Autore Topic: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI  (Letto 13031 volte)

licantropia22

  • Clara Oswald
  • Post: 99
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #210 il: 24 May 2020, 11:34:16 »
come siete divertenti ah ah ah
twin peaks è fece di pinguino nient altro
non può neppure stare nello stesso rigo di LOST

N.Senada

  • Abed Nadir
  • Post: 1887
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #211 il: 24 May 2020, 12:55:54 »
Nessuno vuole togliere niente a Twin Peaks, non io per lo meno, è stata tutto quello che dite, si è parlato tanto all'epoca della serie (anche di come la seconda parte della seconda stagione non fosse a livello del resto, purtroppo) ma la proporzione della discussione, lo svisceramento su ogni frame, le congetture, l'interesse mediatico dell'opinione pubblica (e quindi non soltanto degli "addetti ai lavori") avvenuto su Lost, complice l'esplosione di internet, non è paragonabile, se sostenete il contrario ammettete implicitamente che agli inizi degli anni 90 non c'eravate, e forse neanche a metà anni 2000

io su TP all'epoca non c'ero e quindi non posso dare un giudizio 'mediatico', però per l'appunto il can-can che ci fu su Lost all'epoca - giustamente parli di gente che vivisezionava le puntate 'frame by frame' - dimostra ulteriormente come fossero i (tanti) misteri e il vedere 'cosa succede dopo' a tenere alto l'interesse per la serie...
beninteso che i personaggi sono stati certamente importanti nell'economia della serie, nessuno dice il contrario. C'è stata sicuramente molta 'furbizia' da parte degli autori al riguardo.

MrDarkFlame

  • Max Black
  • Post: 2512
  • Sesso: Maschio
  • Everything happens for a reason.
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #212 il: 24 May 2020, 13:38:52 »
Twin Peaks non aveva concorrenza sulle broadcast, e avere la tv via cavo non era da tutti a quei tempi. In Italia le serie HBO le guardavano ancora meno persone. Della serie, ti piace vincere facile :asd: che poi è invecchiata malissimo, vista oggi sembra una soap opera con personaggi strani e con elementi semi-horror. E no, non c'è niente di profondo da capire, semplicemente Lynch è l'unico regista con un ego così grande da scrivere una stronzata senza capo né coda e dire che in fondo un senso tutto ce l'ha ma solo lui è così illuminato da vedere "the bigger picture" (lo dice uno che ha visto tutti i suoi film).

La serie avrà influenzato i futuri prodotti televisivi dimostrando coraggio (proprio grazie all'ego smisurato di Lynch) nel creare un prodotto diverso dagli schemi, l'atmosfera misteriosa che è riuscita a creare è da lodare, ma non venitemi a dire che è simile a Lost, dai. Ok, c'è un mistero, una trama orizzontale e una bella colonna sonora; e poi? La terza stagione, come le due precedenti, ha il solo pregio di essere un prodotto diverso da tutti gli altri, ma l'ho trovata veramente deludente. E lo ammetto, molte cose non le ho capite, ma non dove essere internet a spiegarmi cos'ho visto per 16 ore.

Mi spiego meglio: è fantastico teorizzare su internet come si faceva con Lost, ma è completamente diverso cercare "perché Walt era speciale?" o "perché Libby era nell'ospedale con Hugo?" rispetto a dover cercare la spiegazione dell'intera stagione nel caso di Twin Peaks. Ma soprattutto, dopo 15 anni ci rifilano una stagione con una narrazione confusa (sisi certo, è lo stile di Lynch, sono scemo io che la trovo confusionaria e Mr Robot lo trovo chiarissimo) che lascia mille cose in sospeso, con un cliffhanger di gran lunga peggiore rispetto a quello della seconda stagione :asd:

Se proprio volete trovare una serie evento che abbia fatto scalpore e tenuto incollate migliaia di persone a teorizzare e confrontarsi prima che nascesse Lost, quella serie è senza dubbio The X-Files. Ha una struttura completamente diversa, ma ha avuto una risonanza mediatica davvero notevole ed è invecchiata benissimo (tranne qualche episodio delle prime stagioni per via degli effetti speciali scadenti, ma parliamo di una serie iniziata nel 93, quindi non possiamo lamentarci).

In definitiva, che Lost piaccia o meno, nessun'altra serie ha avuto una tale risonanza mediatica.
Nel mio cuore: LOST, Supernatural, The Leftovers
Indimenticabili: Battlestar Galactica, Alias, Buffy, Prison Break, Fringe, Heroes, Dexter, Once Upon A Time, The X-Files, Sense8, Banshee, 12 Monkeys, Mr. Robot, Dark, Breaking Bad, Person of Interest, Watchmen
Degne di menzione: Dirk Gently, Game of Thrones, Sons of Anarchy, The Shield, The Sopranos, The Wire, Les Revenants, Haven, Smallville, Chuck, Grimm, The 4400, 24, Good Omens, Agents of SHIELD, Vikings, Lucifer, Romanzo Criminale, Utopia, Continuum, Legion, The 100, Wandavision, Midnight Mass, The Haunting, Intruders, Oz, Sherlock, The Prisoner, Hemlock Grove, Castle Rock, El Barco, Torchwood, Hannibal, Jericho, Bates Motel, Orphan Black, Angel, Twin Peaks, Arrow, Broadchurch, V, 11.22.63, The OA, Touch, Carnivàle, House of Cards, Gotham, American Gods, Preacher
Seguo: Doctor Who, The Boys, Fargo, The Handmaid's Tale, Stranger Things, The Umbrella Academy, Manifest, Locke & Key, The Mandalorian, Legends of Tomorrow, Loki, Ordinary Joe, Squid Game, American Horror Story, The Witcher, La Brea, Black Mirror, Invasion, His Dark Materials, Foundation, The Nevers, The Flash

N.Senada

  • Abed Nadir
  • Post: 1887
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #213 il: 24 May 2020, 14:01:11 »
uhm oddio, a me questa di TP/Lynch pare una visione abbastanza semplicistica.

A parte che a mio avviso Twin Peaks 'storico' non è affatto invecchiato male - anzi, ha tuttora una sua forte e precisa identità 'visiva' e 'musicale', cosa non da poco - una cosa è INTERPRETARE una trama, un'altra è dover darsi una giustificazione per i comportamenti out of character dei personaggi e/o per le regole 'interne' alla narrazione che dovrebbero fare da base vera e propria alla trama di Lost.
Son due cose concettualmente molto diverse, eh.
Per dire, il video di 4 ore e mezza di spiegazione di TP che gira su YT dimostra bene come ci sia una forte coerenza di fondo tra i vari elementi narrativi che fanno parte dell universo di TP. Cosa che onestamente non mi sento di dire anche per Lost.

Su XFiles, io l ho adorato ma veramente dai, quello si che è invecchiato malissimo. E' durato per 2/3 stagioni, poi è diventato la caricatura di se stesso. Le puntate autoconclusive sono diventati ricicli costanti di puntate vecchie con qualche minima variazione sul tema, mentre la trama mitologica della cospirazione aliena si è ingarbugliata presto in un vincolo (lostiano) di controsensi e scelte ben poco sensate  :lol?:

cmq che Lost abbia avuto maggior risonanza mediatica di altre o meno francamente a me importa poco o nulla, non è certo quello il paragone per misurare la bontà 'oggettiva' di un prodotto
« Ultima modifica: 24 May 2020, 14:04:52 da N.Senada »

MrDarkFlame

  • Max Black
  • Post: 2512
  • Sesso: Maschio
  • Everything happens for a reason.
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #214 il: 24 May 2020, 14:38:39 »
uhm oddio, a me questa di TP/Lynch pare una visione abbastanza semplicistica.

A parte che a mio avviso Twin Peaks 'storico' non è affatto invecchiato male - anzi, ha tuttora una sua forte e precisa identità 'visiva' e 'musicale', cosa non da poco - una cosa è INTERPRETARE una trama, un'altra è dover darsi una giustificazione per i comportamenti out of character dei personaggi e/o per le regole 'interne' alla narrazione che dovrebbero fare da base vera e propria alla trama di Lost.
Son due cose concettualmente molto diverse, eh.
Per dire, il video di 4 ore e mezza di spiegazione di TP che gira su YT dimostra bene come ci sia una forte coerenza di fondo tra i vari elementi narrativi che fanno parte dell universo di TP. Cosa che onestamente non mi sento di dire anche per Lost.

Su XFiles, io l ho adorato ma veramente dai, quello si che è invecchiato malissimo. E' durato per 2/3 stagioni, poi è diventato la caricatura di se stesso. Le puntate autoconclusive sono diventati ricicli costanti di puntate vecchie con qualche minima variazione sul tema, mentre la trama mitologica della cospirazione aliena si è ingarbugliata presto in un vincolo (lostiano) di controsensi e scelte ben poco sensate  :lol?:

cmq che Lost abbia avuto maggior risonanza mediatica di altre o meno francamente a me importa poco o nulla, non è certo quello il paragone per misurare la bontà 'oggettiva' di un prodotto
Io sinceramente Lost lo trovo assolutamente coerente, qualche mese fa ho fatto anche un rewatch e sia la narrazione che le azioni dei personaggi le ho trovate ancora più "pulite" di quanto mi ricordavo. Le regole interne vengono sempre rispettate per quanto mi riguarda. Non ho guardato il video da 4 ore di Twin Peaks, ma mi sembra stupido obbligare il pubblico a ricorrere a un simile spiegone per capire quello che si è visto.

Per quanto riguarda X Files ovviamente le ultime 2 stagioni sono spazzatura, il declino è iniziato dalla ottava ma ancora durante la run originale era passabile. Semplicemente non è una serie da maratonare, è ovvio che ad un certo punto la trovi ripetitiva, per chi la vide in contemporanea dubito che sentissero gli episodi come ripetitivi. La mitologia alla fine è diventata ridicola, però anche le ultime stagioni hanno episodi standalone veramente degni di nota.
« Ultima modifica: 24 May 2020, 14:40:21 da MrDarkFlame »
Nel mio cuore: LOST, Supernatural, The Leftovers
Indimenticabili: Battlestar Galactica, Alias, Buffy, Prison Break, Fringe, Heroes, Dexter, Once Upon A Time, The X-Files, Sense8, Banshee, 12 Monkeys, Mr. Robot, Dark, Breaking Bad, Person of Interest, Watchmen
Degne di menzione: Dirk Gently, Game of Thrones, Sons of Anarchy, The Shield, The Sopranos, The Wire, Les Revenants, Haven, Smallville, Chuck, Grimm, The 4400, 24, Good Omens, Agents of SHIELD, Vikings, Lucifer, Romanzo Criminale, Utopia, Continuum, Legion, The 100, Wandavision, Midnight Mass, The Haunting, Intruders, Oz, Sherlock, The Prisoner, Hemlock Grove, Castle Rock, El Barco, Torchwood, Hannibal, Jericho, Bates Motel, Orphan Black, Angel, Twin Peaks, Arrow, Broadchurch, V, 11.22.63, The OA, Touch, Carnivàle, House of Cards, Gotham, American Gods, Preacher
Seguo: Doctor Who, The Boys, Fargo, The Handmaid's Tale, Stranger Things, The Umbrella Academy, Manifest, Locke & Key, The Mandalorian, Legends of Tomorrow, Loki, Ordinary Joe, Squid Game, American Horror Story, The Witcher, La Brea, Black Mirror, Invasion, His Dark Materials, Foundation, The Nevers, The Flash

Héctor Belascoarán

  • Abed Nadir
  • Post: 1693
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #215 il: 24 May 2020, 15:13:12 »
Twin Peaks non aveva concorrenza sulle broadcast, e avere la tv via cavo non era da tutti a quei tempi. In Italia le serie HBO le guardavano ancora meno persone. Della serie, ti piace vincere facile :asd: che poi è invecchiata malissimo, vista oggi sembra una soap opera con personaggi strani e con elementi semi-horror. E no, non c'è niente di profondo da capire, semplicemente Lynch è l'unico regista con un ego così grande da scrivere una stronzata senza capo né coda e dire che in fondo un senso tutto ce l'ha ma solo lui è così illuminato da vedere "the bigger picture" (lo dice uno che ha visto tutti i suoi film).

La serie avrà influenzato i futuri prodotti televisivi dimostrando coraggio (proprio grazie all'ego smisurato di Lynch) nel creare un prodotto diverso dagli schemi, l'atmosfera misteriosa che è riuscita a creare è da lodare, ma non venitemi a dire che è simile a Lost, dai. Ok, c'è un mistero, una trama orizzontale e una bella colonna sonora; e poi? La terza stagione, come le due precedenti, ha il solo pregio di essere un prodotto diverso da tutti gli altri, ma l'ho trovata veramente deludente. E lo ammetto, molte cose non le ho capite, ma non dove essere internet a spiegarmi cos'ho visto per 16 ore.

Di simile a Lost c'è il mistero e il sovrannaturale. Stop. TP è una serie freak e grottesca con elementi thriller e horror, Lost è sostanzialmente una serie fantasy e adventure.
Io continuo a valutare TP un capolavoro ma naturalmente va contestualizzata nel panorama televisivo del 1990. Lo stesso prodotto oggi avrebbe molta più difficoltà ad imporsi ed infatti, per il momento, mi sono tenuto alla larga dalla nuova stagione.

io su TP all'epoca non c'ero e quindi non posso dare un giudizio 'mediatico', però per l'appunto il can-can che ci fu su Lost all'epoca - giustamente parli di gente che vivisezionava le puntate 'frame by frame' - dimostra ulteriormente come fossero i (tanti) misteri e il vedere 'cosa succede dopo' a tenere alto l'interesse per la serie...
beninteso che i personaggi sono stati certamente importanti nell'economia della serie, nessuno dice il contrario. C'è stata sicuramente molta 'furbizia' da parte degli autori al riguardo.

Però la "furbizia" di un autore nell'assecondare il suo pubblico non è di per se un aspetto negativo… gli stessi Lynch e Frost dichiararono che avevano in serbo tanti altri misteri secondari da inserire nella serie prima che la ABC imponesse quella line scellerata.

cmq che Lost abbia avuto maggior risonanza mediatica di altre o meno francamente a me importa poco o nulla, non è certo quello il paragone per misurare la bontà 'oggettiva' di un prodotto

Ma neanche a noi interessa veramente questo aspetto, ma quando si viene contestati anche su punti secondari, giusto per partito preso, ecco che è giusto "rimettere la chiesa al centro del paese".

Luther88

  • Sarah Manning
  • Post: 267
  • Every prophet in his house
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #216 il: 24 May 2020, 15:47:35 »
Twin Peaks non aveva concorrenza sulle broadcast, e avere la tv via cavo non era da tutti a quei tempi. In Italia le serie HBO le guardavano ancora meno persone. Della serie, ti piace vincere facile :asd: che poi è invecchiata malissimo, vista oggi sembra una soap opera con personaggi strani e con elementi semi-horror. E no, non c'è niente di profondo da capire, semplicemente Lynch è l'unico regista con un ego così grande da scrivere una stronzata senza capo né coda e dire che in fondo un senso tutto ce l'ha ma solo lui è così illuminato da vedere "the bigger picture" (lo dice uno che ha visto tutti i suoi film).

La serie avrà influenzato i futuri prodotti televisivi dimostrando coraggio (proprio grazie all'ego smisurato di Lynch) nel creare un prodotto diverso dagli schemi, l'atmosfera misteriosa che è riuscita a creare è da lodare, ma non venitemi a dire che è simile a Lost, dai. Ok, c'è un mistero, una trama orizzontale e una bella colonna sonora; e poi? La terza stagione, come le due precedenti, ha il solo pregio di essere un prodotto diverso da tutti gli altri, ma l'ho trovata veramente deludente. E lo ammetto, molte cose non le ho capite, ma non dove essere internet a spiegarmi cos'ho visto per 16 ore.

Mi spiego meglio: è fantastico teorizzare su internet come si faceva con Lost, ma è completamente diverso cercare "perché Walt era speciale?" o "perché Libby era nell'ospedale con Hugo?" rispetto a dover cercare la spiegazione dell'intera stagione nel caso di Twin Peaks. Ma soprattutto, dopo 15 anni ci rifilano una stagione con una narrazione confusa (sisi certo, è lo stile di Lynch, sono scemo io che la trovo confusionaria e Mr Robot lo trovo chiarissimo) che lascia mille cose in sospeso, con un cliffhanger di gran lunga peggiore rispetto a quello della seconda stagione :asd:

Se proprio volete trovare una serie evento che abbia fatto scalpore e tenuto incollate migliaia di persone a teorizzare e confrontarsi prima che nascesse Lost, quella serie è senza dubbio The X-Files. Ha una struttura completamente diversa, ma ha avuto una risonanza mediatica davvero notevole ed è invecchiata benissimo (tranne qualche episodio delle prime stagioni per via degli effetti speciali scadenti, ma parliamo di una serie iniziata nel 93, quindi non possiamo lamentarci).

In definitiva, che Lost piaccia o meno, nessun'altra serie ha avuto una tale risonanza mediatica.

Sorvoliamo sulle caterva di minchiate che hai scritto su Twin Peaks perché ci vuole stomaco per leggere  :rofl: ma forse sarai uno di quelli che si guardano oggi La febre dell'oro e dicono madonna che è vecchio questo film. Sorvoliamo anche sull'approcciarsi a Lynch come se ci si approcciasse a un Abrams qualunque. Sorvoliamo su tutto perchè sanguinano gli occhi per cotanta idiozia  :cons: Sai com'è per approcciarsi ad autori come Lynch bisognerebbe conoscere tutto di lui, del suo pensiero, delle sue ispirazioni, perché autori come lui sono più complicati e complessi di un lindecoso qualunque, Lynch gioca un altro gioco. E' come Bergman, come Hitchcock, come Kubrick, come Fellini, come Antonioni, come i veri artisti. E' un maestro. E no, qualsiasi altra scemenza potrai dire non cambia questa cosa  :asd: e si il fatto che tu non comprenda quello che faccia, non vuol dire che tu sia scemo ci mancherebbe, ma magari una cura a base di Lost e Supernatural porta a questo. Sorry.

Veniamo al vero punto.
nesun altra serie ha vuto tale risonanza mediatica
ma che minchia dici  :rofl:? capisco tu sia cresciuto a pane e Lost, ma bisogna essere peggio dei testimoni di geova nello sfoderare tale cazzate: tralasciamo Twin Peaks e di come rivoluziono VERAMENTE ED EFFETTIVAMENTE la tv, ma basta guardare al Trono di Spade per vedere una serie che abbia avuto ancora più risonanza mediatica di Lost impattando su tutte le fasce di spettatori, grandi, picoli, vecchi donne e bambine.
Dai suvvia, non spariamo queste cazzate da fan boy.
Che poi successo medicatico e qualità non siano sinonimi è pure vero, Lost e il Trono di Spade al netto dei loro milioni di seguaci rimangono serie di merda.
Before the beginning, after the Great War between Heaven and Hell, God created the Earth and gave dominion over it to the crafty ape he called Man; and to each generation was born a creature of light and a creature of darkness; and great armies clashed by night in the ancient war between Good and Evil. There was magic then, nobility, and unimaginable cruelty; and so it was until the day that a false sun exploded over Trinity, and Man forever traded away wonder for reason.

Vashta Nerada

  • Root
  • Post: 7673
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #217 il: 24 May 2020, 17:03:20 »
Giuro che questa è la prima volta che dico la mia su Lost, mi sono sempre tenuta lontana dalla board perché temevo di non uscirne più. :asd:..ma all'epoca del finale ero circondata da Lostiani e mi sentivo dire cose come " sei tu che non hai capito, l'hai vista nel modo sbagliato, le risposte ci sono tutte..." quindi questi miei commenti sono più che altro uno sfogo di cose che avrei voluto dire tanto tempo fa, non spero né intendo far cambiare idea a nessuno, è solo per spiegare perché Lost mi ha fatto arrabbiare e sentita presa in giro dall'inizio alla fine.
Intanto però comincio con la causa persa: se quasi nessuno dei fan ti risponde, caro Licantropia, un motivo ci sarà... :asd:
In alcune cose sono d'accordo con i Lostiani: la serie ha fatto epoca, se ne parlava come mai si era parlato prima di una serie, ha creato personaggi,  situazioni e frasi che sono entrati nella cultura popolare: "We have to go back" "What's in the hatch " ""See you in another life"
E non sono sicura se è stata la prima a usare la narrazione mista, eventi presenti e flashback, poi ripresa e (per me abusata) da altre serie.

Detto questo, non voglio soffermarmi troppo sulla mancanza di riposte nel finale, cosa che è stata discussa fino alla morte, ma comincerei con l'affermazione secondo cui Lost avrebbe portato incredibili innovazioni nella narrativa seriale. Confesso di non averla mai amata sul serio, ma all'inizio ero piena di curiosità per quello che mi sembrava una cosa nuova e originale. Ora io vado a memoria perché l'ho vista una sola volta, quindi se sbaglio particolari o numero di puntate o stagioni correggete pure.  Uno dei momenti più banali e irritanti c'è stato quasi subito, dopo che Claire che era stata rapita viene  ritrovata senza memoria (ah se Lost non avesse inventato questo espediente narrativo così originale,l'amnesia, dove saremmo ora ? :asd: ) poi viene smascherato il tipo che l'aveva rapita, lo catturano, stanno per interrogarlo e... BAM , uno dei nostri gli spara "così non potrà più fare del male a Claire". La rabbia che avevo provato all'epoca per questa trovata non si può descrivere! Purtroppo questa cosa "abbiano catturato uno che potrebbe darci le risposte ma siccome è troppo presto  lo facciamo uccidere dalla vittima (o parente/amante amico della vittima)"  l'ho vista anche in serie migliori di Lost è la rabbia è sempre la stessa. Un suicidio tramite  capsula di cianuro sarebbe stato altrettanto cliché, ma meno irritante.
Poi si è parlato qui di furbizia degli autori, non c'è veramente niente niente di male se si ricorre a certi espedienti per tenere alto l'interesse, ma per me non è stata furbizia ma disonestà. Ora io forse mi sono  incaponita su dettagli che a molti non hanno fatto né caldo né freddo, ma non so perché un altro momento di sclero era stato quando Ben Linus aveva detto: "io sono nato sull'isola" e qualche flashback dopo vediamo che non era  vero. Ora io capisco che era una serie "work in progress "  e gli autori si trovavano a cambiare le cose in corso d'opera (e infatti non gli faccio una colpa per aver cambiato   le storie di Ana Lucia, Libby e Mister Eko dopo che gli attori per ragioni diverse non erano più disponibili), ma nessuno mi toglie dalla testa che questa frase era stata scritta solo per fare un momento "Dun dun dun" e che chi scriveva non aveva ancora nessuna idea di quale storia dare a Linus. E questa disonestà è solo aumentata col passare delle puntate, perché l'impressione, che per me è una convinzione, che gli autori aggiungevano personaggi e misteri senza avere la più pallida idea di come  concludere la storia, era fortissima.
Ma appunto Ben Linus, il grande personaggio enigmatico, misterioso, affascinante, molto più del solito cattivo...
Ben Linus era un personaggio spregevole, ma siccome l'attore bucava lo schermo (chi può negarlo) a un certo punto gli danno la cosiddetta redenzione che troviamo in una qualunque serie senza pretese: diventa uno dei nostri, anzi è una vittima pure lui e tutte le cose orrende che ha fatto vengono liquidate con un "In vita mia ho fatto cose di cui non vado fiero" e questo basta e avanza. Aveva ucciso tutti i membri della Dharma, rapito e torturato Jack, Jate e Sawyer, voleva rapire tutte le donne del gruppo dei sopravvissuti... . Tra l'altro, in un flashback su Juliet, si era visto che lui aveva una cotta per lei e per questo aveva mandato il suo uomo  in non ricordo quale missione, con l'intenzione di lasciarlo morire senza mandargli soccorsi. Uccidere qualcuno perché sei geloso già è brutto, ma lasciarlo morire per me è anche peggio. E' come è finita la storia di questo amore non ricambiato per Juliet? Dimenticata e mai ripresa, come per tante altre storie messe lì solo per far fare  ""ooooooooh" a chi guarda e senza aver mai l'intenzione di proseguirla.
E sempre sul tema, è stata una serie disonesta e per questo purtroppo è stata, questo sì, di ispirazione per altre serie a venire, con il prototrollaggio verso gli spettatori. Le critiche anche prima della fine, non mancavano e spesso riguardavano il fatto che la storia proseguiva solo perché i personaggi facevano quello che gli veniva detto senza domande (quanti piani di Jack sono falliti solo perché  Ben diceva "dammi la pistola, PER FAVORE, o dammi quella ricevente  PER FAVORE") :mfacepalm:
Ebbene cosa ci propinano per la storia di Juliet? (ripeto che l'ho vista solo una volta, quindi ci saranno imprecisioni su quello che ricordo )
 
Le offrono un lavoro in un posto segretissimo, non possono dirle dove,  lei non deve parlarne con nessuno, certo chi non accetterebbe simili condizioni? Ma proprio per prendere per il culo chi osava criticare, fanno dire a Juliet che potrebbe accettare il lavoro solo se il suo ex marito che credo fosse anche il suo capo, fosse investito a un autobus. Il tizio viene puntualmente investito da un autobus e Juliet accetta perché la cosa non è sospetta neanche un po'... :kiddingme:

Queste esempi (ne avrei molti altri) per molti saranno piccolezze, dettagli insignificanti,  ma per me sono stati un esempio di pessima scrittura fatta ad arte e anche questa, dico di nuovo purtroppo, ha ispirato altri autori ad  un atteggiamento condiscendente verso i fan, tipo "è inutile costruire una storia in modo logico tanto qualcosa da criticare la troveranno sempre ". E a proposito di quanto Lost abbia influenzato tante altre serie, cosa che come vedete non nego, solo che ci metto sempre "purtroppo". Quante serie venute dopo, avevano un mistero "chi è X" chi ha ucciso la madre/padre/coniuge del protagonista" , sono andate avanti per anni aggiungendo misteri su misteri per poi arrivare a una soluzione che risponde allo 0,00% delle domande ed è in palese contraddizione con le mille cose  inserite ad minkiam per anni?  E quando le critiche  cominciano a fioccare, la condiscendente riposta degli autori, che prima giuravano di aver immaginato fin dall'inizio come sarebbe finita la storia e poi dicono cose come: "ma in fondo la soluzione dl mistero non è mai stata al centro della serie, è il viaggio del protagonista verso la consapevolezza di quello che è veramente" e basta se no scoppio. E alla fine di Lost quello che era importante fin dall'inizio era che ognuno trovasse l'anima gemella. E sono pronta ai "se questo è quello che hai capito dal finale, allora non hai capito niente". Io so solo che questa cosa è stata martellata per tutta l'ultima puntata, visto che hanno accoppiato tutti.

Prego notare che ho pietosamente evitato di nominare Nikki e Paulo :distratto:


« Ultima modifica: 24 May 2020, 17:08:49 da Vashta Nerada »
Sto guardando :   The Crown - Westworld - The Big Bang Theory -  Game Of Thrones  -  Doctor Who - Sherlock - Veep - Episodes - Black Sails -  Tutte le serie Marvel e DC...
Sto recuperando: Fringe -  Queer As Folk US -  Battlestar Galactica - The West Wing...
Ho terminato: Star Trek - Angel - Buffy - Rome - Alias - Lost - Life On Mars - Ashes To Ashes - I Soprano - SFU - The Tudors -  The Borgias - The Wire  - Eureka - Merlin - Spartacus - Warehouse 13 - Being Human UK - Mad Men - Parks And Recreation - Community - Sons Of Anarchy - The Good Wife - Downton Abbey -  Person Of Interest - ...
Piango la prematura scomparsa di: Kings - Life - Pushing Daisies -  Bored To Death - The Hour - The Knick - Manhattan  - Hannibal...

Chiara la tolkeniana

  • Liz Lemon
  • Post: 4557
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #218 il: 24 May 2020, 17:58:52 »
Io ho molto amato Lost, continuo ad amarla e nonostante tutto mi è piaciuto anche il finale.
MA dire che è la serie migliore di tutte, che ha rivoluzionato la TV, che non è mai stato fatto niente come Lost è una emerita cavolata.
Avete citato Twin Peaks (e io non sono certo fan di Lynch), avete citato i Soprano e X Files, aggiungerei anche Buffy che è un'altra serie studiata e ristudiata nei corsi universitari su come si fa sceneggiatura e commistione di generi.
Senza poi andare a vedere cose venute dopo come Breaking Bad, Deadwood o Six Feet Under, per citarne solo alcune.
Lost è una serie che secondo me ha dalla sua parte il fatto che coinvolge moltissimo e personaggi a cui è molto facile affezionarsi, è stata sicuramente un successo incredibile, ma basta togliere un attimo gli occhiali da fanatici per rendersi conto delle voragini di sceneggiatura, della schizofrenia di molti personaggi, del fatto che gli autori inserivano misteri su misteri senza avere già in mente dove andare a parare, tonto che nel finale il 90% di questi misteri è stato totalmente dimenticato.

Il punto è che si può amare una serie anche riconoscendone gli evidenti difetti, altrimenti si sembra solo dei pazzi invasati

Vashta Nerada

  • Root
  • Post: 7673
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #219 il: 24 May 2020, 18:20:43 »
Io ho molto amato Lost, continuo ad amarla e nonostante tutto mi è piaciuto anche il finale.
MA dire che è la serie migliore di tutte, che ha rivoluzionato la TV, che non è mai stato fatto niente come Lost è una emerita cavolata.
Avete citato Twin Peaks (e io non sono certo fan di Lynch), avete citato i Soprano e X Files, aggiungerei anche Buffy che è un'altra serie studiata e ristudiata nei corsi universitari su come si fa sceneggiatura e commistione di generi.
Senza poi andare a vedere cose venute dopo come Breaking Bad, Deadwood o Six Feet Under, per citarne solo alcune.
Lost è una serie che secondo me ha dalla sua parte il fatto che coinvolge moltissimo e personaggi a cui è molto facile affezionarsi, è stata sicuramente un successo incredibile, ma basta togliere un attimo gli occhiali da fanatici per rendersi conto delle voragini di sceneggiatura, della schizofrenia di molti personaggi, del fatto che gli autori inserivano misteri su misteri senza avere già in mente dove andare a parare, tonto che nel finale il 90% di questi misteri è stato totalmente dimenticato.

Il punto è che si può amare una serie anche riconoscendone gli evidenti difetti, altrimenti si sembra solo dei pazzi invasati


Infatti è per questo preciso motivo che storco il naso quando la sento definire il capolavoro dei capolavori, considerati gli evidenti difetti nella scrittura.
Po a tanti è piaciuta malgrado ciò  ed è giusto così. La guerra inutile nasce quando si comincia con: non ti è piaciuto Lost quindi non capisci niente,  ti è piaciuto Lost quindi non capisci niente :asd:







Sto guardando :   The Crown - Westworld - The Big Bang Theory -  Game Of Thrones  -  Doctor Who - Sherlock - Veep - Episodes - Black Sails -  Tutte le serie Marvel e DC...
Sto recuperando: Fringe -  Queer As Folk US -  Battlestar Galactica - The West Wing...
Ho terminato: Star Trek - Angel - Buffy - Rome - Alias - Lost - Life On Mars - Ashes To Ashes - I Soprano - SFU - The Tudors -  The Borgias - The Wire  - Eureka - Merlin - Spartacus - Warehouse 13 - Being Human UK - Mad Men - Parks And Recreation - Community - Sons Of Anarchy - The Good Wife - Downton Abbey -  Person Of Interest - ...
Piango la prematura scomparsa di: Kings - Life - Pushing Daisies -  Bored To Death - The Hour - The Knick - Manhattan  - Hannibal...

Héctor Belascoarán

  • Abed Nadir
  • Post: 1693
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #220 il: 24 May 2020, 18:39:34 »
Ma appunto Ben Linus, il grande personaggio enigmatico, misterioso, affascinante, molto più del solito cattivo...
Ben Linus era un personaggio spregevole, ma siccome l'attore bucava lo schermo (chi può negarlo) a un certo punto gli danno la cosiddetta redenzione che troviamo in una qualunque serie senza pretese: diventa uno dei nostri, anzi è una vittima pure lui e tutte le cose orrende che ha fatto vengono liquidate con un "In vita mia ho fatto cose di cui non vado fiero" e questo basta e avanza. Aveva ucciso tutti i membri della Dharma, rapito e torturato Jack, Jate e Sawyer, voleva rapire tutte le donne del gruppo dei sopravvissuti...

Ho deciso di intervenire su questa discussione per i 10 anni dalla fine e perché mi manca…

Adoro e rispetto la pacatezza di interventi come questo e anche io non voglio, non ho interesse, a far cambiare idea a nessuno

Su questo punto però sento di dover dire qualcosa, non troppo per non farla troppo lunga :asd:, forse perché era uno dei miei cavalli di battaglia dell'epoca.

In Lost esiste una trama occulta, una strada fatta di miti, di simboli, di riferimenti culturali e di ciclicità degli eventi su scala diversa. Nella Sacra Bibbia Beniamino è il figlio prediletto del patriarca Giacobbe è su questo che dobbiamo porre attenzione (tra l'altro la madre Rachele muore di parto proprio come la madre di Linus) questo ci dice che c'è un legame stretto tra lui e Jacob. Niente è veramente come sembra, il bianco e il nero, una partita, un gioco, personaggi come pedine, Ben da bambino era buono, poi l'immersione nella fonte per salvargli la vita "sarà diverso, sarà per sempre uno di noi" (bianco). Questo è un telefilm dove tutte le azioni di tutti i personaggi o sono bianche o sono nere (è una chiave di lettura suggerita sin da subito). E' l'uomo nero che sceglie Ben come assassino o è Jacob che sceglie quello speciale, il prediletto dei suoi, per assecondare il fratello nero e per condurlo dove lui vuole (a togliere il tappo per renderlo vulnerabile)? Esattamente dopo l'assassinio Ben si pente e torna in qualche modo l'animo che era da bambino. Questa storia si ripete su scala ridotta quando Sayid viene immerso per lo stesso motivo nella fonte "sarà diverso, sarà per sempre uno di noi", seguirà l'uomo nero per un po'  ma dopo aver ucciso Dogen (altra interessantissima vicenda spesso contestata) si riprenderà e grazie alla fiducia guadagnata potrà salvare Desmond (che è l'unico personaggio fondamentale per il piano di Jacob).

Per qualcuno è contorto, e siccome nessuno si siede su una panchina alla Matrix a spiegarcelo non può essere vero, per me invece è affascinante e ci vedo una scrittura pazzesca! :sooRy:

Opinioni :ciao:

Mr. Cut Tongue

  • The Todd
  • Post: 153
  • QUALITÀ O MORTE
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #221 il: 24 May 2020, 18:44:13 »
Nessuno vuole togliere niente a Twin Peaks, non io per lo meno, è stata tutto quello che dite, si è parlato tanto all'epoca della serie (anche di come la seconda parte della seconda stagione non fosse a livello del resto, purtroppo) ma la proporzione della discussione, lo svisceramento su ogni frame, le congetture, l'interesse mediatico dell'opinione pubblica (e quindi non soltanto degli "addetti ai lavori") avvenuto su Lost, complice l'esplosione di internet, non è paragonabile, se sostenete il contrario ammettete implicitamente che agli inizi degli anni 90 non c'eravate, e forse neanche a metà anni 2000.

Ma, ripeto, Twin Peaks, per il mio modesto giudizio, resta un capolavoro, questo non significa che altre espressioni artistiche che affrontano temi simili non debbano essere prese in considerazione.
fermiamoci un attimo a ragionare. tu stai sostenendo (naturalmente con altre parole e altre modi) le stesse idee di licantrocoso, e dai a noi, in maniera sottile, dei quindicenni? la tua frase sull'essere presente in quegli anni equivale a quelli che dicono "e che ne so io cos'è successo in momento storico a scelta, non ero mica nato."

detto questo, parlare su internet, frame by frame... perché twin peaks no? con la differenza che lo si fa ininterrottamente dagli anni '90, non solo durante gli anni della messa in onda. gli americani commentavano già su internet, come fai a sapere che mentre uscivano le prime due stagioni, nessuno commentava su internet?
e da allora forum blog discussioni di ogni tipo sono diffuse sul web, libri, conferenze, si ispirano tutti lì...e continua anche adesso.
in italia era un evento, ne parlavano tutti ovunque, di ogni età (testimoniato tutt'oggi da chiunque, si leggono messaggi del genere anche su questo forum). ne parlavano in tv, uscivano le riviste, striscia la notizia lo citava come tormentone.
fai tu che io lost durante l'uscita non l'ho mai sentito nominare dal vivo, solo qualche volta su un forum. con twin peaks non sarebbe stato possibile, anche senza guardarlo ne avrei sentito parlare da SUBITO e per tutto il tempo dell'uscita (e senza bisogno di usare internet).

lost ha successo perché è del metodo misteri accatastati su di loro per obbligare anche lo spettatore più occasionale ad appassionarsi. twin peaks era un evento immediatamente per tutti (soprattutto gli addetti ai lavori del cinema) perché, guarda un po', una serie tv, che erano la spazzatura per eccellenza, stava per essere diretta scritta e prodotta da david lynch.

evitiamo ennesimi falsi storici, già ne siamo circondati e ce ne studiamo pure a scuola.
« Ultima modifica: 24 May 2020, 19:57:24 da Mr. Cut Tongue »
Do you know who the real heroes are? The guys who wake up every morning, and go into their normal jobs, and get a distress call from the commissioner, and take off their glasses and change into capes and fly around fighting crime. Those are the real heroes.

..di individuare un limite..di non raschiare il fondo del barile..di non andare mai oltre alla terza stagione..di non rassegnarsi al brutto..

Vashta Nerada

  • Root
  • Post: 7673
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #222 il: 24 May 2020, 19:57:49 »
Ho deciso di intervenire su questa discussione per i 10 anni dalla fine e perché mi manca…

Adoro e rispetto la pacatezza di interventi come questo e anche io non voglio, non ho interesse, a far cambiare idea a nessuno

Su questo punto però sento di dover dire qualcosa, non troppo per non farla troppo lunga :asd:, forse perché era uno dei miei cavalli di battaglia dell'epoca.

In Lost esiste una trama occulta, una strada fatta di miti, di simboli, di riferimenti culturali e di ciclicità degli eventi su scala diversa. Nella Sacra Bibbia Beniamino è il figlio prediletto del patriarca Giacobbe è su questo che dobbiamo porre attenzione (tra l'altro la madre Rachele muore di parto proprio come la madre di Linus) questo ci dice che c'è un legame stretto tra lui e Jacob. Niente è veramente come sembra, il bianco e il nero, una partita, un gioco, personaggi come pedine, Ben da bambino era buono, poi l'immersione nella fonte per salvargli la vita "sarà diverso, sarà per sempre uno di noi" (bianco). Questo è un telefilm dove tutte le azioni di tutti i personaggi o sono bianche o sono nere (è una chiave di lettura suggerita sin da subito). E' l'uomo nero che sceglie Ben come assassino o è Jacob che sceglie quello speciale, il prediletto dei suoi, per assecondare il fratello nero e per condurlo dove lui vuole (a togliere il tappo per renderlo vulnerabile)? Esattamente dopo l'assassinio Ben si pente e torna in qualche modo l'animo che era da bambino. Questa storia si ripete su scala ridotta quando Sayid viene immerso per lo stesso motivo nella fonte "sarà diverso, sarà per sempre uno di noi", seguirà l'uomo nero per un po'  ma dopo aver ucciso Dogen (altra interessantissima vicenda spesso contestata) si riprenderà e grazie alla fiducia guadagnata potrà salvare Desmond (che è l'unico personaggio fondamentale per il piano di Jacob).

Per qualcuno è contorto, e siccome nessuno si siede su una panchina alla Matrix a spiegarcelo non può essere vero, per me invece è affascinante e ci vedo una scrittura pazzesca! :sooRy:

Opinioni :ciao:

Si può parlare di Lost senza scannarsi!  :pirurì:

In quanto a tutte le implicazioni culturali, religiose filosofiche, per me sono un altro degli aspetti che me la fanno considerare un prodotto riempito di allusioni a ogni cosa  per far pensare di trovarsi davanti a qualcosa di esoterico, che va al di là della trama... Tanti personaggi hanno hanno i nomi dei filosofi più famosi! Altri hanno nomi biblici! C'è il conflitto tra scienza e fede! Sarà una mia mancanza ma io a un certo punto ho perso completamente il filo della storia, insieme al mio interesse per il piano di Jacob o dell'uomo nero.
Quello che dici tu, se non ho capito male, è che non dovremmo puntualizzare su buchi di trame e forzature per far andare avanti la storia, perché sotto c'è un significato profondo che va al di là della semplice risoluzione della trama. Il che mi sta bene in generale, ma non per Lost.
Mi spiego: all'inizio Lost ci era stata venduta come un certo tipo   di serie: un gruppo di passeggeri di un aereo che si schianta su un'isola misteriosa  e cerca di sopravvivere e tornare a casa. L'originalità (che all'inizio in parte riconosco) era quella di farci vedere che c'era dell'altro: l'isola ha tanti segreti, le vite di tutti i sopravvissuti sono  misteriosamente intrecciate,  elementi  che forse sono   soprannaturali e forse non lo sono (Locke che riacquista l'uso delle gambe appena toccato terra). Più il modo diverso dei personaggi di reagire alla loro situazione, con cinismo come Sawyer, fede come Locke, generosità e voglia di salvare tutti come Jack... E ovviamente tante domande. Tanti ingredienti e qualche personaggio interessante davvero ti facevano aspettare la puntata successiva con curiosità. Ma nel momento in cui la storia si complica con nuovi personaggi, altre coincidenze, gente con dei piani misteriosi, il fumo nero, poi un immortale, poi l'iniziativa Dharma, gli altri, la botola, i numeri... persone come me hanno cominciato a chiedersi: ma che serie sto guardando? E per questo la prevalenza di significati più alti rispetto alla semplice narrazione di eventi non mi sta bene per una serie come Lost. Non tiro fuori I Soprano per fare paragoni inutili, c'è posto per tutte le  serie che ci piacciono, ma  nei Soprano non potevi aspettarti che ogni singola storia avesse il suo bravo inizio e la sua brava conclusione. Alcune storie sono rimaste aperte e non parliamo del finale, che aveva scatenato teorie e a anche critiche per come era stato strutturato. Ma con I Soprano sapevi fin dall'inizio che cosa compravi, un tipo di storia che non ti spiega proprio tutto, che ti chiede di riempire gli spazi, che ti lascia anche in sospeso. Chiunque ha il diritto di dire che non gli piace I Soprano o che trova il finale brutto, ma se uno critica perché voleva vedere  come  l'FBI riesce ad incastrare i mafiosi o perché voleva sapere come era finita una certa storia su un certo personaggio,  allora bisogna dirgli: guarda che questa non è mai stata quel tipo di serie, non a caso è una serie di nicchia, lodata dalla critica e adorata da chi l'ha vista. Stessa cosa per Mad Men, se uno legge la trama si aspetta una soap opera, ma sin dalla prima scena della prima puntata capisci che devi stare attento a ogni singola frase che viene detta e,  "come andrà a finire " non  sarà la cosa più importante.
Ma Lost? Cosa era all'inizio?  Un mystery. Sì c'erano altri ingredienti, quelli che ho elencato prima a renderlo una cosa diversa, per non parlare dell'ambientazione, ma durante le prime stagioni si parlava solo delle domande, perché c'è un orso polare su un'isola tropicale, perché hanno rapito Claire, perché nessuno li trova...i nomi dei filosofi potevano anche essere visti come una trovata che non doveva avere per forza chissà  quale significato  e i flashback avevano lo scopo di dare spessore ai personaggi, farci capire chi erano prima dell'incidente e darci le motivazioni dei loro comportamenti sull'isola. (tralascio il tedio dei flashback su Kate e il suo stupido aeroplanino :asd:) Poi tutto si complica di stagione in stagione, il soprannaturale prende il sopravvento e le poche risposte (la presenza dell'orso polare) passano inosservate nel mare delle altre mille domande che arrivano. Con alcune serie o con i film di Lynch, se vogliamo tirarlo per forza in ballo, sai cosa devi aspettarti (o forse sarebbe meglio dire sai cosa non devi aspettarti) Oppure da un film di Nolan, anche se è un comic o un film di fantascienza, sai che non avrai un film da guardare mangiando i pop corn. 
Ma con Lost, considerando come era cominciata, io avevo tutto il diritto di aspettarmi tutte le risposte e no, non dovevano essere per forza spiegata con la lavagna e il gessetto, dovevano esserci e basta
Io con Lost mi sono sentita presa in giro.
Ma devo fare mea culpa perché in realtà una piccolissima parte di me, mentre si arrivava al finale pensava: sì è impossibile che l'ultima puntata spieghi in modo soddisfacente tutti i misteri e dia conto delle tante assurdità, però... se succedesse che geni sarebbero gli autori.
Quanto ero ingenua...
Sto guardando :   The Crown - Westworld - The Big Bang Theory -  Game Of Thrones  -  Doctor Who - Sherlock - Veep - Episodes - Black Sails -  Tutte le serie Marvel e DC...
Sto recuperando: Fringe -  Queer As Folk US -  Battlestar Galactica - The West Wing...
Ho terminato: Star Trek - Angel - Buffy - Rome - Alias - Lost - Life On Mars - Ashes To Ashes - I Soprano - SFU - The Tudors -  The Borgias - The Wire  - Eureka - Merlin - Spartacus - Warehouse 13 - Being Human UK - Mad Men - Parks And Recreation - Community - Sons Of Anarchy - The Good Wife - Downton Abbey -  Person Of Interest - ...
Piango la prematura scomparsa di: Kings - Life - Pushing Daisies -  Bored To Death - The Hour - The Knick - Manhattan  - Hannibal...

MrDarkFlame

  • Max Black
  • Post: 2512
  • Sesso: Maschio
  • Everything happens for a reason.
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #223 il: 24 May 2020, 20:04:27 »
Sorvoliamo sulle caterva di minchiate che hai scritto su Twin Peaks perché ci vuole stomaco per leggere  :rofl: ma forse sarai uno di quelli che si guardano oggi La febre dell'oro e dicono madonna che è vecchio questo film. Sorvoliamo anche sull'approcciarsi a Lynch come se ci si approcciasse a un Abrams qualunque. Sorvoliamo su tutto perchè sanguinano gli occhi per cotanta idiozia  :cons: Sai com'è per approcciarsi ad autori come Lynch bisognerebbe conoscere tutto di lui, del suo pensiero, delle sue ispirazioni, perché autori come lui sono più complicati e complessi di un lindecoso qualunque, Lynch gioca un altro gioco. E' come Bergman, come Hitchcock, come Kubrick, come Fellini, come Antonioni, come i veri artisti. E' un maestro. E no, qualsiasi altra scemenza potrai dire non cambia questa cosa  :asd: e si il fatto che tu non comprenda quello che faccia, non vuol dire che tu sia scemo ci mancherebbe, ma magari una cura a base di Lost e Supernatural porta a questo. Sorry.

Veniamo al vero punto.
nesun altra serie ha vuto tale risonanza mediatica
ma che minchia dici  :rofl:? capisco tu sia cresciuto a pane e Lost, ma bisogna essere peggio dei testimoni di geova nello sfoderare tale cazzate: tralasciamo Twin Peaks e di come rivoluziono VERAMENTE ED EFFETTIVAMENTE la tv, ma basta guardare al Trono di Spade per vedere una serie che abbia avuto ancora più risonanza mediatica di Lost impattando su tutte le fasce di spettatori, grandi, picoli, vecchi donne e bambine.
Dai suvvia, non spariamo queste cazzate da fan boy.
Che poi successo medicatico e qualità non siano sinonimi è pure vero, Lost e il Trono di Spade al netto dei loro milioni di seguaci rimangono serie di merda.
Argomentazioni degne di lincatropia22, compimenti. Ho cercato di analizzare in maniera oggettiva le cose e invece tu decidi di dare una risposta da fan boy denigrando alla base l'interlocutore piuttosto che argomentando. E comunque si parlava di quale serie per prima avesse davvero smosso le masse, che Game of Thrones purtroppo l'abbia fatto ancora più di Lost è vero, ma solo perché i mezzi di oggi e le tendenze della gente ad usare i social è maggiore. Però non diciamo stronzate, nonostante GoT l'abbiano vista tutti, non c'era quella ricerca ai dettagli, analisi dei fotogrammi, Lost Experience, teorie su teorie, ecc.

E' inutile che cerchi di sminuire in base alle mie serie preferite, possono piacermi pure i cesaroni, non significa che la mia opinione non valga quanto la tua. Detto questo, Lynch non è degno di lavare i piedi a Kubrick, Fellini o Hitchcock.

qualsiasi altra scemenza potrai dire non cambia questa cosa
Allora chiudiamo il topic perché tanto tu hai la verità in tasca, purista delle mie palle.
« Ultima modifica: 24 May 2020, 20:19:25 da MrDarkFlame »
Nel mio cuore: LOST, Supernatural, The Leftovers
Indimenticabili: Battlestar Galactica, Alias, Buffy, Prison Break, Fringe, Heroes, Dexter, Once Upon A Time, The X-Files, Sense8, Banshee, 12 Monkeys, Mr. Robot, Dark, Breaking Bad, Person of Interest, Watchmen
Degne di menzione: Dirk Gently, Game of Thrones, Sons of Anarchy, The Shield, The Sopranos, The Wire, Les Revenants, Haven, Smallville, Chuck, Grimm, The 4400, 24, Good Omens, Agents of SHIELD, Vikings, Lucifer, Romanzo Criminale, Utopia, Continuum, Legion, The 100, Wandavision, Midnight Mass, The Haunting, Intruders, Oz, Sherlock, The Prisoner, Hemlock Grove, Castle Rock, El Barco, Torchwood, Hannibal, Jericho, Bates Motel, Orphan Black, Angel, Twin Peaks, Arrow, Broadchurch, V, 11.22.63, The OA, Touch, Carnivàle, House of Cards, Gotham, American Gods, Preacher
Seguo: Doctor Who, The Boys, Fargo, The Handmaid's Tale, Stranger Things, The Umbrella Academy, Manifest, Locke & Key, The Mandalorian, Legends of Tomorrow, Loki, Ordinary Joe, Squid Game, American Horror Story, The Witcher, La Brea, Black Mirror, Invasion, His Dark Materials, Foundation, The Nevers, The Flash

Héctor Belascoarán

  • Abed Nadir
  • Post: 1693
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: LOST ETERNA ED IMPERITURA ANCHE DOPO 15 ANNI
« Risposta #224 il: 24 May 2020, 20:16:51 »
Si può parlare di Lost senza scannarsi!  :pirurì:

Quello che dici tu, se non ho capito male, è che non dovremmo puntualizzare su buchi di trame e forzature per far andare avanti la storia, perché sotto c'è un significato profondo che va al di là della semplice risoluzione della trama. Il che mi sta bene in generale, ma non per Lost.

No, quello che dico io è che c'è proprio una trama nascosta, lineare e logica, che si può svelare attraverso la simbologia e al riconoscimento di alcuni schemi ripetitivi. Il significato profondo è un'altra cosa… quello sta nella sensibilità di ognuno.. non è una serie più profonda di altre che affrontano gli stessi temi. The Lefthovers, ad esempio, e sempre a parer mio, è molto più profonda per alcuni aspetti emotivi e trascendenti.