Autore Topic: AMA con Mark Frost: informazioni utili per comprendere meglio il Return  (Letto 1817 volte)

eletto1987

  • Annyong Bluth
  • Post: 650
    • Mostra profilo
Re: AMA con Mark Frost: informazioni utili per comprendere meglio il Return
« Risposta #15 il: 13 November 2017, 16:35:16 »
Mi torna abbastanza ciò che dici tranne che per una cosa, Laura conosce Cooper, lo deve conoscere per forza, lasciamo perdere il sogno ok, ma quella notte nel bosco lui l'ha cambiata e il corso degli eventi cambia da li in poi.
Può avere difficoltà a ricordarselo come può avere difficoltà a ricordare molte cose successe 25 anni prima, ma non può non conoscerlo del tutto.

Devo provare a riguardare l'ultima puntata in quest'ottica, non ricordo se Carrie da l'impressione di almeno ricordarlo vagamente oppure se proprio buio totale.

Inoltre Carrie viene portata da Cooper sotto casa sua, non può non riconoscere quella casa.

Diventa poi apparentemente priva di significato la domanda di Cooper "che anno è" e non può esserlo, che non ci venga spiegato ok ma che sia messa a caso non può essere.

L'urlo finale di Laura invece seguendo questa tesi lineare sembra essere una botta di presa di coscienza, che le sia tornato alla mente tutto ciò che per autodifesa aveva cancellato.

Il conseguente blackout non lo interpreto più a questo punto come sconfitta di Judy o no, semplicemente una trovata ad effetto per dire "fine"


Riguardo Cooper e Laura, ripensandoci potrebbe essere come dici, ossia che lo riconosce perchè si sono incontrati quella notte del 1989 nel bosco, e non nel sogno. La casa ovviamente la ricorda perchè ci ha vissuto fino al momento in cui è "scappata" ad Odessa. Quasi 30 anni di distanza e una nuova vita sono sufficienti per rendere credibile il fatto delle memorie offuscate.

Tutto sommato mi piace come idea, riesce anche a spiegare come mai Laura sia invecchiata --> non è morta, quindi non ha mai subito le distorsioni temporali delle logge.

Il "che anno è" dovrebbe aver senso solo per Cooper. Non ha mai passato 25 anni nella red Room (forse), è vero, ma comunque un contatto con il Fireman o MIKE, anche sotto mentite spoglie, deve averlo avuto. La sua missione di salvataggio è troppo precisa per essere semplice frutto dell'attività "umana" dell' FBI. Del resto, l'urlo di Laura non è una reazione al "che anno è" ma conseguenza del recupero delle memorie.

A questo punto, se non si vuole abbracciare la teoria del loop (che sembra sbagliata per la visione di Frost, ma credo sia ancora valida per quella di Lynch), il blackout potrebbe semplicemente avere il significato di brusca fine, di risveglio.

N.Senada

  • Peggy Olson
  • Post: 1239
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: AMA con Mark Frost: informazioni utili per comprendere meglio il Return
« Risposta #16 il: 13 November 2017, 17:06:11 »
sta roba di Coop che non è mai stato nella Loggia non ha proprio senso però. O meglio, è in palese contraddizione con l'inizio della 3x18.

lupomax10

  • The Todd
  • Post: 185
  • Sesso: Maschio
  • carbackfire
    • Mostra profilo
Re: AMA con Mark Frost: informazioni utili per comprendere meglio il Return
« Risposta #17 il: 13 November 2017, 17:17:45 »
Sto cercando di immaginare di nuovo il tutto in una nuova prospettiva senza loop ecc ma solo con la riscrittura degli avvenimenti nell'unica realtà esistente.

Cooper dopo il suo calvario per tornare se stesso torna indietro nel tempo e salva Laura.

A questo punto Laura viva decide di sparire da Twin Peaks e andare a vivere ad Odessa.

Cooper a causa della riscrittura degli eventi non ha più ricordi di Laura, non capisco perché debba finire comunque a Twin Peaks per un caso di persona scomparsa, a mio modo di vedere non dovrebbe proprio arrivare a Twin Peaks, le sue indagini dovrebbero arrivare ad un punto morto dopo Teresa Banks oppure Bob avrebbe dovuto continuare ad uccidere altre ragazze e quindi Cooper avrebbe dovuto essere chiamato a indagare su di esse.

Quale che sia la situazione in questo caso è Cooper a non conoscere Laura o altri della famiglia Palmer. Assumiamo pure che il fatto di non aver passato 25 anni nella loggia l'abbia portato a vivere la sua vita più o meno serenamente al punto di arrivare 25 anni dopo ad essere un Cooper con le caratteristiche di "Richard".
Ecco.....non sto riuscendo a trovare il motivo per cui questo Cooper / Richard dovrebbe recarsi ad Odessa a prendere Carrie e portarla davanti a casa sua a Twin Peaks.

L'unica cosa che mi viene in mente è che gli indizi del gigante vengono dati a Cooper durante la fase di riscrittura degli eventi appena dopo il salvataggio (sto andando a memoria non ho nemmeno fatto un rewatch completo), per cui tali indizi dovrebbero forse fungere da guida per Cooper che deve svolgere una missione non sapendo assolutamente nulla del contesto, non sa chi sia Laura / Carrie, non sa nemmeno perché la deve portare dove la porta, sa che lo deve fare perché il gigante ha impiantato tali istruzioni dentro il suo subconscio diciamo così.

Giustificatissima in quest'ottica la confusione di Cooper che messo in mezzo a Twin Peaks, casa palmer, Laura ecc ecc ha come un eco dentro di se di cose che gli paiono successe ma che successe non sono (riscrittura degli eventi).

Anche a metterla nella maniera più lineare possibile si fa fatica....

Comunque per me voler trovare una soluzione è praticamente un gioco e mi diverto molto a leggere teorie interessantissime qui e la, ma il fatto di non trovarne una che calzi a pennello non mi sposta di una virgola la goduria del vedere e rivedere TP, dall'inizio alla fine.

Post unito: 13 November 2017, 17:17:45
sta roba di Coop che non è mai stato nella Loggia non ha proprio senso però. O meglio, è in palese contraddizione con l'inizio della 3x18.

Potrebbe essere che non ci è mai stato "prima", cioè a causa degli eventi scaturiti dall'indagine sulla morte di Laura. Può essere che cooper non abbia passato 25 anni nella loggia.

Può essere che ci sia finito dopo per prendere istruzioni dal gigante.

Boh
Fear the double

eletto1987

  • Annyong Bluth
  • Post: 650
    • Mostra profilo
Re: AMA con Mark Frost: informazioni utili per comprendere meglio il Return
« Risposta #18 il: 13 November 2017, 19:28:21 »
sta roba di Coop che non è mai stato nella Loggia non ha proprio senso però. O meglio, è in palese contraddizione con l'inizio della 3x18.


Eh, lo so che non ha senso  :lol?: O meglio, potrebbe anche averlo, ma l'eventualità di dover mettere in dubbio tutto quanto quello che abbiamo visto è cognitivamente difficile da accettare.

E' chiaramente tutto in contraddizione con la 3x18. Ma appunto, una è una dichiarazione o un indizio di Frost, nella puntata invece c'è molto di Lynch. Magari Lynch aveva in mente tutt'altra cosa, quella di intendere gli accessi alle logge come degli eventi fuori dalla timeline, e che resistono alla riscrittura, che rendono quindi i soggetti coinvolti consapevoli ma confusi. Per come la vedo io, Frost ha una visione classica da Ritorno al Futuro, Lynch invece (in modo molto più efficace) lascia ogni confine aperto a molte teorie, dimensioni parallele incluse.

E' solo una percezione comunque, limitata a interviste e discussioni varie post part 18. Per confronti più approfonditi con esempi specifici, aspetto la data di uscita italiana del dossier, così posso parlare liberamente  :lol?:



Sto cercando di immaginare di nuovo il tutto in una nuova prospettiva senza loop ecc ma solo con la riscrittura degli avvenimenti nell'unica realtà esistente.

Cooper dopo il suo calvario per tornare se stesso torna indietro nel tempo e salva Laura.

A questo punto Laura viva decide di sparire da Twin Peaks e andare a vivere ad Odessa.

Cooper a causa della riscrittura degli eventi non ha più ricordi di Laura, non capisco perché debba finire comunque a Twin Peaks per un caso di persona scomparsa, a mio modo di vedere non dovrebbe proprio arrivare a Twin Peaks, le sue indagini dovrebbero arrivare ad un punto morto dopo Teresa Banks oppure Bob avrebbe dovuto continuare ad uccidere altre ragazze e quindi Cooper avrebbe dovuto essere chiamato a indagare su di esse.

Quale che sia la situazione in questo caso è Cooper a non conoscere Laura o altri della famiglia Palmer. Assumiamo pure che il fatto di non aver passato 25 anni nella loggia l'abbia portato a vivere la sua vita più o meno serenamente al punto di arrivare 25 anni dopo ad essere un Cooper con le caratteristiche di "Richard".
Ecco.....non sto riuscendo a trovare il motivo per cui questo Cooper / Richard dovrebbe recarsi ad Odessa a prendere Carrie e portarla davanti a casa sua a Twin Peaks.

L'unica cosa che mi viene in mente è che gli indizi del gigante vengono dati a Cooper durante la fase di riscrittura degli eventi appena dopo il salvataggio (sto andando a memoria non ho nemmeno fatto un rewatch completo), per cui tali indizi dovrebbero forse fungere da guida per Cooper che deve svolgere una missione non sapendo assolutamente nulla del contesto, non sa chi sia Laura / Carrie, non sa nemmeno perché la deve portare dove la porta, sa che lo deve fare perché il gigante ha impiantato tali istruzioni dentro il suo subconscio diciamo così.

Giustificatissima in quest'ottica la confusione di Cooper che messo in mezzo a Twin Peaks, casa palmer, Laura ecc ecc ha come un eco dentro di se di cose che gli paiono successe ma che successe non sono (riscrittura degli eventi).

Anche a metterla nella maniera più lineare possibile si fa fatica....

Comunque per me voler trovare una soluzione è praticamente un gioco e mi diverto molto a leggere teorie interessantissime qui e la, ma il fatto di non trovarne una che calzi a pennello non mi sposta di una virgola la goduria del vedere e rivedere TP, dall'inizio alla fine.

Potrebbe essere che non ci è mai stato "prima", cioè a causa degli eventi scaturiti dall'indagine sulla morte di Laura. Può essere che cooper non abbia passato 25 anni nella loggia.

Può essere che ci sia finito dopo per prendere istruzioni dal gigante.

Boh


"non sto riuscendo a trovare il motivo per cui questo Cooper / Richard dovrebbe recarsi ad Odessa a prendere Carrie e portarla davanti a casa sua a Twin Peaks."

Ecco, questa frase mi ha fatto pensare una cosa. E se la soluzione fosse nella scena post blackout? Noi vediamo Laura che sussurra qualcosa a Cooper nell'orecchio. Potrebbe essere la scena della s02 oppure una scena completamente nuova e successiva.

Ovvero: Laura e Cooper nella Red Room dopo/a causa del blackout (richiamati dal Gigante?). In quel caso, proprio perchè altrimenti Cooper non avrebbe nessun motivo nè per andare a Twin Peaks nè a Odessa, Laura gli rivela l'unica cosa utile che mi viene in mente, ossia il fatto che ad un certo punto, la deve andare a recuperare nella sua nuova casa a Odessa e riportarla a Twin Peaks.

Quell'informazione, essendo successiva al "reset", dovrebbe permanere nella memoria silente di entrambi. Cooper saprà di dover compiere la sua missione, e Laura lo riconoscerà quando suona alla porta. In pratica diventano entrambi una specie di "agente dormiente".

« Ultima modifica: 13 November 2017, 19:31:02 da eletto1987 »

lupomax10

  • The Todd
  • Post: 185
  • Sesso: Maschio
  • carbackfire
    • Mostra profilo
Re: AMA con Mark Frost: informazioni utili per comprendere meglio il Return
« Risposta #19 il: 13 November 2017, 21:21:36 »
Mi sono perso @eletto1987  :D....

Se per blackout intendi la scena finale con l'urlo di Carrie allora come può esserci qualcosa dopo?

Cioè per arrivare a quella situazione davanti a casa Palmer da Odessa Cooper è necessariamente già passato per cui le istruzioni su cosa fare le deve avere prima.

Mi è venuta in mente anche un'altra cosa parzialmente collegata.

Cooper nell'89 salva Laura oppure è un modo per salvare se stesso?

In Fire Walk With Me nel sogno Cooper dice chiaramente a Laura di non accettare l'anello....io ho sempre pensato che fosse perché così facendo non sarebbe morta e Cooper non sarebbe mai arrivato a Twin Peaks dunque nemmeno finito nella loggia prigioniero.

Sappiamo com'è andata per cui Cooper è prigioniero, salvando Laura tornando indietro nel tempo salva lei ma in un certo senso salva se stesso evitandosi 25 anni di loggia.....2 birds with one stone?
Fear the double

eletto1987

  • Annyong Bluth
  • Post: 650
    • Mostra profilo
Re: AMA con Mark Frost: informazioni utili per comprendere meglio il Return
« Risposta #20 il: 14 November 2017, 00:08:48 »
Mi sono perso @eletto1987  :D....

Se per blackout intendi la scena finale con l'urlo di Carrie allora come può esserci qualcosa dopo?

Cioè per arrivare a quella situazione davanti a casa Palmer da Odessa Cooper è necessariamente già passato per cui le istruzioni su cosa fare le deve avere prima.

Mi è venuta in mente anche un'altra cosa parzialmente collegata.

Cooper nell'89 salva Laura oppure è un modo per salvare se stesso?

In Fire Walk With Me nel sogno Cooper dice chiaramente a Laura di non accettare l'anello....io ho sempre pensato che fosse perché così facendo non sarebbe morta e Cooper non sarebbe mai arrivato a Twin Peaks dunque nemmeno finito nella loggia prigioniero.

Sappiamo com'è andata per cui Cooper è prigioniero, salvando Laura tornando indietro nel tempo salva lei ma in un certo senso salva se stesso evitandosi 25 anni di loggia.....2 birds with one stone?

@lupomax10 mi riferivo agli ultimi momenti di part 18. La puntata non termina con il blackout, ma con Laura che sussurra all'orecchio di Cooper mentre scorrono i credits.



Per cui immaginavo l'ipotesi in cui quella scena avviene in realtà post-blackout, quando entrambi finiscono nella red Room, perchè il tempo e la realtà stessa sono collassati. In quel caso, si tratta di avvenimenti post-annullamento della morte di Laura (Part 17) quindi sopravvivono al reset. Ed ecco perchè il segreto all'orecchio potrebbe essere quello di Laura che istruisce Cooper sulla necessità di intraprendere il suo viaggio e andarla a recuperare a Odessa, anche se la storia è cambiata e non c'è più alcun motivo per indagare ulteriormente sul suo non-omicidio.

Riguardo l'anello, non credo che il fine di Cooper fosse quello di salvarsi, in qualche modo. Io ho 3 ipotesi:

1) L'anello porta al matrimonio con il Man From Other Place (viene detto in FWWM), in parole povere, l'anima di chi lo indossa diviene di sua proprietà. Cooper voleva evitare che l'anima di Laura finisse per sempre nella Red Room;

2) Cooper agisce d'istinto, e non conosce ancora il funzionamento dell'anello. Le dice di non prenderlo perchè fiuta la puzza di fregatura, ma non sa che in realtà accettarlo la salva dalla possessione;

3) L'indizio più interessante.. nel final dossier si dice che 
(clicca per mostrare/nascondere)



AshWilliams85

  • Molly Hooper
  • Post: 427
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: AMA con Mark Frost: informazioni utili per comprendere meglio il Return
« Risposta #21 il: 14 November 2017, 00:43:36 »
Una domanda banale in mezzo a tanti concetti interessanti.
Se è vero che la realtà viene riscritta e non ci sono altre dimensioni, che tutto quello visto tra il salvataggio di Laura e la 3x18 è cancellato, perché Cooper si preoccupa di ricreare un Dougie da far arrivare a Jane e Sonny Jim? Se tanto quella realtà risulterà cancellata/modificata non ha senso la sua azione.
Serie preferite concluse: Breaking Bad, Sons of Anarchy, The Prisoner (1967), The Shield, The Sopranos, True Detective (1), Twin Peaks.
Altre piaciute: 24, Angel, Awake, Ash vs Evil Dead, Blood Drive, Buffy, Dexter, Dirk Gently, Lost, Misfits, Prison Break, Sherlock, The Haunting of Hill House, The last man on earth, The X-Files, Wilfred.
Preferite che sto seguendo: Better Call Saul, Black Mirror, Cobra Kai, Dark, Mr Robot, La casa de papel, Narcos, Stranger Things, The Handmaid's Tale, Westworld, You.

eletto1987

  • Annyong Bluth
  • Post: 650
    • Mostra profilo
Re: AMA con Mark Frost: informazioni utili per comprendere meglio il Return
« Risposta #22 il: 14 November 2017, 01:45:08 »
Una domanda banale in mezzo a tanti concetti interessanti.
Se è vero che la realtà viene riscritta e non ci sono altre dimensioni, che tutto quello visto tra il salvataggio di Laura e la 3x18 è cancellato, perché Cooper si preoccupa di ricreare un Dougie da far arrivare a Jane e Sonny Jim? Se tanto quella realtà risulterà cancellata/modificata non ha senso la sua azione.


Gran bella domanda, direi per niente banale. La prima cosa che mi viene in mente è che, nonostante vediamo gli sviluppi a cavallo tra due episodi (il tulpa di Dougie viene "ordinato" in part. 16 e torna a casa in part 17, ma potrei aver detto una cavolata), anche quell'evento dovrebbe essere cancellato. Anche perchè, se il doppelganger non è mai uscito dalle logge, non avrebbe mai potuto creare il Dougie "originale".

Comunque questa cosa della morte annullata è un casino, perchè allora davvero ha senso solo quello che succede nella prima parte di Fire Walk With Me e dopo part 17.  :nonono: :aka: :aka:

N.Senada

  • Peggy Olson
  • Post: 1239
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: AMA con Mark Frost: informazioni utili per comprendere meglio il Return
« Risposta #23 il: 14 November 2017, 09:22:41 »
inizio a pensare che Frost abbia risposto un pò a caso, come gli girava al momento ahah

cmq ho letto uno stralcio di intervista sul TP Italian gazette e risponde solo a monosillabi :asd:

eletto1987

  • Annyong Bluth
  • Post: 650
    • Mostra profilo
Re: AMA con Mark Frost: informazioni utili per comprendere meglio il Return
« Risposta #24 il: 14 November 2017, 12:57:05 »
inizio a pensare che Frost abbia risposto un pò a caso, come gli girava al momento ahah

@N.Senada    Può essere  :rofl: :rofl:

cmq ho letto uno stralcio di intervista sul TP Italian gazette e risponde solo a monosillabi :asd:

Si, tanto verboso e contorto nei libri quanto ermetico nelle interviste. Se devo dirla tutta, a me sta anche discretamente antipatico. Certo, a volte gli intervistatori pretendono troppo, ma a volte sembra quasi che la cosa gli dia fastidio.

Tipo su reddit qualcuno gli ha chiesto: What questions should fans be asking, but aren't? (che ho interpretato come un modo originale per dire: c'è qualcosa che non stiamo considerando e che è invece importante per capire twin peaks?)

Beh, la sua risposta è stata : "Not this one."  :lol?: :suicidiosenzafronzoli:

jaredcinque

  • Jerry Gergich
  • Post: 17
    • Mostra profilo
Re: AMA con Mark Frost: informazioni utili per comprendere meglio il Return
« Risposta #25 il: 26 November 2017, 04:52:56 »
Ma io non ho capito una cosa. Come fa Cooper ad essere consapevole e capace di tornare indietro nel tempo per salvare Laura?
Partiamo dal presupposto che nel 90  sarebbe dovuto uscire dalla loggia invece di rimanerci dentro lasciando uscire il doppelganger.
Questo significa che a pochi mesi dalla morte di Laura, sarebbe uscito dalla Loggia con l'intuizione e il potere di tornare indietro nel tempo per evitare l'omicidio a cui stava lavorando?

Io ci vedo un'incongruenza tra il livello di comprensione, accettazione e interazione delle dinamiche paranormali di viaggi nel tempo, demoni, spiriti, angeli, dimensioni di Cooper, diciamo di tutto l'FBI, nelle prime due serie e quello della terza. Il Cooper di 25 anni fa era un Cooper molto più poliziotto e molto meno Mago Merlino.

Però io vedo la Loggia come un luogo di non-tempo in cui non si è esiste davvero e non si è consapevoli di se, non come un luogo di amichevoli chiacchierate sul paranormale tanto da diventare in 25 anni un esperto di magia, viaggi nel tempo, salti dimensionali, lettura del pensiero...
Serie Terminate: Les Revenants, Le Chalet, Disparue, Breaking Bad, Bates Motel, Skins, Alias, Lost, Casa Di Carta, Black Mirror, Sense8, Hemlock Grove, Helix, Under The Dome, The Myst, Twin Peaks, Twin Peaks: The Return, Wayward Pines, Weeds, Powers, Happy Town, Whisperers

Serie In Corso: Bojack Horseman, The OA, Santa Clarita's Diet, Orphan Black, Jessica Jones, Dark, Atypical, Better Call Saul, Stranger Things, 3%, The Alienist, The Walking Dead, Una Serie di Sfortunati Eventi, American Horror Story, Dirk Gently, Ash vs Evil Dead

eletto1987

  • Annyong Bluth
  • Post: 650
    • Mostra profilo
Re: AMA con Mark Frost: informazioni utili per comprendere meglio il Return
« Risposta #26 il: 26 November 2017, 19:57:52 »
Ma io non ho capito una cosa. Come fa Cooper ad essere consapevole e capace di tornare indietro nel tempo per salvare Laura?
Partiamo dal presupposto che nel 90  sarebbe dovuto uscire dalla loggia invece di rimanerci dentro lasciando uscire il doppelganger.
Questo significa che a pochi mesi dalla morte di Laura, sarebbe uscito dalla Loggia con l'intuizione e il potere di tornare indietro nel tempo per evitare l'omicidio a cui stava lavorando?

Io ci vedo un'incongruenza tra il livello di comprensione, accettazione e interazione delle dinamiche paranormali di viaggi nel tempo, demoni, spiriti, angeli, dimensioni di Cooper, diciamo di tutto l'FBI, nelle prime due serie e quello della terza. Il Cooper di 25 anni fa era un Cooper molto più poliziotto e molto meno Mago Merlino.

Però io vedo la Loggia come un luogo di non-tempo in cui non si è esiste davvero e non si è consapevoli di se, non come un luogo di amichevoli chiacchierate sul paranormale tanto da diventare in 25 anni un esperto di magia, viaggi nel tempo, salti dimensionali, lettura del pensiero...


@jaredcinque

Inutile tentare di nasconderlo, le incongruenze ci sono, ed è anche normale che ci siano...dato che il progetto era praticamente morto e sepolto ed è stato recuperato più di 20 anni dopo, con mezzo cast a disposizione e la necessità di far combaciare una mitologia consolidata e intoccabile con le nuove esigenze di trama.

Sinceramente la colpa di tutto il casino la attribuisco a Frost, perchè con il Dossier (sebbene sia un progetto parallelo) ha messo dei punti fermi su aspetti che dovevano invece necessariamente restare di libera interpretazione, e di cui non parlerò dato che il libro deve ancora uscire in Italia.

Discutendo solo di quello che si è visto nel return, comunque la si interpreti, non solo - dopo l'annullamento della morte di Laura - Cooper non sarebbe dovuto restare nella Red Room, ma non ci sarebbe mai potuto entrare, o addirittura dovrebbe esserne all'oscuro riguardo la stessa esistenza. Senza entrare nei particolari, diciamo che dopo l'arrivo di Cooper a Twin Peaks, non dovrebbe esistere nulla fino a Part 18.

Tutto quello che avviene in Serie 1 + Serie 2 + Serie 3 non è mai successo, rappresenta la "unofficial version", mentre l'unico ad avere validità in ogni caso è Fire Walk With Me fino a prima dell'omicidio di Laura. Questo ovviamente considerando il viaggio nel tempo nei canoni classici della fantascienza, fatto di annullamenti e paradossi.

Ma è ovvio che non può essere così, perchè altrimenti i presupposti dell'intera serie crollano miseramente. Senza Cooper nella Red Room, Laura non può essere salvata.

L'unica spiegazione che riesco a darmi è che gli avvenimenti nella Red Room sopravvivono al reset. Cooper dopo 25 anni non è più un poliziotto e non è neanche più umano. Ha la facoltà di dare ordini a MIKE, quindi figuriamoci.

Se ci si ferma alla visione di Lynch, tutto è già più facile da accettare. Ma sono sicuro che appena uscirà il Dossier in Italia fioccheranno i post di sgomento e rabbia nei confronti di questa doppia visione incasinata della cosa.