Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - FV11

Pagine: [1] 2 3
1
Doctor Who / Re: Doctor Who: News
« il: 17 May 2022, 21:51:59 »
Direi che, a differenza del lentissimo Chibnall, Davies non perde tempo. :)

Però il fatto che si veda solo Tennant e nessun altro Dottore e stiano già girando ora potrebbe essere coerente col rumor di qualche mese fa per cui avremo uno special per ogni Dottore nel 2023. Tenendo conto che Eccleston non vuole tornare  il primo è per forza Ten. Come tempi ci starebbe.

Oppure, ma sono ottimista, girano adesso così poi si occuperanno solo della quattordicesima stagione.  :ohoh: :ohoh:
Comunque mi chiedo se Davies voglia davvero integrare gli altri dottori post ten e in caso come li gesitrebbe.

2
Doctor Who / Re: Il Ritorno di Russel T. Davies
« il: 9 May 2022, 22:11:00 »
Chi vi piacerebbe vedere a fianco di Davies a scrivere episodi di Doctor Who? Io personalmente Jamie Mathieson (Mummy on the orient express, Flatline, The girl who died, Oxygen), che ha scritto fino ad ora i miei episodi preferiti, ed è riuscito ad essere chiamato per tre diverse stagioni, a riprova del fatto che non è il primo che passa. Poi Toby Whithouse, che ha scritto School reunion (passabile), The vampires of venice (passabile), The god complex (capolavoro), A town called mercy (molto buono), Under the lake/Before the flood (molto buoni), The lie of the land (non so decidere, buona la struttura, il finale non mi convince). Anche Peter Harness non è male. I suoi episodi Kill the moon, The zygon invasion/The zygon inversion e The pyramid at the end of the world sono solidi e allo stesso tempo immaginativi.
Infine, mi piacerebbe moltissimo Rona Munro, che ha scritto The eaters of light, l'episodio dei romani in scozia, autrice pure dell'ultimo episodio del settimo dottore. Perchè potrebbe rivelarsi una buona unione tra il vecchio e il nuovo.


Anche a me piacerebbe che questi autori tornassero e, lo ammetto, non mi dispiacerebbe se Moffat partorisse uno o due episodi come ai vecchi tempi, di quelli che solo lui sa fare. Però, vorrei anche che circolassero nomi nuovi, giovani talenti che, con le loro idee e visioni, riescano a risollevare Doctor Who.

3
Doctor Who / Re: Doctor Who: News
« il: 8 May 2022, 17:14:55 »
Habemus Doctor!
https://www.doctorwho.tv/news-and-features/ncuti-gatwa-is-the-doctor

Io l'ho amato in Sex Education e sono molto contenta di questa scelta. Sono perplessa dalle modalità molto anticlimatiche dell'annuncio

Anch'io l'ho visto solo in Sex Education e sono d'accordo con te, anche se è un ruolo un po' lontano da quello del Dottore, ma mi fido di Davies, quindi sono tranquilla. Comunque, a quanto pare il Dottore "insists on the face of a twelve year old"  :asd:. Appena l'ho visto ho pensato: ora diranno che è troppo giovane. Poi sono andata su wikipedia e ho visto l'età, però sul serio, sembra più giovane dell'età che aveva Smith quando ha avuto la parte. Aspetto fine anno con trepidazione.

4
Io speravo in Jo Martin, Peter Dinklage, ho Joseph Morgan.
In qualcuno un po' più maturo...

Peter Dinklage è un sogno impossibile, lo sappiamo bene  :T_T:


Bah…
Sex education non è chissà che progettone spoiler generale sulla serie
(clicca per mostrare/nascondere)
quindi nel leggere la notizia non è che mi sia partito poi chissà quale hype quindi bisogna solo aspettare e vedere che cosa tira fuori con il suo dottore.
Anche se devo essere sincera, considerato l’andazzo avrei preferito un attore un po’ più dottoroso, non so come spiegarmi  :look:


Non è detto che non sia dottoroso, purtroppo non ha fatto molto per poterlo giudicare, e comunque un attore """"dovrebbe"""" essere eclettico, quindi non mi aspetto che ci dia la stessa interpretazione che ha utilizzato per il suo personaggio in Sex Education (in caso contrario, sapremo che non è granché come attore).
Ora, la domanda principale, la più importante è: conosce Doctor Who???? Sa la storia del Dottore???? L'ha studiato???

5
Anche io ho urlato "Geronimo" prima di tuffarmi nella visione dell'episodio  :XD:. Ho impiegato tre giorni per finirlo, ma forse è anche a causa di una tristezza passeggera che ha smorzato il già poco entusiasmo del nuovo episodio. Comunque, concordo più o meno con tutti voi, l'episodio è passabile, o meglio, per i canoni di Chibnall è fattibile. Diciamo che abituati al peggio, anche le cose meno brutte ci paiono chissà cosa. Anche perché tutto l'episodio non è che un alternarsi di dialoghi su dialoghi. Persino con i sea devils non c'è molto altro che conversazioni (senza senso, per lo più) e qualche scaramuccia verso la fine, in cui, come avete già detto, il montaggio dà il meglio di sé :distratto:. Mi è piaciuto, o forse è meglio dire, ho apprezzato la conversazione con Yaz, anche se trovo incomprensibili i complimenti che le fa (insomma, River era River, cavolo!). Però, tutto il discorso che fa sul fatto che vorrebbe fermarsi e sistemarsi ma non può lo trovo un po' posticcio, anche perché sappiamo che il Dottore non vuole fermarsi (tra l'altro viene affrontato questo argomento in The power of three, episodio di Chibnall), quindi mi sembra strano che ammetta il contrario.
Anche questo episodio di """""Doctor Who""""" è passato e poteva andare peggio - mi sto rivedendo le stagioni passate e ogni volta è un colpo al cuore. :T_T: :T_T:
Ora aspettiamo la rigenerazione e speriamo non si facciano altri danni :paura:

6
Doctor Who / Re: Chris Chibnall e il suo DW!
« il: 17 January 2022, 19:32:59 »
Per me non è un passo indietro. Secondo me Chibnall è davvero convinto che lasciare un passato misterioso al Dottore da cui tirar fuori trame sia una buona idea, utile per tutti gli showrunner successivi. Di conseguenza non vuole spiegare nulla perché se no sparirebbe il mistero!
Solo che è scritto tutto così male che l'effetto risultante è che succedono cose a caso di cui frega poco niente anche ai personaggi! :asd:
Quindi di fatto si potrebbe ignorare tutto e non se ne accorgerebbe nessuno :rofl:


Qualcuno avrebbe dovuto dirgli che il passato del Dottore era già misterioso senza che si inventasse insormontabili incongruenze narrative  :asd:


Oh poi magari ci sbagliamo tutti e scopriamo che a Davies piace sul serio questa idea e la vuole usare! :paura:

Questa cosa mi spaventa molto: non so se si era capito, ma sono contro il Timless Child in tutti i sensi, anche se uno sceneggiatore come Davies ci volesse mettere le mani. Il Dottore è un personaggio meraviglioso, con una storia meravigliosa; tutta questa trama che Chibnall si è inventato, secondo me, é un disservizio al personaggio (e a tutti gli showrunner precedenti).

7
Doctor Who / Re: Futuro Dottore
« il: 26 January 2022, 19:31:25 »
Rumour: "Next Doctor" David Tennant Will Be Joined By Catherine Tate



David Tennant torna ma non sarà il decimo dottore, Catherine Tate torna ma non sarà Donna, qual è la prossima? Torneranno i Dalek ma non saranno i Dalek?  :XD:

:quoto: TUTTO
Con la differenza che Ten non è mai stato il mio Dottore.E già non ero felicissima del ritorno di Davies, se torna anche Tennant sarò ancora più infelice.E adesso di parla anche del ritorno della Tate,un'altra che non sentivo il bisogno di rivedere. Alla faccia di dare un futuro, nuova linfa alla serie... qua sembra di essere tornati al 2008.


All'inizio ero contenta del ritorno di Davies, dopo Chibnall sembrava una manna dal cielo (anche se all'inizio ho pensato fosse una bufala, mi sono accorta che così non era circa un mese dopo :huhu:), ma tra le news dei ritorni e i vostri commenti ora la mia gioia sta un po' scemando. Nel 2008 ancora non conoscevo Doctor Who, quindi non ho partecipato alle discussioni di quel periodo, ma leggendo vecchi post ho colto l'aria di mitizzazione di Davies e Tennant, perciò penso di comprendere le vostre paure. Però è ancora presto per disperarsi o preoccuparsi, diamo tempo al tempo; poi magari effettivamente sarà come dicono, ma peggio di Chibnall dubito.


Perché posso capire i dubbi dell'epoca,la paura del dover gestire l'uscita di scena di un Dottore tanto popolare,ma poi è arrivato Moffat,che mi sembra abbia dimostrato che c'è vita oltre Davies e Tennant.Dai,persino quel disastro vivente di Chibnall ogni tanto qualche idea buona l'ha avuta (anche se poi non è stato capace di realizzarla come si deve),e sono sicura che esiste gente là fuori che potrebbe tirare ancora fuori molto da questa serie.Alla BBC dovrebbero semplicemente darsi un svegliata, e cominciare a osare un po' di più.


Se la BBC prendesse in considerazione anche showrunner stranieri forse ci sarebbero più innovazioni e più idee. Per carità, Doctor Who è una serie inglese, con contenuti inglesi (giustamente) etc etc, ma non è detto che uno sceneggiatore straniero non capisca la serie e il suo personaggio (non uccidetemi   :1:).   


Comunque, la cosa veramente importante è che è da quattro anni che non vediamo Doctor Who (per davvero) e loro vogliono farci aspettare un altro anno, con solo un misero speciale per l'anniversario??? Avere solo un assaggio del nuovo Dottore (a meno che davvero non è Tennant) e aspettare altri mesi prima di tornare (a questo punto dopo sei anni) alla nostra amata serie?? Ci odiano  :T_T: :T_T:



8
Doctor Who / Re: Il Ritorno di Russel T. Davies
« il: 17 January 2022, 19:18:57 »
Moffat non ha ignorato Davies, ci mancherebbe, ma fino al 50esimo non ha praticamente più nominato la timewar che era un pò il filo conduttore della serie fino a quel momento. E ha fatto benissimo, ha costruito le sue trame prima di tornare a parlare della timewar di Davies.


Ci sono state, però, delle citazioni, prima del 50esimo, alla Guerra del Tempo, non come le faceva Davies, ma, ad esempio, in The beast below in cui Amelia accenna al fatto che il Dottore è l'ultimo della sua specie o in The Doctor's wife in cui il Dottore viene attratto nell'universo bolla dalla speranza di incontrare di nuovo uno della sua specie. Diciamo che con Moffat pre-50esimo, il Dottore ha accettato la fine della sua razza (seppur con qualche barlume di speranza); potrei paragonarlo ad un vecchio soldato, triste, nostalgico del passato ma pronto ad andare avanti, mentre il Dottore nell'era Davies, naturalmente, era ancora pieno di rabbia per la distruzione di Gallifrey e non riusciva a darsi pace, incolpando sé stesso, fino ad arrivare al Time Lord Victorious.


Similmente dubito che Davies partirà a gamba tesa a riscrivere quanto fatto da Chibnall. Anche se ci piacerebbe.
È più probabile che racconterà una trama del tutto indipendente e forse ci tornerà sopra in futuro.La prima. Chiaramente ogni scrittore e regista ha il suo stile e le sue tematiche favorite. Ma sono convinto che Davies sia ben consapevole che la gente farà confronti con la sua prima run e vorrà evitare più possible similitudini a livello di trama e personaggi.
Penso che nessuno voglia vedere nuovamente una love story tormentata alla Rose-Ten. O l'ennesimo impero Dalek da distruggere nel finale di stagione.

Sì, concordo, eviterei i Dalek per un po' e andrei oltre l'immagine shakspeariana che ha dato a Ten, anche se fatta benissimo, ho adorato ogni momento e anche quando ha creduto di essere un Dio. Pure la scena con Wilfred è stata magistrale (ma non quello che viene dopo, come già ho detto in post precedenti).

Concordo.
Per quanto mi piacerebbe uccidere l'era Chibnall semplicemente "per oblio",fingendo che non sia mai esistita,io preferirei che Davies se ne occupasse.Perché è vero,si può manterenere il mistero delle origini del Dottore per molto tempo (anche per sempre) e non cambierebbe niente.Si possono ignorare anche i Dottori pre-Hartnell,e di nuovo non cambierebbe niente.Gallifrey può tornare tranquillamente,e anche i Time Lord,però rimarrebbe sempre una situazione di incertezza.Non occuparsi della cosa non la cancellerebbe,sarebbe l'elefante nella stanza,una spada di Damocle sull'intera serie.Anche perchè Davies non rimarrà per sempre,e chi sa chi arriverà dopo.Come dici tu,allora forse meglio se ne occupi lui,che la serie la conosce,la capisce e la ama,piuttosto che un Pincopalla qualsiasi.

Poi nell'eventualità che Davies voglia tenersi il Timeless Child,spero che affronti il problema dei buchi (delle voragini) che ha aperto nella continuity della serie.
Le incongruenze in DW ci sono da sempre,ma non sono mai state di queste proporzioni,e messe tutte insieme.Chibnall non ha riscritto il Canone,ne ha imposto uno,che fa a pugni con quasi tutto quello che è stato detto prima.
Avevo la speranza che fosse Chibnall stesso a spiegare qualche incongruenza prima di andar via,ma dopo il Flux speranze non ne ho più molte.Adesso vediamo cosa combina negli ultimi due Speciali,ma ho l'impressione che come al solito lui abbia scelto la via più facile,cioè non spiegare assolutamente nulla e far finta di niente,tanto ci penserà qualcun'altro. 
A questo punto spero che ci pensi Davies.Ovviamente non pretendo che risolva tutte le incongruenze (probabilmente è impossibile),solo le più macroscopiche (River,Time of the Doctor,il Tardis di Ruth).Soprattutto la run dell'Undicesimo Dottore,non c'è più mezza cosa che abbia senso là dentro.



Basta solo che risolva tutta la questione Timless Child  :T_T:

I Time Lord secondo me torneranno,prima o poi.Sono una razza troppo iconica del Who Universe,non ci credo che non li vedremo più.Tra l'altro tecnicamente non devono neanche tornare,ci sono già,perchè non erano tutti su Gallifrey quando il Maestro l'ha distrutta.Qualcuno è ancora in giro,anche qualche pezzo da novanta.
Penso tornerà anche Gallifrey,anche se non ho dubbi che i vari headwriter continueranno a ignorarla,relegandola nell'angolo più remoto dello Spazio/Tempo.Almeno finchè non la distruggerannno di nuovo. :lol?:


Dovremmo fare una raccolta firme, dal nome: "salviamo Gallifrey dall'ennesima distruzione" e mandarla alla BBC :XD:


Eh sì,quello delle incongruenze è un grosso problema,non so neanche se risolvibile.Per questo dicevo che Davies forse farebbe prima ad ignorare tutto.Chi glielo fa fare di infilarsi in un ginepraio simile?  :lol?:
Scherzi a parte,Chib mi ha praticamente devastato l'era Moffat.  :nu: E anche in modo retroattivo,quel disgraziato. :?$%&: Farebbe piacere anche a me se Davies riuscisse a ridarle un senso.


 :quoto:







9
Doctor Who / Re: Il Ritorno di Russel T. Davies
« il: 16 January 2022, 16:18:29 »
Massì noi fan pensiamo a complicate soluzioni ma l'opzione "facciamo finta di niente e non parliamone più" resta la più probabile.
Un pò come la storia del Dottore mezzo umano all'epoca del film. Nessuno ne ha più parlato e la cosa è stata semplicemente ignorata.
Alla fine ogni showrunner è interessato alle sue trame, non a quello che ha fatto lo showrunner precedente.


Onestamente io sarei un po' delusa da Davies se evitasse l'argomento. È vero che hanno ignorato il fatto quanto hanno detto nel film, ma un conto è un dirlo una volta in un film, un'altra è portare avanti l'argomento per due stagioni e mezza. Insomma, Chibnall sta passando una bella palla bollente a Davies. E almeno Davies sa scrivere Doctor Who, immagina fosse subentrato qualcun altro, magari alle prime armi. Poi, per carità, mi va bene anche se lo ignora, solo preferirei proprio annullasse tutto quello scritto da Chibnall, in qualche modo  :zizi:
È vero, però non credo che Moffat abbia ignorato quanto scritto da Davies, ha ovviamente sviluppato le sue storie, ma non ha dimenticato quanto scritto in precedenza.

Invece ho poche speranze su un ritorno dei timelord. Ho sempre avuto l'impressione che non piacessero molto a Davies. A dire il vero sembrano non piacere a nessuno showrunner. Persino Moffat li ha trattati in maniera relativamente sbrigativa. Non capisco come mai.



Forse è lo spauracchio di ogni showrunner, parlare della razza dei Signori del Tempo e renderle giustizia :asd:

In ogni caso non invidio Davies. Deve rilanciare di nuovo la serie e al contempo evitare di fare la copia di sé stesso. Non sarà facile.

Io invece lo invidio, scrivere per Doctor Who  :love:
Per quanto riguarda la copia di sé stesso, intendi da un punto di vista di personaggi (tipo Rose 2.0, Donna 2.0 etc etc), oppure il tema del sociale? Perché non ci vedo nulla di male in un autore che abbia le sue preferenze narrative/stilistiche, purché siano fatte con criterio.
Ovviamente Davies dovrà tenere conto di quanto accaduto dopo di lui e agire di conseguenza, sicuramente non può riprendere da dove ha lasciato con Ten.


10
Doctor Who / Re: Il Ritorno di Russel T. Davies
« il: 14 January 2022, 11:50:14 »
Poi ricordo ancora gli epiteti con cui venivano chiamate River e in parte Missy,"milf"era il più gentile (e secondo qualcuno bisognava anche ringraziare,perché secondo loro era un complimento).Soprattutto River,chiamata ridicola se non proprio donnaccia solo perché alla sua età aveva la "colpa"di avere una vita sentimentale,per di più "promiscua"(mentre Jack,promiscuo mille volte più di lei,era un figo).E la cosa triste è che non erano solo gli uomini a chiamarla così,ma anche molte donne (anzi,spesso le donne erano le più cattive).

Non la sapevo questa storia, mamma mia :nu:


Non riesce proprio a capirlo,come ragiona un Time Lord.
Io mi accontenterei che in fatto di Tempo almeno stavolta sia un pò meno rigido,che non mi ritiri fuori le "regole" di Father's Day.Quell'episodio è stato solo fonte di disastri,e mi fa incavolare come pochi.Lo odio.


In effetti, dopo Father's day (che comunque ho apprezzato), Davies si è contraddetto da solo. Ma, appunto, era la prima stagione, il gramde ritorno, quindi possiamo sorvolare  :distratto:


E sempre parlando di Tempo,a me la cosa che ha sempre fatto molta impressione è quanto poco sia vissuto Ten.Cinque,sei anni,che per un Time Lord sono meno di un battito di ciglia (povero Ten,e poi qualcuno si chiede anche perché non se ne volesse andare).


Però in fondo può capitare che una rigenerazione sia breve e con tutte le situazioni pericolose in cui si caccia il Dottore mi sembra strano che non si rigeneri ogni mese  :XD:.
Vorrei evitare, invece, che questa volta renda la rigenerazione come una morte: capisco che era il suo addio a Doctor Who, ma non mi è mai andato giù il fatto che, dopo aver cambiato aspetto 10 volte, avesse quella considerazione della rigenerazione.

Comunque speriamo che ritornino,gli Speciali di Natale.Mi mancano tantissimo.

Pure a me :T_T:


Comunque io a Chibnall non glielo perdonerò MAI.Ma come si fa a distruggere Gallifrey così,dopo che era ritornata da poco,e in un episodio importante,celebrativo,come quello del 50esimo? Per non parlare del modo,con i Time Lord trattati come gli ultimi degli imbecilli.Sembra un dispetto,una cattiveria gratuita,un enorme dito medio non solo a Moffat,ma a tutti noi spettatori.Io dopo quasi due anni sono ancora furiosa,non riesco proprio a mandarlo giù questo affronto.


Guarda, neanche io glielo perdoneró mai. Forse per Chibnall vale quel detto che fa: o muori da eroe o vivi abbastanza a lungo da diventare cattivo, che per Chibnall significherebbe: o ami tanto Doctor Who da dargli una degna trama, o lo ami così tanto da finire per odiarlo  :lol?:
Sì, a volte ho l'impressione che odi Doctor Who ormai.


In ogni caso mi hai fatto venire in mente un'altra cosa che mi piacerebbe vedere con Davies:un Maestro finalmente non pazzo.
Non ho capito perché nel NuWho il Maestro è quasi sempre semi-squilibrato o squilibrato intero.Nella serie classica era arrogante,innamorato del potere,ma certamente non era pazzo,tutt'altro,quindi mi piacerebbe che il prossimo fosse vagamente normale.Non è che chiedo tanto.
Poi se Davies trovasse anche il modo di ripendere il discorso interrotto con Missy...Chibnall fa finta che non sia mai esistita,ma a me non sembra giusto.Credo sia veramente uno spreco-un delitto-ignorare l'evoluzione che Moffat aveva cercato di dare al personaggio del Maestro.Non gli era riuscito completamente,ma è stato il primo serio tentativo in decenni di cercare di scrivere il Master con più complessità.Non può finire tutto in...nulla.


Concordo, però la trama dei tamburi nella testa mi è piaciuta, aveva senso con Davies che fosse un po' squilibrato, poi con Moffat secondo me era più che altro eccentrico, ma non matto. Poi la scopiazzatura a Davies da parte di Chibnall, gestita malissimo. Se mai dovesse riportare indietro il Maestro, amche io spero chr Davies approfondisca il rapporto che si era creato tra Twelve e Missy o che ne prenda, magari, ispirazione per scrivere un Maestro non fuori di testa

Alla fine la grossa incognita è sempre una sola: come gestirà l'eredità di Chibnall. Per quanto mi piacerebbe, temo che non possa fare immediatamente un resettone di tutto.


Eh, sì, questo è il problema, ma spero trovi un modo, prima o poi, per metterci una pietra sopra. Anche se secondo me, a meno che a Davies non sia venuto proprio un'idea strabiliante per migliorare le trame di Chibnall, penso che molte cose dell'ultima gestione varranno ignorate e forse dimenticate. Tranne il Timless Child, da quello non si scappa. È come se Chibnall avesse messo un'alta montagna sulla strada futura di Doctor Who che non si può aggirare, ma solo scalare.




11
Doctor Who / Re: Il Ritorno di Russel T. Davies
« il: 13 January 2022, 14:20:56 »
Assolutamente d'accordo. A me piacerebbero anche companion alieni,o terrestri dal futuro. Comunque qualsiasi cosa che non sia la solita ragazza/ragazzo terrestre contemporanea britannica,magari tanto per cambiare innamorata del Dottore. Non credo che sopporterei un'altra Rose Tyler.


A me basterebbe anche che non fosse inglese. So che la serie è inglese etc etc, però in effetti è assurdo che il Dottore scelga solo persone che vivono a Londra o nei dintorni (almeno nel New Who). A meno che il nostro Signore del Tempo non è quel tipo di persona che sceglie di andare in vacanza sempre nel solito posto, senza sperimentare nulla di nuovo  :XD:
Però poi appena si sposta l'attenzione su qualche altro posto (tipo l'America nella sesta stagione) danno tutti di matto, quindi  :/


Poi spero che si ricominci a viaggiare per l'Universo, in posti sconosciuti e lontani. Non ne posso più della Terra. Anche se da questo punto di vista forse c'è poco da sperare, se non ricordo male Davies era come Chibnall, la Terra gli piaceva parecchio. Speriamo sia cambiato.



Con ogni finale di stagione e speciale natalizio ambientato rigorosamente nella Londra odierna  :XD:. Però, a dir la verità, questa cosa con Davies non mi è mai pesata particolarmente, perché lui sa scrivere storie e personaggi.



Beh,la Guerra del Tempo HA avuto un impatto enorme su molte razze aliene.Mi vengono in mente per esempio gli Zygon e i Nestene,che a causa della Time War hanno perso il loro pianeta.O i Gelth,quelli di The Unquiet Dead,che hanno perso pianeta e corpo.O il reboot dei Cybermen.I Dalek sono un discorso a parte,sembravano essere stati sterminati ma poi abbiamo visto che non era proprio così.Ma è anche comprensibile,difficile immaginare il Who Universe senza i suoi nemici più iconici.
Poi c'è la faccenda delle crepe dell'Universo,che credo fossero una conseguenza della Guerra del Tempo,il reset dell'Universo,il Silenzio...insomma,bene o male questa Guerra conseguenze ne ha portate,però hai ragione nel dire che volendo avrebbe potuto portarne molte di più.
Per esempio,a volte viene detto che la Guerra del Tempo ha cancellato o modificato linee temporali di interi pianeti e civiltà,anche senza che se accorgessero,ma la cosa non è mai stata molto approfondita.Come non è mai stato approfondito il fatto che la scomparsa dei Time Lord ha influenzato,e molto,i viaggi nel Tempo (come quando Ten dice che senza Time Lord viaggiare tra mondi paralleli è diventato impossibile).
Anche se in un certo senso questo approccio soft da parte degli showrunner lo capisco,di solito nel Who Universe tutto cambia per non poi non cambiare niente,quindi è comprensibile che le conseguenze ci siano fino a un certo punto. Piacerebbe molto anche a me.Sarebbe bello vedere il Dottore interagire con Time Lord che non sono il Maestro e soprattutto,sarebbe interessante vedere cosa potrebbero fare gli scrittori moderni con i Signori del Tempo.Perchè secondo me hanno molto potenziale,nella serie classica a volte erano un pò rigidi e noiosetti,ma nei drammi radiofonici della Big Finish li hanno resi interessanti,più complessi.Volendo,potrebbero essere sfruttati per battere sentieri che finora la serie non ha esplorato.


Sì, anch'io ricordo alcune razze aliene della prima stagione subire le conseguenze della Guerra del Tempo, però poi è andato piano piano scemando. Poi, per carità, se non ne discuteranno più amen.




Certo,perchè ciò accadesse dovrebbero piantarla di distruggere Gallifrey e i Time Lord ogni cinque minuti.Non sono molto ottimista,lo so che all'epoca aveva i suoi buoni motivi,ma in fondo il primo a spazzare via Gallifrey è stato proprio Davies.E poi adesso,grazie a quel fenomeno di Chibnall,Gallifrey non è neanche più il pianeta natale del Dottore,e i Time Lord non sono più la sua specie,non so quanto interesse ci sarà da parte di Davies a riportarli in vita. :nu:



Povero Gallifrey, bistrattato da tutti. Comunque non è detto che Davies preferisca abbandonare i Signori del Tempo e il pianeta al loro destino, secondo me, nel 2005, ha fatto quella scelta perché sapeva dove voleva andare a parare con il personaggio del Dottore; magari adesso vuole approfondirne altri lati. Certo, Chibnall non ha aiutato, ma se c'è una serie tv dove tutto è possibile, questa è Doctor Who :metal:
E poi, tecnicamente, usando il DNA del Dottore, Tecteun non ha reso tutti i Signori del Tempo come il Dottore? Per questo il Maestro è impazzito (di nuovo), quindi alla fine sarebbe la sua specie, no? :rofl: Però, sì, facciamo finta che non sia successo niente e confidiamo in Davies.


Beh,visto che tutti state facendo la lista dei desideri per il Davies II...
Io aggiungo che ...

Spero finalmente in una companion donna non giovane o giovanissima,diciamo dai 50 in su.Anche proprio anziana.


Troppo anziana no, però, ci stavo riflettendo qualche giorno fa, mi piacerebbe che il Dottore avesse come compagna una donna sulla cinquantina, magari casalinga e alla ricerca di un nuovo senso da dare alla propria vita. Senza love story, naturalmente.



Che spero che a Davies sia passata la Dalek mania.Qualche Dalek ogni tanto ok,ma con lui si faceva indigestione.
Che spero che stavolta le sue "trame stagionali"siano qualcosa di più complicato di "Bad Wolf" o "Saxon".
Che spero che il fattore "tempo" sia gestito in modo meno lineare.Non dico alla Moffat,ma almeno che stavolta Davies si ricordi che un Time Lord non considera il tempo come un umano.
 :quoto: su companion innamorate e simili.E ma basta.
Anche su più Time Lord e più Gallifrey,che nel New Who sembra che li odino tutti,si sono visti poco o nulla.Sarebbe ora di farli conoscere anche a chi la serie classica non l'ha vista,o l'ha vista poco.Non me ne frega niente di quello che dice Chibnall,per me saranno sempre loro il pianeta e la gente del Dottore.



 :quoto:




12
Doctor Who / Re: Il Ritorno di Russel T. Davies
« il: 12 January 2022, 23:54:04 »
Anche a me piace il misticismo che c'è dietro la Guerra del Tempo e condivido l'impossibilità della messa in scena delle battaglie, però, per quanto sia stata epica (e dai racconti del Dottore pare lo sia stata molto) non sembra aver avuto molto effetto sull'universo in toto, non abbiamo incontrato molte razze che ne hanno subito le conseguenze. O magari è solo una mia impressione e potrebbero mancarmi alcuni accadimenti che si possono trovare nei libri o in Big Finish. Comunque, a prescindere dalla guerra, mi piacerebbe vedere il Dottore interagire di nuovo con la sua specie. Anche perché, come già detto, la storia dell'ultimo Signore del Tempo è stata già discussa ampiamente.

13
Doctor Who / Re: Il Ritorno di Russel T. Davies
« il: 10 January 2022, 20:28:42 »
Mi chiedo se in questa nuova gestione Davies spiegherà finalmente le dinamiche della Guerra del Tempo, voi che ne pensate? O gli basta quanto ha scritto Moffat?

14
Sono in ritardo nel commentare questa puntata, ma non ho niente in più da dire di quanto avete già detto voi. In generale, nonostante mi chieda se sia possibile che un time loop si "accorci" riparandosi da solo (ma dovrei interrogarmi su molte altre cose di DW e non, quindi non mi faccio tante domande superflue), l'episodio non è male. Alla fine i Dalek non hanno strani piani contorti che il Dottore deve fermare, anzi viene menzionato anche il fatto che si vogliono vendicare per il Flux. Certo, il modo in cui il Dottore si lava le mani di decisioni che lei ha preso non è molto da Dottore, ma dopo tre stagioni ci ho rinunciato. Anzi, pensavo che neanche si sarebbe nominato più il Flux.
Il personaggio di Sarah mi è piaciuto, non è "buono", ma, nonostante sia egoista e scorbutico, non è neanche cattivo, cosa nuova per la gestione di Chibnall, dove c'è una netta distinzione tra bene e male. Concordo con chi ha detto che la storia tra lei e Nick
viene messa in scena troppo velocemente: sì che scampano insieme (o quasi) parecchie volte dalla morte, ma intraprendere un viaggio insieme subito dopo come amanti è un po' esagerato. Sarebbe stato più carino vedere i due organizzare un'uscita dopo gli eventi di capodanno, ma tant'è. E qui passiamo al parallelo della storia tra Yaz e il/la Dottore. È vero che nello speciale di capadonno dopo la dodicesima stagione e in qualche episodio della tredicesima, Yaz sembrava provare qualcosa di forte per il/la Dottore, ma niente che tutte le compagne prima di lei non abbiano provato e non solo in senso romantico. Donna, Bill, Amy hanno tutte avuto un grande affetto per il Dottore, senza sfociare nel romanticismo (e tutti rapporti costruiti meglio di quello tra Yaz e il/la Dottore). Quindi pensavo che a distanza di tre episodi dalla fine Chibnall non osasse mettere in scena scenette d'amore che non sono state per nulla sviluppate nelle precedenti stagioni. E invece ha osato! Non c'è limite al peggio, a quanto sembra. E poi il fatto che Dan si è messo in mezzo, quasi a fare il cupido di turno, mi ha dato molto fastidio: primo, non mi è sembrato carino esternare i sentimenti di Yaz verso la diretta interessata, secondo: COSA NE SAI TU DEL DOTTORE?!?!?!? Davvero, tutta quella parte è stata terribile e ancora non sappiamo cosa ne pensa il/la Dottore. Non escludo, a questo punto, una scena d'amore tra le due. Ma va bene, tanto ormai, credo che sia il problema minore. Io ancora sono preoccupata per la questione "genitori del Dottore" e tutto il Timless Child in generale; non mi fido di Chibnall, potrebbe far riapparire quella coppietta dal nulla e renderli i genitori del Dottore, ne sarebbe capace. Insomma, tireró un sospiro di sollievo solo quando tredici si rigenererà.  :paura:

15
Dan conosce poco il Dottore ma molto Yaz. Per quanto sia ridicola quella parte della trama della stagione 13, hanno effettivamente passato assieme più di 3 anni girando il mondo a inizio 1900. E dopo 3 anni che vedi una persona che riguarda continuamente sospirando un ologramma del Dottore non è che ci vuol molto a fare 2+2. :lol?: Le sta solo dicendo diglielo e basta. Poi che sia una roba scritta malissimo siamo tutti d'accordo,  ma da Chibnall non è che mi aspetto una grande love story... :lol?:


Sì, sì, so che Dan conosce Yaz, anche se quando ha detto che hanno viaggiato insieme per tre anni sono rimasta un attimo interdetta, poi mi sono ricordata che sono rimasti nel passato per tre anni  :XD:.