Autore Topic: Storie dell'orrore realmente accadute  (Letto 1808 volte)

koax

  • Carrie Mathison
  • Post: 6921
    • Mostra profilo
Re: Storie dell\'orrore realmente accadute
« Risposta #15 il: 15 June 2017, 21:16:33 »
ma non doveva pagare il condominio? le tubature sotto il cortile sono bene comune

aDifferentKindOfCop

  • Root
  • Post: 7663
    • Mostra profilo
Re: Storie dell'orrore realmente accadute
« Risposta #16 il: 15 June 2017, 21:27:48 »
Ok e nel mentre io dove la facevo ?  :look:
Scanzi (!)... fa articoli che sembrano post tuoi scritti meglio

koax

  • Carrie Mathison
  • Post: 6921
    • Mostra profilo
Re: Storie dell'orrore realmente accadute
« Risposta #17 il: 15 June 2017, 23:17:23 »
Ok e nel mentre io dove la facevo ?  :look:

appena appurato che non dipendeva da te, dovevi chiamare l'amministratore e lui doveva mettersi d'accordo con lo sturatore. Al limite potevi anticipare la somma e lui te l'avrebbe restituita. Io pure ho avuto problemini del genere in passato ma dipendeva dalla colonna fecale ed il problema era del condominio. Tienilo presente per il futuro

errix9000

  • Root
  • Post: 7821
  • Sesso: Maschio
  • La psiche umana so' cazzi
    • Mostra profilo
Re: Storie dell'orrore realmente accadute
« Risposta #18 il: 17 June 2017, 19:16:53 »
è il mio turno? :sooRy:
anni fa. una sera vado a letto, sono particolarmente stanco quindi non accendo la luce e mi sdraio direttamente sul letto. stranamente mi corico supino, di solito mi butto a pancia in giù, sono quasi poggiato completamente quando comincio a sentire una "cosa" che fa una leggera pressione al centro della schiena, questa "cosa" incomincia a scricchiolare e ho come l'impressione che si deformi (ovviamente è successo tutto nel giro di pochi secondi)
che cosa cazzo è?! IL TERRORE PIU' TOTALE :aaaa:
mi si gela il sangue, penso di essermi sdraiato su un mega scarafaggio e che ora mi si sia smarmellato addosso e smerdato il letto. e se ce ne sono altri? :O.O: un mix di paura e disgusto. scatto giù dal letto. accendo la luce e...
(clicca per mostrare/nascondere)

Sherlockata

  • Piper Chapman
  • Post: 5680
    • Mostra profilo
Re: Storie dell'orrore realmente accadute
« Risposta #19 il: 17 June 2017, 21:36:01 »
A proposito di queste "splendide creature" e del racconto di errix9000 mi è tornato in mente un altro episodio... :paura: me ne è passata una sulla schiena nuda mentre facevo l'amore sopra il malcapitato di allora, lo definisco così perchè non avete idea dell'urlo con balzo che ho fatto (inclusa l'isteria successiva protratta in una nottata) anche perchè ero già traumatizzata da quella casa, era praticamente attaccata al lucernaio in cui c'erano i motori di Pizza Hut a Londra ed era infestata...  :suicidiosenzafronzoli:

L'espressione del tizio in quel frangente
(clicca per mostrare/nascondere)
“L’universo è solo un vuoto crudele e indifferente, la chiave per la felicità non è trovare un significato, ma tenersi occupati con stronzate varie fino a quando è il momento di tirare le cuoia”.
Mr. Peanutbutter (da BoJack Horseman)

koax

  • Carrie Mathison
  • Post: 6921
    • Mostra profilo
Re: Storie dell'orrore realmente accadute
« Risposta #20 il: 17 June 2017, 22:14:52 »
ok, ve ne racconto un'altra.
sempre nel periodo esoterico, una sera mio fratello ed io stavamo perdendo un po' di tempo con il bicchierino (sempre la tavoletta ouija),  ad un certo punto si "manifestò una presenza" (metto tra virgolette perché c'è chi ci crede e chi non ci crede) che si presentò come il diavolo. Nell'esatto momento in cui gli rispondevo una cosa tipo -si vabbè, chi ci crede- si verificò un enorme disastro con moltissime vittime. Mi credete se vi dico che mi sono ritenuta la responsabile e che ci sono voluti mesi per convincermi del contrario?
E  neanche allora ho smesso  :nu:

TheMustang100

  • Vanessa Ives
  • Post: 8634
  • Sesso: Maschio
  • The Initiator
    • Mostra profilo
Re: Storie dell'orrore realmente accadute
« Risposta #21 il: 18 June 2017, 00:14:18 »
Ne butto giù qualcuna anch'io...

1) Molto "banale", successa recentemente peraltro: nella home dello smartphone c'era una sottocartella nominata "666". :XD:
Una combinazione impossibile di tasti premuti casualmente... :asd:
Mai creata 1 sottocartella, tipo.

2) Anch'io comunque c'ho il terrore degli insetti :XD:
1 annetto fa (circa, penso) sentivo un suono strano dietro il divano, ho iniziato una sorta di "appostamento" fin quando non ho catturato (parecchi minuti dopo) uno scorpione che nel frattempo s'era mosso dall'altra parte del salotto.
 :asd:

3) Qualche settimana fa, invece, ho sentito qualcosa muoversi sull'erba in giardino, ho guardato dalla finestra ed era un riccio. :love:
Son andato fuori, ho fatto il giro della casa e c'erano un 5 scarafaggi neri (esistono di altri colori? :XD:), messi a qualche metro di distanza l'uno dall'altro sui vari lati dei muri.
Sembra fosse posizionati lì in attesa di attaccare. Più che horror, un po' angosciante.

4) La volta che mi son "cagato addosso" è stata quando ho visto un killer :asd: in casa.
In corridoio c'è uno specchio abbastanza grande, sarà stata notte fonda, non ricordo se fosse un riflesso e-o un angolo strano, ma ho visto tipo come un'ombra, qualcuno che mi osservava e son rimasto impietrito. :XD:
Una roba stupidissima, ma tant'è...

5) Visto com'è finita non horror ma divertente.
Giocavo a basket al campetto... corro e sento come qualcosa pungermi il piede.
Non so come ma avevo preso un chiodo (bello lungo), s'è conficcato orizzontalmente nella scarpa e per fortuna non mi si è conficcato nel piede :asd:, solo un po' di sangue, il tempo di estrarlo e... back on the court.


"GABABOOL, ovah heeere!" (The Sopranos)
"You wanna know why you can't go in front-first?
I'll tell you why. Because it signals a breakdown
in the social order. Chaos! It reduces us to jungle law" (Seinfeld)
"The reason you haven’t felt it is because it doesn’t exist. What you call love was invented by guys like me, to sell nylons. You’re born alone and you die alone and this world just drops a bunch of rules on top of you to make you forget those facts. But I never forget. I’m living like there’s no tomorrow, because there isn’t one" (Mad Men)
"This seems like a good time for a drink, and a cold calculated speech with sinister overtones. A speech about politics, about order, brotherhood, power. But speeches are for campaigning. Now is the time for action" (Rick and Morty)

koax

  • Carrie Mathison
  • Post: 6921
    • Mostra profilo
Re: Storie dell'orrore realmente accadute
« Risposta #22 il: 18 June 2017, 00:28:45 »
scorpione!scorpione!
quando ero ragazzina, passai  un'estate ospite di una mia amica in un paesino di montagna. Dormivano insieme in un letto matrimoniale. Una sera, io ero già a letto, per fare la spiritosa alzò completamente il lenzuolo che mi copriva e..indovinate un po'...
c'era un bello scorpioncino appostato vicino alla mia caviglia. Da quella sera, non solo ispezionammo tutta la casa in cerca i intrusi, ma stemmo pure bene attente a che il letto fosse lontano dalle pareti e le lenzuola non scendessero troppo verso il pavimento.

errix9000

  • Root
  • Post: 7821
  • Sesso: Maschio
  • La psiche umana so' cazzi
    • Mostra profilo
Re: Storie dell'orrore realmente accadute
« Risposta #23 il: 18 June 2017, 17:47:22 »
Il cassonetto della tapparella è un evergreen.
vero :zizi: qualche anno fa mi capitò una mattina di sentire un ronzio, un po' per stanchezza e un po' per pigrizia ho lasciato perdere sul momento. poi non ce l'ho più fatta, mi dava troppo fastidio e mi sono alzato: c'era un ape :| il mattino dopo uguale, stesso ronzio :?$%&: mi alzo incazzato come un'ape (cit. :asd: ), accendo la luce vado alla finestra e... ce n'erano un fottio! :O.O: a momenti sembrava un'arnia, e il bello è che non erano all'esterno (tra tapparella e vetro della finestra) ma dentro (tra la finestra e la tenda). se ne stavano lì tranquille, non sapevo come farle andare via, fare sciò sciò non credo sarebbe bastato (e se poi queste erano le api assassine®? :1: ) alla fine ho spalancato la finestra e me ne sono andato, quando sono tornato a controllare poco dopo non c'erano più. francamente un po' m'è dispiaciuto :bYe: (avete presente Tony Soprano e le anatre in piscina? :XD: )
alcuni anni dopo :vecchio: cioè qualche settimana fa, ho aperto il cassonetto della tapparella per "sistemarla" (anche questa è una simpatica tru stori ma starebbe meglio in un topic sulle nostre avventure fantozziane, vi dico solo che ho fatto il viaggio casa-leroymerlin-casa QUATTRO volte :interello: ) e ho ho trovato due "robi" che penso fossero dei nidi di api o vespe o che ne so io. prima ci ho infilato dentro il cacciavite :arale: si sono un po' sbriciolati ma non è uscito nulla, allora ho preso il martello e li ho frantumati :sparta: penso che questi nidi abbiano qualcosa che attiri sti insetti, oppure si ricordano dove li hanno fatti perché spesso qualche bestiaccia viene ronzarmi vicino alla finestra tentando di entrare :love:


visto che ci sono ho un'altro racconto più sinistro :mafia: era una notte buia e tempestosa... :huhu: non dai, era semplicemente notte. sono a letto e nel buio più totale e completo silenzio sento dei rumori :paura: un qualcosa tipo scricchiolio, ma proprio leggero. poi niente. poi di nuovo. poi niente. ma che è? boh :scettico: accendo la luce (e già questo per me è un mezzo trauma :zizi: ), ma non c'è niente. spengo la luce e poi di nuovo sti rumorini, riaccendo e niente. insomma decido di alzarmi (così il trauma ora è completo :pirurì: ) ed ispezionare per bene la stanza cercando di individuare la provenienza di questi rumori... e ci riesco: era un ragno, ma grosso, non esagero se dico che era come il palmo della mia mano. ragazze (mi rivolgo in particolare alle ragazze perché so che molte di loro hanno la ragnofobia :asd: ) era abbastanza grande da fare rumore zampettando su dei fogli di carta :aka: era questo quello che sentivo :ideae: non son stato lì a pensarci tanto: ciabattata e buon viaggio nel water :riot: anche in questo caso m'è dispiaciuto :nu: l'essere aveva un suo fascino.


se volete vado avanti, ne ho altre :sooRy:

aDifferentKindOfCop

  • Root
  • Post: 7663
    • Mostra profilo
Re: Storie dell'orrore realmente accadute
« Risposta #24 il: 18 June 2017, 19:12:13 »
Non dovresti mai togliere i nidi a caso e di giorno, ovviamente le api/vespe ricordano il posto e tornano e lo rifanno e se sono in zona si incazzano e ti possono anche attaccare  :look:
Scanzi (!)... fa articoli che sembrano post tuoi scritti meglio

errix9000

  • Root
  • Post: 7821
  • Sesso: Maschio
  • La psiche umana so' cazzi
    • Mostra profilo
Re: Storie dell'orrore realmente accadute
« Risposta #25 il: 18 June 2017, 19:37:51 »
oh cazzo :O.O: ora sì che diventa veramente una storia dell'orrore :paura:

nincadoro

  • Richard Castle
  • Post: 3175
  • Sesso: Femmina
  • ...YOU REMEMBER THIS THING OF OURS?
    • Mostra profilo
Re: Storie dell'orrore realmente accadute
« Risposta #26 il: 18 June 2017, 21:52:25 »
Negli anni di stage a Londra e dintorni di avventure con scarafaggi & co. ne ho avute tante, che alla fine li consideravo animali domestici  :XD:  per non parlare dei topi  :ninja2: ‘na volta ne ho trovato uno grosso quanto un gatto.

Ma la mia horror story indelebile risale a qualche anno fa, quando lavoravo a Staten Island. Pochi giorni prima di Natale accompagno la mia fidanzata al cimitero per le visite di rito, era la prima volta che mettevo piede in un cimitero americano, molto diversi dai nostri, ed esteticamente hanno un loro fascino.
Era pomeriggio, faceva un freddo cane e aveva piovuto per tutto il giorno. Incuriosita mi allontano dalla mia fidanzata e vado in esplorazione, arrivo in un punto dove c’erano poche tombe e nessuna persona...e bang...raffica di vento e d’improvviso mi sento toccare con insistenza alle spalle e dietro la testa da qualcosa di gelido e bagnato e al quanto grande... sono rimasta immobile per parecchi secondi  :paura: prima di voltarmi e vedere che a toccarmi era stata una cacchio di busta, di quelle nere per la spazzatura,  bagnata e fatta volare dal vento  -.-'

TRASH IS THE WAY - Fire walk with me - THE BLUE COMET - My name is Ozymandias, king of King - EXSUSCITO - you can call me root... - BEYOND LIFE AND DEATH - "Through the darkness of future past, the magician longs to see, one chance out between two worlds... fire, walk with me". We lived among the people. I think you say, convenience store. We lived above it. I mean it like it is, like it sounds. I, too, have been touched by the devilish one. Tattoo on the left shoulder. Oh, but when I saw the face of God, I was changed. I took the entire arm off. My name is Mike. His name is Bob. - KILLER BOB - You know, this is — excuse me — a damn fine cup of coffee! - MAY THE GIANT BE WITH YOU - My mom told me to follow my talents, and I'm good at what I do - MADE IN AMERICA - Tell your god to ready for blood... - I WANT ALL MY GARMONBOZIA

Sherlockata

  • Piper Chapman
  • Post: 5680
    • Mostra profilo
Re: Storie dell'orrore realmente accadute
« Risposta #27 il: 19 June 2017, 01:49:05 »
Riguardo le "esperienze di vita inquietanti" me n'è tornata in mente un'altra, questa volta niente scarafaggi.
Sempre a Londra, dormivo profondamente (da sola) e verso le due del mattino sento bussare insistentemente alla porta e urlare il mio nome e già ero agitata...vado ad aprire la porta perchè riconosco dalla voce il mio ragazzo di allora, ai miei occhi si presenta una scena davvero da film horror, lui con la faccia completamente insanguinata e piena di vetri ancora conficcati  :aka: per poco non svenivo perchè negli horror posso vedere la qualunque ma nella realtà già la vista del sangue m'inquieta  :XD:
Ovviamente l'ho fatto entrare e facendomi forza l'ho pure aiutato a togliersi i pezzetti di vetro dal viso  :aaaa:
Dopo un po' mi ha spiegato che aveva bevuto un po' troppo, litigato con un amico e sbattuto la capoccia contro una vetrata :O.O: non era tipo da andare in ospedale...
Purtroppo da giovincella ero attratta da uomini totalmente folli, malattia che in seguito è svanita per fortuna  :zizi: :asd:
“L’universo è solo un vuoto crudele e indifferente, la chiave per la felicità non è trovare un significato, ma tenersi occupati con stronzate varie fino a quando è il momento di tirare le cuoia”.
Mr. Peanutbutter (da BoJack Horseman)

errix9000

  • Root
  • Post: 7821
  • Sesso: Maschio
  • La psiche umana so' cazzi
    • Mostra profilo
Re: Storie dell'orrore realmente accadute
« Risposta #28 il: 20 June 2017, 16:21:12 »
negli horror posso vedere la qualunque ma nella realtà già la vista del sangue m'inquieta :XD:
idem :riot: in particolare sono più sensibile con ciò che riguarda il collo e le braccia (non so perché), per non parlare degli aghi e delle siringhe :ninja2: mi pare si chiami tripanofobia, è l'unica "fobia" vera che ho, alla fine insetti ragni serpenti e compagnia bella non mi fanno paura (più che altro mi fanno schifo). se per esempio vedo un film dove c'è qualcuno che si droga metto le mani davanti agli occhi come una ragazzina :shy: una volta leggendo il libro Dracula (mi pare fosse per una descrizione di una vasca piena di sangue o una roba del genere) m'è preso un attacco di panico: ho iniziato a tremare e battere i denti senza controllo per alcuni minuti.


a sto punto vado con un altro racconto, valgono anche gli "horror psicologici"?
da piccolo avevo la fissa dei dinosauri. al cinema era uscito Jurassic Park e per di più in concomitanza col periodo in cui a scuola si studiano i dinosauri. quindi quaderni di dinosauri, pupazzetti di dinosauri, felpe di dinosauri, figurine di dinosauri, ecc... ora vi starete domandando dove sia l'orrore, semplicemente avevo paura che mi entrassero in casa e mi sbranassero :look: ma non erano estinti? certo, ma se sono riusciti a riportarli in vita nel film può succedere anche nella realtà, inoltre dovete sapere che all'epoca abitavo proprio sopra il retro di un supermercato. quando di notte veniva scaricata la merce i camion e mezzi vari emettevano rumori (tipo aghvs, capito no? :asd: ) molto simili a quelli che si sentono nella scena iniziale di Jurassic Park quando viene trasportato un dinosauro. io quindi mi lasciavo suggestionare da questi suoni e nel mio letto cominciavo a pensare oh cazzo stanno scaricando un velociraptor all'esselunga! :paura: e se scappa? e se entra nel mio palazzo? e se sale le scale? e se apre la porta? :paura: :paura: chi si ricorda il film sa benissimo che i velociraptor sanno aprire le porte :zizi: praticamente mi facevo questi trip mentali che mi terrificavano da morire e mi facevano salire il battito cardiaco a mille :XD:


anticipazioni sul prossimo episodio:
(clicca per mostrare/nascondere)
stay tuned :OOOKKK:

martyinthesky89

  • Max Black
  • Post: 2925
  • Sesso: Femmina
  • All our times have come
    • Mostra profilo
Re: Storie dell'orrore realmente accadute
« Risposta #29 il: 20 June 2017, 16:38:51 »
idem :riot: in particolare sono più sensibile con ciò che riguarda il collo e le braccia (non so perché), per non parlare degli aghi e delle siringhe :ninja2: mi pare si chiami tripanofobia, è l'unica "fobia" vera che ho, alla fine insetti ragni serpenti e compagnia bella non mi fanno paura (più che altro mi fanno schifo). se per esempio vedo un film dove c'è qualcuno che si droga metto le mani davanti agli occhi come una ragazzina :shy: una volta leggendo il libro Dracula (mi pare fosse per una descrizione di una vasca piena di sangue o una roba del genere) m'è preso un attacco di panico: ho iniziato a tremare e battere i denti senza controllo per alcuni minuti.


Citazione
a sto punto vado con un altro racconto, valgono anche gli "horror psicologici"?
da piccolo avevo la fissa dei dinosauri. al cinema era uscito Jurassic Park e per di più in concomitanza col periodo in cui a scuola si studiano i dinosauri. quindi quaderni di dinosauri, pupazzetti di dinosauri, felpe di dinosauri, figurine di dinosauri, ecc... ora vi starete domandando dove sia l'orrore, semplicemente avevo paura che mi entrassero in casa e mi sbranassero :look: ma non erano estinti? certo, ma se sono riusciti a riportarli in vita nel film può succedere anche nella realtà, inoltre dovete sapere che all'epoca abitavo proprio sopra il retro di un supermercato. quando di notte veniva scaricata la merce i camion e mezzi vari emettevano rumori (tipo aghvs, capito no? :asd: ) molto simili a quelli che si sentono nella scena iniziale di Jurassic Park quando viene trasportato un dinosauro. io quindi mi lasciavo suggestionare da questi suoni e nel mio letto cominciavo a pensare oh cazzo stanno scaricando un velociraptor all'esselunga! :paura: e se scappa? e se entra nel mio palazzo? e se sale le scale? e se apre la porta? :paura: :paura: chi si ricorda il film sa benissimo che i velociraptor sanno aprire le porte :zizi: praticamente mi facevo questi trip mentali che mi terrificavano da morire e mi facevano salire il battito cardiaco a mille :XD:

anticipazioni sul prossimo episodio:
(clicca per mostrare/nascondere)
stay tuned :OOOKKK:

Il tuo post mi fa venire in mente DUE cose.

1 - Quando ero piccola mi misero un apparecchio mobile mostruoso per un periodo (molto breve perché lo sputavo mentre dormivo). La sera in cui me lo piazzarono in bocca per la prima volta rimango con il mio bro sul divano. Lui si addormenta e io, causa apparecchio, no.
Parte X Files e c'è una puntata (se qualcuno ha visto tutto X Files magari mi potrà anche dire se mi la sono immaginata di sana pianta) che questo tipo si toglie degli enormi agoni dalla gola e ci spunzecchia la gente, che muore di merdissima, gli afro tipo diventano bianco/grigi (o almeno è la morte che mi rimase più impressa  :zizi: ). Per mesi mi vedo uscire il tipo fuori da qualsiasi angolo buio.  :paura:

2 - Mio padre mi accompagna a scuola.
Per spiegarvi quale era lo stile di guida di mio padre definirei: guidare con un ginocchio mentre ti sbucci un mandarino, fumi una sigaretta e fai discorsi del tutto assurdi e inconcludenti sui mitologici "imboscati".
Io sono impegnata a cercare di dare un senso alla mia versione di Aristotele, china sul libro che ho fra le gambe. Sento un toc e alzo istintivamente gli occhi, trovandomi davanti un buco profondo 5 metri delle dimensioni di un tavolo da 12. Afferro il volante di mio padre e lo giro con una strana energia che mi fluisce diretta dall'intestino alla mano. Mio padre non fa una piega, emette giusto un "Ops" prima di ricominciare a concentrarsi sul problema degli imboscati (dopo anni mi chiedo ancora chi fossero  :zizi:).

Mio padre aveva bellamente scalzato il cartello e si dirigeva pacificamente verso il buco, lui e il suo maledetto, fottuto mandarino.
You put too much stock in human intelligence, it doesn't annihilate human nature.