Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Abebe Bikila

Pagine: [1] 2 3 ... 16
1
Gli appartamenti sono nel supe mega palazzo che hanno fatto vedere millemila volte ( quello con la svastica oversize ) è quindi presumibile, e direi ragionevole, che ci sia un corpo di guardia molto ben nutrito di simpatiche SS e/o Gestapo ad accogliere i non invitati a casa Smith.

Quello sì, non c'è dubbio.
Però, a livello di sicurezza, sarebbe un errore decisamente grave perchè non tiene conto di un potenziale scenario, improbabile ma possibile (specialmente in un film  :lol?:) : quello in cui le guardie in questione vengono sconfitte / aggirate / ingannate da un potenziale intruso, lasciando quindi la famiglia Smith in balia di chiunque arrivi a premere il bottone dell'ascensore. E a quel punto, la famiglia Smith non avrebbe alcun modo di difendersi, non potendo sapere nè che sta arrivando qualcuno, nè CHI sta arrivando (anche solo per poterlo aspettare davanti alla porta con un' arma spianata)

Per carità, non è per voler fare le pulci a ogni singola cosa, ma se ad un certo punto
  • ci fosse una scena in cui intruso riesce a superare le guardie e poi piombasse in casa Smith senza che i proprietari possano in alcun modo farci nulla, lo troverei una forzatura clamorosa...un po' come se in un castello lasciassero la sala del trono totalmente sguarnita e aperta a chiunque perchè ci sono già le mura e il fossato per difenderlo dagli invasori  :ninja2:
  • ovviamente, nel momento in cui ho scritto questa risposta, ho finito di vedere la serie (ovviamente non dico se i miei dubbi sono stati confermati o smentiti), ma nello scrivere il commento mi sono rimesso nei panni di chi ha appena visto quell'episodio, come il me stesso di qualche settimana fa  :rofl:

2
Black Mirror / Re: [COMMENTI] Black Mirror 4x03 - "Crocodile"
« il: 2 January 2018, 11:49:56 »
(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)

3
Black Mirror / Re: [COMMENTI] Black Mirror 4x02 - "Arkangel"
« il: 22 January 2018, 22:22:21 »
In un forum di medicina forse.
Oppure eventualmente se analizzi la cosa dal punto di vista eticoreligioso.
Perché se togli dall'equazione l'aspetto etico, il fatto di agire prima o dopo la fecondazione dell'ovulo è irrilivante e rimane solo la differenza biochimica del prodotto.

No, non si ferma solo a quello, ma non so più come spiegartelo. :eha:
La EC è un contraccettivo "postumo" (nel senso che viene usato dopo il rapporto sessuale) e l'effetto sull'organismo è paragonabile a quello di una pillola anticoncezionale, un preservativo o un diaframma. Una volta che la EC ha agito, la donna espelle l'ovulo (che probabilmente è già fecondato, ma non ancora inmpiantato) come se avesse un normalissimo ciclo, sebbene questo sia "fuori programma".
L'espulsione di un ovulo impiantato nell'utero viene ottenuta con un procedimento più aggressivo, proprio perchè deve "staccarlo" dalla parete.

Del resto mai esisterebbero due farmaci distinti (a seconda che debbano agire prima o dopo che la gravidanza abbia inizio) la cui vendita è regolamentati in maniera diversa? Perchè un EC può essere venduta come un normalissimo contraccettivo mentre la pillola abortiva richiede una visita e una ricetta medica?

Ripeto: se per te sono la stessa cosa solo perchè provocano lo stesso risultato, allora dimostra come, nel mondo reale, ci sia tantissima confusione sull'argomento.

Citazione
Ma sono d'accordo con questo ragionamento, se fosse stato un documentario o un episodio di House però.
Quello che non condivido è assumere che la medicina di BM in un anno imprecisato sia equivalente alla nostra, stiamo parlando nello specifico di un episodio in cui dopo un'iniezione la mamma vede quello che vede la figlia, ha monitor costante delle sue funzioni biologiche e può applicare un filtro al cervello della figlia...
Non condivido applicare gli stessi principi della nostra medicina a un contesto simile, per quello che ne sappiamo la pillola abortiva loro potrebbe far crescere delle branchie e pinne al feto e farlo navigare fuori dal corpo col sudore  :XD:

Si tratta di coerenza narrativa.
Allora potevano mostrarci anche la madre che, assumendo lei stessa una medicina, riuscita a traslarne gli effetti nella figlia perchè "tanto siamo nel futuro e la medicina può essere diversa dalla nostra".

Ma poi la medicina potrà anche essersi evoluta, ma l'anatomia umana resta la stessa. E, come ho detto prima, se si parla di contraccezione non si può parlare di aborto, nemmeno usando il paradosso di Schroedinger, perchè sono due cose diverse e che non possono essere utilizzate nello stesso momento.

Citazione
Certo e sono d'accordo ovviamente, ma ti ricordo che la gravidanza vera o presunta è nostra assunzione e ci sono 2 grosse lacune nel tuo ragionamento:

1) la differenza tra pillola abortiva e del "giorno dopo" è anche medica.
L'ovulo si feconda in pochi giorni precisi, giusto ?
Ergo la pillola è "del giorno dopo" perché evidentemente questi sono i limiti della medicina attuale ma in futuro la pillola potrebbe benissimo essere "di 20 giorni dopo" a patto che in quei 20 giorni non ci sia stata ovulazione e fecondamento.
2) la tua assuzione che se la compri facile sia "del giorno dopo", siamo in un futuro remoto, magari pure la pillola abortiva sarà comprabile facilmente, magari una delle due scomparirà del tutto e l'unica rimasta verrà unificata come nome, magari la madre che è medico ha falsificato la ricetta
2 bis) potrebbe essere che viceversa la pillola del giorno dopo nel futuro funzioni solo facendo abortire, magari per ragioni mediche si rivelerà con meno controindicazioni l'aborto immediato invece della contraccezione

Ti rendi conto che, quando uno spettatore è costretto a dover fare tutti questi arzigogoli per riuscire giustificare una contraddizione, si è davanti ad un buco narrativo?

Ma poi, scusa...
"la pillola è "del giorno dopo" perché evidentemente questi sono i limiti della medicina attuale ma in futuro la pillola potrebbe benissimo essere "di 20 giorni dopo" a patto che in quei 20 giorni non ci sia stata ovulazione e fecondamento."

 :eha: :eha: :eha: :eha: :eha: :eha: :eha: :eha: :eha: :eha: :eha: :eha: :eha: :eha:

Ma quali limiti della medicina?  :eha: Si tratta di tempistiche biologiche.
Se dopo 20 giorni dal rapporto sessuale non c'è stata la fecondazione allora gli spermatozoi sono già morti e seccati da un bel pezzo. Non è che se una donna tromba oggi può rimanere incinta dopo 3 settimane.
La gravidanza inizia entro una manciata di giorni dal rapporto sessuale: passati quei giorni, o l'ovulo si è impiantato nell'utero (dando inizio alla gravidanza) oppure vuol dire che non è avvenuta. E questa cosa non potrà certo cambiarla la tecnologia....potrà al massimo farlo l'evoluzione, ma tra qualche migliaia di anni.

Quindi non si scappa dalla contraddizione dell'episodio, a meno di non voler invocare dei deus ex machina.

4
Black Mirror / Re: [COMMENTI] Black Mirror 4x02 - "Arkangel"
« il: 2 January 2018, 11:54:53 »
Comunque, non pensiate che la vicenda descritta dall'episodio sia solo un'eventualità futura.

Uno dei commenti più tipici durante l'episodio è "Ci sono un sacco di genitori che, se potessero fare una cosa del genere, la farebbero"

Il problema è che alcuni l'hanno già fatto!
https://attivissimo.blogspot.it/2017/11/germania-niente-smartwatch-per-bambini.html

Ci sono già genitori che hanno trasformato i loro figli in vere e proprie microspie, per sorvegliarli a distanza. Il problema è che in questo modo, non sono solo i loro figli ad essere controllati senza saperlo, ma pure i figli degli altri.

5
Black Mirror / Re: [COMMENTI] Black Mirror 4x02 - "Arkangel"
« il: 31 December 2017, 03:03:01 »
(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)

EDIT: ho messo gli spoiler, sorry

6
Black Mirror / Re: [COMMENTI] Black Mirror 4x02 - "Arkangel"
« il: 2 January 2018, 00:36:30 »
L'unica parte che mi ha stupito è la reazione iper-violenta della figlia, che mi sarei aspettato più auto-infliggente del semplice spaccargli letteralmente la faccia.


Io invece l'ho trovata molto significativa: Sarah reagisce in maniera istintiva, ma, attivando involontariamente il filtro, non si rende bene conto di quello che sta facendo, poichè vede solo un immagine blurata....solo quando disabilita il filtro, vede il volto sanguinante della madre e si ferma prima di ucciderla definitivamente.

Censurare e nascondere il male non è un metodo di protezione, ma ci impedisce di riconoscerlo quando ce lo troviamo davanti. E se è giusto tentare di proteggere i bambini dal pericolo, è sbagliato nasconderne o negarne l'esistenza. Sarà un tema banale, affrontato fin troppe volte, ma credo non faccia mai male ribadirlo.

Semmai, direi che l'esistenza di tale filtro sul sistema Arkangel sia stata una forzatura di sceneggiatura un po' grossolana: è impensabile che un equipe di scienziati e medici possa anche solo concepire l'idea di un parental control che abbia effetto anche nel mondo reale. Un conto è oscurare una scena di guerra mostrata dalla televisione (esempio che, furbescamente, viene utilizzato per mostrare l'utilità di questo sistema), un conto è impedire alla bambina di poter vedere una ferita che sanguina, un cane che cerca di azzannarla o un'auto che sta per piombarle addosso.
Suvvia, se Arkangel fosse stato progettato da un gruppo di "mammine pancine" , allora questo l'esistenza di questo filtro sarebbe stata credibile, ma nella realtà, nessuna persona che conosce l'anatomia umana o la psicologia penserebbe che sia una buona idea nascondere ad un bambino il dolore o la paura che si provano durante i momenti di pericolo, visto che entrambi sono meccanismi che servono proprio a metterci in guardia e difenderci da esso.

7
Mi associo ai commenti negativi di Krug e di tutti quelli che vedono in questo episodio una distorsione della sceneggiatura nel far percepire chi siano i buoni e i cattivi della vicenda.
L'episodio fa in modo di farci empatizzare con i cloni all'interno dell'astronave, torturati e vessati nel peggiore dei modi da un mostro che gioca a fare Dio e che sfoga su di loro le sue frustrazioni. Ma, appunto, stiamo parlando di esseri VIRTUALI, la cui coscienza e le percezioni sensoriali sono solo una simulazione ottenuta tramite righe di codice. Dopodichè possiamo metterci a fare discorsi "bladerunneriani" su cosa significhi essere un'entità auto-cosciente, ma resta il fatto che ciò che accade su quell'astronave è solo una simulazione che avviene all'interno di un computer, mentre nel mondo reale accade tutt'altro.

Nel mondo reale, Daly è una persona onesta, che non fa nulla di male. Si è costruito un piccolo impero esclusivamente grazie alla sua intelligenza e si guadagna da vivere onestamente. Dovrebbe essere rispettato e stimato da tutti. E invece lavora con un socio che gli ha fregato il comando dell'azienda (e che passa il tempo a suonare la chitarra anzichè lavorare), tanto che pure i suoi sottoposti lo deridono e lo prendono in giro come se fosse l'ultimo degli stagisti. Quando finalmente arriva in ufficio una persona che prova sincera ammirazione nei suoi confronti, ecco che nel giro di una giornata, questa gli volta le spalle solo perchè una collega le ha parlato male di lui.
Mi spiegate, in tutto questo, quali colpe ha Daly? Essere poco socievole, mediamente imbranato e ingenuo e avere un aspetto fisico leggermente inquietante? Allora non andate mai in una fumetteria o un negozio di videogiochi, perchè la maggior parte dei clienti è come lui!  :rofl:
Magari ok, potrà anche rivelarsi "appiccicoso" non appena vede una donna che gli concede un po' di attenzioni (comportamento abbastanza tipico in un nerd con evidenti difficoltà relazionali), ma di certo non è un mostro. Di sicuro non sembra essere più pericoloso di quanto non possano sembrarlo i suoi colleghi o il suo socio. E quindi perchè tendiamo a considerarlo il cattivo della storia? Solo perchè ha creato un mondo virtuale in cui rifugiarrsi a fine giornata e vendicarsi contro la riproduzione virtuale dei suoi colleghi? Suvvia, sarebbe come dire che tutti noi siamo dei mostri perchè, per sfogarci dopo una giornata di m***a, ci mettiamo a giocare a GTA, sparando ai passanti e pestando le prostitute per rubar loro i soldi. Fino a quando certi comportamenti non sfociano nel reale, non possono in alcun modo essere condannati.
Daly ha fatto morire il bambino del suo socio sparandolo nello spazio? E sti cazzi! E' una simulazione! Nel mondo reale Daly non toccherebbe mai un bambino, o almeno non abbiamo alcun elemento per farci credere che lo farebbe davvero.

Al contrario, è evidente che gli stronzi della situazione siano tutti quelli all'interno dell'astronave, compresa "miss perfettina" Nanette: all'inizio dell'episodio lei prova una reale stima verso Daly, ma un attimo dopo lo tratta con freddezza, solo perchè una sua collega (che lei non ha mai visto prima e di cui non sa nulla) lo infama. E Nanette dà per scontato che le sue parole siano sincere e non possano in alcun modo essere frutto, ad esempio, di un rifiuto o semplici malelingue verso un superiore.

Se guardiamo l'episodio sotto questo punto di vista, il finale è tutt'altro che positivo, in quanto Daly, che già vive una vita vuota e solitaria, viene ucciso dalla stessa tecnologia che lui ha creato per alleggerire le sue sofferenze (peraltro una morte atroce: condannato a morire di fame, senza che nessuno possa notare la sua assenza in ufficio). Anzi, visto in questo modo, l'episodio sarebbe pienamente in stile Black Mirror, poichè mostra una tecnologia che si rivolta contro l'essere umano.
Il problema è che la puntata NON vuole farci vedere la storia sotto questo aspetto, ma ci mostra quasi esclusivamente la vicenda all'interno della simulazione, lasciando i personaggi reali come mero contorno.

Davanti a questo discorso, il plot-hole relativo alla clonazione dei ricordi attraverso il DNA passa quasi in secondo piano: io, per tutto l'episodio, anche se "tifavo" per l'equipaggio, ho continuato a pensare che in realtà i veri cattivi della storia erano proprio loro.

8
Black Mirror / Re: [COMMENTI] Black Mirror 4x02 - "Arkangel"
« il: 31 December 2017, 12:43:19 »
(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)


(clicca per mostrare/nascondere)

9
Black Mirror / Re: [COMMENTI] Black Mirror 4x02 - "Arkangel"
« il: 31 December 2017, 10:26:59 »
i sottotitoli non sono ancora usciti, devi usare lo spoiler.

Chiedo scusa, avendolo visto in italiano, ero convinto che fossero già usciti. Ho corretto.

(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)


10
:prego: :quoto:

Cioè, davvero vi sembra un finale positivo?  :XD: In poche parole loro sono intrappolati, il tizio cattivo morirà di solitudine.

In realtà loro non sono intrappolati, avendo un intero universo da visitare e dove possono fare quello che vogliono.
Però hai ragione quando dici che non si tratta di un finale positivo. Solo che l'episodio fa di tutto per farlo recepire come tale, perchè da un lato abbiamo questi cloni che ottengono la libertà e dall'altro abbiamo il tiranno che muore da solo....ma questo solo se continuiamo a guardare ciò che succede nel mondo virtuale e non in quello reale.


Citazione
Che poi io mi sono anche chiesto se la tizia (ultima arrivata) non fosse in un certo senso "complice" della situazione. Alla fine "comanda e sorride" eh. :asd:

Quando fa quella risatina idiota alla fine, l'ho odiata a morte.  :?$%&:
Comunque lei non è assolutamente migliore di tutti gli altri membri dell'equipaggio: lei provava una stima molto forte nei confronti di Daly e in un attimo l'ha gettata al vento solo perchè una tizia che non aveva mai visto prima le ha fatto un'insinuazione nell'orecchio.
Forse la cosa può far sorridere, ma non dimentichiamo che il bullismo e il mobbing nascono proprio da comportamenti come questi.

11
Black Mirror / Re: [COMMENTI] Black Mirror 4x03 - "Crocodile"
« il: 3 January 2018, 00:19:35 »
A me invece è piaciuto l’inizio ma trovo del tutto troppo raffazzonati gli ultimi 15minuti.

L assicuratrice lascia casa sua tardi (infatti il marito storce il naso) e si reca a 80km di distanza, la interroga, si fa inseguire, si fa ammazzare.
La bionda fa altri 80km, ammazza un uomo e un bambino e riesce ad arrivare alla recita del figlio per le 7.30.

La polizia il giorno stesso scopre i due corpi... nsisa come. Anzi non solo il giorno stesso, dato che entro la fine della recita vengono: scoperti i corpi, scoperta la loro storia, interrogato il criceto, localizzata L’omicida.

Forse l’elemento tecnologico dell episodio era la super velocità  :zizi:

Ma nemmeno Maurizio Mosca ai tempi d'oro  :rofl: :rofl: :rofl: :rofl: :rofl:

12
Black Mirror / Re: [COMMENTI] Black Mirror 4x01 - "USS Callister"
« il: 10 January 2018, 22:53:45 »
Da italiana pezzente, però, non riesco a considerare sfigato il protagonista. È uno che ha trasformato la sua passione non solo in un lavoro, ma in una fiorente industria di cui è il vice, che è noto e osannato per quello che sa fare, che ha guadagnato parecchi soldi e ha una casa lussuosa. Non riesce ad essere il massimo solo perché non è piacente e piacevole come il suo collega. Cosa può esserci di più americano di questo?!?!?

Ma nessuno ha mai messo in dubbio il fatto che Daly non sia pieno di soldi. Però questo che c'entra? Si tratta di una persona sola, infelice e con grandi difficoltà di relazione sociale, indipendentemente dal suo successo professionale o dal suo conto in banca.

Spesso, chi viene emarginato durante l'adolescenza, si trova a pensare "un giorno diventerò ricco, famoso e potente, e allora cambierete tutti idea su di me". Immagina cosa vuol dire trovarsi ad essere (meritatamente) ricchi e famosi e scoprire che non è cambiato nulla nel modo in cui la gente ti guarda e ti considera.
Oltretutto, nel caso di Daly, la grandezza di questo suo successo va pesantemente ridimensionata, visto che
- non è nemmeno a capo dell'azienda che ha fondato, perchè il suo posto gli è stato sottratto da un socio molto più spavaldo e carismatico, seppur molto meno talentuoso di lui (riferimento alla storia della Apple?  :distratto:)
- nonostante sia il vice, viene trattato dai suoi stessi dipendenti come se fosse l'ultimo degli stagisti

A quel punto, a Daly restano solo i soldi....che però alla lunga non possono dargli ciò che gli manca.
E' vero che è meglio essere infelici ricchi che infelici poveri, ma appunto, in entrambi i casi si è infelici.   :nu:

Citazione
Ho file di amici nerd che venderebbero anima e corpo al diavolo e a qualsiasi demone per la metà di quello che ha lui!

Certo....chiunque di noi vorrebbe avere anche solo una parte di quei soldi, soprattutto se non abbiamo niente da perdere (ecco perchè i tuoi amici nerd non si fanno problemi  :rofl: evidentemente già ora hanno pochi amici e zero donne  :rofl: :rofl: :rofl: :rofl: )
Ma ad esempio,  dando per scontato che tu ora abba intorno a te dei famigliari, degli amici e degli affetti, preferiresti davvero avere tutti quei soldi e dover passare le serate (nonchè le festività natalizie) a giocare in solitudine ad un life simulator perchè non ci sono altre persone disposte a passare del tempo con te?


13
Black Mirror / Re: [COMMENTI] Black Mirror 4x05 - "Metalhead"
« il: 10 January 2018, 23:07:32 »
Il punto è che questa puntata dava l'idea di essere stata estratta da un film di fantascienza più lungo.

Di per sè, dal punto di vista puramente tecnico, non era male: nella regia, negli effetti speciali, nella recitazione, nell'atmosfera che permeava l'intero episodio. Se fosse stato un film/cortometraggio di fantascienza, l'avrei guardato con piacere.
Il problema è che non c'è niente che la possa ricondurre a Black Mirror.
Dov'è la tecnologia che prende il sopravvento sull'uomo? Dov'è il disagio che si prova davanti ad un comportamento umano? Dov'è il punto in cui proviamo disgusto nel renderci conto che abbiamo tifato per il personaggio sbagliato?

Qui non c'è niente di tutto questo. Ammesso e non concesso che i "cani" fossero opera degli uomini (e che magari inizialmente erano esseri al loro servizio) l'episodio avrebbe dovuto essere incentrato sul momento della loro ribellione. Qui invece c'è solo la classica fantascienza tipica di uno dei tantissimi film basati sulle macchine che si ribellano agli esseri umani.

14
Black Mirror / Re: [COMMENTI] Black Mirror 4x02 - "Arkangel"
« il: 11 January 2018, 15:59:57 »
Non ci capiamo, la differenza tra pillola abortiva e del giorno dopo è minima

"Minima", assolutamente no. Se dici che la differenza è minima, mi dai conferma che riguardo l'argomento c'è una confusione enorme e si tende troppo spesso a mescolare le cose.
Certo, se si pensa solo al fine ultimo di "non avere figli" allora una EC e una pillola abortiva sono quasi la stessa cosa: esattamente come lo sono un preservativo, una vasectomia o un pugno dritto sull'utero di una donna incinta. Ma il modo con cui si arriva a quel risultato  (e le conseguenze) sono estremamente diversi.


Citazione
ed è un fattore puramente estemporaneo della medicina di oggi, una cosa che in futuro probabilmente cambierà quindi non si può accusare una serie fantascientifica di non aderire ai *nostri canoni*.

Hai detto bene: "non ci capiamo"
Non sto dicendo che la gente si è indignata per la poca verosimiglianza della scena, ma per il fatto che molta gente ora pensa che l'EC sia una pillola che induca l'aborto e che la cosa (come ho già spiegato prima) possa avere serie ripercussioni nell'opinione pubblica e nel mondo reale. E ciò che succede nel mondo reale, almeno a me, preoccupa molto di più riguardo la coerenza o la verosimiglianza di un episodio di una serie tv.

Quanto al fatto che "Black Mirror ci mostra il futuro" e quindi che in futuro le cose potrebbero essere diverse, qui non si tratta di scienza, ma di pura semantica:

Contraccezione = PRIMA che la gravidanza inizi
Aborto = DOPO che la gravidanza è iniziato

Pertanto, che si tratti di una pillola, di un microchip, di una formula magica o di un alieno introdotto nell'organismo, ciè che è contraccezione non può essere aborto. O è una o è l'altra.

Citazione
Per il resto capisco il discorso sull'aspetto anticoncezionale ecc ma nell'episodio non mi pare la questione sia toccata o particolarmente rilevante ecco perché continuo a non capire questa enfasi su un particolare importante nella vita di tutti i giorni ma irrilevante nella storia.

Perchè Black Mirror è una serie che nasce per far riflettere le persone. E in passato c'è sempre riuscito.
Ora qui invece si rischia che alla fine dell'episodio la gente abbia le idee più confuse di prima (per di più su argomenti molto delicati e controversi).
Per farti un esempio: è come se in un ipotetica puntata ambientata in Giappone, venisse fatta passare l'idea (purtroppo molto diffusa) che chi legge gli hentai siano dei pervertiti che tentano di soddisfare legalmente le proprie pulsioni. Già c'è troppa ignoranza e pregiudizio su certi argomenti, ci manca solo che sia proprio BM ad alimentarli.

15
Black Mirror / Re: [COMMENTI] Black Mirror 4x02 - "Arkangel"
« il: 11 January 2018, 14:21:29 »
Ok, ma perché sarebbe così importante ?  :scettico:
Il punto è che la mamma "vede qualcosa" e visto che è ultra apprensiva decide di "correre ai ripari".


Non è importante, infatti.


Forse ai fini della trama, la differenza tra una pillola del giorno dopo e una abortiva può essere tranquillamente ignorata, facendo finta che siano la stessa cosa. Però se accettiamo questo, allora poi non bisogna lamentarsi quando in un altro episodio
(clicca per mostrare/nascondere)
perchè anche in quel caso si può soprassedere su questo dettaglio meramente tecnico e continuare a guardare l'episodio senza che la trama venga influenzata.

Ma purtroppo, nel mondo reale, un errore di questo tipo può avere ripercussioni non da poco.
Mi spiego meglio.
Come ben sappiamo, c'è molta gente che si oppone alla pillola del giorno dopo e vorrebbe vietarne la libera vendita, tirando in ballo motivazioni etiche (spesso di natura religiosa, anche se poi non lo ammettono) che poi si tenta legittimare attraverso argomentazioni scientifiche, spesso errate o fuorvianti.

Una di queste è quella che, appunto, la pillola del giorno (EC) permetta di abortire. Pertanto, secondo i detrattori, la EC sarebbe un abortivo, che può essere venduto a chiunque, senza ricetta nè consulto medico. E si tornerebbe quindi a quel famoso adagio, secondo il quale i giovani considerano l'aborto come un "contraccettivo postumo" per rimediare ai danni di una notte brava.

Il punto è che la contraccezione d'emergenza NON E' un aborto: è un meccanismo che interviene PRIMA che la gravidanza abbia inizio. Se viene eseguita nelle tempistiche giuste, non lascia alcun segno (perchè di fatto è come aver usato un qualsiasi anticoncezionale) e pertanto deve essere garantita alla singola persona il diritto di poterla usare, nel pieno rispetto della sua privacy.

Al contrario, l'aborto è un'operazione molto più invasiva, che lascia segni estremamente profondi sia dal punto di vista fisico che psicologico. E infatti si tratta di un'operazione per cui la paziente ha necessità di essere seguita ed assistita in ogni sua fase: ecco perchè una pillola abortiva non può essere semplicemente comprata in farmacia come se fosse un aspirina.

Purtroppo, in un mondo dove c'è troppa gente che, basandosi sulle proprie idee, pretende di dire a te cosa puoi e non puoi fare, aumentare la confusione su questi temi diventa molto pericoloso. Perchè se si diffonde l'idea che la EC sia uguale ad una pillola abortiva, un giorno qualcuno potrebbe proporre che venga vietata la vendita delle EC come farmaco da banco.....che, se ci pensi, è come se -per lo stesso motivo- decidessero di vietare la vendita delle pillole anticoncezionali o delle creme spermicida.