Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - furycrash

Pagine: [1] 2 3 ... 10
1
Tantissimi soldi investiti ma non c'è nè cervello nè rispetto (per Tolkien in primis) in ciò che appare in questi 2 primi episodi.  :suicidiosenzafronzoli:

2
Kim sta con un altro, si è rifatta una vita.
Jimmy ha gettato volontariamente ciò che resta della sua vita, ed inutilmente.
Se questo gli avesse fatto riconquistare Kim, poteva avere un senso perché era la persona più importante per lui.
Ma invece tutto quello che ha ottenuto è una sigaretta. Barattare la propria vita per una sigaretta. Non ha senso, dai.
Lui poteva tranquillamente pentirsene ed appena fosse uscito di prigione 7 anni dopo cercare di rimediare diventando una persona buona e/o cercando di riconquistare Kim.
Invece così che ha ottenuto? Solo pochi minuti di "Showtime".

Nessuna persona al mondo lo farebbe, va bene il pentimento ma questa è una decisione di pancia irreversibile che ti porterai il resto della tua vita, e di cui magari ti penti l'istante stesso in cui entri in prigione.
Tutto questo in un personaggio che è sempre stato razionale e calcolatore.
Non è verosimile, nessun individuo normale e con un sano spirito di autoconservazione lo farebbe.

Non regge neanche la scusa che Jimmy è "onesto" e sentimentale ed è tutta colpa di Saul perché non è così: nel flashback con WW gli viene detto che è sempre stato così (come Saul, truffaldino).

Peccato, è stata una serie in cui tutto torna ed era logico, chiusa con un finale politically correct in cui il cattivo doveva essere punito. Questo mi starebbe anche bene, ma non quando non ha senso. Probabilmente per questioni di marketing/immagine gli sceneggiatori non avevano scelta.

Serie top, ma finale amaro
Il finale a parer mio ci sta tutto e la parola chiave è accettazione (parola che ho ripetuto fino all'errore nel mio giudizio). Jimmy è da una vita che cerca di essere accettato per ciò che è: prima dal fratello, poi dalla società bigotta americana, infine trova qualcuno (Kim) che finalmente lo accetta e condivide i suoi "ideali" (anche se fino ad un certo punto); per lei e solo per lei lui "accetta" la prigione. Ma poi pensiamoci a questa "prigione": alla fine dei conti vive in prigione come un re tra i suoi sudditi (la scena finale ce lo fa capire in poche inquadrature), facendo lo stesso lavoro che gli era toccato fare nella latitanza e circondato dalla stessa gentaglia che lo attorniava durante le sue lunghe giornate nel suo pittoresco studio legale. L'unica cosa che ci ha guadagnato (cosa fondamentale per lui) è l'accettazione di Kim che nonostante tutto gli mostra il suo rispetto condividendo con lui quella sigaretta (guarda caso unica nota "colorata" di un'esistenza che era già grigia prima della prigionia). Ripeto, per me finale perfettamente in linea con i personaggi che abbiamo potuto conoscere in questa serie.

3
(clicca per mostrare/nascondere)

4
Sempre meraviglioso ciò che Gilligan e il cast riescono a portarci con questa serie. Tutti i pezzi della scacchiera stanno pian piano andando nelle posizioni di partenza per quella che poi sarà la partita di Breaking bad in maniera logica e calcolata senza forzature innaturali (tengo incrociate le dita fino al finale di stagione). Volevo fare una menzione speciale per Giancarlo Esposito per la scena con il sommelier e per come il suo Gustavo Frings anche di fronte alle desiderate profferte (amorose) del tizio in un attimo dimostra di essere ancora fedele al suo "hermano" ucciso dal cartelo di Don Eladio, veramente toccante la transizione emotiva sul suo volto che è riuscita a farci approfondire ulteriormente un personaggio che può apparire cinico e mostruosamente freddo ma che chi ha capito fino in fondo la sua storia sa che è mosso completamente dalle sue passioni e ossessioni.

5
Di questa serie davvero non ne avevo bisogno. Io auguro a Michael C. Hall di potersi cimentare con nuovi ruoli e poter finalmente dimostrare le sue capacità attoriali viste sia in Six feet under che nelle prime stagioni di questa serie poi massacrata da autori che hanno tanto male operato nelle ultime stagioni.

6
Carell rendeva tantissimo nelle 4 mura ammuffite di un ufficio circondato da un ottimo cast in una serie corale. Rende pochissimo qui con un budget e una scenografia enorme, un cast dal livello mediocre in una serie poco corale. P.S. Ma come ha fatto Malkovich a passare da Sorrentino a questo?

7
Beh, su YouTube c'è un video di un tizio che mostra le location dove hanno girato bcs, e il cinnabon è ricostruito dentro un centro commerciale di Albuquerque.

Anche le strade si vede benissimo che sono quelle che siamo abituati a vedere su BB.
A me francamente ha trasmesso ciò che ho detto la scelta del bianco e nero per i flash forward, magari Gilligan ha trasformato un limite in una forza.

8
Terribile stagione low budget fatta di dialoghi spesso inutili e riempitivi a iosa per tirare in lungo il minutaggio e non spendere soldi. Di 10 puntate così ne bastavano 5 o 6 per chiudere la season e forse l'intera serie. P.S. Furbo ambientare il 90% delle scene in un albergo per non spendere... orribile...  :suicidiosenzafronzoli:

9
Alla citazione finale (Rio ripreso dall'alto attraverso il buco) di Walter White che ride follemente nel locale caldaia di casa ho avuto i conati di vomito.  :suicidiosenzafronzoli: P.S.
(clicca per mostrare/nascondere)

10
Serie che ha dato troppo poco per quanto sembrava promettere, una costante di queste nuove serie Marvel.

11
Delle due linee parallele vince nettamente quella degli anni 30. Twist finale telefonatissimo fin dalla prima scena. Warning spoiler sul finale
(clicca per mostrare/nascondere)

12
Serie Disney/Marvel ancora più deludente di Wandavision per trama, personaggi e loro evoluzione rispetto al cinema. Avanti con Loki incrociando tutte le dita di mani piedi.   :suicidiosenzafronzoli:

14
Finita la seconda stagione (e sorvolando su teorie, ipotesi ecc.) direi che la serie mi è piaciuta fino al cliffhanger finale.
(clicca per mostrare/nascondere)

15
Ci propinano anche le mogliettine dei due ora. Non se ne esce da questo incubo finale.  :suicidiosenzafronzoli: