Autore Topic: [COMMENTI] The Handmaid's Tale - 2x13 - The Word (Season finale)  (Letto 6205 volte)

Firpo

  • Rick Grimes
  • Post: 2098
  • Sesso: Femmina
  • I am the one who knocks
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] The Handmaid's Tale - 2x13 - The Word (Season finale)
« Risposta #135 il: 17 July 2018, 08:45:24 »
Adesso mi leggerò tutti  i commenti ma devo dire d'acchito che questo finale non mi è piaciuto tanto ma...di più.

Di Serena avevo già detto che stava maturando qualcosa dentro di lei ma non aveva la forza di fare "il passo". Credo e spero che lasciare andare Holly/Nicole sia questo passo. Serena è un personaggio complesso e lacerato ma non credo che nessuno dubiti del suo amore per la bambina che si è rivelato essere non solo un amore egoista ma anche autentico.


La decisione di June non mi ha sorpreso. Ho sospettato da subito che avrebbe salvato la bambina ma non sé anche se non sapevo come avrebbe fatto...quando poi ha tirato furoi la foto di Hannah la sua decisione era praticamente una certezza. E Nicole/Holly oltre che libera è anche in mano a Emily di cui si fida.

Anche sul Commander creepy mi aspettavo una cosa simile (che si sarebbe rivelato invece una persona amica).

Serena personaggio della stagione.

Personalmente ho preferita questa seconda stagione alla prima. L'ho trovata emotivamente più intensa, al netto di alcuni passaggi di sceneggiatura un po' troppo frettolosi.

Fred si sarà finalmente reso conto che Nick lo può tradire?  :rofl:

« Ultima modifica: 17 July 2018, 08:48:05 da Firpo »
"Do you really want to live in a world without Coca-Cola?" Walter White

"La mancanza di compassione può essere tanto sgradevole quanto un eccesso di lacrime." Lady Violet

"I have spent my whole life scared – frightened of things that could happen, might happen, might not happen. Fifty years I spent like that. Finding myself awake at three in the morning. But you know what? Ever since my diagnosis, I sleep just fine.
What I came to realize is that fear, that's the worst of it. That's the real enemy. So, get up, get out in the real world and you kick that bastard as hard as you can right in the teeth." Walter White

Brandyforthenerves

  • Jerry Gergich
  • Post: 29
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] The Handmaid's Tale - 2x13 - The Word (Season finale)
« Risposta #136 il: 21 July 2018, 19:08:22 »
Dopo aver letto tutte le pagine di commenti mi permetto di esprimere la mia onesta e umile opinione.

1) Il comandante Josef si capiva fin dall'inizio che fosse della resistenza, benché avesse "creato" l'economia di Gilead.
Già quando siamo entrati in casa sua per la prima volta abbiamo visto una miriade di quadri appesi alle pareti (e abbiamo visto la macchina da presa indugiare più volte su figure di donne nude), quadri che non ci sono mai nelle altre case dei comandanti e che perplimono anche Zia Lydia. :scettico:
Vediamo che Josef inoltre non accoglie la Zia con gentilezza, bensì aspramente, e quasi la butta fuori di casa.
Vediamo poi il comandante che chiede qualcosa alla sua Marta, la quale gli risponde male, e quando il comandante le dice "vuoi essere picchiata?" lei gli risponde "provaci, vecchio!".
La moglie pazza, che lo odia e lo insulta, non viene ripagata con botte e punizioni, ma con "amore, vieni qui.. non è successo niente.. tesoro.. cerca di stare calma".  (Che carino, è un personaggio che mi piace un sacco da quando è apparso :love:)
Vediamo Emily che legge un libro (anche qui, libri lasciati distrattamente per casa, a far intendere che il "divieto di leggere" non è così stretto in quella casa) e il comandante che scoprendola le fa domande provocatorie, ma si capisce che le domande provocatorie le sono rivolte non tanto per saggiare la sua fedeltà al regime, quanto per vedere se la donna potrebbe "smascherare" in pubblico il fatto che il comandante non sia proprio ligio alle regole. In poche parole se la fa sotto dalla paura che lei dica qualcosa a zia Lydia su come vivono e sulla moglie pazza. :paura:
Proprio per questo chiama Emily a fare una chiacchierata e le offre birra (segno di apertura), chiedendole del suo lavoro, di suo figlio, del suo orientamento sessuale (segno di chiusura).
Lo fa per far capire ad Emily che lui non è come gli altri, ma al contempo per metterla in guardia dal dirlo in giro, dicendole: "In questa casa è molto importante la privacy". Insomma le dice "Se tu dici qualcosa di me e di come viviamo fuori dalle regole io vado a dire che tu eri una prof e pure lesbica, patti chiari amicizia lunga".
A quanto pare però Emily è tutta scema, oppure troppo paranoica per capirlo, e tenta pure di ucciderlo nascondendosi il coltello.. in quella scena avevo questa espressione:  :doh:, della serie: "Ma che cavolo fai, non lo vedi che è della resistenza?! perché vuoi ammazzarlo?! ma sei scema?!".
Ma ancora una volta Emily, ed insieme a lei noi spettatori, ha la riprova che lui non è cattivo quando la vede inginocchiata e le dice "non farò questa cosa con te".  :love:
Quindi quando lui la prende e la mette in macchina per me era PALESE che lui la stava portando in salvo (e non ho guardato spoiler o altro).

2) Era ovvio anche che June NON andasse via. :vecchio: Inizialmente pensava di andarsene, in un moto di ribellione scrive la frase sul muro, ma poi, mentre scappa, si ricorda di Hanna (tira fuori la foto e la mostra alla bambina), ha vari flashbacks di lei, e probabilmente si ricorda anche della frase che la bambina le ha detto "Dovevi provarci di più" e della promessa che le ha fatto quando la bimba le aveva chiesto se si sarebbero riviste: "Sai che ti dico? Io ci proverò!".
Non può, ora che ha la possibilità di mettere in salvo Nichole da sola (prima non poteva perché era incinta) e che sa che Moira e il marito da fuori non stanno riuscendo a fare nulla né per lei né per Hanna, andarsene abbandonandola lì.
Decide di tentare il tutto per tutto e rischiare la morte per salvarla.
Capisco benissimo il fatto che June, nonostante tutto, chiami la figlia con il nome voluto da Serena.
Il primo moto di amore nei confronti di Serena lo vediamo quando Serena viene picchiata con le cinghie, il secondo nella casa-vacanze quando vede Serena litigare con Fred e la sente piangere disperata dicendole che "ha rinunciato a tutto e ciò che chiedeva era solo un bambino", e decide di non sparare. In fondo June sa che anche Serena è una vittima di quel mondo, e un po' le vuole bene.. nonostante i soprusi. :love: (sì, io le shippo tantissimo, ma sorvoliamo su ciò..  :distratto:)


3) Serena la lascia andare con la bambina perché ormai si è resa conto che quella bambina non avrebbe avuto futuro.
Inizialmente anche io ho pensato "Serena dovrebbe andare con la bambina", ma poi mi sono resa conto che, senza Serena, June non avrebbe avuto nessuno a cui appigliarsi per la rivoluzione :riot:
Serena non odia June, ma in alcuni momenti si tiene lontana da lei e la tratta male perché vuole odiarla, vuole obbligarsi ad odiarla e a continuare a credere in Gilead, perché non riesce ad ammettere a sé stessa che tutto ciò per cui ha combattuto si sia trasformato in un tale disastro. E' incazzata con se stessa e se la prende con l'unica con cui può sfogarsi.  :zizi:
I moti di pazzia che la spingono a farla stuprare dal marito e ad altre oscenità, sono semplicemente tentativi disperati di credere che ciò che ha creato sia ancora a suo favore, ma quando si rende conto che non è così ritorna "normale".

4) Rita e le altre marte aiutano June, non tanto perché sia lei, ma perché lei è l'unica che, oltre ad avere il fegato, ha anche le condizioni per potersene andare, perché ha un guardiano che è complice, che tenga il commander al suo posto, ed ha una moglie che non denuncia ma aiuta June.
Sono dinamiche che nelle altre famiglie non si verificano e quindi non possono essere sfruttate.
June inoltre è conosciuta ormai dal Mayday, che ormai sa che la ragazza ha stoffa e fegato, a differenza delle altre che in fin dei conti non si sono mai ribellate più di tanto.
Se vogliamo, l'unica eccezione é Jeanine, che però è psicopatica e non agisce in modo intelligente, ma in modo delirante e non riesce a manipolare proprio nessuno, al contrario di June.
Semmai si ci potrebbe chiedere perché non è scappata con Emily anche l'ultima marta incontrata.   :sooRy:

5) Fred è un idiota, fino all'ultimo momento non capisce nulla, e quando capisce ormai è troppo tardi. Si sente tradito, umiliato, e vorrebbe poter fare qualcosa, ma è in trappola, minacciato da Nick, il quale sì, è in pericolo, ma tiene sotto le sue grinfie il comandante essendo un Occhio e avendo un dossier su tutte le trasgressioni che egli ha compiuto.
Se Fred minacciasse di smascherarlo, Nick potrebbe fare altrettanto.
Sono 1-1 e nessuno dei due può giocarsi il suo asso perché entrambi ne hanno uno.
Ricordiamo però che la parola di Nick vale più di quella di Fred, in quanto quando Fred dice di spostare Nick gli viene risposto: "Vedi di tenerlo dove è", mentre quando Nick chiede di essere spostato perché Fred ha fatto trasgressioni, gli viene subito detto di non preoccuparsi che sarà esaudita la sua richiesta.  :cool:
Certo, il comandante responsabile degli Occhi è morto, ma sicuramente l'influenza di Nick non si esaurisce qui, anche perché per il comandante morto Nick era una sorta di braccio destro (come vediamo all'inizio della prima stagione, infatti, Nick era stato reclutato tempo prima della guerra dal comandante che ora è morto, ed era una specie di figlio adottivo per lui), quindi penso che Nick tra gli Occhi ricopra una posizione di prestigio. Quindi FORSE Nick si salverà! .pepepe

6) PRONOSTICI: secondo me nella S3 June tornerà con la coda fra le gambe a casa Waterford, conscia del fatto che Fred la cazzierà, MA non farà nulla di che contro di lei, se non menarla parecchio e/o stuprarla/usarla come schiava sessuale.. altrimenti, come dicevano Fred e Serena durante il litigio nella casa dei genitori di Hanna, sarebbero loro stessi a rischiare la vita perché accusati di essere rivoltosi, dato che June è scappata mille volte e anche Nick potrebbe smascherarli. Inventeranno una scusa su Emily che ha rubato la bimba e June che tentava di riprenderla, Serena approverà la versione, e ritorneranno a vivere "pacificamente". Intanto lei, Nick, Rita e Serena uniranno le forze (seppur con qualche resistenza di Serena che continuerà a fare la psyco di tanto in tanto) per cercare di attuare un piano con Josef.

Per quanto riguarda Elisabeth Moss, spero che lo stimolo della serie la aiuti a ribellarsi da Scientology, perché essendoci cresciuta dentro probabilmente non può uscirne illesa e rischierebbe molto (avendo visto parecchi documentari su Scientology so che uscirne può essere davvero davvero pericoloso), sicuramente potrebbe farcela se aiutata.

Scusatemi per il commento kilometrico! :distratto:

 :ciao:

Roan forever alone

  • Molly Hooper
  • Post: 434
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] The Handmaid's Tale - 2x13 - The Word (Season finale)
« Risposta #137 il: 23 July 2018, 21:44:09 »
Non c’è una director’s cut con 5 minuti in cui june si arma e va a riprendersi la primogenita stile commando?
E fred che fa la fine che gli viene profetizzata?

Non sento il bisogno di una terza stagione
<---Capire come interagire con Cricettona

scrocco

  • Michael Scott
  • Post: 857
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] The Handmaid's Tale - 2x13 - The Word (Season finale)
« Risposta #138 il: 13 August 2018, 22:14:29 »
Madonna ho goduto come un maiale quando Emily accoltella quella vacca di aunt lydia :gogo: per il resto forse ci sta una piccola possibilità di redenzione per serena anche se per me rimane comunque una m*erda di persona :zizi: per il resto alla fine ho avuto realmente paura che June tornasse con la bambina dal viscidone,poi la parte della fuga e stata realmente sublime.

scylla95

  • Jerry Gergich
  • Post: 29
  • Sesso: Maschio
  • System failure
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] The Handmaid's Tale - 2x13 - The Word (Season finale)
« Risposta #139 il: 27 August 2018, 16:10:38 »
ottima stagione, se proprio vogliamo dirla tutta non a livello della prima, ma a mio parere poco conta.
Sono successe molte cose e molto interessanti, hanno tra le mani un prodotto e una storia che filano ancora molto bene con buonissime potenzialità, attenzione però a non eccedere col numero di stagioni.
Che dire, l'interpretazione di quasi tutto il cast (tranne Fiennes che non capisco come abbia ottenuto una candidatura ma vabbè) è stata a tratti eccellente, personalmente ho apprezzato moltissimo il personaggio di Aunt Lydia in questa stagione nella quale viene mostrata non più come una strega/megera senza cuore, ma sempre più umana col passare delle (troppo poche a mio avviso) apparizioni; non penso morirà.
Posso comprendere la scelta di June dettata, quasi sicuramente, soprattutto dall'incontro con la figlia e la sua promessa di provare a salvarla, ma allo stato delle cose per ora è una scelta suicida: vero che probabilmente avrà dalla sua parte Serena (anche se abbiamo visto con quanta facilità il loro rapporto si ribalti), moglie del comandante più importante, ma sono due donne in un regime completamente maschilista formato da uomini senza scrupolo e senso della morale, difficile che da sole possano sopravvivere, magari il jolly sarà il comandante che ha salvato Emily, vedremo. Abbiamo visto ancora troppo poco del "fuori", ma probabilmente la pubblicazione delle lettere smuoverà molto da quelle parti (se penso che prima della pubblicazione i due paesi quasi stavano per iniziare un dialogo, mi vengono i brividi) e magari nella prossima stagione gli Americani inizieranno a pensare seriamente ad una controffensiva. Un grande punto interrogativo sarà il futuro di Nick, forse però essendo un Eye avrà buone chances di salvarsi, ma quale sarà (se ci sarà) il suo futuro fuori da Galaad?
Punto di svolta importantissimo nella stagione è stata l'esecuzione di Eden e l'amante, voglio sperare che quella morte abbia svegliato più di una coscienza da quelle parti, ma ne dubito.
Ripeto, questa serie ha ottime potenzialità e spunti di trama da sfruttare, vedremo come si comporteranno l'anno prossimo.
And you wanna be my latex salesman...