Autore Topic: [COMMENTI] The Americans - 3x13 - "March 8, 1983" [Season Finale]  (Letto 7446 volte)

torlquistone

  • Jerry Gergich
  • Post: 45
    • Mostra profilo
Re: [Commenti] The Americans s03e13 - March 8, 1983
« Risposta #60 il: 13 May 2015, 01:19:26 »
Non so perchè ma pochi minuti fa mi è venuta in mente questa idea. E se il prete nuovo BF di Paige fosse anche lui un sovietico soto copertura?

Vi sembra possibile o è, appunto, un'idea pazza?

fedea

  • *
  • Post: 5665
  • Sesso: Femmina
  • "Am I happy, too? I haven't checked."
    • Mostra profilo
Re: [Commenti] The Americans s03e13 - March 8, 1983
« Risposta #61 il: 13 May 2015, 11:20:43 »
il pastore Tim non e' affatto il nuovo boy friend di Paige, ma che possa essere egli stesso un operativo sovietico si' lo abbiamo gia' ipotizzato, e' possibile.
"All lives end. All hearts are broken. Caring is not an advantage, Sherlock."

"Mycroft is the name you gave me if you can possibly struggle your way to the end."

MalusDB

  • Ermetico come una giacca in goretex
  • *
  • Post: 3120
  • Sesso: Maschio
  • When God closes a door, he opens a dress.
    • Mostra profilo
Re: [Commenti] The Americans s03e13 - March 8, 1983
« Risposta #62 il: 13 May 2015, 15:43:48 »
Credo intendesse Best Friend  :interello:

fedea

  • *
  • Post: 5665
  • Sesso: Femmina
  • "Am I happy, too? I haven't checked."
    • Mostra profilo
Re: [Commenti] The Americans s03e13 - March 8, 1983
« Risposta #63 il: 13 May 2015, 17:55:50 »
allora si', in effetti lo e' :)
"All lives end. All hearts are broken. Caring is not an advantage, Sherlock."

"Mycroft is the name you gave me if you can possibly struggle your way to the end."

Acrobat

  • tomo tomo cacchio cacchio
  • Vanessa Ives
  • Post: 8615
  • Sesso: Maschio
  • Uhuhuhuhuh Roberto Raggio!
    • Mostra profilo
  • (Re)Synch: 142
  • Revisioni: 39
  • Traduzioni: 406
Re: [COMMENTI] The Americans - 3x13 - "March 8, 1983" [Season Finale]
« Risposta #64 il: 22 April 2016, 23:30:31 »
Per me il cliffhanger finale ha rovinato la stagione. Io capisco i tormenti di Paige, che mi piace molto come personaggio anche perchè l'attrice è bravissima, ma se c'è una cosa che le hanno detto è che se lo va a dire a qualcuno, quelli finiscono in galera. E lei che fa? Lo va a dire al pastore. Ripeto, comprendo la mossa in sè ma come character development è profondamente discutibile questa svolta. A prescindere dal fatto che il telefono possa essere sorvegliato o che il pastore possa essere un'altra spia sovietica.

Per il resto, il momento più bello della puntata è stato l'incontro tra Elizabeth e la madre, che quasi mi è dispiaciuto che sia durato così poco.

Philip è in crisi profondissima.

Domani comincerò la quarta, a questo punto voglio mettermi in pari presto.
Burn down the disco
Hang the blessed dj

neve

  • Piper Chapman
  • Post: 5745
  • Sesso: Maschio
  • 'Be Brave now'/ 'The bitch is back'/'I'm scared,K'
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] The Americans - 3x13 - "March 8, 1983" [Season Finale]
« Risposta #65 il: 7 June 2016, 10:44:53 »
Inizio a commentare anche io The Americans, dopo il recuperone delle stagioni!
Finale bellissimo! Mi ha tenuto col fiato sospeso per tutto il tempo.
Mi piace come hanno reso questa stagione, a suo modo, unica e questo finale non è da meno.
Ormai siamo al punto di rottura... Philip non sopporta piu' il peso del suo lavoro, Paige già non sopporta piu il peso delle bugie che si è sorbita, e in tutto ciò Elizabeth, come sempre cieca di fronte alla causa, ignora tutti e ascolta Reegan :look: :doh: :doh:
Cioè ma dico io... ha sbagliato a pensare che la figlia avesse rotto il colpo, e ora vuole pure continuare a ignorare il marito :aka:
Stan è passato per allocco e invece mi piace molto come stanno gestendo la storyline di Nina. Molto forte l'ultimo dialogo con lo scienziato (altro personaggione :zizi:) e quel I'm tired to win it back... secondo me presuppone un drastico cambiamento per il personaggio. :zizi:
Bello. Bello. Bello.
Non vedo l'ora di vedere come si evolverà la storia con la quarta.

(Il doppio rinnovo se l'è stra-meritato. Grande scrittura e grandi interpretazioni! Li ho sempre amati Keri Russell e Matthew Rhys e hanno riconfermato il loro grande talento )
« Ultima modifica: 7 June 2016, 10:48:43 da neve »
I'm Watching Now : The Leftovers, Homeland, Friends, How to Get Away with Murder, The Americans, Jessica Jones, Parenthood, Sense8, Friday Night Lights.
      Serie storiche: Veronica Mars, Gilmore girls, Heroes, Buffy, Lost, Melrose place. — Kristen Bell & Lauren Graham & Ben Whishaw fan addicted

-MAD-

  • Jonah Ryan
  • Post: 370
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] The Americans - 3x13 - "March 8, 1983" [Season Finale]
« Risposta #66 il: 31 August 2017, 15:48:30 »
Bella puntata.
Ho avuto la sensazione che gli autori abbiano "conservato" troppe cose per la puntata finale della stagione, in quanto si è parlato di tutto un po' senza dare spazio a qualcosa in particolare. Dopo il finale della scorsa stagione avrei voluto sapere cosa si erano detti Martha e Philip e invece niente. Oppure Paige che incontra la nonna, non si sa se si sono parlate o abbracciate e (tranne qualche parola detta alla madre in hotel) ce la ritroviamo direttamente confusa all'arrivo in America e poi isterica a casa. Che poi è un'adolescente, una vita sociale non ce l'ha? Una cotta? Possibile che nelle serie americane questi figli adolescenti debbano sempre essere presenti ma solo per rompere le scatole? Sinceramente la reazione di Paige non la condivido, soprattutto dopo che ha visto la Elizabeth commuoversi per l'incontro con la madre.
Avevo immaginato che Philip aiutasse Martha facendo ricadere la colpa su qualcun altro.
La storia di Kimmy è stata così troppo diluita in tutta la stagione che me la sono proprio persa. Così come quella dell'apparecchio-porta documenti che spia l'ufficio dell'FBI e il perché quei due della Rezidentura vogliano continuare l'operazione.

Laaaaura

  • Molly Hooper
  • Post: 458
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] The Americans - 3x13 - "March 8, 1983" [Season Finale]
« Risposta #67 il: 15 May 2018, 22:49:38 »
Mi sono lasciata andare con the americans, ho visto solo un episodio al giorno da brava bambina ma dopo che hanno confessato la verità a Paige non mi sono più trattenuta e ne ho visti 2 ieri e 4 oggi. Il problema è che non si chiudono mai tutte le questioni, anzi se ne aprono di nuove ed ora avrei già voglia di vedermi quello successivo  :asd:

Se il pastore Tim si rivelerà davvero un russo la vedo grigia per Paige, se così fosse e lo venisse a sapere pure lei credo che perderebbe ogni briciolo di fiducia nel genere umano e farebbe la fine del ragazzo che ha fatto fuori tutta la sua famiglia  :interello:

Geralt di rivia

  • Michael Scott
  • Post: 868
    • Mostra profilo
Re: [Commenti] The Americans s03e13 - March 8, 1983
« Risposta #68 il: 17 October 2018, 23:10:15 »
Cazzo che stagione meravigliosa.  :nerdsaw:

Non mi aspettavo succedessero così tante cose, probabilmente hanno lasciato la porta aperta per la quarta stagione, risolvendo poi le sottotrame, ma anche così è sorprendente.  :O.O:

Praticamente Philipp e Elisabeth sono in disaccordo sul futuro della loro figlia, visto che il KGB la vuole reclutare, e Philip non è d'accordo a differenza della moglie, ma ovviamente prima bisogna preparare la loro figlia.

E questo non è assolutamente facile perché la figlia ha sempre vissuto in America e quindi non è pronta per diventare una traditrice visto che vive come una americana andando pure in Chiesa cosa che in URSS al contrario è vietata.

Ovviamente il KGB non sente ragioni, e infatti i due coniugi vengono incoraggiati dal loro superiore, amico della cicciona russa vista nelle stagioni precedenti, che vuole aiutare Philipp a farsene una ragione, dicendogli che è per ragioni superiori.

Ovviamente, lui è costretto a obbedire di malavoglia, lasciando che Elizabeth porti la figlia nel quartiere dove viveva il nero ucciso dai poliziotti per proteggerli dall'Fbi che indagava sui due, dicendogli che lottava per i diritti civili e che loro due lo aiutavano, ma la figlia scopre che era anche uno spacciatore e questo porta al massimo i dubbi che già da tempo aveva su di loro.

Così una sera li affronta e li obbliga a rivelare i loro segreti, visto che spariscono sempre senza dare nessuna spiegazione, ma almeno adesso sa la verità e questo la sconvolge parecchio, visto che i suoi genitori sono persone completamente diverse da quelle che pensava che fossero per tutta la vita, e non sa se dire la verità ad altre persone.

Per cercare di farla stare dalla loro parte gli rivelano la verità sui loro parenti, spiegandogli che non tutta la loro vita è finta, e la portano in Germania a fare visita alla mamma di Elisabeth, sperando che così accetti le sue origini, ma invece ottengono l'effetto contrario perchè lei dice la verità al prete.

Anche Philip ha problemi con la sua seconda moglie, perchè Martha, ha scoperto che Philipp, con la falsa identità di Clark, non lavora per il governo visto che il suo capo ha scoperto la cimice dentro la penna, e quindi manda uno del governo a indagare che non è suo marito, oltre a questo fanno delle indagini con a capo un agente speciale e un tecnico informatico, che interrogano tutti, inclusa la segretaria.

Martha dichiara che ha paura ma è lo stesso innamorata di Philip, e quindi decide di non rivelare la sua identità, e lui gli dice come rispondere alle domande sinceramente, ma cmq pensa di andare via dalla città per paura che prima o poi la scoprano.

Così Philipp uccide il tecnico informatico e allora l'indagine viene finalmente conclusa.

Anche l'agente Stan ha i suoi problemi, visto che vuole liberare Nina e si mette d'accordo con Oleg, l'amante russo di Nina che lavorava all'ambasciata sovietica, per aiutarli insieme.

Quindi fanno un patto per smascherare una donna sovietica che arriva in America fingendo di essere una ribelle, ma in realtà è una spia e quando viene scoperta, cerca di usarla per fare uno scambio ma purtroppo preferiscono farlo con un agente CIA, e Nina resta in Russia, con Stan che rischia di essere licenziato dal suo capo, per non avere seguito le regole, ma un altro superiore invece apprezza i risultati ottenuti e lo lascia al suo posto.

Come se non bastasse Philip è costretto ad avere una relazione amichevole con la figlia di un agente CIA che coordina le operazioni in Afghanistan dei terroristi afgani contro i russi, cosi da mettere un microfono a casa sua e scopre che dei capi islamici stanno venendo in America, così i due Jennings parlano con uno degli islamici fingendosi agenti CIA, e gli fanno credere che i suoi amici vogliono tradirlo così lui li uccide e viene arrestato.

Adesso Reagan parla per la prima volta dell'impero del male, quindi voglio vedere cosa succederà, adesso credo che i salti temporali saranno più lunghi, visto che siamo già a metà telefilm. :gogo: