Autore Topic: [Commenti] - Survivors - 2x03  (Letto 4253 volte)

asthr

  • River Song
  • Post: 10782
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: Survivors - [Commenti] - s02e03
« Risposta #30 il: 9 February 2010, 23:19:32 »
Detto questo... anche io fino ad ora ho preferito la prima serie. Mi piaceva l'idea di vedere come queste persone sarebbero davvero riuscite a sopravvivere, non ai complotti ma alla vita quotidiana: come trovare acqua e cibo? Come trovare una casa sicura? Come sopravviere ad un banale raffreddore... ma so che forse sono l'unica! -.-'

 :quoto: neanche io sopporto più i complotti di samantha  e vedo i nostri (indipendentemente dalla cattura di tom e greg) sempre più allo sbando, senza neanche il più pallido tentativo di cominciare a ricostruire, di creare una comunita per quanto piccola. Ormai sono passati mesi e non hanno piani. 

unodisempre

  • Clara Oswald
  • Post: 98
    • Mostra profilo
Re: Survivors - [Commenti] - s02e03
« Risposta #31 il: 10 February 2010, 11:46:29 »
Bhè prendendo il tuo discorso io penso che se si ristabiliscono delle regole e quindi leggi e quindi processi equi per omicidi furti e così via, penso che tt le persone ritenute colpevoli scontando la pena in carcere debbano lavorare nelle miniere, senza schiavizzare persone innocenti.

Ma è proprio la partenza di un processo normalizzatore che risulta difficile. Chi cerca di realizzarlo sulla base della propria esperienza di governo si circonda di personaggi al limite della legalità ed assume gli atteggiamenti più deleteri del governante, che non è quello teorizzato da Machiavelli o Hobbes.

Di contro esistono tutte le realtà che si approfittano di questo caos: l'imprenditore minerario, il camionista che ovviamente commercia di tutto, come gli esseri umani ed altri come lo sfruttatore di bambini (nella prima stagione) o lo stupratore di Sarah.

Ecco che quindi può essere giustificato l'atteggiamento di Tom Price. In un mondo diverso, un evaso può fuggire, nascondersi e far perdere le proprie tracce confidando nella presenza massiccia di una popolazione ampia e variegata. In un mondo decimato dal virus non puoi nemmeno permetterti la chance di fuggire e sperare che si dimentichino del tuo reato. E se vieni perseguitato dall'ossessione di Samantha, allora Tom è costretto ad uccidere per sopravvivere.

Flond

  • Clark Kent
  • Post: 965
  • “No, sinceramente sono ateo...” - Gesù su Dio
    • Mostra profilo
Re: Survivors - [Commenti] - s02e03
« Risposta #32 il: 10 February 2010, 12:07:50 »
ma perchè la strada della normalizzazione dovrebbe cominciare con l'aberrazione, con ciò che nemmeno prima era considerato normale? non è un controsenso? vogliamo continuare a girare in auto e a usare i riscaldamenti perchè questo ci sembra normale, allora ripristiniamo la schiavitù che non era normale nemmeno prima del virus.

se mettiamo la sopravvivenza sopra tutto il resto e in qualche modo giustifichiamo tom (e cmq io non sono ancora convinta che il suo gesto si giustifichi, nemmeno per sopravvivenza perchè, come ho già detto, in un mondo decimato può tranquillamente sopravvivere senza incorrere nella vendetta di samanta e compagni) maci troviamo a che fare con una logica perversa, che in nome dei valori che vuole difendere in realtà stravolge gli stessi. Voglio ripristinare giustizia e leggi, ma processo le persone come mi capita e ripristino la schiavitù. voglio un mondo senza violenza ma i miei più fidi collaboratori vanno in giro armati e spaccano nasi a destra e a sinistra. non tollero l'omicidio ma chiedo a un assassino di disfarmi di un intralcio ai miei piani.
ha senso a questo punto giudicare tom "buono" in base a una morale che viene contraddetta anche da chi la predica?
Dio guarda sempre Settimo Cielo.
L'ottavo giorno Dio creo' la graffetta per far felice MacGyver
"Alzati e cammina!” - Dio a John Locke nella prima puntata di Perso

unodisempre

  • Clara Oswald
  • Post: 98
    • Mostra profilo
Re: Survivors - [Commenti] - s02e03
« Risposta #33 il: 10 February 2010, 13:48:46 »
ma perchè la strada della normalizzazione dovrebbe cominciare con l'aberrazione, con ciò che nemmeno prima era considerato normale? non è un controsenso? vogliamo continuare a girare in auto e a usare i riscaldamenti perchè questo ci sembra normale, allora ripristiniamo la schiavitù che non era normale nemmeno prima del virus.

se mettiamo la sopravvivenza sopra tutto il resto e in qualche modo giustifichiamo tom (e cmq io non sono ancora convinta che il suo gesto si giustifichi, nemmeno per sopravvivenza perchè, come ho già detto, in un mondo decimato può tranquillamente sopravvivere senza incorrere nella vendetta di samanta e compagni) maci troviamo a che fare con una logica perversa, che in nome dei valori che vuole difendere in realtà stravolge gli stessi. Voglio ripristinare giustizia e leggi, ma processo le persone come mi capita e ripristino la schiavitù. voglio un mondo senza violenza ma i miei più fidi collaboratori vanno in giro armati e spaccano nasi a destra e a sinistra. non tollero l'omicidio ma chiedo a un assassino di disfarmi di un intralcio ai miei piani.
ha senso a questo punto giudicare tom "buono" in base a una morale che viene contraddetta anche da chi la predica?

Nella mia ricostruzione psicologica del personaggio Tom Price vedo una frattura netta tra la società prima del virus e quella sopravvissuta dopo.
Tom si mette al servizio del piccolo gruppo protagonista della serie perchè comunque vuole "rinascere" sapendo che da solo non potrà farlo, così come sa che nemmeno il gruppo potrà avere sufficienti garanzie di sopravvivere senza i suoi metodi spicci.
Se guardiamo alle sue vittime, se non ho perso il conto, tra prima e seconda stagione, dovrebbero essere 3. Il secondino unico sopravvissuto che non vuole lasciarlo andare, Gavin e Dexter. Tre personaggi riconducibili a quelli che potrei definire "sbirraglia", ossia elementi che indossano una divisa ma non sono migliori dei criminali che perseguono. Il secondino si è giocato il cervello, non capendo che ormai non esiste più una giustizia di sua maestà, come dice a Tom negandogli la libertà. Gavin doveva essere un poliziotto, ma di quelli che non riescono a vivere senza annusare la puzza di galera, mentre Dexter è un criminale che si appiglia all'escamotage del ruolo da "bravaccio" per ottenere i suoi scopi. Questi tre, tanto vittime non lo erano, al contrario dei sopravvissuti derubati da Tom con il fucile scarico... derubati che poi si vendicano pestandolo per bene. Tom sa che questi non lo uccideranno, così come sa che i Gavin ed i Dexter continueranno invece a stargli sulle tracce per toglierlo di mezzo.
Abby ed Anya riconoscono i difetti di Tom, ma capiscono che per l'esistenza del gruppo lui è uno di loro. E nella nuova vita è una delle poche persone di cui si possono fidare.

Detto questo concludo dicendo che potevo fare l'assistente di Abby al processo.  :lol?: :lol?: :lol?: