Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Leod

Pagine: [1] 2 3 ... 37
1
Sons of Anarchy / Re: [COMMENTI] Sons Of Anarchy - Season 3
« il: 15 September 2015, 15:17:08 »
(clicca per mostrare/nascondere)

2
Televisione / Re: Oggi ho terminato ...
« il: 15 September 2015, 15:07:27 »
La terza di Sons of Anarchy :cerealguy: che stagione,  e che finale! :interello:

3
Televisione / Re: Oggi ho terminato ...
« il: 1 September 2015, 22:58:16 »
La seconda di Sons of Anarchy :motherofgod: :samcro:

4
Primo aggiornamento di agosto, A29

Entrano tra i drama Daredevil e Sons of Anarchy :riot:

DRAMA:
Person of Interest
Fargo
The Killing
Utopia
Gomorra
Orphan Black
Breaking Bad
Black Mirror
The Sopranos
Daredevil
Peaky Blinders
True Detective
Romanzo Criminale
Sons of Anarchy
Banshee
12 Monkeys
The Americans
Ray Donovan
The Leftovers
Penny Dreadful
Lost
Sherlock
Orange is The New Black
Awake

COMEDY:
Parks and Recreation
VEEP
Scrubs
Brooklyn Nine-Nine
The IT Crowd
Don't Trust the B---- in Apartment 23
Bored to Death
The Simpsons

5
Sons of Anarchy / Re: [COMMENTI] Sons Of Anarchy - Season 1
« il: 18 August 2015, 22:29:44 »
(clicca per mostrare/nascondere)

6
Televisione / Re: Oggi ho terminato ...
« il: 18 August 2015, 22:23:14 »
La prima di Sons of Anarchy :metal: non mi ha convinto con i primi episodi, ma poi è stato tutto un crescendo :riot:

7
Televisione / Re: Oggi ho terminato ...
« il: 16 August 2015, 21:18:05 »
Daredevil s01 :pukingrainbows:

8
Ah, come suggeritomi da Cap ho appena letto tutto il finto topic della 4x22. Mai vista una roba simile in vita mia :XD: :XD: :XD:
...e non l'hai visto quando avevamo tutti lo stesso avatar e lo stesso banner in firma :asd:

9
Elephant di Gus Van Sant

Un pugno allo stomaco :interello: un film di una freddezza unica, che ti abbozza davanti agli occhi personaggi realistici e credibili nella loro semplicità dandoti però per tutto il tempo la consapevolezza che incombe qualcosa di terribile, creando un clima d'attesa che devo dire la regia di Van Sant ha reso benissimo. Devastante il finale. Impossibile non ripensare a Bowling for Columbine di Moore, di cui è una versione oltre che drammatizzata forse anche più tragica nel mostrare come cose tanto orribili accadano all'improvviso, dove ci si crede al sicuro, senza un senso o una motivazione. Ho anche apprezzato che il film si limiti a mostrare gli eventi in maniera quasi distaccata, risparmiandosi (quasi del tutto) giudizi e retorica.

C'è solo una piccola critica che mi sento di fare:
(clicca per mostrare/nascondere)

10
Oddio, fermo restando che l'ho amato, per me la narrazione a blocchi si nota un sacco.  :ninja2:
Sì è vero si nota molto, ma la causa secondo me è l'aspetto di Mason, che ha cambiato look troppo radicalmente di anno in anno. Quello che intendevo è che proprio da un punto di vista tecnico (ma non sono un esperto, potrei non averci fatto caso) non si nota una discontinuità, problema a cui immagino Linklater potesse andare incontro visto che nell'arco di 12 anni gli strumenti del mestiere possono evolvere radicalmente.

11
Fumetti / Re: [Dylan Dog] L'indagatore dell'incubo (dal 1986!)
« il: 29 June 2015, 19:20:48 »
(clicca per mostrare/nascondere)

12
Boyhood di Richard Linklater :tenero:

Dal punto di vista puramente tecnico, l'esperimento di Linklater è sicuramente riuscito: nonostante le riprese siano avvenute nell'arco di 12 anni non si nota alcuna discontinuità, la storia procede bene e con naturalezza e vedere gli attori più giovani attraversare per davvero la loro intera adolescenza nel giro di un paio d'ore è stato sicuramente molto d'effetto.
La mancanza di una vera trama è probabilmente l'aspetto migliore e allo stesso tempo più penalizzante del film: raccontare con tanta semplicità la vita di un ragazzo, in modo quasi documentaristico, è stata di sicuro l'idea perfetta, quella che ha fatto davvero sentire autentico questo film, pur sfidando il rischio di diventare noiosa. Io personalmente non ho sentito per nulla le quasi tre ore di durata, ma nemmeno mi sono sentito così coinvolto o toccato dalla vita del protagonista... almeno fino alla fine, quando ripensandoci, proprio sulla scena finale, ho realizzato cosa avevo appena visto, come quel ragazzo fosse un bimbo di sei anni fino a tre ore prima e quanto le sue esperienze "finte" alla fine siano state uno specchio di quelle vissute da tutti, raccontate per di più con un'onestà e un realismo disarmanti. A quel punto mi sono sentito davvero un groppo in gola :T_T:

Se sul momento il film non mi aveva coinvolto del tutto, più ci ripenso e più resto ammaliato dal suo realismo, dalla sua perfetta semplicità e perché no, anche dall'originalità del progetto e dalla dedizione di Linklater e di tutto il cast nel realizzarlo. Un vero pezzo di storia del cinema :clap:

13
Aggiornamento di giugno, A29

Confermo la classifica precedente :zizi:

14
Donnie Brasco di Mike Newell

Una gangster story bellissima, sebbene decisamente atipica. Ben lontana dal raccontare l'ascesa di qualche carismatico criminale, si concentra all'opposto sui personaggi di contorno del mondo mafioso, uomini inetti ma ambiziosi che cercano inutilmente di imporsi. Personaggi umanissimi e credibili nelle loro debolezze (spunta su tutti l'immenso Al Pacino, nonostante il personaggio decisamente poco carismatico), forse più che in ogni altra storia di criminali.
Sapere poi che si tratta di una storia vera non fa altro che rafforzare l'impressione di avere davanti un esempio della vita nei bassifondi della società accurato come un documentario ma anche onesto e realistico nel mostrare che l'onore tra i ladri, anche quelli di infimo livello, esiste eccome.
Non solo Pacino ma anche Johnny Depp molto bravo, ha reso bene il conflitto interiore di Pistone/Brasco, e pure Michael Madsen :zizi:

15
(clicca per mostrare/nascondere)

Pagine: [1] 2 3 ... 37