Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - r3dl4nce

Pagine: [1] 2 3
1
Defiance e la fantascienza. Cosa ne penso?
Personalmente, la fantascienza mostrata in Defiance è utile e necessaria alla serie, non vedrei bene nessun'altro tipo di ambientazione e di tipologia di background per le varie trame, infatti se invece del collettivo votanis con culture e sviluppi diversi ci fossero altre etnie terrestri si verrebbe a perdere sia l'aspetto di sviluppi molto diversi a livello di cultura ma soprattutto le possibilità e le conseguenze portate sia dalla terraformazione che dall'introduzione nel mondo terrestre di tecnologie mai realizzate o addirittura mai studiate sulla terra. Ricordiamoci che lo scontro culturale e tecnologico in Defiance avviene, appunto, come uno scontro, in brevissimo tempo è necessario fare i conti con tecnologie che permettono di attraversare lo spazio interstellare, nuovi combustibili che eclissano in parte il petrolio, soprattutto la realizzazione definitiva dell'intelligenza artificiale (il processo che gestisce l'ark core è regolato da una AI come si vede nel videogioco) e degli impianti bio-cibernetici avanzati fino a diventare parte integrante della propria razza (Indogene). Non è una crescita e un'evoluzione della scienza terrestre come si ha per esempio in Star Trek, per cui i tecnici e i ricercatori terrestri sono parte integrante dello sviluppo e dell'integrazion edelle nuove tecnologie. È un processo brutale, con la terraformazione imprevista anche selvaggio. È normale quindi che non sia facile per i terrestri abituarsi facilmente a tali nuove tecnologie (per quanto Datak usi senza problemi la lama a energia Casti, i terrestri tendono a preferire la armi terrestri). È sicuramente anche complesso procurarsi le tecnologie dei votan, probabilmente anche perché, in seguito all'esplosione delle Ark, parte degli oggetti da loro portati nel viaggio interstellare sono andati distrutti e sicuramente non è facile ricrearne di nuovi (per mancanza magari di strutture necessarie a crearli e/o al reperimento dei materiali necessari a crearli). Per questo ciò che c'è di fantascientifico in Defiance spesso è limitato, perché è parte stesso del background della serie e dei fatti descritti. Anche nel videogioco esistono in gran parte armi "comuni" terrestri, magari con particolari aggiunte (gli effetti elementali per esempio), le eccezioni sono i BMG (armi a raggio d'energia in grado oltre che di ferire anche di curare) sviluppati dai laboratori di  Von Bach grazie alla collaborazione tra scienza terrestre e tecnologia votan, inoltre verranno aggiunte le lame a energia Casti con i lrilascio del primo DLC (le aspettiamo tutti, anche solo per curiosità!).
Insomma, vedere mezzi di trasporto troppo "futuristici" (magari mezzi volanti in un cielo ancora pieno di detriti e di piogge di frammenti di Ark), armi "futuristiche", abitazioni "futuristiche" ecc non sarebbe in nessun modo in linea con Defiance. Ma la fantascienza non è necessariamente fatta di armi laser, auto volanti e case parlanti con intelligenza artificiale (a qualcuno viene in mente Sarah?). La fantascienza di Defiance  è la fantascienza di Blade Runner, la fantascienza di Nirvana, la fantascienza che non necessità di un'astronave per far vedere un futuro possibile e la serie ne è un degno rappresentante di questo tipo di fantascienza.

2
Rimane pur sempre il discorso, almeno per me (IMHO quindi), che la fantascienza è un altra cosa
Una domanda un attimo OT a te e chi come te pensa che "la fantascienza sia un'altra cosa"
Firefly è fantascienza perché ci sono le astronavi?
BSG è fantascienza perché ci sono i cyborg e gli scontri tra astronavi nello spazio?
In tale ottica allora pure Star Wars è fantascienza?
E Terminator non è fantascienza perché non ci sono le astronavi?

Boh, a volte mi sembra che si riduca al termine "fantascienza" solo l'opera di Gene Roddenberry e i cicli dei Robot e della Fondazione di Asimov.


3
Considerando lo stop della settimana scorsa per la maratona Defiance in USA, ho deciso di farmi anche io la mia personale maratona Defiance e ho riguardato gli episodi finora usciti, facendomi ulteriori opinioni positive su un progetto che mi sta piacendo e coinvolgendo sempre più (comprato il season pack per il gioco in attesa dei 5 DLC annuali).
Riguardo l'episodio 3, devo dire che hanno fatto un lavoro eccellente con gli hellbugs, sono veramente identici a quelli in gioco, sia i piccoli e fastidiosi bastardi che la hellbug matron, stavo pensando che ci starebbe proprio bene in gioco una arkfall di hellbug in un nido sotterraneo come visto nella puntata. Eccezionale anche come abbiano usato gli elementi già presenti in gioco, come l'uso dei feromoni degli hellbug che in gioco vengono usati per fargli attaccare certe fattorie, per riportarli nella serie TV e dare, nei limiti del possibile, quel senso di familiarità che ha chi sta seguendo il progetto Defiance nel suo insieme. Sicuramente viene chiarita la storia degli Irathient a Defiance e del perché non ci sono Irathient a Defiance, ma le cose stanno cambiando grazie proprio a Irisa, che mi pare chiaro come sia uno dei personaggi più importanti della serie TV, essendo il suo personaggio sempre meglio caratterizzato puntata dopo puntata, invece di lasciarla a semplice spalla o comprimaria di Nolan (un po' come Kenya è la spalla/comprimaria di Amanda e Nolan e direi che il suo ruolo è adatto all'attrice Mia Kirshner). Il risveglio della Vista di Irisa è uno sviluppo della trama che non mi sarei mai aspettato, anche se mi aspettavo qualche evento legato a tradizioni simil-tribali conoscendo il background degli Irathient e mi ha favorevolmente colpito, potrebbe in Defiance la River di Firefall-iana memoria, anzi, Irisa direi che ha un ruolo ancora più legato alla trama e di primo piano. La trama principale della serie prosegue, con la storia tra Alak e Christie che va avanti tra due giovani ingenui che non si rendono conto che la loro storia d'amore è concessa e permessa solo perché è puramente funzionale ai piani di Stahma Tarr, mentre si vede già bene come Datak sia anche lui poco più che una pedina nelle mani della moglie (in fin dei conti non scordiamoci che Datak su Daribo apparteneva alle classi sociali più basse quindi ben poco avvezzo ai giochi di potere delle caste importanti). Però Datak ha la lama ad energia tipica dei Castithan che verrà inserita anche in gioco con il primo DLC e non vedo l'ora che arrivi, sono invidioso di quel bastardo  :gogo:   Amanda, anche lei in quanto sindaco, gioca la sua parte nella trama principale della serie, come elemento della bilancia che prova a cercare sempre un compromesso tra le varie persone e le varie razze, grazie a lei gli Irathient possono tornare a Defiance e sicuramente anche questo è un interessante sviluppo per il futuro nonché un ulteriore elemento di cui tenere conto dato che a Defiance la convivenza è veramente difficile.
Una menzione di nota la riservo per "il corridore con le scarpe della Adidas"  :lol?: pubblicità a parte, che a me proprio non dà il minimo fastidio, dato che i soldi capisco che devono averli per fare una produzione in grande stile in questo modo. Spesso, nei vari episodi, si ha all'inizio dell'episodio una parte in cui si nota come in un mondo decisamente distrutto dalla terraformazione e dalla guerra le persone (umani o volge)  cerchino di ritrovare una dimensione più umana e più a misura di vita quotidiana, che può andare da Nolan e Irisa che cantano nel roller nel pilot, al tipo che va a fare jogging di questo episodio, Alak che fa il deejay nell'episodio 5, ecc. E sono questi piccoli dettagli che probabilmente a molte persone faranno storcere il naso ma che invece danno la misura della cura della serie, dove si fa vedere che Defiance e le persone che la abitano non sono freddi esseri piazzati a caso in un mondo senza una storia, ma sono persone spesso comuni che fanno di tutto per adattarsi alla realtà in cui sono costretti a vivere. Bravi sceneggiatori!

4
Considerando lo stop della settimana scorsa per la maratona Defiance in USA, ho deciso di farmi anche io la mia personale maratona Defiance e ho riguardato gli episodi finora usciti, facendomi ulteriori opinioni positive su un progetto che mi sta piacendo e coinvolgendo sempre più.
Riguardo l'episodio 5, l'aggettivo che gli posso applicare è ECCEZIONALE! Puntata veramente eccezionale, ad oggi la mia preferita. Sarà per via della scoperta delle origini e del passato di Irisa, che considero personaggio primario della serie nonché caratterizzato in modo eccellente per cui la apprezzo molto, sarà per via degli sprazzi di vita quotidiana di Defiance che si vedono che sono personalmente dei tocchi di classe che hanno saputo dare gli sceneggiatori (eccezionale Alak che fa il deejay dall'arco di St. Louis e vedere come la città si sveglia la mattina con la sua musica, in un tentativo di quotidianità perso con gli eventi del passato), sarà per via del pulman di terra che  va in giro per le badlands e si vedono gli effetti della terraformazione così come si ritrovano uguali nel gioco, sarà per il carattere decisamente Irathient di Rynn e per la sua fuga che fa sì che arrivi nella East Bay quindi la troviamo nel videogioco, sarà anche per la storia dell'"uomo d'affari" alias il torturatore di Irisa alias Daigo che mostra ancora come non siano solo i terrestri ma anche i votan a cercare il conforto nella tranquillità di una vita ordinaria, sarà anche perché si ha anche un quadro più ampio dato che entra in scena la E-Rep che non riesce a stabilire il suo controllo su una città anomala come Defiance che comunque mostra le sue necessità (approvvigionamenti, spostamenti, difese, ecc) ma che vuole rimanere indipendente e mantenere il suo carattere di asilo per ogni persona terrestre o volge.
Bello il pulman terrestre, belle le badlands, bello il carattere di Rynn, bella Irisa. E se il serpente non è, fuori dalla finzione scenica, un serpente velenoso, immagino bene sia perché non hanno voluto rischiare o avere problemi, inutile andare a fossilizzarsi su un aspetto così marginale quando il quadro generale della puntata è così denso e interessante, per chi ovviamente è rapito dalla bellezza di questo progetto multimediale chiamato Defiance.

5
:mmm: Ma non doveva essere una serie di fantascienza? facciamo fantawestern.  :meh:

Da wikipedia
Citazione
La fantascienza ha come tema fondamentale l'impatto di una scienza e/o una tecnologia – attuale o immaginaria – sulla società e sull'individuo. I personaggi, oltre che esseri umani, possono essere alieni, robot, cyborg, mostri o mutanti; la storia può essere ambientata nel passato, nel presente o, più frequentemente, nel futuro.

Sì, direi che è fantascienza eccome

6
Altro dubbio è l'altezza: secondo wikipedia è alto quasi 200metri, ma qua dovrebbe essere più basso in quanto parte della città di St.Luise è sepolta, quindi anche l'arco, come il municipio di cui sono sopraterra solo gli ultimi piani.
La terraformazione per qualche motivo ancora non spiegato si è fermata prima del'arco, che rimane fuori dal terreno come è attualmente


7
Io continuerò a vederlo perché mi piace, perché è un progetto nuovo, perché le incongruenze che certa gente vede (ma che mi importa che tipo di serpente è!) le considero solo un semplice "cercare il pelo nell'uovo" che reputo inutile rispetto al seguire una trama che vedo evolversi ogni episodio (la storia di Irisa e il suo carattere in questa puntata mi piacciono, i problemi nel governare una comunità così eterogenea, anche la storia d'armore tra i due ragazzi umana-casti è legata a un motivo ben preciso, sono tutti parte di ciò che Defiance vuole evidenziare). Certo se mi limitassi a vedere l'assalto alla diligenza come un "il camper di breaking bad modificato" allora sì forse anche a me non piacerebbe. Ma preferisco in ogni puntata cercare di lasciar perdere solo l'impatto visivo (Avatar non ha insegnato niente? 3D ed effeti speciali spettacolari, una gioia per gli occhi, ma la storia era un banale inno all'ecologismo che per carità ci può stare benissimo, ma non serviva tutto quel comparto grafico per una storia così semplice) e concentrarmi sul contenuto

8
Defiance / Re: Defiance - Episodi & Ascolti
« il: 15 May 2013, 18:52:07 »
Grazie delle info.

9
C'è chi dice che non c'è trama e mi viene da ridere. Problematiche affrontate dai primi 2 episodi, il passato di Irisa, qua finalmente vengono spiegati e vengono posti nuovi dubbi e spunti per il futuro di Irisa come una dei protagonisti della serie, con una strana "profezia" che nel futuro capiremo sicuramente cosa comporterà. E non è solo un problema di Irisa stessa, ma un problema legato ancora alla forzata convivenza di queste razze diverse che non sempre riescono a mettere da parte le diversità (Casti e Irathient si sono sviluppati su pianeti diversi, ricordiamocelo) eppure sono costretti a trovare i modi per poter vivere insieme ogni giorno (in quest'ottica, la parte di Alak che fa il DJ fa notare come anche piccole cose come il semplice divertimento giornaliero o la musica condivisa possano nel caso aiutare a lasciare da parte i conflitti che inevitabilmente sempre ci saranno)
E che dire del "cattivone" Olfin che pare diventerà il nemico principale di Amanda, una nuova trama aperta che porterà sviluppi sicuramente. Rynn nella puntata ha mostrato che non è solo un'inutile comparsa, infatti sarà anche protagonista di eventi che avverrano con i nuovi contenuti in gioco (e no, non posso fare a meno di menzionare il videogioco, perché Defiance NON è solo la serie TV, inutile lamentarsi di una serie TV se si guarda una puntata sì e una no e poi non ci si capisce niente).
La trama c'è eccome per chi la vuole vedere. Ma soprattutto c'è quell'aria di fantascienza collegata al clima western in cui è tornato il mondo dopo gli sconvolgimenti avvenuti in seguito alla terraformazione selvaggia, quando parlavo di serie che ricorda Firefly non mi sbagliavo assolutamente, il clima che si respira (per chi vuole immergersi) in questa puntata mi ha ricordato molto il clima della puntata Jaynestown di Firefly (non a livello di eventi, quanto di sensazioni).

10
Comunque come confermano i post precedenti abbiamo finalmente capito: i produttori stanno facendo un enorme contorno al videogioco: se giochi apprezzi, se non giochi no. Mi pare chiaro dai commenti.
Però i dati d'ascolto parlano di più di 2 milioni di persone che guardano la serie TV ababstanza stabili, mentre il gioco l'hanno comprato, dai dati rilasciati da Trion, in un milione circa (di questi c'è anche gente che ha smesso, che non gioca assiduamente, ecc). Quindi direi che molte persone apprezzano anche non giocando


11
Rimane comunque una cagata che per capire una serie uno sia costretto a buttare n ore attaccato ad un videogioco, solo per realizzare qualcosa che gli sceneggiatori non si sono degnati di mostrare in televisione... dal mio punto di vista questa non è grande finezza compositiva, ma semplicemente un modo becero per spremere il prodotto al massimo prima che tra un paio di mesi venga cancellato.

Ma guarda che Defiance NON è una serie TV e basta. È un progetto cross-media che prevede una serie TV e un MMO shooter legati da uno stesso background e eventi che in parte si possono ricollegre l'uno all'altro. Lo sloagn del progetto è proprio "Watch the Show. Play the Game" esplicitato chiaramente anche dal sito ufficiale http://www.defiance.com/en/
Non è una serie tratta da un videogioco o un videogioco tratto da una serie. Serie e videogioco sono collegati e vanno di pari passo.


mi sembra che il videogioco stia vendendo bene,
Un milione di account venduti nel primo mese di rilascio del videogioco, considerando che non ha alle spalle nomi già famosi e conosciuti dalla gente ma è una IP completamente nuova, direi che non è male come cifra


12
Vi dico solo questo: Almeno in Terra Nova avevano chiarito subito che le macchine vanno a batterie. Anche perchè una vecchia macchina americana (con una cilindrata minima di 4000-5000cc) ciuccia benza come una disperata...
Nella Terra terraformata di Defiance c'è il petrohol come combustibile

13
Ah certo, è evidente che una macchina degli anni '50 va tranquillamente con il Petrohol, che come il petrolio è un combustibile naturale, ma evidentemente non ha nessun bisogno di essere lavorato...
Ci sono un sacco di raffinerie di petrohol nel videogioco intorno a San Francisco, molte di quelle abbandonate dopo la distruzione causata dall'evento di terraforming


14
Firefly is a way better dude... :zizi:

"sullo stile". Non è mica Firefly 2.0 ;)

15
Questo fa temere che la pensino come dice r3dl4nce: "se vuoi il quadro completo giochi, sennò ti becchi la storia dei bambocci e non rompi che vuoi sapere come sono andate le cose".
Non si è costretti a giocare, ci sono siti ufficiali del progetto che danno tutte le informazioni necessarie:
Timeline ufficiale: http://defiancetimeline.tumblr.com/
Informazioni sulla città di Defiance: http://www.defiance.com/en/series/world-of-2046/town-of-defiance
Informazioni sulle razze Votan: http://www.defiance.com/en/series/world-of-2046/aliens/castithans
Tecnologie: http://www.defiance.com/en/series/world-of-2046/technology/the-lawkeeper-charger
ecc

Quando la gente capirà che Defiance NON è solo una serie TV, bensì un progetto più ampio, potrà averne il quadro completo,
Indipendentemente da questo, sia il gioco che la serie TV sono godibilissimi da soli, però accettando di non avere un quadro completo della situazione, che non è necessario per godersi una serie TV (anzi, alcune volte capita che siano proprio gli  autori a non dare certe informazioni, nel caso di Defiance serie TV le informazioni invece ci sono per chi le vuole conoscere) o un MMO shooter.


Immaginate che in Lost metà del pubblico sapesse fin dall'inizio chi erano gli altri e che erano lì e metà invece non lo sapesse. Quando poi lo sveli come lo gestisci? Come un colpo di scena? Come uno spiegone? O invece li fai comparire senza spiegare?
È più come dire "immagina di guardare una stagione di Lost sì e una no, e poi pretendi di avere tutte le informazioni necessarie"

Questo come ho detto in precedenza non potrà che portare ad un allontanamento del pubblico non-giocante che, imho, si snerverà di guardare una storia a metà.
No, allontanerà solo i "pignoli pigri", ovvero coloro che non hanno nè voglia di informarsi nè al tempo stesso accettano ciò che vedono senza una spiegazione. E credo hce siano in pochi, più "nerd da forum" che effettivo numero di spettatori.