Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - flintnina

Pagine: [1] 2 3 ... 9
1
Black Sails / Re: XXXVIII. Black Sails - S04E10 (Series Finale)
« il: 7 April 2017, 22:51:27 »
@Kitty Jones sfoga  :XD:

quindi @flintnina secondo te Silver ha fatto rintracciare Thomas solo per trovare a Flint con chi andare in pensione?  :scettico: mentre lui e Madi facevano il Re e la Regina della guerra?
è solo dopo che prendono Madi che cambia idea?

Nu, credo che a silver gli sia suonato l'allarme quando ha scoperto da max di quelle famiglie inglesi. Forse all'inizio quando ad esempio ha accennato a flint cosa avrebbe fatto se thomas fosse vivo voleva solo sondare il terreno, o magari dirglielo come amico, però flint in quel momento si è messo quasi sulla difensiva non riuscendo a ipotizzare nemmeno thomas vivo, ha praticamente chiuso il discorso. credo che silver nel frattempo ha cmq voluto accertarsi che fosse davvero vivo, solo che intanto "muore" Madi e matura l'insofferenza a tutto quel mondo,  poi  ha usato la carta thomas perché non ne poteva più ecc ecc 
Lo voglio pensare cin un po' di cuore  :look:

2
Black Sails / Re: XXXVIII. Black Sails - S04E10 (Series Finale)
« il: 7 April 2017, 17:05:20 »
you have go backkkkkkkkkkkkk  :XD: ingolfaci tutte e shooot all there  :pirurì:

quella più tradita è lei, quella non presa in considerazione nei piani di Silver che vuole solo uscir da quell'incubo

ma poi secondo voi quando l'ha deciso? durante la tavola rotonda a fine scorsa stagione? prima ancora? :scettico:

Secondo me quando quando dice a Flint it's over pensando Madi morta vuole mollare tutto, quando la riscopre viva decide che a finire la guerra sarà lui, sapeva delle piantagioni e via a far lavorare il cervellino subdolo  :asd:

@@ voi 2 e i complotti segreti alle spalle degli altri utenti che poi out of the blue si ritrovano in una prigione d'ignoranza (oscura  :XD:) a coltivar patate  :wall: :XD: :XD:

 :XD:
Non guardare me  :D  io basta che vi leggo   :claire:

3
Black Sails / Re: XXXVIII. Black Sails - S04E10 (Series Finale)
« il: 7 April 2017, 10:42:40 »
Black Sails? Deduzioni alternative? Ma ti pare che non mi fa piacere leggerla? Manda manda  :asd:

Ps. Non preoccuparti non ho intenzione di continuare a commentare sull'argomento  :lol?:, ma una volta che l'hai scritta la leggo volentieri.  :ciao:  ;)

4
Black Sails / Re: XXXVIII. Black Sails - S04E10 (Series Finale)
« il: 6 April 2017, 21:24:45 »
@flintnina non mi è chiaro questo passaggio nel tuo discorso:
Per "causa" intendi il classico concetto causa-effetto oppure la lotta?
Perché in entrambi i casi non capisco il nesso e conseguentemente il senso del tuo discorso :scettico:

Intendo lo scopo, il fine. cambio anche nel post che forse è meno incasinato  :asd:

5
Black Sails / Re: XXXVIII. Black Sails - S04E10 (Series Finale)
« il: 6 April 2017, 20:38:43 »
@picknick (ti taggo senza tagliare i pezzi  :)

Io trovo che alla fine dei giochi quasi niente di quello che hanno fatto li ha sminuiti o traditi, perché c’è coerenza in tutti i loro comportamenti, traducibili non in debolezze, ma nelle origini/motivi radicati in loro e che in un certo senso determinano le priorità.

Esempio: Silver non voleva essere un pirata, né era un uomo che credeva in una causa specifica, forse credeva più al carpe diem, al  seguire il flusso per ricavarne qualcosa. Si è legato alla ciurma per l’oro e si è trovato a scendere nell’oscurità e nel disegno di un capitano complesso. Nel momento in cui si innamora di Madi trova  un motivo più forte della guerra torna alle sue origini, all’idea di una vita tranquilla, senza mare e “incubi” e storie di cui non gli fregava nulla. Anche Eleonor, che era un leader e leader rimane, anche quando vestiva i panni della moglie che lavorava a maglia, torna alle sua origine-natura di leader e va in prima linea quando stipula l’accordo con Flint.  Lo stesso Vane, ha fatto tutto perché mosso dal radicato senso di libertà, nonostante a un pirata poteva fregare men che meno di quella guerra,  si unisce a Flint per vincere tenersi quella libertà.

Sono tutti tornati in sintonia con loro stessi alla fine.

Passando al Cap, credo che bene o male quando si parla di unmade o di fare tornare McGrow si intende il ricollegare un personaggio al passato in termini di predisposizioni, di quelle origini che lo hanno “creato”. 

Flint è un passionale nei confronti di quello che ama e di quello in cui crede (Thomas),  la guerra da selvaggio/pirata (in soldoni) l’ha iniziata come risposta/necessità allo schiaffo ricevuto, non perché voleva rincorrere una vita senza regole.  Anzi spesso rivela il più pacifico McGrow nascosto nella ricerca di una fine che sta tentando di raggiungere riconsegnando Flint al mare (lo dice a Miranda, a Eleonor). Perciò leggo quello che ha fatto come una reazione, un adattamento, una via per ottenere qualcosa, ma il motivo interno e radicato è sempre stato l’amore per Thomas.

Per riassumere: prima c’è l’origine/motivo (amore Thomas) , poi lo scopo (liberare Nassau) e il mezzo (guerra).

Questo non esclude che la sua era una causa granitica e in un uomo del genere non è che il fuoco del pirata si spegne con due paroline,  però la questione la lego anche come notavi al fatto che non ha mai replicato alle domande dirette sull’eventualità di rivedere Thomas, ma secondo me solo perché non riusciva a concepirlo in vita. Il punto è:  se uno scopo nasce per amore e quell’amore ricompare, cosa sceglie l’uomo che ha smosso mari e monti in suo nome? Vince l’origine o lo scopo?

Ognuno ovviamente ha le sue risposte, anche se la mia sembra più gioiosa non è che immagino un James contento e recluso con la zappetta in mano  :huhuani:  (anzi sulla nave tutta la vita con look seconda stagione!), soltanto che se devo scegliere tra le risposte possibili alla morsa di Silver, e continuando con un  ragionamento del tutto soggettivo, lo collego a un reale abbraccio di riconciliazione; anche alla luce del fatto che Flint non era un sanguinario, non ha mai ammazzato nessuno senza un fine, e a quel punto, far fuori un alleato di quel calibro non gli avrebbe assicurato la guerra ( tutto questo nell’ipotesi di partenza che Thomas sia vivo e che Silver dica la verità).

L’idea che Flint tenti di uccidere Silver come gesto “mi gioco tutto” la condivido in presenza di opzione Thomas morto, ovvero vince ciò che sta al secondo posto: lo scopo. E sarebbe missione suicida “preferisco morire che vivere così”, perché anche tolto Silver di mezzo restava il gruppo alla sue spalle e ostacoli insanabili in campo.


Sulla parte citata dagli autori non è mai stato detto “Flint vive”, insomma non staremmo qui a parlarne. Hanno però detto che l’idea che Thomas fosse vivo c’era e che hanno deciso di farlo tornare con un impatto più emotivo, in modo da creare un collegamento a Savannah per Flint, immaginando anche una vecchiaia con Thomas e successiva solitudine, in cui in teoria si parla anche nel libro

(clicca per mostrare/nascondere)

Hanno detto di avere creato quella scena dove Silver tenta un atto di misericordia ecc
(clicca per mostrare/nascondere)

Ora tutto questo non ci dice se abbia sparato o meno, ma ci fa fare riflessioni in base alla lettura che abbiamo dei personaggi, io ne esco con la voglia di vederlo vivo (non in pace totale, ma vivo), però penso che sul fatto che siano ricostruzioni soggettive ci troviamo tutti   ;)

6
Black Sails / Re: XXXVIII. Black Sails - S04E10 (Series Finale)
« il: 6 April 2017, 01:43:27 »
Ora, qui posso toppare alla grande, ma nel vedere questa "Mary Read" da una parte che non so chi sia* e non lo voglio sapere, che mi menate dalla seconda stagione  :cattivo: che ho capito essere un personaggio importante e dall'altra parte una "non chiusura" di tutta la storyline di Jack e Anne... sento odore di spin-off. Considerando come hanno trattato i pg l'idea non mi piace affatto  :nonono: In ogni caso, se il progetto fosse ipoteticamente nell'aria, a prescindere dalla realizzazione o meno, mi sembra ovvio che tenere il piede in due scarpe sia stato molto comodo per gli autori  :asd:
Parlando sempre di cose lette, quando ho fatto quella ricerca ovviamente è saltato fuori anche altro, gli autori hanno preferito giocarsi il giolly, rispondendo che al momento c'è un 50% di probabilità di preseguire oppure no con le carte lasciate in gioco, e come ben dicevi in primis rientrerebbe lo squadrone di Jack, più le cosucce sparse e lasciate qui e là. Hanno detto che il materiale ci sarebbe, accumulato anche durante la stessa scrittura di BS, ma per ora preferiscono vedere che succede. Io non credo che li seguirei, per me  BS finisce qui e così (vabbè  nella mia testa Flint gli fa il c... a tutti!) Cmq a parte l'idea personale, non condivido il riprendere, il rilanciare ecc.. anche se per quanto sono stati bravi a non allungare il dramma fino all'indecenza, se ricevono qualche proposta non so fino a che punto la negherebbero  :look:

Un dialogo che invece mi ha fatto storcere il naso e non poco, nonostante la sua bellezza poetica, è quello di JLS a Madì. Unmade è una parola bellissima, di una potenza mostruosa, con un significato inaudito, ma in quel contesto falsa. Non si può "disfare" una persona come fosse un gomitolo di lana e semplicemente riportarla ad uno stadio precedente. La mente umana può evolvere o anche involvere sì, può anche rimuovere sì, ma non può cancellare ciò che è stato. Quindi sì Flint può tornare ad essere James e tutto questo è possibile solo perché James è stato, è e sarà sempre una parte di Flint, che essa stessa ha deciso di ri-emergere. Esattamente come accadde ad Anne in quel breve periodo dopo l'omicidio di due innocenti. E come James ha sempre fatto parte di Flint, così adesso Flint non muore, ma, per la prima volta, diventa parte di James. Questo aspetto psicologico assolutamente inevitabile nella realtà (ovvero la non cancellazione) è un'ulteriore conferma dell'"happy ending"di Flint e della conclusione di ogni storyline: alla fin della fiera ogni personaggio ha seguito la sua vera natura, "tradendo la causa", perché oggettivamente e purtroppo, mi duole dirlo  :nu:, chi veramente credeva nell'Ideale o è morto (Vane, Teach) o non ha avuto la possibilità (Madì).
Lei però non mi sento di condannarla; aveva già perso tutto, che senso aveva privarsi anche dell'unica fonte di serenità che poteva restarle?  :hug:
Insomma la schizofrenia  :lol?: scherzo ovviamente  ;) mi piace questo pensiero che riassume la linearità che ho notato anche io e che mi ha fatto dire che il quadro si chiude con logica e abbastanza coerenza, anche se pieno di sbavature e cose che potevano essere consegnate alla storia in altri modi. Ma dopo certi monologhi credo si perdoni tutto! Finisco dicendo solo che a Madì posso pure passarci sopra, ma tecnicamente l'avevo sempre considerata irremovibile sotto certi aspetti, molto più in sintonia con Flint verso il risultato.. e a volte persino più acuta... ecco lei che ricompare su quella collina era una cosa che avrei evitato. Tanti dubbi, giusto quello mi dovevano togliere!  :doh:

7
Black Sails / Re: XXXVIII. Black Sails - S04E10 (Series Finale)
« il: 5 April 2017, 13:46:12 »
Un appunto a favore della teoria "Flint vivo" è secondo me l'attitudine di Jack. È vero che il vero amico di Jack non era Flint, ma Vance, e che con Flint ha avuto una relazione più lontana e spesso solo dovuta ad interessi convergenti. Ma se (ci arrivo poi) per Silver la finzione è uno stato ricorrente (quasi patologico) per Jack (che è sveglio, ma ha un suo senso della decenza) non mi pare sia così. Certo, era pronto ad uccidere (forse) Flint seguendo il desiderio di Mrs. Guthrie, ma poi quando ne ha l'occasione non lo fa, e questo non tanto per calcolo, quanto perché non è la cosa decente da fare in quel momento.
Quindi Jack mi sembra meno portato a perpetuare una menzogna, rispetto a Silver, soprattutto con la divertita leggerezza con cui lo abbiamo visto nelle ultime scene.

Propendo più a pensare che Jack non l’ha ammazzato perché voleva recuperare l’oro, cosa che rivela senza problemi a Fatherstone. Poi Silver ha intuito che era lì per altri motivi e qualcosa si sono detti, perché Jack che rinuncia a l’oro senza avere nulla in cambio non esiste proprio. Per me non era lui il lato decente dei pirati, anzi… con Silver avevano in comune la capacità di orchestrare e giocare con le parole e col nemico. Il punto d’incontro l’avranno trovato quando Silver ha scoperto perché era lì e Jack ha deciso di lasciare perdere l’oro, così da tornare da Anne e riportare alla nonna sia la fine della pirateria (e complimenti alla sua dignità!) sia una storia di cui era partecipe il suo ego e di cui è sempre stato ghiotto.

Io su Flint ammazzato ho avuto dubbi soprattutto in relazione al raccontino di Silver e anche un po’ per la desaturazione delle immagini che zky2007 faceva giustamente notare. Mi ha ricordato la fine del Gladiatore… l’erba… i cancelli che s’aprivano.. insomma  :paura:

Ma voglio confidare che abbiano dato questa immagine più per trasmettere un senso di (momentanea) pace che di morte reale. E che gli autori quando dicono di aver fatto raggiungere Savannah anni prima del libro, gli hanno dato una fine che sapesse di un altro inizio. Non hanno mai negato che lì rimarrà fino alla fine dei suoi giorni (a questo punto dando per scontato che nel libro si dica il vero). Ma hanno creato un collegamento emotivo molto più forte. Probabilmente dopo Thomas avrà la sua bella depressione, pensando a quello str…zo che gli ha tagliato le gambe, negato un’alleanza e tolto la guerra dalle mani… una fine angosciata è plausibile. Cmq il punto è che pur lasciandoci volontariamente delle domande irrisolvibili avevano in mente questa idea e l’hanno detto.

non si sa fino a che punto la sovrapposizione che Silver fa tra il suo stato d'animo e quello di Flint funzioni, Flint non conferma mai le sue supposizioni ma continua a fare discorsi sulla libertà, sulla necessità di opporsi al sistema, perfino, con la profezia/anatema finale a Silver, sul fatto che nemmeno l'amore può bastare, che ci sono cose altrettanto importanti da non gettare via così alla leggera
non conferma ma non nega neppure, può essere perchè Silver ha ragione o può essere perchè intuisce che non gli farebbe mai cambiare idea, e del resto non potrebbe negare integralmente le sue parole perchè in parte abbiamo sempre saputo che sono vere, che in Flint c'è la rabbia, il bisogno di dare un senso a un lutto... ma c'è solo questo o c'è altro? ci crede nella causa o no? in un certo senso ogni parola che pronuncia sembra indicare di sì e sarebbe naturale, lui è come Madì, entrambi hanno subito abusi e ingiustizie terribili dal mondo civile anche se di genere diverso, è più che normale che creda fermamente che vadano combattute e cancellate quelle aberrazioni
oppure è solo la sua ostinazione, la sua incapacità di abbandonare il salvagente a cui si è aggrappato per anni a parlare ancora ma tanti tasselli disseminati dall'inizio della serie e alcune sue recenti esternazioni mi fanno propendere per la conclusione che pensarla così farebbe perdere molte sfumature del personaggio e lo appiattirebbe più del dovuto
d'altra parte Silver appare anche incapace di comprendere la gravità del tradimento verso Madì, quanto sia grande ciò che le ha tolto, l'ha mutilata e ferita nel profondo, l'ha fatto perchè non capisce cosa lei prova, cosa la spinge ad essere tanto determinata, io credo che denunci limiti di immedesimazione

Non saprei, ma riassumendo in termini spiccioli, Combatte una vita per distruggere il sistema e poi quel sistema se lo ritrova davanti con una pistola, incarnato in quello che credeva suo amico, mentre gli pone un ultimatum. Ora, per istinto prima resti di me…da, poi ti giochi tutto, gli salti addosso e provi a fargli assaggiare un po’ di ferro, ma per ragione sai che altre volte sei riuscito a illuminargli una strada, e siccome ti chiami Flint ci provi ancora. La piccola differenza è che stavolta uno dei due si è rotto gli attributi di questa guerra e ora ha un motivo per ritirarsi nel suo talamo. Insomma l’intenzione di Silver era spezzargli lo spirito per spezzargli le gambe, l’unico modo per fermarlo, nessuno ci è riuscito prima, mentre lui si è costruito il momento e la formula perfetta. Flint è solo, con quello che ha passato, scopre praticamente di esserlo sempre stato  e nonostante tutto non perde lucidità. Cerca di far breccia in quell’ottusità che ha davanti, di mostrargli il mondo a cui va in contro se gli serve una resa, di spiegare le dinamiche di quella falsa luce in cui purtroppo si è ritirato. Onore al re, che senso ha ammazzare o tentare persino di farlo, quando scopri che la sagoma che hai di fronte ha le orecchie ormai tappate? Che non gli frega nulla di quel futuro, di quelle storie e ti ha tolto l’ultima speranza?

Personalmente in Flint non ho visto poca determinazione, anzi dopo aver messo la spada al collo di Rogers aveva praticamente l’acquolina in bocca! Né il suo discorso mi è parso poco convinto, piuttosto aveva il tono e l’espressione di un’invocazione, scoraggiato perché per la prima volta ha visto il capolinea forse sì, eppure degna quel pirla della sua amicizia cercando di persuaderlo che sull’altra strada perdono tutti. .
Silver pensa di capirlo quando gli dice di aver incontrato la sua stessa rabbia temendo della morte di Madi, ma riduce tutto all’osso che vuole vedere, non riesce o si è stancato di seguirlo in quel disegno più grande. C’è anche da aggiungere che pure Miranda dice a Flint in passato durante una litigata che sta lottando per il puro gusto di bruciare tutti, ma anche Miranda non ne poteva più di quella non-vita, e così Silver, così Eleonor. Sono stati tutti spettatori, più o meno coinvolti, ma mai fermamente convinti. Credo che nessuno abbia mai visto le cose coi suoi occhi, tranne forse Madi  e la prima Eleonor.

Ai miei occhi a uscirne malissimo è Silver, ne esce male perché è cresciuto, ma anche in egoismo, ed è ancora incapace di affrontare un nemico senza giocargli il tradimento alle spalle, ne esce male perché vuole convincersi  e convincere Madi che non è cattivo come lui (parliamone Silver!), pessimo perché lascia la guerra al bivio più importante, orrendo perché mentre combatteva aveva già il piano B in corso. E a quanto pare anche geloso   :huhuani:

Comunque confermo che Ben Gunn è nella stanza alle spalle di Flint quando lo accompagnano da Thomas  :zizi:

8
Black Sails / Re: XXXVIII. Black Sails - S04E10 (Series Finale)
« il: 4 April 2017, 20:44:45 »
Una piccola curiosita', dopo la moglie e il fratello pure i figli del nostro bel capitano hanno fatto un apparizione nella serie  :zizi: è mancata giusto la mamma, anche se pare abbiamo  provato ad averla ...peccato
 :ciao:


https://pbs.twimg.com/media/C8dPdZMUMAElrdx.jpg

ecco mrs hudson con prole  :hug:

Insomma, alla fine i tempi erano talmente ristretti che anche i casting sono andati a farsi benedire  :huhuani:

9
Black Sails / Re: XXXVIII. Black Sails - S04E10 (Series Finale)
« il: 4 April 2017, 19:06:46 »
Uno sparo può essere anche lanciato al cielo, come semplice segnale al gruppo, in tal caso gli uccelli volerebbero lo stesso e la storia si legherebbe a Flint vivo. Gli autori si sono ben guardati da dare risposte certe e questo accontenta e scontenta più o meno tutti ihihi
È questione di scegliere, scegli la leggenda, la favola, la fine o l’inizio? Credo che la morale, dopo tutta l’umanità mostrataci in questa bellissima serie sia questa.

Per quanto mi riguarda i miei dubbi si legano più al racconto di Silver che ad altri punti. Lui che quasi recita una messa in scena teatrale prima con Flint (aspetterò qui un giorno.. un mese.. un anno fino a quando non accetti questa decisione, che indicherebbe  un “non ti sparo se non mi attacchi”, e quindi perché mai Flint avrebbe dovuto farlo non si sa. Ma sono le parole che usa e che poi ripete a Madì allo stesso modo (ti aspetterò un giorno.. un mese.. per sempre ecc) ad inquietarmi.  Inoltre “quell’incubo” chiamato in causa e citato solo da lui, mai da Flint, che riprende più volte per descrivere più come lui ha vissuto quella guerra anziché capire o intuire cosa ci sia davvero nella testa di Flint. Mi è sembrato più autoconvincimento che altro, ma non è detto che questo l’abbia portato ad ucciderlo, anche solo per trafiggerlo alle spalle in questo modo secondo me ha avuto la necessità di convincersi d’averlo fatto pure per lui.

Silver è un personaggio che ho amato per la sua crescita e detestato per le sue ultime scelte, e per come la vedo io apprezzerò sempre di più chi si svela, chi dà fiducia e lealtà per primo, invece di chi gioca in difesa. Flint è stato anche questo e a me piace immaginarlo in quei campi, vivo. L’anima l’aveva persa da tempo, la sua guerra anche grazie “all’amico”.. gli restava solo quell’abbraccio. E sul bacio concordo con Picknick, è stata la scena goffa a rovinarlo, non altro. Chiudo quotando il "Cribbio" di Lalla  :asd: :XD:

10
Black Sails / Re: XXXVIII. Black Sails - S04E10 (Series Finale)
« il: 4 April 2017, 11:16:01 »
Il volo degli uccelli nel bosco…ma manca lo sparo, il racconto di Jack… ma con due risvolti della stessa medaglia, la prova non consegnata alla nonna… ma Flint era un impavido non un suicida. Jack è sempre stato un cantastorie, più propenso all’ars oratoria che alla vera pirateria, più felice d’aver un nome che di dargli una struttura, almeno nella serie, e anche nell’ultima puntata ha svolto il suo compito. Ma le morti non viste in BS non sono mai state morti, e il racconto di Rackam continuo a vederlo come rivolto agli spettatori, qualcosa che lega la serie a storie future così come le conosciamo (vedi Isola del tesoro) e ci lascia il dubbio che siano da valutare o rivalutare secondo quello che crediamo sia vero. Cmq la personalità di Flint e le avvisaglie di Thomas apparse in maniera sempre più incalzanti mi hanno fatto ragionare in una direzione,  ma poi visti i dubbi emersi sono andata a leggere alcune interviste. Non so voi, ma dovevo capirci qualcosa da fonti più o meno certe  :asd:
Avevo bisogno di sapere che Silver l’hanno creato sì enigmatico e opportunista,  ma fino ad un certo punto  :look: e che Flint secondo il libro
(clicca per mostrare/nascondere)
abbia avuto qualche anno di pace. A parte ciò mi sono ripromessa di non affezionarmi  più tanto ad un personaggio tv  :lol?:
Magari a qualche altra scimmia curiosa come me può interessare, riporto alcuni stralci d’intervista fatta agli autori, sul tema morte/non morte di Flint ;)

Ne ho lette diverse e bene o male arrivano tutte qui, interpretazione, ma anche volontà di far ritornare il Cap a ciò che era prima di Flint. avverto per chi non l'avesse letto che si parla anche del libro ;)

(clicca per mostrare/nascondere)

Per me il ciclo si chiude, con molta più logica di quanto speravo, lieta in questo frangente, molto meno per tutto il resto,  ma vabbè ho visto finali peggiori!

Per quale motivo è stato introdotto Ben Gunn nel cast? E' sempre stato un personaggio marginale, ma pensavo che in questo finale l'avremmo visto abbandonato sull'Isola. Mi sono perso qualcosa?

Io correrò a rivedere la puntata presto, ma al momento non ricordo d'aver rivisto Gunn dopo che Billy evita di ucciderlo.. non è detto che non sia sull'isola..

11
Black Sails / Re: XXXVIII. Black Sails - S04E10 (Series Finale)
« il: 4 April 2017, 01:20:45 »
Se l'ho interpretata come gli autori avrebbero voluto, la frase di Flint poco prima della 'morte' la spiega bene (traduco al volo, quindi malamente, non ho preso la frase dai sub perche' non li ho messi):
"Noi avremmo fatto tutto questo per niente. I nemici prenderanno i nostri nomi, li distorceranno per fare in modo che seguano il corso delle loro storie e tutto cio' che rimarra' di noi saranno mostri nelle storielle che raccontano ai loro bambini" e al quasi piccato 'I don't care" c'è la meravigliosa 'You.... some day, you will"
(D'altra parte si dice sempre che la storia la scrive chi vince.... chi perde diventa il cattivone di turno, il babau che i buoni sconfiggono. Anche Jack dice cose molto simili e in effetti continua ad alimentare la storia di LJS, che gia' sara' stata una tempesta in piena regola per i 'common folk'. Così era stato con il "temibile capitano Flint", colui che saccheggiava e uccideva i bambini e che per LJS dei libri 'beveva come una spugna e vaneggiava')

 :quoto: La tragedia è che in fondo hanno vinto le tenebre così come il sistema vuol farcele passare, e hanno vinto pure quei racconti inverosimili o completamente inventati che già quando Jack parla con la fan di turno prima dell'incontro con la nonna hanno iniziato a diffondersi, "Vane? quello che ammazza tutti!" ecc

Mark Read ????? Mary ? si è infiine vista Mary?
Come no! si presenta come Mark e sale a bordo con Jack!


Vorrei aggiungere una cosa però ai dubbi sulla morte di FLint, insomma se fosse morto perchè alla nonna non gli portano la prova? La testa? Solo per fomentare la leggenda del cattivo?  :?? :scettico:

E son d'accordo che è uno schifo, che soprattutto dopo l'ultimo discorso di flint cadono le braccia, ma sinceramente morti tutti combattendo o morti per finta la storia è stata quella che è stata. sono abituata a ragionare per risultati, forse per questo non mi cambia se avessero continuato a lottare o meno. In ogni caso ha vinto il sistema e ha perso chi si è tirato indietro all'ultimo, lo stesso Silver a cui anni dopo, come accennato da Flint, gli ritornerà la "sete"  -.-'

12
Black Sails / Re: XXXVIII. Black Sails - S04E10 (Series Finale)
« il: 3 April 2017, 18:57:39 »
(clicca per mostrare/nascondere)

13
Black Sails / Re: XXXVIII. Black Sails - S04E10 (Series Finale)
« il: 3 April 2017, 12:46:55 »
(clicca per mostrare/nascondere)

14
Black Sails / Re: XXXVIII. Black Sails - S04E10 (Series Finale)
« il: 3 April 2017, 00:45:33 »
(clicca per mostrare/nascondere)

15
con quei giubbottoni...ma dove sono?

Dietro la quinte di BS  :pirurì: stagione 4, mi sa di sbarco a tresure  island .... credo che i giubbotti glieli dia la produzione perché ce li hanno tutti uguali.
Godiamoci ste facce che siamo a -1  :love:  :T_T:

Pagine: [1] 2 3 ... 9