Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - capitanmicio

Pagine: 1 2 [3]
31
The Walking Dead / Re: The Walking Dead [IL FUMETTO]
« il: 19 August 2012, 00:45:11 »
@capitanmicio, effettivamente hai ragione.
(clicca per mostrare/nascondere)
(clicca per mostrare/nascondere)
spoiler n #101
(clicca per mostrare/nascondere)
(clicca per mostrare/nascondere)

32
The Walking Dead / Re: The Walking Dead [IL FUMETTO]
« il: 15 August 2012, 23:42:27 »
Spoiler n° 100
(clicca per mostrare/nascondere)
Tutta la violenza espressa nel fumetto difficilmente potrà essere portata sullo schermo perché altrimenti si rischia seriamente di avere una serie tv VM18 o fortemente censurata come Spartacus, a meno che non la si guardi a tarda, tarda sera.

Rispondo ai tuoi quesiti rapportandomi anche alla serie tv.
(clicca per mostrare/nascondere)

SIETE AVVISATI: IL SEGUENTE SPOILER È TRATTO DAI NUMERI PRECEDENTI DEL FUMETTO E CONTIENE RIVELAZIONI SUL GOVERNATORE E SUGLI EVENTI DELLA PRIGIONE. È PROBABILE CHE TALI EVENTI SIANO CONTENUTI NEGLI EPISODI DELLA TERZA STAGIONE.
(clicca per mostrare/nascondere)

33
c'è una cosa che non mi torna
mr gold dice che nel mondo "reale" la magia non esiste.
ma noi abbiamo visto regina uccidere lo sceriffo con la magia...
secondo voi è un errore o c'è qualcosa che il signor gold non sa?
Mr. Gold/Rumpelstiltskin è un abile manipolatore e sa che quel pugnale può annientarlo in entrambi i mondi (Rumpelstiltskin perde il suo potere a Fairyland e Mr. Gold muore nel mondo reale). Ecco perché dice ad August che la magia in questo mondo non funziona.

34
Lori si sta mostrando sempre di più la villain del gruppo: prima si comporta da vera st*onza mettendo in crisi il matrimonio con Rick, poi si consola tra le braccia di Shane. Torna il marito e si comporta da moglie devota, portando Shane alla disperazione perché lo avevo illuso di poter continuare a sperare e addirittura avere qualcuno per cui valesse la pena vivere. Non contenta di tutto ciò, istiga il marito Rick ad uccidere il suo migliore amico Shane, poi rimane pietrificata quando lo ammazza e alla fine s'incazza perché il figlio Carl ha salvato la vita del padre.

Hershel vede tutta la sua vita andare in fiamme e perde la fede, ma non l'ironia, quando esclama: "Ho sempre creduto che Cristo facesse risorgere i morti, solo in maniera un pochino diversa". Nonostante la sua famiglia sia stata decimata, riesce ancora a trovare la forza per continuare a sopravvivere e incitare Rick a non desistere. Sa di essere vecchio e senza forze e che l'unico modo per sopravvivere è accodarsi alle decisioni del più forte.

Rick è ormai cinico e dispotico. Fa quello che è necessario per mettere in salvo tutto ciò che è legato a lui e ha capito che in situazioni pericolose è dannoso perdersi in discussioni e diatribe politiche, bisogna agire e subito. Dal momento che è non lui che ha scelto l'ingrato compito di essere il leader e il salvatore del gruppo, dice chiaramente che "Questa non è più una democrazia", lasciando intendere che soltanto lui è in grado di comandare. La sua trasformazione in [very] bad guy è ormai irreversibile.

Carl ha avuto più esperienze catastrofiche di chiunque altro: gli sparano al ventre, gli muore la compagna di giochi, ha un morto sulla coscienza e ha ucciso il suo padre putativo. È diventato cinico e spietato, sentimenti che ora si sono consolidati con il discorso del padre sull'omicidio dei migliori amici e sulla fine della democrazia.

Andrea è ora la voglia di vivere personificata. Combatte fino alla stremo e quando ormai sta per cedere, viene salvata da una figura misteriosa e alquanto bizzarra, a dimostrazione che non bisogna mai cedere o lasciarsi sopraffare.

Ora passiamo alle stranezze

I walker sono attirati da tutto quello che fa rumore, luccica o si muove. Agiscono come branco (mandria) e si muovono laddove vanno quelli all'inizio del gruppo. Inizialmente hanno cominciato a seguire l'elicottero, poi si sono ritrovati in una prateria dove nel frattempo si erano uniti ad altri simili e alla fine hanno sentito lo sparo di Carl e sono andati dritti verso la fattoria.

I walker non sono tutti uguali: alcuni saltano, altri corrono, altri ancora camminano sciancati e altri ancora se ne stanno fermi fino a che qualcuno non li va a stuzzicare. Questo spiega perché alcuni sembrano fare un placcaggio in pieno stile rugby e altri camminano in stile anatra zoppa.

Hershel aveva cercato di fortificare la fattoria con la convinzione che il guado tenesse i walker intrappolati e che comunque non ne giungessero a iosa. Ecco perché decide di abbandonare la sua abitazione quando ormai la situazione e perduta, sebbene sia Rick a farglielo capire.

Un walker bruciacchiato non fa molta strada e comunque Rick aveva detto che l'incendio al fienile era solo un diversivo per prendere tempo.

Per quanto riguarda le munizioni, si vede chiaramente che ogni tanto i protagonisti ricaricano pistole e fucili. Pertanto, non c'è stato nessun cheat-code in stile Doom.

Per quanto riguarda essere cecchini infallibili in piena notte su un'auto che corre lungo lo sterrato, non tutti i colpi vanno a segno. Con centinaia di walker che invadono la fattoria, abbastanza vicini tra loro e abbastanza vicini a loro, le probabilità di centrare un colpo sono notevolmente aumentate. Per tutto il resto, c'è la sospensione dell'incredulità dal momento che comunque stiamo parlando di zombie.

Non ci resta che aspettare Ottobre 2012 per la terza stagione di 16 episodi.

PS: vogliamo scommettere che i lamentatori di professione e quelli che hanno annunciato di abbandonare la serie tv continueranno a contare i peli nell'uovo e a farci compagnia fra 7 mesi?

35
Il presente post è per smentire quelli che hanno millantato una mia presenza nella produzione della serie tv e per rispondere ad alcune domande che sembrano scaturire da una sindrome ADD.

Per quanto riguarda i cadaveri nelle auto all'inizio della seconda stagione, alcuni di loro si sono suicidati o sono stati uccisi. Quando Carl apre il pick-up e prende tutte quelle armi da taglio, il cadavere che cade a terra mostra chiaramente una grossa ferita alla testa. Nello stesso episodio Lori dice una frase molto significativa: "This [place] is a graveyard", stando a indicare che lungo quel tratto stradale la gente si è suicidata o è stata uccisa. Quelli che invece sarebbero morti per cause naturali, probabilmente si sono zombificati ma, rimanendo intrappolati nelle loro auto e comunque esposti al calore (è piena estate), hanno subito un rapido processo di mummificazione.

Riguardo alla famosa frase che il dr. Jenner ha sussurrato all'orecchio di Rick alla fine della prima stagione è, con tutta probabilità, la conferma che il virus si è diffuso attraverso l'aria e che quindi si è infetti a prescindere, solo che il virus è in uno stato dormiente. La morte per qualsiasi causa e comunque il morso di uno zombie non fanno altro che innescare il processo di trasformazione.

I walker viaggiano solitari e senza meta ma, se incontrano altri simili, si uniscono e costituiscono un branco, come confermato dalla buonanima di Shane quando all'inizio della seconda stagione parla di come abbiano subito un'imboscata zombie mentre erano accampati fuori da Atlanta. Anche in quell'occasione i walker sono piombati addosso ai sopravvissuti, sbucando dal nulla, e nessuno se n'era accorto.

I walker non sono tutti uguali e di notte sono più forti che durante il giorno, come testimoniato da Morgan durante l'episodio pilota. Questo spiega perché alcuni sono lenti, altri veloci, altri ancora fanno cose similmente umane (la moglie-zombie di Morgan che cerca di aprire una porta, la bambina-zombie che raccoglie il pelouche, il walker che sfonda la vetrata con una pietra e un altro che si arrampica su un cancello scorrevole).

Glenn non accende automaticamente la torcia perché c'è la luna piena, quindi una certa visibilità, e poi perché non sa se nel bosco ci sono i walker che sono attratti dai rumori e dalle luci.

Repetita juvant: no, non lavoro nella produzione e sì, qualcuno qui nel forum soffre di ADD oltre che della lamentatio persistens.

36
Un episodio adrenalico: si comincia lentamente, portando poco a poco la giusta tensione che si esplica negli ultimi minuti. La regia dai tempi biblici di Frank Daranbot, quasi che volesse sviscerare ogni singolo tratto della natura di ogni personaggio in una situazione post-apocalittica, comincia a dare i suoi frutti: non sarebbe stato credibile uno Shane che sbroccasse così all'improvviso o la tanto vituperata Lori che di punto in bianco suggerisce a Rick di uccidere il suo migliore amico perché è pazzo e poi gli continua a ronzare intorno.

Ad ogni modo, l'obiettivo degli sceneggiatori è riuscito: i vari personaggi sono odiati, amati e criticati per le loro azioni e le loro scelte, segno che alla fin fine ci siamo immedesimati con loro.

Incongruenze e stranezze

Come può un bambino con la mano tremante, seduto a terra, sparare un walker alla testa avendo la traiettoria parzialmente coperta?
La fortuna ha senza dubbio giocato un ruolo importante, ma Carl era stato comunque addestrato da Shane a sparare ai barattoli (sembra una scemenza, ma è molto difficile colpire un bersaglio così piccolo già a pochi metri) e quindi ha sviluppato una certa abilità. Nell'episodio precedente si era lasciato sopraffare dalla paura che ha portato alla morte di Dale. Stavolta doveva farsi coraggio e salvare la vita del padre ed è così che ha fatto (Shane zombificato stava comunque a qualche metro dal padre e, anche un colpo a vuoto, avrebbe comunque dato al padre la possibilità di mettersi in salvo). Se non ci fosse stata la luna piena, probabilmente Rick si ritroverebbe mezzo morto o all'aldilà.

Perché il sangue che Shane ha lasciato sull'albero è ancora fresco?
Nell'episodio Rick afferma che entro un'ora al massimo avrebbe fatto buio e perciò l'umidità e il cono d'ombra degli alberi nel bosco hanno rallentato il processo di essicazione e ossidazione.

Perché nessuno si accorge che Randall non poteva fuggire dal granaio?
Daryl se ne accorge e per questo si mette a seguire le tracce invece che cercare nel luogo che gli era stato inizialmente indicato. Rick lo capisce già dall'inizio dal modo in cui guarda Shane mentre gli parla e lo conduce attraverso il bosco.

Perché solo adesso sigillano porte e finestre?
Perché fino all'episodio precedente nessun walker era riuscito ad oltrepassare il pantano nei pressi della fattoria. All'inizio di quest'episodio abbiamo visto uccidere vari walker lungo i campi della residenza dei Greene.

Ma tutti quei walker che si vedono nella scena finale si erano nascosti dietro agli alberi?
Li abbiamo visti comparire all'improvviso varie volte nella seconda stagione, anche se in numero inferiore. Vagano senza meta (da cui, appunto, la parola errante), a volte si uniscono in gruppi, e si dirigono verso una fonte rumorosa o che comunque ha attirato la loro attenzione.

Ma si diventa walker anche senza morso?
Sì, il morso, a questo punto, serve solo ad innescare il processo di trasformazione.

37
Analisi dell'episodio S02E11 - Judge, Jury, Executioner.

Carl è ormai nella fase adoscenziale. Non è più il bambino che giocava a scacchi con Sophia e faceva i compiti nella prateria. Ha visto la morte in faccia quando Sophia è rinata walker dal fienile, ha capito che la speranza e i sentimenti sono un lusso mortale dopo che Beth stava per essere sbranata dalla sua stessa madre. Sa che ormai sta crescendo in un mondo devastato e privo di qualsiasi regola e moralità. Sa che i suoi genitori sono confusi, spaventati, indecisi e compiono scelte discutibili anche quando pensano di essere nel giusto e pertanto vuole dare il suo contributo. Ha capito che l'imbarbarimento e il cinismo fanno la differenza tra la vita e la morte: dice a Carol che il mondo dei sogni è finito e che avrebbe sparato a Sophia come ha fatto suo padre Rick. Sta diventando un cinico bastardo a metà via tra Shane e Daryl. Cerca di mostrare a se stesso e agli altri che non è più un bambino ed è in grado di cavarsela da solo, ecco perché prima entra nella stalla dove tengono prigioniero Randall (disobbedienza ai genitori, tipicamente adolescenziale) e in seguito ruba la pistola di Daryl (si sente già grande e vuole dimostrarlo) e se ne va alla palude. Alla palude mostra comunque di essere ancora un bambino: prende a sassate un walker, gli si avvicina con la tipica spavalderia adolescenziale e scappa come una lepre quando capisce che quella è la realtà e non un gioco. Come ogni ragazzino che fa una stronzata, non dice niente a nessuno e nessuno gli chiede perché avesse i vestiti infangati, a dimostrazione del fatto "Non possiamo starti sempre dietro e ora devi cominciare a cavartela da solo".

Rick. L'omicidio è l'ultima azione che vorrebbe compiere, ma sa che non può evitarlo. Randall conosce la strada per arrivare alla fattoria, conosce la famiglia Greene anche se a malapena, e ha dimostrato di essere inaffidabile quando ha sparato a Rick, Hershel e Glenn da un tetto giù in paese. Non vuole vestire i panni del despota e per questo chiede il parere di tutto il gruppo su una decisione troppo importante. Quando ormai è stato deciso di ammazzare Randall, Rick si ferma perché non vuole ucciderlo davanti suo figlio che l'ha seguito e gli dice di sparargli senza troppi indugi, segno che il bambino sta diventando ciò che nessun genitore vorrebbe mai diventasse.

Dale. È la voce della coscienza, il grillo parlante delle favole. È perfettamente consapevole che il mondo è stato distrutto da un'apocalisse che ha spazzato via quasi l'intera umanità e che i pochi sopravvissuti hanno abdicato a qualsiasi regola morale. Sa che però le persone devono conservare la propria umanità e le regole morali del mondo precedente, perché altrimenti ciò che resta è la mostruosità dei vivi contro quella dei walker e quindi che senso avrebbe ricostruire un mondo dove la gente si uccide senza appello perché nessuno vuole prendersi la briga di risolvere un problema maledettamente complicato? La sua uscita di scena segna davvero la fine di tutto ciò che di umano era rimasto nel mondo.

Carol. Il suo atteggiamento pilatesco denota l'apatia e l'abbandono nei confronti della vita. Ha perso Sophia, sua figlia, l'unica cosa che l'era rimasta e che le dava la forza di svegliarsi ogni mattina e cercare di andare avanti per salvare quel poco che aveva e ricostruire il mondo. È sempre stata una persona debole, incapace di ribellarsi al marito violento, incapace di proteggere adeguatamente la figlia e incapace di prendere decisioni importanti. Si trascina nella quotidianità perché non ha il coraggio di affrontare la vita.

Shane. È l'unico che si è adattato al nuovo mondo, sa che non c'è tempo per perdersi in discussioni e ripensamenti e agisce d'impulso. Gli altri vedono in lui una testa calda. Comunica le sue intenzioni nel modo sbagliato e nessuno gli dà retta; questo lo conduce ad essere un outsider frustrato che sbrocca soprattutto quando il suo amico fraterno Rick torna sui suoi passi o prende decisioni da "buon padre di famiglia" in un mondo dove non si va troppo per il sottile ad ammazzare la gente.

Andrea. Sa che Randall deve morire, ma sa anche che bisogna concedergli una seconda possibilità e valutare le altre opzioni, come è stato fatto con lei durante il proprio tentativo di suicidio e quello di Beth. Dà ragione a Shane quando capisce che Randall è una potenziale minaccia, ma ascolta anche Dale quando parla di umanità e di scelte.

Glenn. Nonostante la sua giovane età, gli altri vedono in lui un punto di riferimento. Confessa alla fidanzata Maggie di aver agito egoisticamente cercando di mettersi in salvo durante la sparatoria, espia la sua colpa, e questo fa di lui un uomo in grado di assumersi la propria responsabilità e agire per il bene del altri.

Hershel. Sa che le sue azioni per proteggere la famiglia hanno avuto conseguenze gravi e indesiderate. Sa che è vecchio ed è giunto il momento di farsi da parte, ecco perché lascia che siano gli altri a prendere una decisione così importante sulla sorte di Randall.

Daryl. È essenzialmente una persona di cuore, ma nella sua vita ha conosciuto solo la durezza e l'abbandono e pertanto si esprime da persona rozza e incapace di esprimere sentimenti. Tortura Randall nel tentativo di fargli dire tutto quello sa e quando gli rivela che ha assistito a uno stupro di gruppo senza reagire, capisce che non potrà mai essere una risorsa o un alleato.

Randall. Un ragazzo che cerca di salvarsi. Confessa a Daryl di aver vissuto in mezzo agli stupratori di gruppo e che non ha avuto reazioni al riguardo. Il nuovo mondo l'ha trasformato in un cinico privo di empatia che cerca solo di sopravvivere e lo dimostra quando dice a Carl di liberarlo così potrà portarlo dal suo gruppo e vivere entrambi al sicuro, segno che vuole tornare da quelli che lo hanno abbandonato a morire in città e che vede il gruppo di Rick come un branco di gente inconcludente e impacciata.

Tutto questo per dire, tra le altre cose, che la fattoria in questo scenario è lo sfondo tra la fine di un mondo a cui tutti volevano ostinatamente aggrapparsi e la consapevolezza ormai ineluttabile che bisogna sporcarsi la coscienza se si vuole continuare a sopravvivere.

38
The Walking Dead / Re: The Walking Dead - [Spoiler] - Season 2
« il: 4 March 2012, 18:26:10 »
Per chi ancora non si è sciacquato i panni nel Tamigi, ecco lo spoiler segnalato da Abelardo (la storia si riallaccia al fumetto):
(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)

Abelardo ha riportato l'originale in inglese qui: http://www.italiansubs.net/forum/index.php?topic=77255.msg3301216#msg3301216.

39
Allora non ho tempo di commentare adesso ma quando ho letto qusto non mi sono potuta trattenere...
Mi spiace ma non potresti essere più in errore... a parte il fatto che all'aria virus tipo HIV o EBV (sarebbe l'herpes) resistono almeno 6-10 minuti e sto parlando di se sono "nudi". Ma se parliamo di cellule infettate con dentro migliaia di virus ti assicuro che possono bastare anche quantità infinitesimali e l'unico modo per essere sicuro che quel coltello fosse sterile è bollirlo a 120 gradi (e per quanto sia HOT Shane (questo bisogna concederglielo in rare occasioni) non credo raggiunga questo livello) oppure immergerlo in varecchina ( e non ho visto macchie strane..).
Ora semplicemente per me sulla storia del coltello o non ci hanno fatto caso oppure è stato un errore di partenza... anche perchè anche Rick e il ragazzino si sono schizzati in faccia alla grandissima e allora dovrebbero essere in pericolo anche loro....
Il patogeno di The Walking Dead è sconosciuto. Edwin Jenner al CDC ha informato il gruppo di Rick che, una volta che quella cosa entra nel sangue di un essere umano vivente, causa il decesso e il ritorno entro alcune ore dal contagio. Tuttavia, la natura del patogeno e le sue possibili varianti non sono state determinate e perciò non è possibile sapere come si comporta in un ambiente esterno o se ha bisogno di un vettore o di un enzima per attivarsi.

(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)

40
La serie tv comincia poco a poco a instillare un dubbio che era apparso anche nei primi numeri del fumetto: perché i due walker trovati con il cranio bucato all'interno della recinzione non avevano né morsi né graffi?

Shane ha finalmente mostrato il suo vero volto a tutti quanti: un egoista e un impulsivo pieno di testosterone che non è in grado di pianificare un piano d'azione efficace. Su alcuni aspetti della vita dopo l'apocalisse ha pienamente ragione, ma è un elemento instabile (voleva sbarazzarsi di Rick sparandogli con un fucile alle spalle già nella prima stagione e senza rendersi conto che Dale aveva assistito alla scena) e il suo comportamento mette tutti a rischio, come ad esempio rimanere in silenzio dopo aver visto due volte lo stesso walker che vagava liberamente nel campo.

Rick ora è il vero leader: riesce a prendere la decisione giusta anche in situazioni scomode, non porta rancore e agisce sempre in prospettiva futura per il bene comune. Ha fatto di tutto per allontare la minaccia del nuovo arrivato portando Randall lontano dalla fattoria in un luogo che si pensava sicuro, ma dopo l'attacco dei walker e dopo aver scoperto che il ragazzo conosce la famiglia di Hershel, sa che deve ucciderlo.

Lori non riesce a comunicare con gli altri e il suo comportamento peggiora la situazione. È assalita dai sensi di colpa e vuole recuperare il matrimonio che stava facendo naufragare giocando alla brava mogliettina, pensa di avere ragione in molte circostanze e non ascolta, è confusa e vorrebbe che la vita tornasse alla normalità, al punto da minimizzare l'apocalisse e pertanto risulta odiosa a chiunque la frequenti.

Andrea ha fatto l'unica cosa sensata: lasciare a Beth decidere della propria vita. Sa perfettamente che tenere prigioniero chi ha già deciso di morire è solo una tortura e un prolungamento dell'agonia.

Ora passiamo alle "stranezze".

Shane infilnza il cervello di un walker con un coltello e poi si taglia il palmo della mano con la stessa arma. Il coltello era conservato in una tasca e ciò ha ripulito il sangue infetto e lo ha anche essicato, facendo perciò morire l'agente patogeno (un organismo che vive in un ambiente liquido muore appena tale ambiente cessa di esistere).

Lo spuntone di un'inferriata trapassa la gamba di Randall dopo che ha tentato di saltare da un tetto. I walker si svegliano per lo spuntino di mezzanotte e si avvicinano minacciosi, mentre Hershel presume che Randall possa aver subito danni ai muscoli, ai tendini e possibilmente al nervo della gamba. Rick sa che non c'è tempo e sfila la gamba del ragazzo dall'inferriata, senza sapere se ciò possa aver provocato conseguenze irreparabili. In un momento successivo e imprecisato, Randall scende dal bagagliaio della macchina e cammina normalmente. Probabilmente la sua ferita non è così grave come si era pensato. Ad ogni modo, quando c'è un'eccessiva quantità di adrenalina in corpo i recettori del dolore tendono a spegnersi e questo spiega perché il giovanotto non zoppicava o comunque non manifestava problemi di deambulazione.

I walker tendono a rimanere fermi, in una sorta di standby, se non c'è niente che attira la loro attenzione per molto tempo (nell'episodio pilota, Rick colpisce un walker con un mazza da baseball che giaceva seduto davanti la casa dei vicini e poi sveglia due walker in un autobus quando entra con il cavallo ad Atlanta). Il rumore degli spari nell'area recintata, la scazzottata e la chiave inglese buttata nella finestra hanno scatenato il branco.

Chi è Beth? È la sorella di Maggie nonché figlia di Hershel. È un personaggio comparso all'improvviso e che sembra avere un ruolo importante nella storia. All'interno del fumetto i nuovi personaggi appaiono di punto in bianco e acquisiscono un ruolo importante in tempi relativamente brevi, come ad esempio Padre Gabriel Stokes.

Nelle serie tv alcuni dei protagonisti non compaiono in ognuno degli episodi, quindi non vedo dove sia il problema che in quest'episodio abbiamo visto solo alcuni personaggi.

Ai lamentatori di professione: se la serie non vi piace, nessuno vi obbliga a guardarla. La serie tv cerca di rispecchiare uno scenario post-apocalittico quanto più verosimile. 40 minuti di sola azione non sono credibili né sostenibili, così come non è credibile assistere a dialoghi filosofici (nella vita normale tendiamo a parlare di banalità, figuriamoci in situazioni come quella di TWD).

41
The Walking Dead / Re: [Commenti] The Walking Dead 2x08 - Nebraska
« il: 14 February 2012, 18:34:19 »
Non pensavo che su questo forum esistesse la figura del lamentatore di professione.

The Walking Dead è ispirato all'omonimo fumetto che è imperniato molto sulla caratterizzazione psicologica dei personaggi e della loro lenta e ineluttabile trasformazione in un mondo in cui gli esseri umani sono diventati una specie praticamente estinta e all'ultimo gradino della scala alimentare, da che erano i predatori dominanti.

Immaginiamoci un mondo in cui quasi 7 miliardi di persone muoiono, ritornano e cominciano a mangiare i vivi. Nessuno è in grado di spiegare razionalmente il nuovo mondo né ha idea di come affrontare veramente la situazione e ogni evento assurdo e inaspettato è vissuto senza logicità. Tutte le certezze crollano miseramente mentre ci si illude che il mondo possa tornare come prima, la brutalità e la lotta per la sopravvivenza prendono il sopravvento su una vita che fino al giorno prima era comoda e opulenta.

Cosa fa una persona quando c'è qualcuno dietro l'angolo che vuole mangiarla? Cosa fa una persona quando fino al giorno prima comprava il cibo al supermercato e ora deve procurarselo come l'uomo delle caverne? Cosa fa una persona quando la sua soppravvivenza è fortemente minacciata? Scappa e cerca un rifugio, un luogo sicuro che possa offrirgli una parvenza di sicurezza e, quando lo trova, cerca di tenerselo stretto. Quando ti accorgi che le città sono popolate dagli zombie (S01E01), non c'è nessuno che possa proteggerti o curarti (S01E06), gli altri sopravvissuti sono disposti a tutto per tirare avanti (S01E04) e il posto isolato che avevi scelto è diventato il banchetto dei walker (S01E05), allora una fattoria sgangherata abbastanza isolata con acqua potabile, cibo e addirittura l'elettricità (S02E02) diventa il paradiso ed è lì che vuoi mettere radici, sapendo che lì fuori c'è solo orrore e disperazione. Chiunque di noi, in uno scenario apocalittico del genere, farebbe la stessa cosa. Facendo il parallelismo con il fumetto, Rick e il suo gruppo trascorrono un tempo relativamente lungo nella fattoria prima di abbandonarla (e dopo inizierà la vera catastrofe).

Quando ormai la tua vita è stata completamente stravolta, stai cercando di capire qual è adesso il tuo posto nel mondo (ammesso che ve ne sia uno) e cosa dovrai fare per sopravvivere, non te ne vai in giro a dare la caccia agli zombie o a metterti nei guai, cerchi di rimanere nel posto che ti sembra il più sicuro e fai di tutto affinché il falso senso di sicurezza e la pace forzata con gli altri non svaniscano nel nulla, anche a costo di compiere scelte palesemente insensate come radunare gli zombie in un fienile (S02E07). E cosa fai durante tutto questo tempo? Cerchi di vivere insieme agli altri, cerchi un dialogo e una convivenza con chi ormai sta sviluppando psicosi, comportamenti stupidi e illogici in seguito alle continue PTSS (sindrome da stress post-traumatico) che il nuovo mondo continua a sottoporre. E tutto questo non puoi mostrarlo in mezzo episodio, altrimenti ti ritrovi Shane sbroccato, Dale seminatore di zizzania, Lori aggrappata a ogni stupidaggine perché non accetta il nuovo mondo, Rick capobranco dubbioso con il complesso messianico, senza avere la minima idea di come abbiano fatto i personaggi ad arrivare a quel punto.

I morti che camminano (the walking dead) sono i soppravvissuti e non gli zombie perché ogni giorno che passa qualcosa in loro muore definitivamente, ma sanno che devono andare avanti, anche se per loro non c'è futuro, perché non vogliono trasformarsi nel demone che stanno combattendo.

Il tempo che scorre lentamente, i dialoghi interminabili e spesso banali, la ricerca di una bambina di cui nessuno voleva accettarne la morte (Sophia era diventata la metafora del lieto fine e della vita illusoria che i personaggi avevano costruito) sono l'unico espediente rimasto per chi si ostinava a rimanere cristallizzato in una situazione quasi irreale piuttosto che fare i conti con la più cupa disperazione che ogni tanto l'inconscio lasciava emergere.

D'ora in avanti, la vita dei personaggi sarà una continua e lenta caduta nel baratro intervallata dal pendolo di Schopenhauer che oscilla tra la monotona attesa dell'inevitabile e l'ineluttabile disperazione della catastrofe.

Dispiace molto che alcuni frequentatori del forum non abbiano colto questi aspetti importanti e si siano limitati alle critiche sterili e infantili piuttosto che concentrarsi sulla storia in sé.

PS: la scarsità di walker è dovuta al fatto che i personaggi si trovano all'interno di un'area rurale che, già di suo, era poco popolata (quando vanno in città o comunque in zone residenziali, i walker tendono ad aumentare).

PS: all'inizio della prima stagione i walker saltano i cancelli, corrono, usano pietre per sfondare le vetrate e girano addirittura i pomelli delle maniglie, mentre altri sono lenti e "stupidi".

PS: non c'è ancora la carestia perché è piena estate, sono passati pochi mesi dalla pandemia, e quindi il problema delle provviste non si è fatto sentire.

42
Non è un errore di sceneggiatura.

Carl viene sparato la mattina dopo che Sophia è scomparsa. Pertanto, Sophia è scappata dalle mangrovie lasciando cadere la bambola nel corso d'acqua, ha trovato rifugio nella casa abbandonata dove ha mangiato cibo inscatolato e ha dormito nel giaciglio ricavato dalla dispensa a muro, si è rimessa in cammino la mattina dopo dove è stata morsa e si è trasformata. Otis l'ha trovata, l'ha portata nel fienile, ed è tornato a caccia.

Rick, Shane e Carl trascorrono alcune ore tra il bosco, la chiesa infestata e la strada del ritorno. Si verifica perciò un lasso di tempo sufficientemente lungo affinché Sophia si zombificasse e venisse condotta al fienile, Otis tornasse nuovamente a caccia e sparasse a Carl per sbaglio.

43
La narrazione usata in The Walking Dead potrebbe far storcere il naso a varie persone, ma è in realtà il piatto forte perché rende lo spettatore sempre più partecipe alle vicende dei personaggi dove la sopravvivenza in un mondo ormai post-apocalittico è scandita dai rintocchi di Schopenhaueriana memoria (la vita è un pendolo che oscilla tra la noia e il dolore) e ogni momento sembra diventare l'angosciante attesa del peggio e dell'ignoto.

I dialoghi tra i vari personaggi, i dubbi sul comportamento e sulle azioni degli altri, le dinamiche di un gruppo che ormai sembra prossimo al collasso, aiutano a capire che i morti che camminano sono loro e non i cadaveri ambulanti, perché ormai quella che è diventata la vita non è altro che una sopravvivenza precaria legata a una flebile speranza che prima o poi l'incubo avrà fine.

L'inizio del 2° episodio mostra Lori che nutre dei dubbi sul suo matrimonio e questo aiuta a comprendere i comportamenti irrazionali che ha avuto finora. È attanagliata dal senso di colpa che ha avuto/continua ad avere nei confronti del marito Rick (lui sempre comprensivo e ragionevole, lei stronza di proposito) e solo adesso si rende conto di quanto egli sia importante per lei e di come lo stesse perdendo dopo averlo tradito con il suo migliore amico Shane.

Shane, anch'egli colpevole nei confronti dell'amico, si lancia a capofitto in una missione tendenzialmente suicida per salvare Carl, come se ciò in un certo senso costituisse una sorta di catarsi per riscattarsi dal tentato stupro di Lori e dalle corne messa al suo amico Rick. Oltre a ciò, Shane sembra soffrire di una sorta di complesso da inferiorità nei confronti di Rick e cerca di farsi notare mostrando coraggio e doti di leadership che però tendono a fargli correre rischi inutili.

Andrea è un personaggio controverso perché dichiara apertamente che avrebbe voluto suicidarsi, ma poi vuole imparare a usare una pistola e grida aiuto quando un walker cerca di mangiarla nel bosco. È incazzata con se stessa e con il mondo e si sente perennemente in colpa per non essere stata vicina alla sorella Amy che poi ha dovuto sparare alla testa quando si è tramutata in una walker.

Theodor T-Dog Douglas mostra tutta la sua debolezza quando propone a Dale di andarsene via con il camper accampando scuse da capro espiatorio in una sorta di autoflagellazione mentale dal sapore razzista. Sa che la sua presenza non fornisce alcun supporto al gruppo e sembra voler gettare la spugna durante il suo febbricitante delirio.

Glenn potrebbe essere una rivelazione, dal momento che ha mostrato grandi doti di strategia ed è stato più volte un valido elemento del gruppo.

Dale sa che è un vecchio indebolito e presto potrebbe costituire un fardello per tutto il gruppo. Cerca di rendersi utile con la saggezza dei suoi discorsi e aiutando laddove è possibile, forse nel vano tentativo di non lasciarsi assalire dalla disperazione di aver perso tutto e di vivere in una precaria illusione.

Daryl il campagnolo Dixon è l'unico che finora si è meglio adattato al nuovo mondo e ha tratto in salvo vari membri del gruppo, nonostante se ne vada a spasso con una borsa piena di medicinali rubati e anfetamine di vario tipo.

Carol è ormai una donna e una madre decontestualizzata. Sa che non appartiene a quel mondo, sa che non appartiene a quel gruppo (accusa Rick ingiustamente e si accoda rassegnata agli altri sapendo di non aver alternative), sa che non esiste nient'altro.

Rick è un uomo affranto dai sensi di colpa e dal dubbio. Porta con sé il cappello da sceriffo perché è l'unica cosa che lo tiene aggrappato a un passato che gli ricorda chi è. Il nuovo mondo e il disperato tentativo di sopravvivenza gli faranno perdere poco a poco tutta la sua umanità.

Gli ingredienti per una serie di successo come il fumetto ci sono tutti quanti e si vedono, anche se a piccole dosi.

Naturalmente, ci saranno gli immancabili contestatori di espressioni facciali, di riprese cinematografiche e quant'altro, e punteranno tutti il dito contro la lentezza di questo episodio, definendolo con molta probabilità un filler inconcludente come fu fatto ai tempi del buon vecchio Lost, senza rendersi conto che questi cosiddetti filler si sono poi rivelati molto importanti per gli episodi a seguire. Ricordiamoci che stiamo parlando di una serie dove il mondo è finito e si lotta per la sopravvivenza. Non c'è tempo e non c'è spazio per pianificare sempre le cose nel modo più saggio possibile, bisogna agire alla svelta o si diventa walker.

Naturalmente non sappiamo come evolverà la serie, se ci sarà una terza stagione, ma comunque stiamo parlando di una serie sui generis incentrata più sulla ricerca della sopravvivenza dei personaggi che sugli effimeri effetti speciali fini a se stessi.

44
Dialoghi inutili e stupidi, comportamenti senza senso:
-la quasi stuprata chiede al suo stupratore perchè non gli parla. Ma vaffanculo va
Le emozioni umane sono portate all'esasperazione dalla realtà distopica e pertanto i comportamenti irrazionali sono diventati sempre più frequenti. Shane e Lori sono stati una coppia quando pensavano che Rick fosse morto; Shane comunque si è vergognato delle sue azioni e per questo ha deciso di abbandonare il gruppo.
-quell'altro coglione che parla alla statua di un tizio su una croce. povero pirla
La disperazione conduce la gente a fare cose assurde che mai avrebbero fatto in precedenza, come parlare a una statua pensando che in qualche modo possa aggiustare le cose o farle andare meglio.
-stereotipi di tutti i tipi, il grande machismo dei protagonisti, il vecchio saggio, bambini che scappano nei boschi
Quando ti rendi conto che tutte le tue certezze sono crollate miseramente, che il mondo in cui ha vissuto non esiste più, che l'inferno esiste davvero e tu ne sei la vittima, devi per forza di cose mostrare gli attributi. In ogni gruppo c'è sempre la persona che cerca a tutti i costi di non far precipitare le cose per evitare situazioni ancora peggiori. Dove altro sarebbe potuta scappare la bambina? In mezzo alle auto ribaltate oppure dirigersi verso il luogo dal quale sono sbucati i walker?
-zombie che corrono
È già successo nella prima stagione e lo fanno quando danno la caccia a una preda.
-una regia veramente di merda, un montaggio fatto col culo
Potresti farci un esempio?
-scene inutili e fastidiose. lo squartamento dello zombie non serve a un cazzo, come la identifichi una persona nello stomaco?
Dai brandelli di carne ricoperti di pelle umana.
fastidiose perchè per 1 minuto e mezzo la scena l'inquadratura è sulle facce di minchia di quei due che tagliano e si sposta solo alla fine la.
A parte la grammatica scadente, lo scopo di quella scena è mostrare come i protagonisti stiano perdendo poco a poco la loro umanità e si stiano imbarbarendo.
gli effetti speciali gli costavano tanto farli?
Ce ne sono a quintali in ogni episodio che, evidentemente, hai guardato con distrazione.
guardatevi eaters, un film di zombie fatto con 50000 euro (si, avete capito bene) in cui queste scene sono raffigurate per intero
Stai paragonando le mele con i limoni?
-gli zombie col cannocchiale sono dall'altra parte degli stati uniti, neanche il tempo di appoggiarsi sotto le macchine e sono già li.
Non sono troppo lontani. I cannocchiali si regolano da poche decine di metri fino a vari chilometri.
o la regia è una merda oppure la scelta di far fare la vedetta ad un vecchio idiota ciecato non è molto saggia
Oppure l'orda si trovava già da quelle parti per altre ragioni e il rumore della carovana dei sopravvissuti li ha attirati. All'inizio erano un paio e poi sono aumentati.
-quel coglione nero si appoggia alla macchina e si apre un braccio. ma per favore ma che cazzo dite.
Sembrerebbe che T-Dog si sia lacerato un'arteria e questo lo avrebbe portato alla morte per dissanguamento in pochi minuti, ma potrebbe anche trattarsi di sangue venoso e questo è un dettaglio che solo un medico potrà chiarire con precisione.
-tutti preoccupati per un vecchio camper di merda quando attorno ce ne sono a decine di mezzi di qualsiasi tipo. SI, ANCHE CAMPER. molto meglio di un camper di merda di un vecchio di merda che si rompe ad ogni puntata.
Altri camper che però sono fermi lì da chissà quanto tempo e potrebbero richiedere una manutenzione addirittura maggiore di quello sul quale viaggia Dale. Quando vivi in un mondo in cui tutto è crollato, ti aggrappi a quelle poche cose che ti danno certezza. Un camper malandato dà più certezze di un camper abbandonato che potrebbe non essere più in grado di ripartire o essere addirittura più problematico (nessuno dei protagonisti ha mostrato grandi doti meccaniche fino a questo momento).
edit: ho riletto il mio commento, ho scritto male, di getto. scusate ma non editerò. se gente con milioni di euro a disposizione tira fuori sta cagata io avrò pure il diritto di non correggere il mio intervento
Sei libero di esprimere le tue opinioni, ma lo hai fatto in modo abbastanza scurrile e questo compromette la credibilità delle tue affermazioni.

The Walking Dead (fumetto) contiene vari buchi narrativi e circa una novantina di stranezze tra incongruenze e domande senza risposta, stando ai forum americani. Ciononostante resta comunque un buon lavoro perché mette in risalto la vera natura delle persone che vivono in una realtà post-apocalittica e ti fa capire che il vero problema non sono i morti che vagano per le strade del mondo, ma i vivi che cercano di sopravvivere dopo aver abdicato a tutto ciò che li rende umani.

The Walking Dead (serie tv) non è la trasposizione cinematografica del fumetto (gli autori lo hanno ribadito più di una volta) e segue una linea leggermente diversa. In un telefilm dove ci sono gli zombie (parola che non viene mai usata nella versione originale, ma solo nella traduzione italiana), devi per forza concentrarti sulle vicende dei sopravvissuti (interessanti o assurde che siano) perché non puoi far vedere 50 minuti di zombie che lanciano suoni disumani, si muovono goffamente e cercano di mangiare le persone.

Pagine: 1 2 [3]