Matter i quali vogliono impadronirsi della tecnologia Ark-tech).
E se seguire la storia non vi basta? Nessun problema, il gioco è costellato di missioni secondarie, eventi dinamici che appaiono in modo casuale, Arkfalls (cadute di detriti di Ark dal cielo che attirano mutanti, hellbug e tutta la feccia possibile presente sulla Terra), ma se ancora non ne avete abbastanza di sparare, perché non formare una squadra e partecipare a missioni cooperative all’interno di edifici per salvare dei soldati, o su isole al largo della East Coast piene di hellbug, ecc ecc. Volete sparare ancora, e dei mob controllati dal computer non ne potete più? Bene, entrate in un BG PvP, combattimento a squadre tra giocatori dove vince chi è più bravo e chi dimostra più conoscenza del gioco mira e abilità, oppure mettetevi in coda per la Shadow War, una guerra per punti di controllo sempre tra due squadre che si svolge nell’open world (normale mondo di gioco). Di attività, su Defiance, ne avrete da fare sempre e comunque, spesso può capitare di iniziare la serata dicendo “ora faccio questo” e alla fine avrete fattto tutt’altro ma sempre divertendovi!


LA SERIE TV
Attualmente, oltre a notizie e vari trailer, della serie TV abbiamo potuto vedere solo il primo episodio, il pilot, trasmesso lunedì 15 aprile su SyFy in USA. Il giudizio, basandosi su un solo episodio, si basa più sulle sensazioni trasmesse a pelle che su un’effettiva analisi tecnica (che, lo ammetto, non sono nè in grado nè interessato a fare). Ma in fin dei conti, in quanto opera artistica, perché non dovrebbe essere valutata in base alla sensazioni che fa provare? E le mie sensazioni mi dicono che questo Defiance mi piace, mi piace un sacco. La trama inizialmente ruota attorno a Nolan (Grant Bowler) e Irisa (quella stra-bona di Stephanie Leonidas) - e per chi gioca al videogioco, avrà avuto già modo di conoscerli - un umano e una Irathient, in giro su un runner alla ricerca di tecnologia Votan nei detriti delle Arkfall da poter rivendere per fare soldi e finalmente potersi pagare il viaggio fino in Antarctica, luogo dove l’umanità si è ritirata a vivere lontano da guerre, conflitti e mutanti. Ma i Raiders li sorprendono e sono costretti a fuggire, feriti e stanchi, finché non vengono salvati dallo sceriffo della ex citta di St. Louis, adesso chiamata con il nome di Defiance (in onore ai Defiant few, il manipolo di combattenti delle Pale Wars, Umani e Votan che si ribellò agli ordini militari dichiarando il cessate il fuoco), e lì vengono condotti per essere curati. All’interno della città si celebrano le festività per l’Armistizio, che coincide con l’elezione del nuovo sindaco Amanda Rosewater (Julie Benz, Rita di Dexter). Ma non è facile far convivere razze così diverse, da subito si può vedere l’avversione degli Umani per Datak Tarr (Tony Curran) e sia moglie Stahma (Jaime Murray, Laila in Dexter), eppure c’è la necessità di trovare modi per convivere dato che fuori dalla città protetta da una rete di stati non mancano i nemici.
Nella città si svolge quindi questo pilot della serie TV e non c’è dubbio che la città starà sempre al centro dell’attenzione e dello svolgimento delle vicende, ma se la città come aggregatore ricorda molto Terranova del buon Spielberg, è innegabile che l’atmosfera tecno-western che si respira dall’inizio ricordi molto la compianta serie Firefly (se non l’avete mai vista, miscredenti, correte a procurarvela, è solo una stagione, purtroppo), lo stesso Jeb Nolan non si può non paragonare al buon Malcom Reynolds (Nathan Fillion, se anche Castle non vi dice nulla credo che siate alla canna del gas :asd: ) con i suoi modi sfrontati, il suo machismo conquista-donne e le sue abilità da protagonista di uno spaghetti western. Voglio esagerare? Massì, in Amanda (nonostante io non apprezzi molto Julie Benz, ma perché continuo a vederla come Rita di Dexter) ho visto i tormenti e i dubbi della neo-presidente Laura Roslin all’inizio di Battlestar Galactica, non a caso, dato che parte degli sceneggiatori hanno collaborato appunto anche a BSG.
Potrei dilungarmi molto su come tanti hanno trovato l’episodio pilota lento, noioso, senza le astronavi ( :asd: ), un fallimento come Terranova, una american comedy, con effetti e computer graphic fatti male e quant’altro. Beh, io dico, vedetevelo, si trova facilmente (in caso chiedete a me ;) ) ovviamente sottotitolato (chissà se e quando arriverà mai doppiato in Italia), al massimo avrete buttato via un’ora della vostra vita, pensate davvero di non poter trovare un’oretta di tempo in tranquillità e relax per poter dare un giudizio personale senza che sia filtrato da pareri altrui?






CutesyWhistle81

  • Uncooperative Koala
  • Peggy Olson
  • Post: 1299
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
  • Traduzioni: 55
Re: Defiance
« Risposta #3 il: 20 April 2013, 07:17:18 »
Mi basta il 5.5 di IGN per decidere se provarlo o no... Poi onestamente è dai tempi di Tabula Rasa che gli shooter mmo fantascientifici mi annoiano
poi non mi è piaciuta neanche la serie, quindi interesse proprio zero :nu:
« Ultima modifica: 20 April 2013, 07:21:40 da CutesyWhistle81 »

r3dl4nce

  • The Todd
  • Post: 117
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: Defiance
« Risposta #4 il: 20 April 2013, 10:14:53 »
Giusto, è importante tenere conto del giudizio degli stessi che hanno dato 9/10 a SW:TOR  :gogo:

CutesyWhistle81

  • Uncooperative Koala
  • Peggy Olson
  • Post: 1299
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
  • Traduzioni: 55
Re: Defiance
« Risposta #5 il: 20 April 2013, 10:26:12 »
 :sooRy: Point taken, ma anche le altre testate che leggo non sono state più clementi, tra il 6.6 di multiplayer e il 7 di spaziogames (che per la media altissima di spaziogames è poco, fidati :XD:)
Poi certo, mi potrai trovare recensioni sfortunate su entrambi i siti, ma chi non le ha? :sooRy: Io non compro a occhi chiusi, e in giro per il web non leggo abbastanza riscontri positivi

Piripicchio

  • Boxaro dentro che gioca su PC e PS3
  • Don Draper
  • Post: 4007
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • La Formica Elettrica
  • Traduzioni: 201
Re: Defiance
« Risposta #6 il: 20 April 2013, 10:45:26 »
:sooRy: Point taken, ma anche le altre testate che leggo non sono state più clementi, tra il 6.6 di multiplayer e il 7 di spaziogames (che per la media altissima di spaziogames è poco, fidati :XD:)
Poi certo, mi potrai trovare recensioni sfortunate su entrambi i siti, ma chi non le ha? :sooRy: Io non compro a occhi chiusi, e in giro per il web non leggo abbastanza riscontri positivi

In questi casi per me è semplicissimo, se il gioco mi attira ma i riscontri non mi convincono si aspetta un prezzaccio in DD. Che poi dayone ormai compro davvero pochissimo (nell'ultimo anno solo Mass Effect 3 e The Cave)


Serie tradotte: Lights Out, Mike & Molly, The Killing, NCIS Los Angeles, Raising Hope, Saint Seiya: The Lost Canvas, Exile, più episodi sporadici di The Walking Dead e Game of Thrones.

La Formica Elettrica

Awesome Graphic Adventures Curator

r3dl4nce

  • The Todd
  • Post: 117
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: Defiance
« Risposta #7 il: 20 April 2013, 14:12:21 »
Per chi fosse interessato il gioco si trova sotto i 30 euro

Raysiel

  • Jerry Gergich
  • Post: 4
    • Mostra profilo
Re: Defiance
« Risposta #8 il: 25 June 2014, 16:03:52 »
Riesumo questo topic dal momento che è il topic ufficiale del videogioco linkato nello sticky del forum sulla serie.
Per chi se lo fosse perso dal 4 giugno il gioco è free to play, e capiamoci non è affatto pay2win: ci sono delle microtransazioni che permettono l'acquisto di vestiti e veicoli ma niente di game-breaking, solo oggetti estetici.

Vista la spesa vale la pena di provarci, e rimando a questo link per capire in che ordine si posizionano le cossiddette "episodes mission" rispetto alle puntate, ovvero missioni che intrecciano la loro trama agli eventi narrati nella serie.

Il download è di circa 14 GB

« Ultima modifica: 25 June 2014, 16:05:54 da Raysiel »