Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - capitanmicio

Pagine: 1 [2] 3
16
The Following / Re: [Commenti] The Following 1x07 - Let Me Go
« il: 5 March 2013, 23:47:57 »
MADRE DI TUTTE LE PREMESSE
Joe Carroll esercita il potere e il controllo su persone con scarsa personalità, psicolabili o in cerca di qualcuno che gli dia un briciolo di autostima, un senso della comunità, per poi pretendere una grossa contropartita; se non può controllarli troverà un modo per ricattarli.

PREMESSE QUA E LÀ
  • Avere a che fare con follower di ogni tipo, troppo comuni, rende tutto molto difficile per la polizia.
  • Un serial killer non è un terrorista e pertanto il Patriot Act non è applicabile come auspicato in altri thread, altrimenti chiunque userebbe la scusa per dire "quello è un terrorista" e agire in un limbo di giustizia parallela.
  • I diritti costituzionali non sono derogabili e vanno garantiti a chiunque, compreso il diritto di parlare con un avvocato ed esercitare tali diritti attraverso di lui.
  • I colloqui tra detenuto e avvocato rientrano nel segreto istruttorio e sono protetti da varie leggi ed emendamenti.
  • I serial killer sono metodici e non danno mai nell'occhio; molti di essi sono catturati dopo anni, spesso perché usciti fuori dalla consuetudine. Pertanto, serial killer e follower faranno e diranno cose apparentemente ordinarie, noiose e certe volte ai limiti della prevedibilità.
Il direttore del Bureau ha sperimentato sulla propria pelle la potenza e la pericolosità di Joe Carroll e sapeva fin dall'inizio che gli agenti del suo staff stavano ancora brancolando nel buio e avevano appena iniziato a raschiare la patina in superficie, considerando gli adepti che s'infiltrano nella SWAT e nella polizia locale nonché l'avvocatessa che lancia messaggi in codice dando inizio a una carneficina. Joe Carroll ricattava indirettamente il direttore dell'FBI da almeno due giorni e perciò era a disposto a tutto pur di riavere sua figlia, compreso mandare in vacca ogni cosa. Tutto questo spiega anche la "faciloneria" nella gestione del serial killer.

L'avvocatessa è completamente soggiogata e impaurita da Joe Carroll, ha perso ogni raziocinio e si comporta stupidamente.

Joey Carroll Matthews è un bambino, ha intuito di avere a che fare con un'orda di pazzi e ha anche tentato di fuggire e salvare una prigioniera. I suoi tentativi di fuga sono falliti più di una volta così come l'aiuto alla prigioniera. Che altro avrebbe potuto fare se non assecondare i pazzi?

Se Ryan Hardy e Mike Weston avessero aspettato i rinforzi prima d'intervenire in un luogo affollato e facilmente abbandonabile, Joe Carroll avrebbe fatto il giro del mondo almeno un paio di volte.

Ho voluto esprimere il mio "spiegone" perché sono stanco di vedere lamentele e critiche elargite con troppa disinvoltura. La serie è lenta, a tratti può sembrare prevedibile, ma non è certo una storia senza capo né coda o basata prevalentemente sulle incongruenze.

Se tutto ciò fosse successo in Italia, come sarebbe andata? Sarah Scazzi e Yara Gambirasio sono la prova lampante di come un cliché possa giungere ad epiloghi grotteschi e a tratti ridicoli, ma le loro storie, con tutto il bailamme al seguito, sono vere.

17
The Following / Re: [Commenti] The Following - 1x05 - "The Siege"
« il: 22 February 2013, 15:50:49 »
Leggo continue critiche sulla serie, ma c'è un punto che forse rimane in penombra e che io considero importante: la psicologia criminale alla base della storia.

Analizziamo i fatti: Joe Carroll è fissato con i romanzi di Edgar Allan Poe e le storie di omicidi che raccontano. Possiede un'indole omicida, è molto intelligente ed è un abile manipolatore. Raccatta poveri derelitti riempendogli la testa di chissà quali stronzate al punto da trasformarli in una setta assassina con connotazioni terroristiche. Le sue scorribande terminano dopo una lunga sequenza di omicidi perché è stato molto abile a non lasciare tracce decisive e perché un agente dell'FBI, ragionando fuori dagli schemi, è riuscito a capire la sua mente perversa e a fermarlo, rimanendoci quasi morto. Pertanto, fino all'arrivo di Ryan Hardy, la polizia e l'FBI avevano già cacato fuori dal vasino.

La trama di Joe Carroll è ancora ammantata di mistero e quello che vediamo è soltanto una goccia nell'oceano del suo ultimo folle progetto. È in prigione, ma riesce a piazzare i suoi luogotenenti nella casa della moglie Claire. La tata Emma sequestrerà il figlio Joey, i due vicini Paul e Jacob conoscono vita, morte e miracoli della donna e il poliziotto Jordy che riesce quasi ad ucciderla sono tutti elementi inquietanti di uno stalker che stanno lì ad indicare "dovunque tu vada e qualunque cosa tu faccia, io ti sto addosso", ponendo la donna in uno stato di costante terrore e di sudditanza indotta.

L'avvocatessa Olivia è anche lei vittima indiretta di Carroll perché ha subito violenze e coercizioni di un uomo dedito a massacranti omicidi che, sebbene rinchiuso dietro le sbarre, manda i suoi sgherri a compiere il lavoro sporco, in perfetto stile mafioso. Sa perfettamente che non è al sicuro e nessuno può proteggerla, anche in considerazione del poliziotto Jordy. Leggendo un passaggio di uno dei romanzi di E.A. Poe, innesca involontariamente una cellula dormiente e, ascoltando le parole, sembra che stia parlando del sacrificio dei tre rapitori alla fattoria. Piccola nota alle polemiche dei post precedenti: negli Stati Uniti i diritti fondamentali della costituzione vanno garantiti a chiunque e le conversazioni con l'avvocato sono considerate segreto istruttorio e pertanto non intercettabili.

Mike Weston ha individuato l'origine della chiamata di aiuto di Joey da una connessione wifi del telefonino in mano al bambino che poi è subito scomparsa, seguita da un segnale telefonico rimbalzato per il mondo a causa di un virus informatico. Non c'è certezza che il luogo del sequestro sia quello della connessione wifi e quindi si procederà alla cieca. Considerando che nella zona rurale ci sono 20 abitazioni con annessi fienili e considerando che per circondare ogni lato ci vogliono minimo tre agenti, significa disporre di circa 500 uomini. Insieme a questi 500 agenti bisogna mandare anche le squadre SWAT e i negoziatori. In una piccola contea, dubito che si riescano a trovare tanti agenti in così poco tempo. I vicini anziani sono impauriti e impacciati e non sanno come comportarsi quando vedono il bambino arrivare a casa loro e quindi la loro reazione è più che plausibile. Lo stesso vale per l'agente Lopez che era di compagnia a Hardy che rimane fortemente scosso alla visione dei due morti ammazzati.

Tutto questo per dire che, considerando i pochi elementi, il poco tempo, i pochi rinforzi, l'instabilità mentale e la pericolosità di tutti i soggetti coinvolti, quello che è successo è plausibile e realistico. Ricordiamoci inoltre che gli agenti FBI Mike Weston e Debra Parker finora non sembrano avercela raccontata giusta e che potrebbero essere altri adepti di Carroll e questo spiegherebbe la superficialità di come è gestita la situazione.

Errori qua e là nella sceneggiatura s'intravedono, però dire che questo telefilm è una scemenza totale perché alcune scene sono prevedibili (se fosse il contrario, si griderebbe al teatro dell'assurdo) mi sembra quanto meno riduttivo.

18
The Following / Re: [Commenti] The Following - 1x04 - "Mad Love"
« il: 15 February 2013, 14:35:52 »
Premessa
I serial killer tendono ad essere ripetitivi e metodici nelle loro azioni, spesso anche banali, e fanno di tutto pur di apparire persone normali, abitudinarie, addirittura noiose. Essi sono degli astuti pianificatori e calcolano le varie possibilità di un evento affinché tutto sia sotto il loro controllo e per garantirsi la continuità della loro follia.

Nel nostro caso il serial killer si è costruito una setta, ammaliando e poi abbindolando giovani frustrati e disturbati che, non avendo il pieno controllo del loro pensiero e delle loro azioni, sono inesorabilmente portati a compiere gesti stupidi o a sentirsi smarriti se il loro capo carismatico non è presente a guidarli e a rassicurarli.

Aspettarsi colpi di scena eclatanti o situazioni al limite dell'immaginabile potrebbe condurre a facili delusioni per il telespettatore perché la storia narra di un pazzo assassino metodico, travestito da uomo comune che, da dietro le sbarre, induce giovani psicolabili e confusi a compiere omicidi in suo nome.

La serie tv si propone di essere quanto più realistica possibile, anche nella goffagine della polizia che, erroneamente fiera di sé, sembra sempre rimanere un passo indietro e lasciarsi cadere i pezzi per strada. Tanto per fare un parallelismo, Charles Manson fu catturato due anni dopo aver dato inizio al culto "The Manson Family" e solo perché alcuni dei suoi 50 adepti cominciarono a vuotare il sacco.


Questo episodio è servito più che altro a delineare la psicologia disturbata del trio amoroso e della vita tormentata di Ryan Hardy. Considerando ciò che abbiamo visto, penso che Joe Carroll avesse deliberatamente mandato un gruppo di stupidi sbandati allo sbaraglio per far credere alla polizia di avere a che fare con una questione facilmente risolvibile, in modo tale da sganciare l'atomica e ottenere il maggior danno possibile quando nessuno si aspetterebbe azioni importanti da parte dei suoi seguaci.

L'agente Mike Weston, affibbiato a Ryan Hardy, o è davvero un povero idiota che riesce a trovare l'ingresso secondario del ritorante solo dopo 40 minuti oppure è un luogotenente di Joe Carroll che sta portando avanti il suo folle obiettivo. L'omicidio di Maggie Kester può essere visto da una doppia prospettiva: eliminare una pazza assassina oppure uccidere un'adepta che ha disobbedito e quindi affermare il dominio di Joe Carroll sul resto dei follower. In tal caso, Mike Weston porterebbe avanti l'agenda di Joe Carroll facendo al contempo anche il lavoro sporco.

19
Rick è sbroccato ed è in preda ai deliri paranoici a causa di ciò che è costretto ad affrontare ogni giorno. Non appena sembra aver ritrovato un'apparente normalità, finisce nuovamente catapultato in situazioni di violenza insensata e di morte a profusione. Non è lucido, il suo vice Daryl se ne va con il fratello Merle, il fedele Glenn sfida apertamente la sua autorità, Hershel dubita del suo giudizio a proposito di Tyrese e Michonne fa un po' come le pare disdegnando il suo ruolo di leader. Rick aveva scelto di proteggere e guidare il suo gruppo, senza sapere in cosa si sarebbe realmente imbattuto e sta(va) già valutando le alternative che, date le circostanze, non esistono. In un contesto del genere, con l'oppressione di dover reggere tutto sulle proprie spalle e di nutrire dubbi sul fatto di essersi sopravvalutati e di rimanere inascoltati, la razionalità va a farsi benedire, com'è già successo con il comportamento paradossale che ha assunto dopo aver appreso che Carl aveva ammazzato Lori.

Glenn è cresciuto, non è più il friggitore di patate al fast-food che raccattava provviste da portare al rifugio. Ha sfidato apertamente il maschio alpha quando ha annientato brutalmente quel walker del pickup perché in realtà avrebbe voluto schiacciare sotto i piedi sia Rick sia Philip. Il primo perché gli ha impedito di consumare la sua vendetta e il secondo perché aveva violato la dignità di Maggie. Il gesto mostra chiaramente che Glenn è maturo abbastanza da provvedere per sé e per gli altri, che non è più tempo di badare ai fronzoli, e che è autorevole abbastanza da potersi sostituire a Rick (Ricordate quando alla fattoria Maggie gli disse che aveva le doti di un leader? Ricordate quando al centro commerciale di Atlanta Merle gli chiese che ci faceva uno stratega militare in un fast-food?). Ha ancora altra strada da percorrere perché si lascia trasportare dall'emotività, ma è al momento è l'unico papabile al ruolo di leader.

Daryl deve ancora sconfiggere i suoi demoni e chiudere con quella parte del passato che gli impedisce di evolvere completamente. È in qualche modo succube di Merle che ancora oggi tende a sminuirlo e a riconoscere a malapena i notevoli traguardi che ha raggiunto. Daryl è il classico bastian contrario: acquista umanità e senso di comunanza mentre tutti gli altri sembrano imbarbarirsi e isolarsi. Si sente in colpa per non essere riuscito a proteggere il fratello maggiore, che continua a tartassarlo e a scoraggiarlo, e si unisce a lui nei boschi allontanandosi dal gruppo di Rick.

Carl è la vera incognita. Ha ucciso sua madre e causato indirettamente la morte di Dale e, ciononostante, sta mostrando un aplomb impeccabile. È ancora un ragazzino, ma è abbastanza cresciuto da iniziare a essere consapevole delle sue azioni. Non penso manchi molto prima che manifesti una sindrome da stess post-traumatico.

Andrea è il classico asino in mezzo ai suoni che non riesce ancora a ritagliarsi il suo posto nel mondo e vive da costante intrusa nella vita degli altri. Sa cavarsela a malapena ma non è matura abbastanza perché è sempre vissuta in contesti in cui altre persone, volenti o nolenti, si sono presi cura di lei. Si comporta stupidamente e cerca maldestramente di fare la cosa giusta con risultati molto discutibili.

Philip ora è denudato di quello strato di psicotica normalità che si era autoimposto e che aveva imposto a Woodbury. Viveva nell'effimera illusione di guarire la figlia zombificata e ora è letteralmente accecato dall'odio contro Rick perché gli ha strappato via l'autorità e l'utopia acquisita con la forza e l'inganno e l'ha riportato a una realtà dalla quale si era isolato. È pronto a tutto pur di consumare la sua vendetta contro Rick perché ormai non ha più niente per cui valga la pena vivere.

Tyrese sa che non può continuare a vivere con un gruppo sempre più indebolito e striminzito e cerca di unirsi disperatamente alla compagnia sgangherata di Rick. Sa anche che avrà una bella gatta da pelare, visto che il suo compare ha già meditato di volersi impadronire brutalmente della prigione.

Hershel deve la vita a Rick, sa che è storpio e bisognoso di cure. Sa anche che il suo salvatore sta perdendo progressivamente la ragione e cerca di stabilire compromessi che siano utili a tutti quanti. Non si fida più di Rick quando gli chiede di ripensare alla decisione sul gruppo di Tyrese.

Gli abitanti di Woodbury sono come noi italiani: sanno perfettamente che intorno a loro c'è orrore e follia, ma perseverano nell'illusione che ci sia qualcuno che possa tirarli fuori dal baratro e sono disposti a farsi manipolare da qualsiasi panzana gli venga raccontata. Andrea, con la sua oratoria bislacca, e l'automobile di fuggitivi, preparata per chissà quale villeggiatura, ne sono la dimostrazione.

Gli ingredienti per la tempesta perfetta si stanno amalgamando. Per arrivare a questa situazione bisognava per forza procedere lentamente con parti drammatiche, altrimenti la guerra dagli esiti incerti tra la prigione e Woodbury, ormai imminente e scontata, non sarebbe stata spiegabile né plausibile.

20
L'intera stagione è stata semplicemente sublime, con un cast azzeccatissimo e un susseguirsi di storie avvincenti.

(clicca per mostrare/nascondere)

In ogni singolo episodio è stata sviscerata la natura umana in tutti i suoi cambiamenti repentini ed esplosivi. Ogni personaggio ha mostrato un comportamento costante e mutevole, misericordioso e nichilista, filantropico ed egoistico, al punto da porre l'interrogativo di quale fosse il limite tra la sanità mentale e la pazzia e se i pazzi, i cosiddetti mostri, fossero davvero i pazienti privati della loro dignità e della loro essenza umana o dei cosiddetti normali che perpetravano ogni degenerazione. È questo il fulcro horror di tutta la stagione: l'imprevedibilità umana.
(clicca per mostrare/nascondere)

La storyline degli alieni altro non è stato che l'escamotoge per introdurre la narrazione delle varie vicende. Negli anni '60 parlare di rapimenti, contatti, avvistamenti alieni era considerato un sintomo di pazzia. Non si è mai chiarita a fondo la questione, tanto da instillare il dubbio che forse si trattava di esperimenti scientifici umani mascherati da visite aliene per nascondere e distogliere l'attenzione sulle aberrazioni che all'epoca il governo statunitense conduceva per sconfiggere il demone comunista. Mettere in risalto un fatto che per tutta la stagione è rimasto comunque marginale, non avrebbe apportato nulla alla trama e avrebbe rischiato di trasformarsi in una cagata pazzesca di fantozziana memoria.

Penso che monsignor/cardinale Timothy Howard sia un personaggio che probabilmente è rimasto in penombra. È ambizioso e pure codardo, dedito alla gloria, all'autocompiacimento e con un senso molto disturbato di etica e moralità. Questo perché in tutti gli episodi in cui si è visto l'attore Joseph Fiennes con l'espressione imbambolata, è come se avesse sempre dato l'impressione di essere decontestualizzato, di trovarsi in una situazione che non gli è mai stata naturale e dalla quale non può più uscirne e quindi ha abbracciato la filosofia "mi trovo in ballo e provo a condurre questa strana danza".

Brad Falchuk e Ryan Murphy hanno sceneggiato una serie molto particolare, avvincente, con stagioni antologiche e storie quotidiane che, per quanto sembrano racconti leggendari e lontani, sono in realtà la storia del marciume umano che quotidianamente si consuma davanti ai nostri occhi, anche se in forme e modi diversi.

21
Rick e Philip sono due facce della stessa medaglia. Rick è a capo di un gruppo, si consulta con gli altri ma alla fine decide per ciò che considera il bene superiore. Philip è a capo di una comunità, finge di dialogare con gli altri e alla fine decide per ciò che è il suo bene. Rick è uscito di senno dopo la morte della moglie e le allucinazioni su Shane ne sono la prova. Philip è uscito di senno dopo la morte della figlia e le teste degli zombie inscatolati ne sono la prova. Due persone su fronti opposti, due schegge impazzite, una dittatoriale narcisistica e l'altra dittatoriale illuminata. L'abisso nel quale sono precipitati la società e la cultura umana condurrà a conseguenze sempre più devastanti, mettendo quasi in penombra l'apocalisse zombie.

Il governatore ormai è disperato perché il suo potere, basato su menzogne, coercizioni e manipolazioni, sta franando. Il discorso che egli tiene all'arena è il tentativo di salvare potere e leadership: si finge debole, indifeso, instilla il sentimento di compassione, di protezione e di rivalsa nella popolazione soggiocata, al fine di mostrare la capacità di essere ancora un leader valente e capace di risolvere con decisione il problema del traditore, ma soprattutto per reclutare e condurre i suoi uomini verso un massacro contro la prigione, dal momento che non sa quante persone sono a protezione del carcere e fino a che punto sono armate.

Rick è disperato e tenta un salvataggio dei suoi amici in quella che chiunque avrebbe definito una missione suicida: si fida di una sconosciuta di poche parole, espone a un pericolo enorme i suoi uomini, con il rischio di finire catturati e mostrando la strada al loro rifugio. Oltre a ciò, la prigione come rifugio sicuro era una pura illusione: i nuovi arrivati hanno mostrato come le recinzioni del carcere siano crollate e che gli zombie, così come altri sopravvissuti, possono arrivare in ogni singolo momento.

Finalmente The Walking Dead si sta mostrando per quello che è davvero: i morti che camminano sono i sopravvissuti, gente ormai senza più uno scopo se non quello della mera sopravvivenza in un mondo dove non c'è più posto per gli umani e l'umanità. A questo punto, se anche si trovasse un vaccino contro l'epidemia e il modo per rendere innocui gli zombie, il mondo dei vivi sarebbe comunque invivibile e destinato a un lungo periodo d'involuzione e barbarie. Qualunque sia il futuro, tutto peggiorerà.


22
Glenn ha dimostrato di essere cresciuto e di sapersela cavare in situazioni potenzialmente mortali. Non si è lasciato intimidire dall'interrogatorio di Merle né dal walker affamato. Il suo sguardo nei confronti di Merle e del Governatore grida vendetta e morte.

Merle è infido e altamente stupido. Giura falsa fedeltà al Governatore quando gli chiede se si schiererà con lui o il fratello e cerca di uccidere Glenn compromettendo l'unica possibilità di scoprire il nascondiglio di Rick.

Maggie è una ragazza spaventata e ha ceduto alla coercizione. Ha rivelato fin troppi dettagli, cercando di ottenere tempo e clemenza per sé e il fidanzato.

Il Governatore ha aggiunto anche lo stupro all'edificante quadretto sulla sua persona?

Michonne ha capito che il gruppo di Rick non è come quello del Governatore, ma è altresì spaventata e rivela solo quelle poche informazioni necessarie per paura di esporsi troppo o di trovarsi in pericoli maggiori.

Judith? L'hanno chiamata Judith? Avrebbero dovuto chiamarla GARGIULIA!!!

Il preludio all'apocalisse è ora servito: due gruppi di sopravvissuti, uno numeroso e capeggiato da uno psicopatico con una manica di soldatini accondiscententi, e l'altro sguarnito di uomini e munizioni, forgiato dagli eventi e pronto a tutto pur di riprendersi Glenn e Maggie. Qualunque cosa accadrà, saranno pescetti amari.

23
(clicca per mostrare/nascondere)
(clicca per mostrare/nascondere)
(clicca per mostrare/nascondere)
(clicca per mostrare/nascondere)

vabbeh, abbiamo visto il culo ad Andrea... accontentati  :nerdsaw:
Scema e bonazza, il classico clichè della biondona che però funziona sempre!

24
The Walking Dead / Re: [Commenti] The Walking Dead 3x06 - Hounded
« il: 20 November 2012, 11:52:17 »
Episodio di transizione e introduttivo all'apocalisse (tra i viventi, questa volta) che si staglia all'orizzonte tra Phlip-Governor e il gruppo di Rick. Il gruppo di Rick ha esaurito quasi tutte le munizioni, è allo stremo e sta cercando di ricomporre i pezzi. Il gruppo del Governor ha da poco trovato un arsenale, è numeroso, forte e compatto. Non prevedo nullo di buono...

C'è molta più lentezza rispetto agli ultimi episodi, ma continuare ad uccidere sempre walker e introdurre continue scene al cardiopalma non avrebbe portato a un'evoluzione della trama. È assolutamente naturale che dopo una serie di cliffhanger ci sarebbero stati dei momenti più tranquilli.

Glenn e Maggie in quest'episodio si sono autoproclamati imbecilli dell'anno: siete in avanscoperta in un posto potenzialmente pieno di walker, sapete che ci sono altri sopravvissuti che rovistano qua e là e non si fanno scrupoli ad uccidere la gente, siete armati e voi cosa fate? Vi fate sopraffare da una vecchia conoscenza psicopatica che per aggiunta è pure monco? Certo, se non fosse stato per la loro dabenaggine Michonne non avrebbe mai ascoltato la conversazione e non avrebbe mai saputo come raggiungere la prigione.

Merle ha smesso di fare il cagnolino del Governor ed è tornato ad essere il piantagrane sciroccato di sempre. Un'ulteriore conferma che non ci sta con la testa è che uccide coso... come si chiama... ah, Gargiulio dopo averlo protetto e fattogli da mentore nel bosco e non fa una piega quando ha scoperto che Daryl è vivo dopo che per mesi si è dannato a cercarlo.

Andrea è sempre più zoc... moralmente discutibile e ha il senso innato di ficcarsi in situazioni pericolose perché attratta da ciò che si nasconde nelle mutande del villain di turno.

Michonne ci ha regalato una piccola perla alla Tarantino: si diverte a spaventare con gli zombiegramma in puro stile pulp, se ne va in giro con una pallottola conficcata nella gamba e alla fine si presenta al reticolato della prigione con il cesto della spesa, quasi fosse Cappuccetto Rosso che va a casa della nonna. È l'unica persona che finora è riuscita a vedere la cruda realtà e finalmente ha smesso di avere un ruolo marginale nel quale mostra solo espressioni imbronciate.

Rick è riuscito a elaborare il lutto e a trovare una ragione per continuare a vivere e lottare. È uscito di senno a causa di tutto l'orrore insostenibile che ha dovuto sopportare e le telefonate sono state un mezzo per espiare le sue colpe, dire addio alle persone che ha amato e sentire ciò di cui aveva bisogno. Un lungo ed elaborato momento di catarsi che si è concluso quando ha abbracciato per la prima volta il figlio della colpa la neonata.

Hershel rimane sempre il saggio del gruppo con una buona dose di cazzutaggine: se ne va a zonzo per le scale con una gamba amputata, intuisce che Rick è sbroccato quando alza la cornetta e dall'altra parte c'è il nulla, ma lascia che il suo amico trovi la strada per tornare al mondo reale.

Philip, aka The Governor, fa a gara con Merle per vincere il premio dello psicopatico dell'anno. Non ha fatto però i conti con Andrea che, oltre alla zoccolaggine, riesce inconsapevolmente a incasinare le situazioni, e il medico-scienziato che in varie occasioni ha mostrato sdegno e disappunto per ciò che succede a Woodbury.

Gargiulio è un'altra comparsa di tarantiniana memoria. Una comparsa che mai avrebbe sviluppato la trama e il cui nome buffo ci ossessionerà fino alla fine della stagione.

Stranezze?

Carol ha usato tutte le armi che aveva per scampare ai walker e alla fine si è rinchiusa in uno stanzino. Non sapeva quanti altri walker fossero ancora lì fuori e quindi urlare o fare rumore avrebbe potuto attirare altri non-morti. Era esausta e indebolita e se avesse chiamato Daryl fin da subito per farsi salvare, sarebbe stata un peso e un possibile pericolo per gli altri.

Come fa Michonne ad allontanarsi dal bosco, dirigersi al drug store e infine arrivare alla prigione con un proiettile conficcato nella gamba? L'unica spiegazione che riesco a dare è che la ferita è superficiale e che il proiettile si sia in qualche modo posizionato in una cavità intermuscolare senza danneggiare alcun punto vitale, senza contare che la nostra samurai ha una soglia del dolore molto alta.

La neonata riuscirà ad avere un nome per il finale di midseason? Magari la chiameranno Gargiulia!

Quando Hershel alza la cornetta si sente un fruscio invece che il silenzio assoluto di una linea telefonica completamente isolata. Questo mi porta a pensare che la rete telefonica sia in qualche modo ancora attiva sebbene sia passato un anno dall'apocalisse.

25
Vuole solo ingrassarla per mangiarla con l'opossum. Cavolo nell'asilo nido pensavo che si palesasse un esercito di orribili walkerini...saebbe stata una scena indigesta. Comunque il problema del latte in polvere si ripresenterà, quanto durano due barattoli, una settimana?

Post unito: 12 November 2012, 21:57:28
E' senza dubbio Bart Simpson che cerca miss K. Lorina...A parte gli scherzi mi sembra inverosimile che funzionino ancora le linee telefoniche, ma forse si tratta di una rete d'emergenza.

Post unito: 12 November 2012, 22:00:15
Fantastico Fear and loathing in Georgia; questo cliffhanger entrerà nella storia, probabilmente sta già diventando un meme.

Sala macchine, Rick è completamente sbroccato e contempla lo zombie panzone.

<<< Drin >>>
- Pronto?
- Sono Marisa e chiamo dalla Eminflex. Hai mai pensato a come migliorare il suo sonno con un materasso in puro lattice?
- Ne mandi uno a tre piazze alla West Georgia Correctional Facility.

(clicca per mostrare/nascondere)

Edit Abelardo: evidentemente il fatto che nel topic di commento non si debba parlare del fumetto è una cosa che ho scritto in aramaico. Leggere QUI. La prossima volta sono 20 punti.

26
Episodio molto cruento con dinamiche inaspettate e scenari sconvolgenti. La storia sembrava iniziata in modo quasi noioso per poi concludersi con tutto il dolore e l'orrore di un mondo violento e senza regole, in un'ambientazione dal sapore schopenhaueriano. Molto interessante il contrasto tra il "borgo felice" di Woodbury e l'inferno della prigione che ci mostrano due mondi paralleli e infinitamente distanti tra loro ma che in realtà sono fin troppo accomunati dal terrore e dal raccapriccio che si accumulano lentamente e inesorabilmente ti esplodono in faccia quando meno te lo aspetti.

I personaggi assumono ogni volta contorni nuovi, caratterizzando sempre più una psicologia complessa.

Andrea
Troppo tempo a vivere isolata con una persona taciturna che si portava al guinzaglio degli zombie come fossero cuccioli. È istintivamente portata a fidarsi delle persone sbagliate e, anche in quest'occasione, sta dando fiducia a canaglie e a psicopatici, come Merle e Philip-The Governor.

Michonne
Sempre sulla difensiva, mai fiduciosa e di pochissime parole. Ha intuito fin dall'inizio che Philip-The Governor è una fonte di guai e ne ha la prova quando esamina il convoglio e ottiene risposte preconfezionate alle sue domande. Vuole scappare da quella polveriera che è diventata Woodbury e non si capacita del perché Andrea non riesce a vedere la realtà delle cose.

Merle
Si è rammollito e nutre ancora la speranza di trovare il fratello. Ormai sta maturando la consapevolezza che Philip-The Governor è un essere infido e spregevole, oltre che psicopatico, soprattutto dai discorsi riguardanti Daryl.

Philip-The Governor
È un socio-psicopatico che tiene sotto scacco la gente grazie alla parlantina e al terrore che incute tramite i suoi scagnozzi. È fortemente interessato al gruppo di Rick, probabilmente vedendolo come una possibile minaccia al suo potere e alla democrazia di facciata che ha creato a Woodbury. Non ha scrupoli e il suo potere sta solo peggiorando l'egocentrismo perverso nel quale quale si è incanalato.

Rick
Vive in un mondo dove tutto quello in cui credeva e che gli ha dato sicurezza è crollato miseramente. Sua moglie Lori porta in grembo il figlio che probabilmente ha concepito con il suo migliore amico Shane e che ha spinto a uccidere. Suo figlio Carl non è più il bambino che pensava che fosse e sta diventando un cinico dal grilletto facile. Si è fatto carico di proteggere le persone che gli stanno intorno ma, per varie ragioni, muoiono come mosche o comunque sono in costante pericolo. È appena scampato a un'invasione zombie di cui è stato la causa indiretta (mai lasciare libero un potenziale nemico che medita vendetta) e intanto vede un neonato che piange, suo figlio sconvolto, Maggie al limite di un crollo psicologico e sua moglie che non c'è e che gli dicono di non cercarla. Considerando tutto questo, quale sarebbe potuta essere la reazione più logica? Di fronte a una perdita fortemente traumatica la gente tende a reagire istericamente e a comportarsi in modo irrazionale. Quel pianto che a tutti sembra anomalo e addirittura buffo sta invece a indicare il crollo psicofisico di una persona provata da troppe tragedie.

Carol
Che fine ha fatto? Nei corridoi della prigione si vede solo il copricapo che indossava quando era con T-Dog ed è stata assalita dai walker.

Lori
Il suo discorso sul "letto" morte è stato molto struggente e un monito a prendere il buono della vita nonostante non ci siano più speranze o ragioni per continuare a vivere. Si è redenta con colpevole e inutile ritardo dai suoi sbagli.

T-Dog
Un personaggio sempre marginale che non ha esitato a sacrificarsi per il bene superiore.

Carl
Ormai è cinico, fa la cosa giusta e purtroppo si è lasciato corrompere sebbene la madre gli raccomandasse di non farlo. Ha provocato indirettamente la morte di Dale tacendo fino all'ultimo quello che aveva fatto e non ha esitato a incitare il padre ad uccidere Randall a sangue freddo mentre era tenuto prigioniero nel capanno alla fattoria di Hershel. Il matricidio lo condurrà sicuramente verso l'imbarbarimento.

Axel
Mister baffetto è spaventato dagli eventi e cerca rifugio e protezione nel gruppo di Rick. Si è soffermato a parlare delle sue conoscenze meccaniche e probabilmente quest'abilità tornerà utile in futuro.

Oscar
Si è guadagnato la fiducia del gruppo quando ha ucciso Andrew dopo che aveva provocato l'invasione zombie e stava per ammazzare Rick. Ha mostrato forza e coraggio e questo sarà un elemento determinante per la sopravvivenza del gruppo.

Glenn
Non è stata una scelta saggia mettere un baldo innamorato su un torretta di guardia, dal momento che era troppo impegnato in attività ricreative piuttosto che dare l'allarme per l'invasione zombie.

Maggie
Travolta da un evento più grande di lei, ha saputo gestire il parto di Lori facendo l'unica cosa giusta in situazione del genere.

Daryl
È l'ombra fidata di Rick che gli chiede consigli sul dal farsi e che gli risponde con un cenno della testa. Sa essere ironico e divertente, smorzando il cupore e l'angoscia della situazione.

27
The Walking Dead / Re: [Commenti] The Walking Dead 3x02 - Sick
« il: 27 October 2012, 15:54:16 »
Ho letto i vari post e vorrei introdurre il mio punto di vista e un invito a non scagliare subito anatemi per un prodotto televisivo che, in fin dei conti, è una finzione.

Morsi e graffi di walker
Il patogeno più compatibile con l'infezione da morso-saliva e graffio-sangue è il virus Ebola, sebbene il tempo contagio-sintomi è incredibilmente accelerato nella trasposizione televisiva. Un'altra plausibile infezione è il virus della rabbia che si trasmette solitamente attraverso la saliva a contatto con ferite aperte. Dal momento che stiamo parlando di carne putrida che azzanna la gente ed è zeppa di microrganismi e parassiti, la spiegazione del morso-graffio è piuttosto convincente: si tratta di un'infezione letale parallela a quella latente e per la quale non esiste o non è stato ancora trovato un rimedio efficace.

I carcerati
Immaginiamo di essere in prigione e che, a un certo punto, un secondino ci regali una pistola e ci isola completamente dal mondo rinchiudendoci in sala mensa, almeno fino a quando non arrivano i soccorsi perché c'è una specie di rivolta con annessa infezione. Immaginiamo che da quel giorno sono passati 10 mesi, non si è fatto vivo più nessuno, non c'è più elettricità e che gli infetti continuano a girovagare per il cortile del carcere e tentano di entrare. Immaginiamo di essere cinque sfigati con pochi colpi in canna e contro un'orda pericolosa: ecco la spiegazione del rimanersene accucciati senza evadere visto che ci sono provviste  abbondanti.

Immaginiamo ora che dopo 10 mesi arriva un gruppo di civili che, con assoluta nonchalance, si mette ad amputare la gamba di un anziano e lo portano via su un carrello delle pietanze. La prima cosa che ci domandiamo è "whadda fukk iz goin on?". Subito dopo chiediamo spiegazioni e ci rendiamo conto che è successo qualcosa di sconvolgente che minaccia la sopravvivenza umana: più o meno un anno da quando il mondo è finito, niente elettricità, niente contatti con il mondo esterno, persone che si rifugiano in una prigione e si mettono ad amputare le gambe, popolazione mondiale quasi estinta... Sebbene siamo ancora increduli, chiediamo di contattare i familiari e picchiamo gli zombie quando ci era stato espressamente chiesto di sfracellargli la testa.

A questo punto s'innesca il meccanismo di autodifesa e si cerca di scacciare i pazzi-invasori e tornare a quell'assurdo senso di "normalità" dei 10 mesi appena trascorsi.

Hersel
Quel tipo di amputazione penso avrebbe portato alla morte per dissanguamento in pochi minuti perché è stata recisa l'arteria femorale. Tuttavia, trattandosi di una fiction con gli zombie, bisogna ricorrere alla sospensione dell'incredulità e supporre che quell'amputazione da macellaio e tutto quel sangue che zampilla non siano poi così pericolosi e letali.

La scena delle due figlie e del quasi-genero è assolutamente naturale: Maggie capisce che quella ferita e quel dissanguamento non lasciano speranze e si riappacifica con il padre con un azzeccato discorso da estrema unzione, Beth accetta la situazione ma in chiave positiva e già pensa a come rendere migliore la vita del genitore, mentre Glenn si prepara al peggio ammanettando il futuro suocero e preparandosi a sparargli in testa qualora fosse tornato dal mondo dei morti.

Il vecchio, una volta scampato alla zombificazione, stringe la mano di Rick, come segno di rafforzata amicizia e approvazione per come è stata gestita la situazione.

Carl
Sta crescendo, si sta mostrando utile agli altri, sebbene i suoi comportamenti imprudenti lasciano trasparire la sua tenera età. Odia la madre per quello che ha fatto al padre, esibendo un comportamento più che naturale enfatizzato dagli estremi tipici di chi è metà via tra l'infanzia e l'adolescenza.

Lori
Finalmente ha capito che è una cagna maledetta [cit. Boris] e che la sua presenza nel gruppo è tollerata solo per il bastardo di Shane che porta in grembo. Cerca invano di recuperare il rapporto con il marito e con gli altri, rassegnandosi alla solitudine e ai continui rinfacciamenti.

Carol
Ha smesso di frignare e di farsi travolgere dalle circostanze, mostrando un atteggiamento cinico e coerente. Si rende immediatamente utile proponendo soluzioni alternative ai problemi nascenti, come "vivisezionare" un cadavere per un possibile taglio cesareo di Lori in assenza di Hershel.

T-Dog
Parla e agisce, liberandosi dal ruolo di tappezzeria che finora ha svolto nella serie TV.

Daryl
Sempre più cazzuto e ombra fidata di Rick.

Rick
Ormai è cinico e spietato, agisce all'occorrenza e non perde più tempo in questioni etico-morali e a concedere seconde possibilità: "vuoi vivere? allora fai quello che ti dico o ti pianto un'ascia in testa". È un vero leader, cercando di rimanere umano fintanto le circostanze glielo permettono. A volte ha dei ripensamenti, come quando ha lasciato il fuggitivo in pasto agli zombie nonostante gli chiedesse di aprire il cancello e mettersi in salvo.

Il cambiamento con le passate stagioni è stato notevole e ora che la fase incredulità-speranza-rassegnazione è conclusa, i personaggi si sono adattati e forgiati a un mondo freddo e spietato. Tempi bui e violenza a profusione si stagliano all'orizzonte.

28
The Walking Dead / Re: [Commenti] The Walking Dead 3x01 - Seed
« il: 21 October 2012, 12:44:43 »
Tipo si mette a stuprare Carl  :pirurì: :asd:
È la mia impressione o stiamo scadendo nella pedofilia?  :aka:

Ad ogni modo, l'episodio ha segnato un netto distacco con le prime due stagioni.

All'inizio ci trovavamo un'accozzaglia di persone che, quasi per caso, si sono ritrovate a vivere insieme in un mondo che non capivano e nel quale cercavano di sopravvivere comportandosi in modo spesso incoerente e pericoloso, anche se ciò è giustificato: cosa faremmo noi se all'improvviso il mondo che conosciamo smettesse di esistere e dalla specie dominante diventeremmo la preda ghiotta dei walker e le vittime preferite dei balordi? Penso che all'inizio saremo tentati dalla disperazione e abbandonarci all'inevitabile e poi ci organizzeremo per sopravvivere, dando sfogo a comportamenti stupidi e psicotici per la situazione che si è venuta a creare.

Nella seconda stagione, invece, l'accozzaglia ha cercato di diventare un gruppo e di adattarsi suo malgrado al nuovo mondo. La lentezza della trama che molti hanno lamentato è invece servita a capire la psicologia dei personaggi e la loro evoluzione. Ognuno di loro ha capito che il mondo cui si stavano disperatamente aggrappando era giunto alla fine e che si dovevano adattare per sopravvivere. Ognuno di loro ha vissuto un evento fortemente traumatico che ha cambiato le loro vite: Rick è stato costretto a uccidere il suo amico-fratello Shane, Shane è crollato per le menzogne di Lori e dopo aver commesso gli omicidi sadici di Otis e Randall, Carol ha perso una figlia, Lori porta il peso delle menzogne a Rick e dell'omicidio di Shane, Carl ha provocato la morte di Dale, Daryl cercava di dare un senso alla sua vita e la morte di Sophia gliel'ha strappato via, Hershel ha capito che la fede non lo portava da nessuna parte, Glenn si è riscattato dalla vecchia vita di friggitore di patate e ha dimostrato pianificazione, coraggio e temerarietà, candidandosi implicitamente al ruolo di leader in seconda. T-Dog, beh, finora è stato utile come una stufa nel deserto.

In questa terza stagione ci saranno indubbiamente importanti novità. La prigione è il luogo più sicuro che si possa trovare ma è anche la fonte di nuovi problemi perché è quasi sicuro che altri sopravvissuti-girovaghi la noteranno e vorranno impradronirvisi. Il gruppo ormai agisce per ordine e comando di Rick ed è facile ipotizzare che qualcuno aspetterà un suo errore per scalzarlo o lo porterà all'estremo per vedere quanto è valida la sua leadership (appena il pericolo di sopravvivenza si assopisce, si ristabiliscono le vecchie dinamiche). I galeotti sopravvissuti saranno un problema perché i loro comportamenti sociopatici si saranno sicuramente acuiti e questo porterà a uno scontro con il gruppo di Rick. Il nuovo personaggio samurai aprirà sicuramente nuove e avvincenti dinamiche e alla fine si unirà al gruppo di Rick.

L'elicottero, chi si ricorda l'elicottero? Qualcosa mi dice che stavolta atterrerà vicino ai sopravvissuti e che porterà novità interessanti. :distratto:

29
Chiedo scusa per il cross-posting (http://www.italiansubs.net/forum/falling-skies/commenti-falling-skies-2x10/msg3593593/#msg3593593) ma, come suggeritomi nell'altro thread, inserisco qui il mio post che sembra essere il luogo più adatto.

Ecco, voglio esprimere ciò che ho notato da questa ultima opera artistica che riempie le pigre serate estive.

Questo telefilm è una continua parodia della propaganda politica della destra conservatrice che cerca a tutti i costi di svecchiarsi e dare un'immagine di sé fresca e vincente, oltre che cercare di accattivarsi i voti per mettere al comando un culo plutarchico-guerrafondaio. Ecco i punti che ho trovato sorprendenti:
  • I militari belli, buoni, bravi, giusti e fighissimi, con le divise impeccabili, che dal soldato Ryan si sono ammodernati in Call of Duty (la destra ha un concetto diverso di modernità). Proteggono il mondo obbedendo ciecamente agli ordini di chi non ha idea di che cosa siano la tattica e la strategia militare e non esitano ad esercitare il potere con la forza, dando quella connotazione soffocante e anacronistica di cui ognuno di noi sente il bisogno;
  • La centralità religiosa è perdurante sebbene il nostro pianeta sia diventato il ricettacolo di almeno due razze aliene. Se la religione ammette che esiste un solo mondo (uno solo, e cioè questo) perché così dicono i testi sacri, come mai ci si ostina ancora a pregare dopo l'arrivo degli extra-terrestri? Forse gli alieni fanno parte di un progetto divino secondario che sarà svelato durante il telefilm?;
  • Il livello intellettivo dei personaggi della serie è pari a quello dello scemo del villaggio e ciò viene dimostrato dai dialoghi inconcludenti e contraddittori, dalla sconsideratezza e dall'ingenuità dei singoli protagonisti;
  • Una pistola inceppata è sempre un'arma e le armi sono uno dei capisaldi della destra radicale. Nel telefilm vengono mostrate alcune tra le armi più diffuse e amate dagli armaioli e non importa che gli alieni posseggano laser in grado di fulminare all'istante 7 miliardi di persone (a proposito, ma tutti i cadaveri che fine hanno fatto? Seppelliti da Tom Mason durante una lezione di storia-indottrinamento ai membri della 2nd Mass?), l'importante è fare pubblicità a qualunque cosa produca il suono bang-bang;
  • Gli alieni sono esseri estremamente evoluti e intelligenti, hanno il cervello più efficiente di qualsiasi computer mai realizzato prima, ma si sono prontamente adattati al livello di mediocrità dei protagonisti e non si sforzano più di tanto;
  • Non importa che la 2nd Mass sia capeggiata da un professore di storia con inclinazioni dittatoriali e sia formata da ubriaconi, ladri, eroi improvvisati, suore senza un convento e liceali a capo di una ribellione aliena. Non importa nemmeno che Charleston sia tenuta nascosta come il segreto di Pulcinella e che sia un tentativo malriuscito di ripristinare una società civile e democratica in cui il presidente è indeciso come un bambino in negozio di caramelle. Non importa che il capo militare di Charleston sia uno scellerato che cambia idea ogni minuto e che ha istituito un perimetro di difesa farlocco crollato miseramente quando gli skitter-ribelli si autoinvitano alla mensa entrando dalla porta principale. L'unica cosa importante è che gli alieni brutti e cattivi siano sconfitti con l'effetto sorpresa della stupidaggine.
In conclusione:
  • Seguo questa serie perché amo il genere sci-fi e tutto ciò che libera la fantasia come l'universo sconfinato;
  • Seguo questa serie perché il potenziale è enorme, la storia potrebbe essere sviluppata in maniera superlativa e riprendersi alla grande;
  • Seguo questa serie perché, nonostante ci siano spaventose incongruenze ed enormi buchi narrativi, mi piace vedere e sperare che un'accozzaglia di sgangherati allo sbaraglio, se ben motivata, possa avere una misera chance contro una fine assurda e ineluttabile;
  • Seguo questa serie pur non sopportando il buonismo filo-consersativo;
  • Seguo questa serie perché molte volte si sconfina nella parodia involontaria.

30
Ecco, voglio esprimere ciò che ho notato da questa ultima opera artistica che riempie le pigre serate estive.

Questo telefilm è una continua parodia della propaganda politica della destra conservatrice che cerca a tutti i costi di svecchiarsi e dare un'immagine di sé fresca e vincente, oltre che cercare di accattivarsi i voti per mettere al comando un culo plutarchico-guerrafondaio. Ecco i punti che ho trovato sorprendenti:
  • I militari belli, buoni, bravi, giusti e fighissimi, con le divise impeccabili, che dal soldato Ryan si sono ammodernati in Call of Duty (la destra ha un concetto diverso di modernità). Proteggono il mondo obbedendo ciecamente agli ordini di chi non ha idea di che cosa siano la tattica e la strategia militare e non esitano ad esercitare il potere con la forza, dando quella connotazione soffocante e anacronistica di cui ognuno di noi sente il bisogno;
  • La centralità religiosa è perdurante sebbene il nostro pianeta sia diventato il ricettacolo di almeno due razze aliene. Se la religione ammette che esiste un solo mondo (uno solo, e cioè questo) perché così dicono i testi sacri, come mai ci si ostina ancora a pregare dopo l'arrivo degli extra-terrestri? Forse gli alieni fanno parte di un progetto divino secondario che sarà svelato durante il telefilm?;
  • Il livello intellettivo dei personaggi della serie è pari a quello dello scemo del villaggio e ciò viene dimostrato dai dialoghi inconcludenti e contraddittori, dalla sconsideratezza e dall'ingenuità dei singoli protagonisti;
  • Una pistola inceppata è sempre un'arma e le armi sono uno dei capisaldi della destra radicale. Nel telefilm vengono mostrate alcune tra le armi più diffuse e amate dagli armaioli e non importa che gli alieni posseggano laser in grado di fulminare all'istante 7 miliardi di persone (a proposito, ma tutti i cadaveri che fine hanno fatto? Seppelliti da Tom Mason durante una lezione di storia-indottrinamento ai membri della 2nd Mass?), l'importante è fare pubblicità a qualunque cosa produca il suono bang-bang;
  • Gli alieni sono esseri estremamente evoluti e intelligenti, hanno il cervello più efficiente di qualsiasi computer mai realizzato prima, ma si sono prontamente adattati al livello di mediocrità dei protagonisti e non si sforzano più di tanto;
  • Non importa che la 2nd Mass sia capeggiata da un professore di storia con inclinazioni dittatoriali e sia formata da ubriaconi, ladri, eroi improvvisati, suore senza un convento e liceali a capo di una ribellione aliena. Non importa nemmeno che Charleston sia tenuta nascosta come il segreto di Pulcinella e che sia un tentativo malriuscito di ripristinare una società civile e democratica in cui il presidente è indeciso come un bambino in negozio di caramelle. Non importa che il capo militare di Charleston sia uno scellerato che cambia idea ogni minuto e che ha istituito un perimetro di difesa farlocco crollato miseramente quando gli skitter-ribelli si autoinvitano alla mensa entrando dalla porta principale. L'unica cosa importante è che gli alieni brutti e cattivi siano sconfitti con l'effetto sorpresa della stupidaggine.
In conclusione:
  • Seguo questa serie perché amo il genere sci-fi e tutto ciò che libera la fantasia come l'universo sconfinato;
  • Seguo questa serie perché il potenziale è enorme, la storia potrebbe essere sviluppata in maniera superlativa e riprendersi alla grande;
  • Seguo questa serie perché, nonostante ci siano spaventose incongruenze ed enormi buchi narrativi, mi piace vedere e sperare che un'accozzaglia di sgangherati allo sbaraglio, se ben motivata, possa avere una misera chance contro una fine assurda e ineluttabile;
  • Seguo questa serie pur non sopportando il buonismo filo-consersativo;
  • Seguo questa serie perché molte volte si sconfina nella parodia involontaria.

Pagine: 1 [2] 3