Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Velaria

Pagine: [1] 2
1
Doctor Who / Re: [COMMENTI] Doctor Who Special - "Twice Upon a Time"
« il: 29 December 2017, 17:32:10 »
Ho rivisto l'episodio e devo dire che mi piace di più e credo di non essere insoddisfatta, si vede che c'è una sorta di chiusura del cerchio. Probabilmente mi resterà un po' di amarezza perchè credo che il Dottore di Capaldi sia durato poco (almeno io ho avuto quest'impressione, forse anche per il fatto che ho visto la serie in diretta dalla nona stagione) rispetto ad esempio a Smith e Tennant. Allo stesso tempo però Twelve ha avuto un bell'arco narrativo, certo anche con alcune storie forse troppo deboli ma ho apprezzato davvero tanto la sua evoluzione.
Per questo episodio pensavo che ci potesse essere qualche collegamento con Gallifrey e la Guerra del Tempo, forse è per questo che in un primo momento ero rimasta un po' delusa.
Bill probabilmente è stata scritta proprio come avete detto come una ragazza qualsiasi, una che va alla mensa dell'università per lavorare e poi si ritrova catapultata nel mondo del Dottore. Il problema è come ci si ritrova (a parer mio) in questo mondo, in maniera molto, troppo semplice, se non ricordo male la stagione si apre proprio con lei che entra nello studio del Dottore.
Forse si cercava di richiamare anche il modo con cui i companion della stagione classica si aggregavano alle sue avventure, non saprei...
Purtroppo però non mi è piaciuta molto come è stata descritta, poco approfondita.
Peccato, forse era possibile fare una stagione con solo Missy e Nardole? Sono solo speculazioni ormai, ovvio.
Tutto sommato però Bill ed il Dottore hanno avuto dei momenti divertenti e anche commoventi insieme, quindi questo mi fa un po' arrabbiare, mi lascia pensare che si poteva fare di più.
Vabbè basta perchè sennò sembra che voglio solo lamentarmi quando invece ho trovato molte cose positive in questa decima stagione ed anche in questo finale.
(Anche la sofferenza della rigenerazione  :T_T: la annovero tra le cose belle, in fondo è una sofferenza dolce :cry:)

2
La puntata per ora l'ho vista una volta sola e credo di doverla ancora metabolizzare bene (anche se non c'è moltissimo da metabolizzare)
Mi è piaciuta nella sua "semplicità". Bradley- One davvero incredibile la somiglianza, ad un certo punto mi dispiaceva davvero vederlo andare via.
Mi è piaciuto molto anche il ritorno di Nardole, non ero molto speranzosa di rivederlo, per me è stata tutto sommato la rivelazione dell'ultima stagione, forse più di Bill. Anzi credo che con Bill formasse una coppia molto frizzante e comica  :asd:
Mi è quasi mancato un riferimento o citazione verso Missy/Master ma penso che probabilmente c'era già troppo da ripescare... Peccato però. Così come qualche riferimento a Susan.
Non sono mancati comunque vari rimandi a tutto il viaggio del Dottore.
Mi è piaciuto molto anche il Dalek dell'episodio Into the Dalek (Don't be lasagna  :XD:)
Poi vabbè spunta Clara ed è subito  :love: :bYe:
Però sono sincera, non so se m'è piaciuto completamente il tutto... Diciamo che avrei forse preferito altro (ormai mi ero costruita tutta una trama che rispondeva ad alcune questioni rimaste per me poco chiare) ma quello che ho avuto mi è piaciuto lo stesso molto, è davvero una strana sensazione  :asd:
Nel complesso sono soddisfatta, molto triste ma soddisfatta e incredibilmente mi è piaciucchiata persino Jodie 13 in quei tre secondi di apparizione.
In ogni caso Twelve resterà indelebile per me. Mi ha fatto capire appieno cosa intendono gli Whovian quando dicono "il MIO Dottore".  :love:  :nu:
 :ciao:

3
Doctor Who / Re: Top 11 dell'Undicesimo dottore
« il: 3 October 2017, 12:02:12 »
Anche qui ordine di apparizione.

1 The Eleventh Hour
2 Vincent and the Doctor
3 The Pandorica Opens/The Big Bang
4 The Impossible Astronaut/ Day of The Moon
5 The Doctor's Wife
6 A Good Man Goes To War
7  The God Complex
8 The Rings of Akhaten
9  Journey To the Centre of the TARDIS
10 The Name of The Doctor
11 The Time of The Doctor

Avrei messo anche The Girl Who Waited,  Asylum of The Daleks,  The Snowmen, e The Day of The Doctor come speciale.
Devo dire che ho rivalutato molto Eleven ogni tanto capita che incappo in qualche video su youtube che riguarda  lui o le sue stagioni e mi viene moltissima malinconia  :XD:
Ma forse è anche proprio DW in generale che lascia questo effetto.  :T_T:

4
Secondo me  la Clarke non è stata male nella parte in cui colpiscono Vyserion, ha la faccia di uno sconvolgimento oltre le urla e il pianto. Il problema è che è durato poco perché non c'era il tempo materiale, dovevano tirare avanti con la scena d'azione e spingere sulla love story. Io proprio la morte di Vyserion l'ho trovata troppo casuale.
Concordo. Era più una reazione da persona sotto shock,  con incredulità, forse negazione. Probabilmente volevano dare questa sensazione. Emilia non sarà un mostro nella recitazione ma mi sembra tutto sommato abbastanza credibile ed in linea con il suo personaggio da regina altezzosa che vuole darsi un tono, in varie situazioni che cerca di non mostrare troppo le sue emozioni.
La scena poi doveva essere frettolosa per forza di cose purtroppo.
D'altra parte Kit, caruccio tutta la vita eh, Jon grandissimo personaggio ma pure lui spesso mi fa cadere le braccia sotto quel punto di vista.
Mie sensazioni, ovviamente.

Su Sansa effettivamente sarebbe interessante sapere cosa pensava di fare Cersei invitandola. E di Baelish che sembra essersi dimenticata pure di lui.  :scettico:

5
Secondo me, Arya sta dicendo: io posso prendere la tua faccia, e con quella fregare Ditocorto. E per dimostrartelo, ti porgo il famoso coltello, come per dire: questo è quello con cui lui ha creato zizzania fin dall'inizio, e adesso lo useremo contro di lui.

Credo che Arya stia solo fingendo di essere minacciosa verso Sansa, e in realtà ha le idee ben chiare su chi sia il vero pericolo.

Scusate ma per Arya Ditocorto non dovrebbe essere solo un tipo alquanto losco, viscido e praticamente mezzo estraneo in casa loro? Cosa ne sa lei della daga, del fatto che dietro a tutto il piano di assassinare Jon Arryn c'era lui, che ha tradito Ned ecc (quello non dovrebbe saperlo nemmeno Sansa)... Bran molto probabilmente lo sa ma non ce lo mostrano, nemmeno mezzo dialogo con Arya appunto... Dovrebbe essere sempre là mezzo in trance davanti all'albero Diga...
Boh tutti questi sospetti e astio verso Ditocorto li trovo assurdi. Giusto Sansa lo conosce di più e dovrebbe sapere di cosa sia capace.
Ok che Arya riconosce le bugie ecc però non so... Non riesco più a trovare in lei il personaggio che mi piaceva tanto anche tutto sommato nella scorsa stagione. Non a caso trovo molto più credibile l'evoluzione di Sansa ed ho persino rivalutato alcuni suoi comportamenti da piccola.
Non ho letto i libri (anche se mi sta sempre più venendo voglia di iniziarli), la serie mi piace ancora ma sono piuttosto delusa dalla piega che hanno preso questi ultimi due episodi. Anche perché secondo me basterebbe poco per rendere le cose un pochino più coerenti.

6
Secondo il mio modestissimo parere la cosa più brutta dell'episodio tralasciando la spedizione assurda per il non-morto sono i personaggi random sconosciuti che muoiono. Le comparse. Gli altri bruti oltre a Tormund, gli altri membri della Fratellanza oltre a Beric, Thoros... (Perchè ce n'erano altri vero? Quando li ritrovano nella cella ad Eastwatch sembra ci siano solo loro due ed il Mastino.)
Quello è stato davvero brutto da vedere...
Ah e poi Benjen come già detto deus ex machina che più di così non si può. (Anche nella scorsa stagione arriva a salvare Meera e Bran in extremis, ma stavolta mi ha dato più fastidio... Anche perchè Jon in teoria non dovrebbe sapere nemmeno che lui è mezzo zombificato e non può attraversare la Barriera)
Altra cosa bruttina il "Dany".
Il resto del dialogo tra i due piccioncini mi è persino piaciuto. O magari sono solo io che li shippo  :asd: Però ammetto che ho trovato alquanto strano Jon, magari era ancora stralunato dal freddo e dalla battaglia  :XD:
La parte a Winterfell non so come giudicarla, non m'è piaciuta granchè, vediamo come si risolve nell'ultima.

7
Solo un commento rapido.
Ma Jon che legge di Bran (che come dice lui stesso) credeva morto che "vede" l'esercito dei non morti... Possibile sia per lui normale ed assodato che il suo piccolo fratellastro abbia questo genere di capacità? E lo dice tranquillamente anche agli altri... Magari avranno pensato 'li ha visti strada facendo dalla Barriera'... Sono alquanto confusa, ma potrei anche sorvolarci sopra. Troppe cose però, davvero troppe un po' troppo raffazzonate da mandare giù.

8
Sinceramente non capisco come si possa considerare Daenerys come una pazza, isterica.
Ci sta che il personaggio non piaccia, ci sta che stia antipatica lei, il suo modo di fare ecc però da qui a definirla pazza mi sembra eccessivo.
E' nata Targaryen non dovrebbe essere nè una colpa nè un merito, esattamente come lo dovrebbe essere per Cersei essere una Lannister ed essersi sposata con il re.
E' dovuta scappare ancora piccola perchè la volevano morta solo per il fatto di essere la figlia del mad king. E' cresciuta con un fratello che ogni due per tre le diceva che voleva riprendersi il trono ecc...  Poi è successo tutto quello che è successo ed ha avuto anche i draghi. La gente di Essos ha creduto in lei, come dice Missandei "lei è la regina che ci siamo scelti" per certi versi un po' come Jon che è il re che la gente del Nord si è scelta. (Certo è pur sempre ai loro occhi il figlio bastardo di Ned anche questo ha avuto un suo peso, non hanno scelto un tizio qualunque ok).
Ma Dany non è una tizia qualunque venuta dal nulla.
Cosa doveva fare starsene tranquilla, relativamente tranquilla ad Essos con 3 draghi, in un posto a cui sentiva di non appartenere, con guarda caso sempre più persone provenienti da Westeros che l'appoggiano o che quanto meno vedono in lei qualcosa di migliore, una speranza...
Poi che abbia un po' troppo sgarbatamente attaccato Varys ok, il problema lì è che l'ha fatto dal punto di vista tempistico troppo tardi, ma quello è un problema della sceneggiatura.
Fa bene a guardarsi dai traditori...
Poi nei confronti di Jon mi sembra sia disposta ad ascoltarlo, a combattere la sua causa (senza avere nemmeno uno straccio di prova dell'esistenza di questa minaccia incombente, ok ma ha ragione pure lui ovviamente), si fa fare il tour romantico nelle caverne, senza guardie, gli chiede anche consiglio... E lo ascolta anche.
Boh, non capisco.
In questi ultimi episodi vedo alcune somiglianze e parallelismi tra lei e Jon persino... Ok magari saranno gli autori che lo fanno apposta però tant'è  :sooRy:
I nobili di Westeros almeno quelli che sanno ciò che è successo alla capitale, e hanno fatto due più due, dovrebbero chiedersi se Cersei potrebbe avere altre riserve di Altofuoco nascoste chissà dove pronte a far saltare in aria qualcos'altro... Ma non si può pensare ai se ai ma. Anche perchè Dany tutto sommato pur avendo tre draghi, si è presentata in campo solo con uno ed ha mirato quasi esclusivamente ai carri.

P.S. A me Cersei piaciucchia pure eh  :cool:

9
1) Companion. Avere più companion alieni, oppure provientienti da altre epoche (magari uno/a dal passato e l'altro dal futuro, per vedere come interagiscono)
Un'altra possibilità è quella di avere dei companion non fissi ma che variano a seconda degli episodi. Mi sembra che ho letto una cosa simile proprio qui sul forum, non mi ricordo chi l'aveva scritto..
Ad esempio per gli episodi ambientati nel futuro avere tizio e caia, per quelli nel passato sempronia, e poi magari ad un certo punto succede un qualcosa per il quale si incontrano tutti insieme e si ritrovano  a vivere un'avventura/risolvere una situazione insieme al Dottore. (E magari pensavano di essere i soli a viaggiare con lei, ad avere l'escusiva dei viaggi nel tempo e invece... Potrebbe essere simpatica come situzione. Non lo so :/)
Oppure due companion che sono fratello e sorella, magari gemelli.
Quello che non vorrei è avere solo un o una companion fissa, mi piacerebbe cambiare un po'.

2) Cose da evitare penso che ne ho una in particolare: basta con situazioni alla "morte del Dottore- il Dottore deve morire". Mi piacciono e mi sono piaciute ma per ora ne farei volentieri anche a meno per un po'. Certo tutto dipende dalla storia e da come è costruita e da come si svolge, però...

3) Nuovi nemici inquietanti ricorrenti o meno.

4) Rivedere vecchi nemici storici e non (come Dalek e Cybermen anche se quest'ultimi in realtà non li voglio vedere per un bel pezzo  :?$%&:)  e magari riprendere delle eventuali storie in sospeso (eh in teoria potrebbero essercene tante in sospeso, è tutto molto relativo).  Ad esempio mi è venuta in mente quella frase di quella ragazza in Before the flood sul Ministro della guerra mi sembra...

5) Gallifrey. Voglio più storie ambientate a Gallifrey, più Signori del Tempo che interagiscono con il Dottore (o tra di loro) soprattutto ora che sarà un'incarnazione particolare e capire un po' meglio come funziona la loro società. (Sì molto probabilmente ci sono storie della Classica che lo mostrano, però mi piacerebbe ce ne fossero anche nel New Who, visto che ormai abbiamo superato - o quasi - la questione della Time War)

Poi rivedere la Unit, magari con meno personale incompetente che lavora all'interno di questa  :asd:
Osgood! Mi piacerebbe rivederla anche per poco... Voglio vedere cosa farà, dirà Osgood quando vedrà 13. E anche Kate. :huhu: Ed anche Jack già che ci siamo  :lol?:

Vorrei i classici episodi tranquilli e divertenti dove apparentemente non succede granchè per quanto riguarda la trama orrizzontale...  Spero che se voglia avere comunque più trama orrizzontale, non faccia mancare degli episodi che potrebbero essere considerati "filler"(ma che filler non sono)
Episodi o storie ambientate in luoghi chiusi, claustrofobici che le gradisco particolarmente.

Mi piacerebbero storie e/o personaggi alquanto dark solo che con DW penso che più di tanto non si possa osare e pretendere ovviamente. (Però sarebbe interessante tutta la questione sul Valeyard)
Mi piacerebbero degli addii meno traumatici con i companion, così eventualmente si potrebbero avere ancora come personaggi che tornano, anche solo per un episodio, però mi rendo conto che questo dipenderebbe molto anche dalla disponibilità degli attori/attrici.
I drammi non mi dispiacciono solo che dopo un po' diventano troppo ripetitivi.

Non mi dispiacerebbero dei riferimenti o citazioni a qualche vecchio episodio o precedente incarnazione.... Lo so che sarà tutto un brave new world ma se mi farà qualche battuta su che ne so, delle sopracciglia da guerra, Scozzesi brontoloni, mi renderà meno difficile il distacco da 12. (Ma sarà dura lo stesso lo so)
Ma anche se non dovessero esserci riferimenti me ne farò una ragione, (the show must go on :cry:) l'unica cosa che spero che ci sia è un po' di continuità. Continuità con la serie in generale non solo con l'era Moffatt, ovviamente.
Ad esempio per quanto non sia tra le mie preferite mi sarebbe piaciuto se fosse rimasta ancora per un po' Bill, si sarebbe potuta anche approfondire come personaggio, solo che non penso sia possibile...

10
Doctor Who / Re: 13th Doctor!
« il: 29 July 2017, 19:05:19 »
Innanzitutto, perché una versione femminile di un personaggio dovrebbe aggiungere un valore? Se la versione fosse un diversa etnia, diremmo che un Dottore/Master nero aggiunge valore a un personaggio?


No, infatti.
Quelli (BBC e Company alcuni - tutti o troppi, boh non si capisce nemmeno- media inglesi) che lo spacciano per un cambiamento che si doveva fare come un omaggio mettiamola così, un' opportunità verso il genere femminile, non li capisco.

Secondo me potrebbe essere solo la curiosità nel vedere un personaggio che solitamente è stato maschile in versione femminile... Penso che potrebbe essere la risposta.

Nel caso di Missy ci poteva stare perchè come era stata introdotta nell'ottava doveva restare un mistero fino alla fine la sua identità (anche se poi a quanto ho capito ci erano già arrivati tutti alla possibilità che fosse il Master)
C'è anche chi suggerisce che abbiano cambiato genere al Master per evidenziare una sorta di legame romantico con il Dottore... Boh. Non penso che sia necessario, anche perchè si potrebbe fare lo stesso con entrambi dello stesso sesso, anzi proprio loro che sono così avanti ed evoluti, non vedo dove potrebbe essere il problema. (Qualora se lo fossero posti  :lol?:)
Insomma più ci penso e più mi sembrano insensate, le teorie, le supposizioni del perchè fosse necessario, perchè è da considerarsi come valore aggiunto ecc  :XD:
(Riferito ovviamente a chi pensa che fosse necessario)
 

11
Doctor Who / Re: Peter Capaldi / Twelve Appreciation Thread
« il: 25 July 2017, 14:12:50 »
L'ho visto quel video!  :prego:
TheGaroStudios pubblica dei video bellissimi!

12
Doctor Who / Re: 13th Doctor!
« il: 20 July 2017, 20:34:04 »
Visto che si possono citare articoli propongo di dare un'occhiata a questo senza lasciarvi turbare dal titolo che probabilmente può essere visto come troppo categorico.

http://www.telefilmaddicted.com/wordpress/doctor-who-ecco-perche-non-serviva-un-dottore-donna/

Ci sono varie opinioni, alcune ricalcano perfettamente quello che penso alcune meno. Anche se tutte più o meno concordano con una cosa.

Io non ero e non sono contraria a priori verso una rigenerazione donna del Dottore anche perchè abbiamo visto che può accadere. Certo l'hanno inserito retroattivamente (e questo non si può negarlo) ma m'importa poco quello.
Quello che invece credo che manchi è che ci hanno costruito poco attorno, per quanto riguarda l'identità ad esempio. Non è vero che essere maschi o femmine è la stessa cosa a livello mentale (parlo di noi umani). Purtroppo (o per fortuna chi lo sa) dal momento in cui nasciamo siamo immersi in più contesti: familiare, sociale, culturale... Che è poi quello nel quale formiamo il nostro carattere, la nostra identità, il nostro io. Per noi ci sono delle differenze a livello mentale anche se non si possono raggruppare globalmente queste differenze. E non entro nel merito di questa questione.
Per i Signori del Tempo non ci sono differenze. O forse sì? Magari differenze diverse, minime. Non lo sappiamo.

Cosa dice il Dottore a Bill in World Enough and Time? "Siamo la civiltà più civilizzata dell'universo, siamo oltre le vostre fissazioni riguardo il genere e gli stereotipi ad esso associati" (Cito  a memoria ma il concetto è questo).

Non vedete nulla di strano? OLTRE. Oltre alle nostre considerazioni, al nostro modo di pensare, però non dice "per noi essere maschi o femmine, signori o signore del tempo è indifferente, è la stessa cosa". Tant'è che poi Bill gli fa osservare: "Però vi chiamate lo stesso Time Lords... "
E lui stesso sembra anche darle ragione in un certo senso come per intendere che effettivamente una differenza seppur minima o diversa da come la potremmo interpretare noi, c'è e lascia perdere il discorso.
Il mio problema principale con questo cambiamento è che non ci hanno mostrato nella serie granchè di come funzionano queste cose tra i Time Lords e Ladies ecc, (non ho la più pallida idea riguardo la serie classica) non che sia così immensamente importante però vorrei sapere come il personaggio del Dottore percepisce ciò.  È ovvio che per lui non è importante o magari lo è fino ad un certo punto... Però avrei preferito saperlo prima di vedere un'incarnazione femminile.

L'importante è restare fedeli alla sua missione " I am the Doctor and I save people" per quanto si possa cambiare il manico e la spazzola ad una scopa quella anche se non sarà più la stessa scopa iniziale, farà ciò per cui è stata progettata cioè spazzare per terra.
Ecco io spero che mi mostrino bene e chiaramente cosa ne pensa e come vive questo cambiamento (che per lui sarà minimo, poco importante ma sarà pur sempre un cambiamento)
Insomma io spero vivamente  che sia una scelta interessante e in qualche modo legata alla trama e alla caratterizzazione che Chibnall ha in mente di fare.
È il contesto, il clima in cui si inserisce tutto questo che mi dà il voltastomaco. Ed è per quello che molti e molte se ne lamentano...

Leggere certe cose (non qui sul forum,  in giro per il web) da persone a cui fino all'altro ieri non importava un fico secco di Doctor Who e dei tanti bellissimi messaggi che dà questa serie, dei numerosi personaggi femminili più o meno belli, più o meno riusciti che ci sono, anche le COMPARSE (le prime che mi vengono in mente Kar, Erica, Cass, O'Donnell, Osgood , Adelaide, l'altra di Kill the Moon e via dicendo...) e soprattutto LE companion che per quanto mi riguarda a partire da Rose fino a Bill non hanno nulla da invidiare al Dottore, infatti è lui che ha bisogno dei loro occhi, del loro modo di vedere il mondo per non perdere la bussola ecc...  (Ho citato solo quelle del New Who perchè non ho conoscenza della serie classica ma sono sicura che anche lì esempi non manchino basti pensare a Sarah Jane)
Poi trovo divertente iniziare a ritrattare anche sull'identità del Dottore.
Certo è un titolo quello che si è dato una missione, è ANCHE un'essenza il Dottore, ma non è solo quello.
Mi sembra strano negare il fatto che fosse un signore del tempo maschio o che si percepiva e lasciava percepire come tale.

"A Mad Man in a Box."
"Tell me am I a good man?"

Anche se il fatto che fosse maschio non era così importante non vuol dire che lo dobbiamo cambiare per forza, adesso, subito dopo aver avuto la versione femminile del Maestro.
Che poi Missy non è stata presente in tutti gli episodi e per tutta la durata delle tre stagioni e probabilmente la causa principale del suo successo si chiama Michelle Gomez.
Riuscirà Jodie Whittaker a  convincere altrettanto? Me lo auguro, però lasciatemi avere i miei legittimi dubbi.
Detto questo, chi vivrà vedrà. Ce ne abbiamo da pontificare da qui alla fine probabilmente del 2018.
Poi personalmente per quanto io possa trovare affascinanti David Tennant e Peter Capaldi e fangirlare su di loro (ebbene sì come se fosse un crimine poi, ah ma allora vale solo il contrario, le ragazze non possono permettersi di farlo senza essere giucate come cretinette senza cervello) ho sempre (o quasi sempre) percepito il personaggio e sottolineo personaggio del Dottore come una sorta di figura paterna, quindi maschile, cosa c'è di male in questo?
E per concludere dal punto di vista meramente estetico preferivo Phoebe Waller-Bridge.  :zizi:

13
Doctor Who / Re: 13th Doctor?
« il: 16 July 2017, 21:49:58 »
Volevo lasciare alcune mie riflessioni forse un po' sconclusionate, volevo cercare di razionalizzare perchè questa scelta non mi soddisfa (almeno sulla carta poi ci spero con tutto il cuore che vada tutto bene e si dimostri una scelta vincente)

Per come la vedo io bisognerebbe sforzarsi maggiormente di creare dei personaggi (e protagoniste in generale, non so come Rey in Star Wars?) femminili ex novo non stereotipati piuttosto che far cambiare genere ad un personaggio che in fondo non è mai stato rappresentato come il classico supereroe maschile. Ed è già questo che lo rende unico nel suo genere. E' all'apparenza un maschio sì, ma è prima di tutto un alieno, non pensa come potrebbe pensare un uomo medio eterosessuale ecc dei giorni nostri. (Al di là delle maggiori capacità cerebrali)
(So che ci sono state nella serie Classica delle Time Lady, non sarebbe bello averle di nuovo come personaggi, oppure crearne di nuovi, che non siano il Dottore ma che abbiano comunque molta importanza nella trama, che compaiano molto ecc, insomma dei personaggi femminili interessanti?)
Avrei preferito un cambiamento maggiore nelle dinamiche tra i companion piuttosto che puntare su un cambiamento così drastico. (Magari ci sarà anche ovviamente un cambiamento con i companion!)
Che poi io non capisco, sono una ragazza ma questo non mi impedisce di potermi identificare in un personaggio maschile, anche nel Dottore perchè no, o di potermici rivedere in certe situazioni ecc. Non penso che le bambine di oggi abbiano bisogno di vedere per forza il Dottore "donna" per potersi identificare maggiormente con il personaggio. Per credere in loro stesse, per sentirsi delle eroine ecc. O per sognare di diventare ( e diventare effettivamente) delle scienziate (quante astronaute, scienziate, tecnici di laboratorio ecc abbiamo visto essere donna in Doctor Who? Non penso sia quello un problema).
Secondo me non basta far diventare il Dottore Signora del Tempo per poter saltellare ed essere felici perchè così si dimostra che anche le donne possono essere le protagoniste, forti ecc... E' più complesso di così. Certo non è sbagliato esserne contenti però non è giusto accusare chi è cauto o molto dubbioso su questa scelta di essere dei retrogradi maschilisti, sessisti e via dicendo.
In ogni caso sarà sicuramente interessante vedere il personaggio del Dottore in questa sua nuova fase.
Certo che già 12 ha attraversato una crisi d'identita dopo la rigenerazione e di nuovo adesso alla fine della sua vita, nel caso di 13 potrebbe essere che si focalizzi meno su questa sua nuova identità.  Però non saprei...  :scettico:

Tra l'altro non è nemmeno così indifferente per i Signori del Tempo  essere maschi o femmine...  Come gli fa notare Bill. Time Lords - Time Ladies. Una distinzione la fanno. Magari non hanno giustamente le nostre fissazioni, preconcetti mentali e stereotipi eccetera...
Ed il generale che si rigenera in Hell Bent afferma di essere tornata alla sua vera identità mi sembra o una cosa del genere, visto che ci lascia intendere che nelle passate rigenerazioni era sempre stata "donna". Almeno io avevo capito così correggetemi se sbaglio. Quindi in un certo senso hanno una identità, quando cambiano genere in una rigenerazione si sentiranno probabilmente per certi versi estranei dentro un corpo che non rappresenta ciò che si sentono. Dei trans in pratica  :lol?: Magari solo una sensazione/crisi passeggera...
Non lo so ci sarebbe tanto su cui riflettere, non è stata secondo me una scelta semplice. (E mi chiedo con tutto il cambio di autori, attori ecc serviva aggiungere proprio adesso anche questo?) Avrei preferito che Chibnall non fosse partito così all'inizio della sua prima stagione con questo grande cambiamento.
Poi il fatto che riesca o meno a salvare persone, mondi o pianeti non penso abbia a che fare con l'essere alieno maschio o alieno femmina. Non è che perchè sei donna allora sei superiore (o inferiore) oppure hai maggiori capacità e non commetti errori, il Dottore sarà sempre il Dottore malgrado diverse incarnazioni e diversi tratti caratteriali.

Almeno credo :ninja2: (avevo letto sull'altro topic delle news dei commenti a riguardo)


In ogni caso non vorrei al momento essere nei panni di Jodie Whittaker nè tantomeno in quelli di Chibnall.
Speriamo bene  :plause:

14
Non so se qualcuno lo aveva già scritto ma penso che il Dottore sapesse delle intenzioni di Missy di uccidere (uccidersi?) il Maestro ... Quando lui le offre la mano lei rifiuta, salvo poi affrerrarla e se non sbaglio era proprio quella dove teneva nascosto il coltello.
Potrebbe essere tutto un non detto.
Peccato però sarebbe stato bello se mentre lui era in mezzo al bosco a far fuori i Cybermen l'avesse trovata e ne avesse avuto quindi la conferma.
Magari qualche riferimento potrà esserci nell'episodio di Natale... Anche se dubito che rivedremo Missy.
In ogni caso il Dottore sembra proprio convinto che il suo amico/nemico preferito alla fine abbia comunque compiuto un percorso di pentimento.

"You've changed."

Infatti quando pronuncia quel discorso lo fa soprattutto rivolto al Maestro quasi come se sapesse che quelle parole avrebbero avuto effetto sul lungo termine, ha come piantato dei semi... Che avrebbero poi prodotto i loro frutti.

O forse sono dei miei film mentali, tutto può essere.  :lol?:

15
Salve a tutti  :ciao:
Ho iniziato a vedere Doctor Who un paio di anni fa, anche se in realtà ero già a conoscenza dell'esistenza della serie solo che ne rimandavo sempre la visione...
Fortunatamente ho deciso di vederla e beh me ne sono innamorata. E' stato un'innamoramento graduale, sono partita dalla prima stagione del New Who e all'inizio mi piaceva qualcosa e basta, poi con il trascorrere delle stagioni mi ha fatto davvero appassionare. Penso sia nato davvero l'amore per la serie nel corso delle stagioni di Tennant, e che poi sia proseguito nell'era Smith.
La nona stagione è stata la prima che sono riuscita a seguire in pari.
Il passaggio 12-13 sarà il primo che vivrò davvero e sono entusiasta ma triste allo stesso tempo, è assurdo.
Per ora tra quelle che ho "conosciuto" mi sono piaciute tutte le incarnazioni del Dottore, all'inizio anche se sapevo già cosa sarebbe successo è stato comunque un piccolo shock veder andar via Nine-Eccleston... Confesso però di essermi innamorata di Twelve. 
Peter Capaldi mi ha stregato.
Tra le companion preferite sicuramente Clara e Donna, anche se finora non c'è nessuno che non mi sia piaciuto per niente.
Alla fine ho deciso di recuperare come si deve anche la serie Classica...
Ma non so quando e soprattutto se riuscirò a finirla.
Detto questo vi saluto di nuovo :ciao: a presto.