Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Lalla91splash

Pagine: [1] 2 3 ... 63
1
aggiornamento: nel primo post, ogni episodio è stato collegato al proprio topic dei commenti

2

Bellissimo season finale! Anche questo secondo me non è ai livelli di quello della stagione 2, però bisogna  riconoscere che sono due puntate completamente diverse, a partire dalla drammaticità che qui è molto meno presente. Diciamo che se Becoming era prevalentemente tragico, Graduation Day presenta tratti epici.
Innanzitutto abbiamo l'evento che tutti un po' si aspettavano fin dalla 1x07, ovvero il momento in cui Angel cede e beve da Buffy. Beh, che dire, è la seconda volta che Buffy viene morsa da un vampiro, nel primo caso era morta mentre in questo secondo Angel riesce a fermarsi: la Cacciatrice perde conoscenza, però non prima di aver assaporato cosa si prova  :asd:
Poi c'è il Sindaco totalmente preoccupato per Faith, in coma non reversibile, che conferma ancora una volta quanto questo cattivo voglia bene alla ragazza che ha "adottato". Wilkins, sempre così razionale, si fa sopraffare dalla vendetta cercando di uccidere Buffy, comportamento che, nella suo essere diabolico, lo fa apparire terribilmente umano.
In questo episodio viene accennata una leggera evoluzione nel personaggio di Wesley, che pur rimanendo il primo pirla che durante la lotta si fa colpire, mette da parte la sua cieca lealtà verso il Consiglio, troppo distante dai veri fatti, e si offre come aiuto alla gang. Un bell'esempio di umiltà, arrivato troppo tardi ma pur sempre arrivato: colui che dovrebbe prendere in mano la situazione riconosce la sua incompetenza e a si pone ad un livello inferiore. Ciò non ci toglie la possibilità di vedere l'imbarazzante siparietto che si crea tra lui e Cordelia  :XD:
Molto bello alternare i piani, facendoci vedere le scene dal punto di vista di entrambi gli schieramenti, così come nella prima parte si erano alternate le scene di Buffy/Faith in procinto di battersi. Quello che è grandioso, però, è il piano, che non ci viene svelato fino al momento in cui viene messo in atto. Capiamo che Buffy ha coinvolto gente estranea (come Harmony, Percy, Larry e Jonathan chiamati in causa senza spiegarci il motivo), ma credo nessuno si immaginasse la quantità così grande di persone implicate. Quando vidi l'episodio per la prima volta, tra il momento in cui Buffy urla "NOW!" ed il secondo seguente in cui mi sono resa conto di quello che stava succedendo, il mio stato d'animo è passato dall'espressione  :tenero: emozionata dagli studenti che si levavano la tunica da diplomati scoprendo le armi, al  :fuckyea: più assoluto nel realizzare il geniale piano di Buffy, che trasformava l'intera classe in un esercito. Xander, l'uomo chiave che mette in pratica quanto appreso in Halloween sulla tattica militare; l'arrivo di Angel che toglie ai vampiri ogni via di fuga; gli studenti che scendono in massa dalle scale armati di tutto punto; Cordelia che fa fuori un vampiro con un colpo secco.... è una battaglia decisamente appassionante. Non poteva mancare Buffy, che facendo perno sulla debolezza del Sindaco ormai demone (in questo caso mostrandogli il regalo di Faith, regalo che ha "ucciso" la sua prediletta) lo intrappola e lo fa esplodere. Ancora, fuck yeah.
L''esplosione della scuola significa chiaramente la fine dell'era high school dei nostri protagonisti. Il mondo di cui finora facevano parte ora è letteralmente e metaforicamente andato distrutto, e come diciamo noi "siamo sopravvissuti all'esame di maturità", la battuta finale di Oz ha un doppio significato: la gang è sopravvissuta ai numerosi pericoli che si presentano a Sunnydale, ma ha anche superato la fase liceo della loro vita.
Infine, menzione speciale all'addio di Angel. I'm not gonna say goodbye. Lo aveva detto, ed in parte ha mantenuto la parola... non c'è stata nessuna scena drammatica tra la coppia, solo un saluto, con i due distanti uno dall'altro, che si guardano un'ultima volta negli occhi. E poi Angel che scompare nella nebbia, in silenzio... non poteva esserci un'uscita di scena migliore.

Ed ecco l'enigma dell'episodio, che ho appositamente lasciato per ultimo....

- Who's gonna look after him?
- It's a she. And aren't these things supposed to take care of themselves?
- A higher power guiding us?
- I'm pretty sure that's not what I meant.
- There's something I'm supposed to be doing.
- Oh, yeah. Miles to go. Little Miss Muffet counting down from 730.
- Great. Riddles.
- Sorry. It's my head. A lot of new stuff.
- They're never gonna fix this, are they?
- What about you?
- Scar tissue. It fades, it all fades. You wanna know the deal? Human weakness. It never goes away, even his.
- Is this your mind or mine?
- Beats me. Getting towards that time.
- How are you gonna fit all this suff?
- Not gonna. It's yours.
- Oh, I can't use all of this.
- Just take what you need. You ready?


Il sogno... innanzitutto secondo me è il più bello tra quelli che ci hanno mostrato finora. In una prima visione le parole di Faith appaiono senza senso, ma già nell'episodio alcuni enigmi vengono risolti... per altri bisognerà aspettare ancora qualche stagione, e qui sta la grandezza di Joss Whedon, che già a questo punto sapeva dove andare a parare nelle due stagioni seguenti.
Qui  si va tanto sull'interpretazione personale, io credo che il gatto rappresenti Faith (o entrambe le Cacciatrici, dipende dal punto di vista), in grado di badare a se stessa. Sulla frase "un più alto potere ci guida", non ne sono sicura, ma penso sia un errore di Buffy, che scambia il gatto per una guida, quando in realtà non è altro che la rappresentazione delle Cacciatrici... il gatto è un animale solitario, così come le Slayer sono sole.  A conferma della mia teoria sull'errore di Buffy, c'è Faith che dice sia "non era quello che intendevo" sia che il gatto è femmina.
Poi, su Buffy che dovrebbe fare qualcosa. Ecco, credo che qui si arriva al punto in cui Buffy si rende conto di essere in un sogno, e che quindi piano piano riacquista coscienza.
Sulla frase La piccola Miss Muffet che conta all'indietro da 730, beh è la più insensata... ma al contempo la più geniale, per il suo significato nella storia futura. E chi sa, sa.
Bellissima l'immagine di Faith in coma che si sostituisce al gatto (e da qui...il gatto è Faith), proprio quando Faith parla senza speranza delle sue condizioni irreversibili... e a questo punto proprio il suo inconscio si allea con Buffy, suggerendole il punto debole del Sindaco, ovvero quella traccia d'umanità che gli resta. E, come scopriremo più avanti nell'episodio (ma come già sospettavamo), la debolezza di Wilkins è proprio Faith.
Le due Cacciatrici sognano insieme, o è solo Buffy a sognare? Secondo me nessuna delle due opzioni, credo che il sogno lo faccia Buffy, e che dialoghi con l'inconscio di Faith, che quindi non si rende conto di ciò che sta sognando (anche perchè nella realtà Faith sta dalla parte del Sindaco, solo il suo inconscio sa che dovrebbe stare dalla parte dei buoni).
E così Faith offre il suo sostegno a Buffy, e le armi con cui gli studenti poi combatteranno.
Buffy, pronta a combattere, si sveglia, ricambiando il bacio sulla fronte che Faith le aveva dato in Enemies.

Che dire, finale enigmatico ed epico... direi che la frase di Oz è perfetta per concludere!

- Guys, take a moment to deal with this. We survived.
- It was a hell of a battle.
- Not the battle. High school.

Voto: 10 meno

è stata una dura lotta anche per lo screencap! la scelta è stata veramente difficile, le immagini erano talmente belle che ho voluto lo stesso trovargli un posto nel commento:
(clicca per mostrare/nascondere)

notina:
- La WB (in accordo con Joss Whedon) censurò completamente quest'episodio, così come Hearshot, non mandandoli in onda nella data stabilita. Il motivo? Era appena successo il massacro alla Columbine High School e l'America era ancora sotto shock... alla fine il season finale venne trasmesso in luglio, mentre la 3x18 a settembre, poche settimane prima dell'inizio della quarta stagione.



Mi dimenticavo del commento alla STAGIONE!
Allora, la qualità continua il suo trend positivo, e stavolta raggiunge livelli alti. Come trama principale ho preferito la seconda stagione, ma in quanto ad episodi autoconclusivi vince senza dubbio la terza: quasi ogni filler era collegato ad un problema che affliggeva i protagonisti, quindi non ho avuto il senso di "inutile" che alcuni episodi delle prime due stagioni mi hanno lasciato. Difatti ho dato volti altissimi alle puntate, forse esagerando, ma la terza stagione mi piace troppo, pur non essendo la mia preferita... e poi c'è Faith!!!
Episodio preferito Amends, peggior episodio Band Candy.
Voto 9 meno, una media tra una trama orizzontale più presente ma meno avvincente (rispetto al trio Spike-Dru-Angelus) e dei filler fantastici come The Wish.

3
Buffy / [COMMENTI] Buffy tVS 3x17 "Enemies"
« il: 22 January 2013, 12:55:08 »

I come to Sunnydale, I'm a Slayer, I do my job kicking ass better than anyone. What do I hear about everywhere I go? Buffy.
So I slay, I behave, I do the good little girl routine, and who does everybody thank? Buffy.
Everyone always asks, "Why can't you be more like Buffy?" But did anyone ever ask if you could be more like me?
You get the Watcher, you get the mum, you get the little Scooby gang. What do I get? Jack squat...
this was supposed to be my town!

Dunque Sunndydale è stata costruita consapevolmente ed appositamente sopra la Bocca dell'Inferno. Da un sindaco immortale (ma quanto son scemi gli abitanti??). Per nutrire i demoni. Direi che tutto torna!
Episodio incentrato sulle difficoltà di Faith nel fare il doppiogioco, e sul suo smascheramento finale. Mi è piaciuta l'idea di mantenere una certa ambiguità nel personaggio della Cacciatrice, chiaramente lo shock per aver ucciso il vice-sindaco non è ancora passato, dal momento che persino dopo aver ucciso un demone "innocente" si sente in colpa. Angel è l'unico che sembra capire quanto la ragazza stia male, e anche se la scena in cui Faith si presenta a casa sua esponendo i suoi problemi si rivela un bluff, non è priva di un fondo di verità: Faith sembra far finta di fingere, sono convinta che la confessione sul suo stato d'animo sia più che sincera. Ed Angel è sul serio l'unico in grado di capirla e darle una mano, e l'avrebbe fatto volentieri se Wesley, un paio di episodi fa, non avesse interferito.
Magnifica ma anche pericolosa l'idea di far tornare (per finta) Angelus. Pericolosa perchè si sarebbe rischiato di cadere nel già visto, in una trama ripetitiva, come si intuiva dalla voce rotta di Buffy, che praticamente ha ripetuto le stesse identiche frasi disperate dette l'anno prima. Magnifica perchè Angelus resta sempre un grande, anche quando è recitato da Angel.
Perfetta a questo punto la delusione di Faith, fregata non solo da quello che pensava essere un alleato (malvagio, ma pur sempre alleato), ma pure da quell'Angel che tanto diceva l'avrebbe aiutata. Oserei dire, che nella gara al tema "solitudine", Faith vince alla grande su Buffy. Per quasi tre stagioni ci è stato detto quanto essere Cacciatrici renda soli, e quanto Buffy abbia provato ad impedire questa sensazione mantenendo una vita normale.... l'arrivo di altre Cacciatrici sembrava alleviare il tutto, ma se Kendra alla solitudine ci aveva fatto l'abitudine (accettando il suo destino), Faith si trova ancora più in difficoltà rispetto alla biondina, perchè di fatto non ha mai avuto nessuno al suo fianco, nemmeno nella sua vecchia vita da ragazza normale. Faith la solitudine se la porta dietro da quando è nata, in una situazione familiare decisamente poco allegra, è cresciuta in fretta conoscendo molte delusioni (soprattutto maschili) nel suo percorso, e forse il fatto stesso di diventare Cacciatrice l'ha fatta sentire per la prima volta in vita sua importante per qualcosa o qualcuno, ovvero il mondo. Nella sua fragilità e solitudine è ovvio che abbia sviluppato un certo egoismo, ma soprattutto molta invidia per l'unica persona al mondo che condivide il suo destino: Buffy, circondata da mille affetti, che non si rende nemmeno conto della fortuna che ha.
E qui si arriva al rapporto tra Faith ed il Sindaco, sempre più vicino alla figura paterna (a quanto pare mancata). Un rapporto completamente diverso da quello Buffy-Giles. Un rapporto oscuro, visto lo schieramento, ma a tratti tenero, quasi come il Sindaco tenga veramente a Faith come fosse sua figlia.... e Faith ci casca in pieno, sentendosi protetta da quell'uomo tanto malvagio quanto gentile nei suoi confronti.
Piccola parentesi per Cordelia, che si reintegra nella gang a causa della sua adulazione verso Wesley, accompagnata dalla gelosia di Xander.  :asd:


Voto: 9

4
Buffy / [COMMENTI] Buffy tVS 3x16 "Dopplegangland"
« il: 21 January 2013, 21:14:31 »

Ormai ho preso l'abitudine di iniziare i topic scrivendo "altro bell'episodio"... per cui...
Altro bell'episodio che slega The Wish dalla definizione di filler, inserendolo nella trama principale. Ed ogni scena è uno spasso. Piccola parentesi per Faith, che oltre ad essere passata al lato oscuro fa pure il doppiogioco, nonostante non ne sia proprio convinta: se da una parte il Sindaco le sta dando la vita lussuosa che non ha mai avuto, dall'altra la Cacciatrice ribelle è palesemente preoccupata sulla questione di uccidere la gang.
Cominciamo da Anya, ora che è comparsa una seconda volta posso tranquillamente affermare che questa ex-demonessa è in assoluto il mio personaggio preferito della serie. Purtroppo sono una delle poche che la pensa così, spesso nelle vette dei sondaggi si leggono i nomi di Spike, Buffy o Willow. Divertentissima in questa puntata, dalla scena iniziale col suo capo D'Hoffryn fino alla fine, il suo egoismo la contraddistingue, ma la scena più comica che la vede protagonista è senza dubbio quella in cui sclera chiedendo la birra.
Perfetta la scelta di mettere a confronto Willow col suo magnifico doppio, in modo da evidenziare le già nettissime differenze ma anche le somiglianze  :asd: Ad essere sincera ho trovato un po' troppo poco sofferte le reazioni di Buffy, Xander e Giles alla "morte" di Willow, quasi fossero appositamente comiche, mentre Angel ci dona il momento migliore dell'episodio con la parodia del se stesso drammatico che avvisa la gang di quanto successo. Infine come poteva mancare il monologo di Cordelia su Xander alla lista dei momenti divertenti  :XD:
Episodio decisamente comico quindi, e senza dubbio reso benissimo.

Voto: 9

5
Buffy / [COMMENTI] Buffy tVS 3x14 "Bad girls"
« il: 18 January 2013, 10:32:13 »

We're Slayers, girlfriend, the Chosen Two!

Altro fantastico episodio, fino a questo punto è quello che ha dato maggiormente spazio al rapporto tra le due Cacciatrici. Come sempre è magnifico vedere le due ragazze combattere assieme, e come sempre Faith Lehane brilla di luce propria. Mi è piaciuto l'evolversi dell'amicizia tra Buffy e Faith, e nonostante la Cacciatrice mora non sia quello che si definisce "sana compagnia" quest'episodio è memorabile principalmente per le due Slayers che si divertono. La filosofia di Faith conquista in pieno Buffy, e sono sicura che in fondo tutte le sensazioni che Faith esplicita (il divertimento nel combattere, la voglia di fare sesso e scatenarsi dopo una lotta al vampiro, l'inclinazione al pericolo ed al rischio) siano proprie anche di Buffy, che però finora si è limitata a tenersele dentro, magari vergognandosi un po' di provarle. Difatti in questi 40 minuti la bionda si lascia andare, Faith è riuscita ad influenzarla così tanto che Buffy le si è avvicinata in modo quasi morboso: scommetto che è da qui che sono nate tutte le fan-fic sulle due Cacciatrici (e poi, il disegno a cuoricino impalettato sulla finestra, dal doppio significato...).  :asd: Assistiamo quindi alla memorabile scena in cui le due irrompono nel covo di vampiri (Rise and shine, people!) ed una volta finito il lavoro si scatenano al Bronze.
In tutto ciò sono proprio i vecchi amici di Buffy a rimetterci, specialmente Willow, chiaramente in ombra ora che è arrivata la nuova Cacciatrice e con la stessa sensazione di inutilità che aveva Xander lo scorso episodio.
Ovviamente tutto questo lottare e divertirsi non poteva che portare a conseguenze disastrose, come il buon Whedon ci insegna. Se un'altra scena memorabile è la "rapina" al negozio d'armi e articoli sportivi e la conseguente fuga dall'automobile della polizia, il tutto finisce tragicamente quando Faith uccide il vice-sindaco, scambiandolo per un vampiro. E' evidente che il "non mi interessa" della mora non sia altro che un tentativo di autodifesa, anche contro se stessa, un tentativo di nascondere quel rimorso che sicuramente è presente. Faith, dal passato sicuramente non felice, è molto più abile a nascondere le sue debolezze rispetto a Buffy, le sue emozioni che la potrebbero rendere vulnerabile. Buffy invece è cresciuta con ideali decisamente diversi, a lei non basta la scusa "sono Cacciatrice, sono cose che possono capitare", perchè se non è stata lei la responsabile diretta dell'omicidio, in parte si sente colpevole, perchè il tutto è stata una conseguenza delle loro bravate. E, ancora una volta, le due Cacciatrici, nate dallo stesso potere, sembrano prendere strade diverse ed inconciliabili.



- New watcher?
- New watcher.
- Screw that.

Nel frattempo ci viene presentato Wesley Wyndam-Price (diventato in seguito il signor Hannigan nella vita reale), il nuovo Osservatore. Impacciato, maldestro ed estremamente inglese, non è altro che la fotocopia del Giles del pilot, ma decisamente dotato di minore addestramento nel combattere. La sola scena in cui entrambi gli Osservatori si puliscono contemporaneamente gli occhiali basta a farci notare la somiglianza tra i due, confermata poi dalle prime frasi che Giles ha scritto nel suo diario riguardo Buffy. Sorprendente, a questo punto, realizzare di quanto Giles sia cambiato, ancor più di quello che ci era parso fino ad Helpless: non solo si è "americanizzato", ma il suo rapporto con gli scoobies l'ha portato ad essere un uomo più sciolto, più sicuro di sé e meno rigido riguardo le regole imposte dal Consiglio. Cosa che gli è costata il lavoro. Se da una parte sono sicura che il suo passato da Ripper abbia aiutato ulteriormente questa evoluzione, dall'altra non posso fare a meno di riconoscere il merito di Buffy (e della spigliata Jenny) in tutto ciò.
Il povero Wesley, così come il suo predecessore al suo tempo, deve vedersela con il caratterino di Buffy, non proprio incline agli ordini, e prima riuscirà a capire che una Cacciatrice non è una macchina (o meglio, Kendra lo era, ma Buffy.... e Faith, no, decisamente) meglio sarà per lui. Per non parlare di Faith, l'uragano indomabile! Ora non sembra, ma secondo me Wesley è uno dei personaggi meglio riusciti del Buffyverse.
Menzione speciale al sindaco, vero big bad della stagione pur non sembrandolo, che qui riesce nell'intento di diventare invincibile, e ad Angel con la sua entrata in scena nel nascondiglio di Balthazar.


Angolo comicità:
- Buffy odia annegare, chissà perchè...
- Xander ed i suoi tic all'occhio ogni qualvolta si nomini Faith
- Faith ed il suo sacco da boxe artigianale  :asd:

Voto 9+

6
Buffy / [COMMENTI] Buffy tVS 3x12 "Helpless"
« il: 15 January 2013, 22:57:34 »

I've recommended to the Council, and they've agreed, that you be relieved of yout duties as Watcher immediatly.
You're fired.  Your affection for your charge has rended you incapable of clear and impartial judgment.
You have a father's love for the child, and that is useless to the cause.

Ora posso dirlo: questa terza stagione avrà pure delle lacune sul lato big bad, ma la maggior parte degli episodi visti fin'ora compensano completamente la mancanza di una trama orizzontale definita. Se lo scorso anno a quest'ora potevo chiaramente affermare che Spike e Drusilla erano due fantastici cattivi, ma troppo spesso spezzettati da filler noiosetti inseriti nei momenti sbagliati, alla 3x12 posso benissimo dire che l'unico episodio che non mi è piaciuto è stato Band Candy.
Questa puntata rappresenta un altro gioiellino, non perfetto, ma molto bello. Come da tradizione il compleanno di Buffy finisce nel disastro, e se il diciasettesimo ci aveva regalato Angelus, il diciottesimo ci regala una Cacciatrice senza poteri. Oltre al fatto che vedere Giles iniettarle il veleno fa sembrare l'Osservatore terribilmente inquietante, a Buffy non manca solo la forza fisica: agilità, precisione, coordinazione.... tutto sparito, facendola tornare una normalissima diciottenne. E qui arriva il bello. Finora la ragazza ha sempre faticato ad accettare la sua Chiamata, quando è arrivata Kendra aveva pure fatto qualche pensierino sul delegare il compito alla collega. Ma allora aveva ancora i suoi poteri, si trattava solo di mollare. Stavolta invece, depotenziata com'è, non riesce ad accettare la sua nuova situazione. Buffy ha visto troppe cose per girare tranquillamente a Sunnydale, in piena notte, facendo finta che mostri e vampiri non esistano. Bellissima la sensazione di paura e terrore che la perseguitano in tutto l'episodio, ma ancor più bello è lo sfogo ad Angel, in cui gli dice che si sente privata del suo scopo, completamente inutile per il mondo. Non serve a nulla ripeterle che potrebbe tornare a fare la vita di prima, perchè il periodo pre-Cacciatrice era superficiale e senza senso, ben lontano dalla persona che Buffy è diventata ora. Perfetta, a questo punto, la confessione di Angel, che le rivela di essersi innamorato di lei molto prima del loro incontro, proprio perchè lui era presente il giorno in cui il destino l'ha strappata via dalla sua vita spensierata.
Altro fatto che si analizza in questo episodio è il rapporto che si è instaurato tra la Cacciatrice ed il suo Osservatore. Da sempre ritenuta come una relazione "di lavoro", quella tra Buffy e Giles si è evoluta in un rapporto padre-figlia. Giles pian piano si è sostituito al vero padre della protagonista, sempre più assente man mano che passano gli anni: il bibliotecario non è più il semplice addestratore dell'Eletta, è diventata una delle persone con cui la Cacciatrice ha più bisogno di confidarsi, è una spalla su cui piangere, così come Buffy è stata la sua spalla nella 2x17, alla morte di Jenny. La stessa ragazza lo invita a prendere il posto del padre allo spettacolo sul ghiaccio per cui ha i posti prenotati, come a rendere definitiva quella sensazione di figura paterna. E' del tutto normale quindi che Buffy, scoperto che l'assenza dei suoi poteri non è altro che una prova somministratale dal Consiglio degli Osservatori, si senta tradita dall'uomo in cui ha riposto molta della sua fiducia.... ma se la Cacciatrice ha superato egregiamente il test, il capo degli Osservatori, tale Quentin Travers, ci comunica che Giles non lo ha passato affatto. L'affetto verso Buffy è la sua colpa, il provare quel sentimento paterno, a detta del Consiglio, l'ha privato della razionalità e dell'imparzialità che dovrebbero essere propri di un Osservatore, preparato per anni in quel ruolo. Licenziato, quindi, ma ciò non ci impedisce di vedere la toccante scena in cui Giles cura le ferite di Buffy.

Voto: 9, decisamente.

7
Buffy / [COMMENTI] Buffy tVS 3x11 "Gingerbread"
« il: 15 January 2013, 10:45:17 »

Episodio filler abbastanza carino, ma nulla di più. Finalmente ci viene presentata la madre di Willow, e la sua assenza nella serie rispecchia totalmente la sua assenza nella vita della figlia... la signora Rosenberg infatti non presta la minima attenzione nè a Willow nè a ciò che le succede intorno, anzi lo fa solo quando l'intera città è in preda ad un'isteria collettiva, causata tra l'altro dall'ennesimo evento sovrannaturale.
Ovviamente i bambini innocenti finiscono per essere le creature inquietanti, fantastico prendere Hansel e Gretel, una fiaba (espediente che va molto di moda ultimamente, vedasi Once Upon a Time e Grimm), e renderli i nemici della puntata responsabili della caccia alle streghe. Contenta quindi del ritorno di Amy, in un episodio con questo tema la sua presenza era praticamente d'obbligo. Ma di eventi importanti ce ne sono altri: innanzitutto tramite Joyce scopriamo che non solo le autorità, ma anche gli abitanti di Sunnydale sono semi-consapevoli delle stranezze che accadono, fatto che mi è piaciuto altrimenti la serie stessa, con tutti quei morti passati inosservati, sarebbe parsa troppo "banale".
Divertente vedere come proprio il Sindaco, che ha più di qualche segreto nell'armadio, faccia certi discorsi, e divertente vedere come ormai Buffy si sia guadagnata una certa reputazione a scuola, tanto da bloccare dei bulli con un semplice sguardo  :asd:
Infine il dubbio di Joyce riguardo la situazione di Sunnydale (ovvero se fosse una città peggiore senza Buffy) strizza l'occhio a The Wish, dove tutti abbiamo visto come gli eventi siano precipitati con l'assenza della Cacciatrice.
Miglior battuta dell'episodio: il "wake up in a coma" di Cordelia  :XD:

Un minuto di silenzio per i libri di Giles.

Voto 6.5

8
Buffy / [COMMENTI] Buffy tVS 3x08 "Lovers walk"
« il: 10 January 2013, 11:40:03 »

You're not friends. You'll never be friends. You'll be in love 'till it kills you both.
You'll fight, and you'll shag, and you'll hate each other until it makes you quiver...
but you'll never be friends. Love isn't brains, children... it's blood, blood screaming inside you to work its will.
I may be love's bitch, but  at least I'm man enough to admit it.

E fu così che Spike tornò a Sunnydale, replicando quasi alla perfezione la scena del suo arrivo in School Hard. Dico quasi perchè, se il cartello abbattuto è lo stesso, la musica è la stessa e le parole sono le stesse... la quantità di alcol in corpo è decisamente aumentata. La sola presenza di Spike basta a rendere l'episodio memorabile: qualsiasi cosa faccia è esilarante, dal suo vagabondare completamente ubriaco ai suoi sfoghi, riguardo la sua rottura con Drusilla, con Willow e Joyce. Con quest'ultima, tra l'altro, secondo me si raggiunge il massimo della comicità dell'episodio, nella scena in cui le fa i gestacci alle spalle.  :XD: Ma il momento più intenso è il discorso sull'amore che Spike rivolge ad Angel e Buffy, perchè ha dannatamente ragione. Nella mia visione della serie stento a credere che un vampiro senz'anima sia in grado di amare, nel vero senso della parola. Di provare gelosia, affetto, ossessione li ritengo capaci, ma di amare difficilmente riesco a crederci. Per cui io penso che personaggi come Spike, Drusilla, Angelus e Darla, tutti coinvolti in relazioni sentimentali in passato, abbiamo provato qualcosa di molto intenso, che comprende alcuni elementi dell'amore, ma non lo è in tutta la sua forma... sempre se l'amore abbia una sua definizione universale. Nonostante questo, però, il discorso di Spike ha il suo effetto, ed infatti a fine episodio abbiamo la rottura (non che stessero insieme) tra Buffy ed Angel, incapaci di essere amici e di sotterrare ciò che vorrebbero.

Ma passiamo ad altro, ovvero Xander e Willow. In questo episodio i loro sbaciucchiamenti vengono finalmente scoperti. Ribadisco che non mi è mai piaciuta questa loro "relazione" sbucata fuori dal nulla, sarebbe potuta andare bene nelle prime due stagioni, ma ora la trovo abbastanza capricciosa, egoista e senza senso. Specie quando i due piccioncini stanno insieme rispettivamete a Cordelia (personaggio che ha avuto un'evoluzione a parabola, e si è fatto apprezzare col tempo) e Oz (grande, grandissimo), la trovo un'enorme mancanza di rispetto e sincerità.  Proprio i fidanzati in questa puntata danno ulteriore dimostrazione del loro affetto: Cordy ha lasciato perdere ogni pregiudizio riempendo l'armadietto con foto di Xander ed Oz dà il suo primo regalo a Willow. Assistere quindi alla scoperta, da parte dei due, della relazione tra i due migliori amici è stato davvero brutto, mi è dispiaciuto davvero tanto -e non l'avrei mai detto- per Cordelia, che se pur superficiale ha sempre sentito su di sè il peso di venire in secondo piano rispetto a Buffy (per cui Xander aveva una cotta) e Willow (la migliore amica a cui Xander stava appiccicato come la colla). L'incidente che poi le capita, mentre tenta di andarsene dalla fabbrica, è come una metafora dello shock che ha ricevuto, trafitta dall'uomo che l'ha delusa. Brillante poi lo scherzone del funerale, se gli autori volevano farci prendere un colpo ci sono riusciti in pieno.
Molto triste la sequenza musicale degli ultimi minuti, con tutti i personaggi delusi da loro stessi o da altri. E ancora, povera Cordy  :nu:

La scena finale, in cui Spike canta a squarcia gola Sid Vicious, è geniale.

Cronologicamente il primo della lista dei miei episodi preferiti della stagione, voto 9+



9
Buffy / [COMMENTI] Buffy tVS 3x05 "Homecoming"
« il: 7 January 2013, 23:08:18 »

Primo episodio prevalentemente comico della stagione, che ci mostra l'acida rivalità adolescenziale tra Cordelia e Buffy. Mi è piaciuto che alla fine siano state entrambe sconfitte dalle concorrenti, tra l'altro l'intento degli amici è (in parte) riuscito: le due hanno avuto modo di confrontarsi e nonostante la rivalità non sia sparita alla fine hanno fatto fronte comune contro il nemico offrendoci scenette davvero esilaranti (il top è quando Cordy "sconfigge" il vampiro solo a suon di parole).
A proposito, torna il vampiro-cowboy già visto nel bruttissimo Bad Eggs, così come torna Mr Trick e ci viene finalmente presentato il Sindaco Wilkins, già nominato più volte dal preside Snyder in quanto persona (che deve essere) informata sui fatti.
Faith è semplicemente una grande, mille punti per lei nella scena con Scott.
Su Willow e Xander ho pensieri contrastanti: se da una parte la scena è stata resa benissimo, dall'altra arriva in un momento completamente sbagliato, in cui non siamo (o almeno io, non lo sono) sazi nè della coppia Xander-Cordelia nè di quella Willow-Oz. E lo dico io che di solito non sono per nulla romantica.  :XD: E' vero che Xander è sempre stato l'uomo che Willow ha sempre sognato senza che lui se ne rendesse conto, però ormai Willow è andata avanti, ha messo quella pietra sopra già in Phases e ancor di più in Becoming. La sua attrazione per Xander, abiti eleganti o meno, la trovo un po' stonata nella situazione generale. Povero Ozzino  :nonono:

Voto 6.5, episodio leggero senza troppe pretese.



10
Buffy / [COMMENTI] Buffy tVS 3x03 "Faith, Hope and Trick"
« il: 6 January 2013, 18:30:10 »

I'm gonna go out of a limb and say there's a new slayer in town.

Altro buon episodio che introduce Faith, la nuova Cacciatrice in carica, ovvero quella che è succeduta a Kendra. Faith è completamente diversa dalle due ragazze che l'hanno preceduta: è semplicemente un uragano. Se Buffy svolge il suo compito "perchè le tocca" e Kendra era spinta da un senso del dovere insegnatole per anni e anni, a Faith il suo ruolo piace, anzi sembra quasi che tutto quel calciare e colpire funzionino come uno sfogo. Non ha paura di dire quello che pensa, e tutti i personaggi (Buffy e Cordelia escluse) sono affascinati dai racconti della new entry. Ma come si poteva ben immaginare dietro la facciata estroversa ed allegra di Faith si nasconde una paura dalla quale la nuova Cacciatrice sta tentando di scappare. Scopriamo infatti che il suo arrivo a Sunnydale non è stato il frutto della curiosità di conoscere la collega: Faith è in fuga da un vecchio vampiro che ha ucciso la sua Osservatrice, lo stesso vampiro che ad inizio episodio pensavamo erroneamente volesse uccidere Buffy.
Nonostante l'invidia/antipatia che c'è tra le due Cacciatrici a me Faith piace molto come personaggio, mi piace il suo essere carismatica e sempre pronta all'azione.

Contemporaneamente, finalmente vediamo Joyce apprendere e scioccarsi della prima morte della figlia. I sogni con Angel continuano, e anche stavolta contengono piccole premonizioni su quello che avverrà in puntata.
Tra gli altri personaggi, amo sempre di più la coppia Willow e Oz, davvero carinissimi (non ricordavo stessero così bene insieme) ed a proposito di Willow e magia molto toccante la rivelazione, da parte di Giles, che non c'è nessun incantesimo al quale stava lavorando.... ciò ci lascia intendere che il suo unico scopo era di far dire a Buffy la vera storia, tirarle fuori il trauma perchè se l'avesse tenuto ancora dentro non l'avrebbe mai superato (un po' come Faith con la morte della sua Osservatrice). E difatti subito dopo Buffy si prepara a dare l'addio simbolico ad Angel, lasciando l'anello nell'esatto luogo in cui ha ucciso il vampiro... che però a quanto pare torna nel mondo dei vivi: se vedere David Boreanaz tra il cast fisso ce lo faceva supporre, il modo in cui hanno reso il suo ritorno è magnifico.

Voto: 8.5

ps: molto particolare il doppio senso del titolo: i tre sostantivi sono anche dei nomi di persona, e si riferiscono proprio alla Cacciatrice Faith, allo spasimante Scott Hope ed al vampiro di colore Trick.

11
Buffy / [COMMENTI] Angel 5x18 "Origin"
« il: 28 March 2014, 21:55:35 »

Con questo episodio gli autori riprendono in mano questioni lasciate a metà molto tempo prima, che ormai sembravano essere destinate a rimanere nel dimenticatoio. Ho apprezzato moltissimo l'idea di recupare queste storyline e darne una degna conclusione: viene meno la sensazione di "sgretolato" che più volte la trama di Angel ci ha lasciato.

Connor stupisce in positivo. I nuovi ricordi gli hanno automaticamente conferito un'identità diversa da quella a cui eravamo abituati. Il nuovo Connor è solare, spensierato e con una certa propensione alle battute. Stona tantissimo con la vecchia versione di se stesso. La differenza tra le due personalità di questo ragazzo mi ha fatto inevitabilmente pensare al fatto che ogni persona si costruisce attraverso le proprie esperienze. Il nostro passato, ciò che abbiamo fatto e ciò che abbiamo subìto, determina quasi completamente chi siamo ora.

Come al solito eccezionale la parte di trama relativa a Wesley (ed Illyria). In questo caso l'astio di Angel verso il "caso" porta l'ex-Osservatore dritto dritto verso la verità nascosta, e se questo risvolto della trama era abbastanza prevedibile -data la presenza di Connor- un po' meno lo era il fatto che gli autori avrebbero usato la manipolazione dei ricordi come scusa per insinuare in Wesley il dubbio che tale cambiamento avesse potuto influire nelle scelte di Fred, portandola indirettamente alla morte.
Ben architettata dunque questa parte, che spinge Wesley a rompere il contenitore dei ricordi. In questo modo l'inganno di Angel viene scoperto con un intelligente plot twist, evitando sensazioni di banalità o noia.
Perfette le immagini che una alla volta passano nella mente di Wesley, che quindi si vanno a sovrapporre ai falsi ricordi. Lo shock dell'Osservatore è di forte impatto, l'ennesimo duro colpo che il personaggio è costretto subìre.

Sono soddisfatta anche che gli autori abbiano ritirato fuori Sahijan, concludendo definitivamente questa parentesi e facendo avverare la profezia. Ricordiamo che il demone, per evitare la sua morte, fu l'inventore di  un'altra profezia, quella de "Il padre ucciderà il figlio", punto cruciale per la terza stagione e soprattutto per il percorso evolutivo del personaggio di Wesley.

Il ritorno di Connor si rivela essere una scelta abbastanza piacevole e soprattutto sensata ai fini della trama principale. L'episodio aveva un forte rischio di portarsi una certa pesantezza presente nella quarta stagione, ed invece ha avuto come risultato quello di chiudere egregiamente una grossa storyline lasciando comunque qualche spiraglio per le conseguenze.

voto 8.5

12

Close your eyes.

L'aveva detto Darla prima di uccidere l'Angel umano, lo dice Buffy prima di porre fine alla vita dell'Angel vampiro. E fa da titolo per la colonna sonora della tragica storia d'amore tra la Cacciatrice ed il vampiro con l'anima. Una storia non prevista, gli eventi non dovevano andare così. Angel era destinato ad affiancare Buffy nella lotta contro il male, doveva essere lui a fermare Acathla, non doveva risvegliarlo. Ed invece il Cantastorie non aveva considerato quella variabile, l'amore. Un sentimento così forte da prevalere sull'infelicità inflittagli dalla maledizione zingara, da annullarla... eliminando anche l'anima. Ed il tutto ci ha portati fin qui.
Ad essere sincera ho amato leggermete di più lo scorso episodio rispetto a questo. Il motivo? Tutta la parte della polizia e dell'accusa a Buffy non mi è mai piaciuta, l'ho trovata sforzata dopo due stagioni in cui la gang si trova sempre in mezzo ai casini e nessuno era mai intervenuto. D'altra parte, però, è funzionale ad altri due eventi: il primo è l'ennesima conferma che il preside Snyder sia consapevole di quello che succede a Sunnydale, tanto da considerare le forze dell'ordine profondamente stupide e da voler informare subito il Sindaco dei fatti. L'altra conseguenza è la scoperta, per Joyce, di avere una figlia ammazza vampiri. Il suo rifiuto ad accettare una cosa del genere, inizialmente comico nelle scene con Spike e pian piano sempre più drammatico, è del tutto normale per una madre già preoccupata dai "pasticci" combinati dalla figlia negli ultimi due anni. Se la prima cosa che fa è buttar giù qualche drink per assimilare la notizia, in seguito tenta in tutti i modi di trovare qualche spiegazione -anche psicologica- al perchè la figlia sia così. Ma quello che non capisce è che non c'è nessuna scelta, si è così e basta, tutto è stato predisposto dal destino e nulla può essere cambiato. La scena in cui Buffy tenta di spiegarglielo è davvero commovente, ma non serve a cambiare il pensiero di Joyce.
A proposito di Spike, scopriamo qualcos'altro sul suo personaggio. Entrato in modo trionfale nella serie ed in seguito oscurato sia da Drusilla che da Angelus, qui si riscatta in pieno ritornando tra i protagonisti. E' un cattivo anticonformista. Non ha le manie di grandezza e distruzione che caratterizzano gli altri vampiri, a lui il mondo va bene così com'è, con miliardi di umani che circolano pronti ad essere divorati, con le partite di calcio e l'arte. A Spike il mondo piace davvero, pur senz'anima una briciola dell'essere umano che era in lui è rimasta (come aveva detto il Giudice in Surprise) tanto da legarsi sentimentalmente ad un'altra vampira. E tanto da scendere a compromessi con la Cacciatrice pur di riottenere la sua donna. Così proprio uno degli antagonisti diventa un aiuto per la battaglia finale, un alleato infame ed egoista (l'indifferenza con cui si rende conto che Buffy sta per essere uccisa da Angel è esilarante), che una volta ottenuto il suo scopo se ne va per la sua strada, ma pur sempre un elemento determinante per l'esito della battaglia.
Battaglia decisamente memorabile! Gli ultimi 15 minuti sono mozzafiato... innanzitutto standing ovation per la scena tra Giles e Drusilla/Jenny, commovente nelle parole di Giles a Jenny, ma triste sapendo chi c'è in realtà al posto della professoressa.  Ed epico il combattimento finale tra Buffy ed Angelus, con una Cacciatrice erroneamente convinta di non aver nulla da perdere... e invece per l'ennesima volta le cose vanno per il verso sbagliato, perchè il tradimento arriva direttamente da un amico. Xander, che mai ha accettato la presenza di Angel nella vita della Cacciatrice, non concepisce altra idea se non quella di eliminarlo definitivamente. Del resto gliel'aveva detto, un paio di episodi fa: Tu morirai, ed io sarò là. Xander assiste alla battaglia finale, non ne vede l'esito, ma il solo fatto di vedere Buffy determinata ad ucciderlo gli basta. Xander ha mentito spudoratamente, anche a costo di tradire la fiducia di Willow (che ormai sembra aver accantonato la cotta per l'amico a favore di Oz), che seppur ferita è determinata più che mai a ridare una speranza al vampiro, ma soprattutto a Buffy. La scena in cui Willow, aiutata da Oz e Cordelia, compie il rito per didare l'anima ad Angelus è potentissima, il personaggio è ben lontano dalla ragazzina timida ed impacciata del pilot. Ed è qui che Willow comincia a diventare qualcos'altro.
Purtroppo non sempre le storie hanno un lieto fine. Se da una parte Willow riesce a scagliare di nuovo la maledizione, regalandoci un bellissimo momento tra Buffy ed il ritrovato Angel che ci fa sperare per il meglio, dall'altra ormai Acathla sta aprendo il vortice che porterà il mondo all'inferno. Solo il sangue del vampiro ha potuto aprirlo, per cui solo il suo sangue può richiuderlo. Buffy non sopporterebbe di vedere l'angoscia negli occhi di un Angel consapevole di doversi sacrificare, per cui preferisce risolvere la situazione da sola, di agire come solo una Cacciatrice potrebbe fare. La prima volta che vidi questa scena mi scappò una lacrimuccia, ma non tanto per Angel, quanto per il peso del destino che la nostra protagonista sia costretta a sopportare... e difatti questo peso è troppo grande, talmente enorme da mollare tutto e tutti e andarsene. Bellissimo il dialogo finale degli amici, speranzosi di vederla arrivare ma in realtà già dalle loro facce si capisce che non sono molto convinti delle loro affermazioni.


Anche questa seconda parte è intensa e drammatica. A me l'espediente della polizia non è mai piaciuto, ma è stato ampliamente perdonato dal resto dell'episodio, oltre ogni aspettativa.
Voto: 10


STAGIONE
Netto, nettissimo passo avanti rispetto al primo anno. Alcuni filler riempitivi non ce li siamo risparmiati, anche se in generale la loro qualità è salita (Halloween, Lie To Me, I have only eyes for you).
Bad Eggs è l'episodio che ho sopportato meno.  Passion è quello che mi è piaciuto di più, e condivide il podio assieme a queste due parti di Becoming.
Abbiamo avuto dei nuovi personaggi molto interessanti, nell'ordine Drusilla, Spike, Oz, il Cantastorie ed Ethan Rayne. Ad alcuni purtroppo abbiamo dovuto dire addio (Jenny su tutti ma anche Kendra), ma è stata proprio la loro uscita di scena a rendere gli episodi in questione grandiosi.
Bellissimo scegliere un argomento già accennato, come la maledizione di Angel, e portarlo a trama principale. E' la prima volta per il telefilm (ovviamente, essendo solo alla seconda stagione), ma non sarà l'ultima. Geniale anche sfruttare la temporanea morte di Buffy in Prophecy Girl per tirare fuori un'altra Cacciatrice, ottimo modo per mettere a confronto com'è Buffy e come dovrebbe essere.
Tutti i personaggi principali sono cresciuti, si sono evoluti in meglio, persino Cordelia. Abbiamo visto tutti fino a che punto si è spinta la determinazione di Xander nell'ultimo episodio, mentre Willow sta uscendo dal guscio e Giles non è più un semplice bibliotecario/Osservatore rappresentante la figura adulta. Abbiamo scoperto più cose sul passato di Buffy ma soprattutto applausi per il personaggio di Angelus, villain costruito davvero bene.
Sulla magnificenza Drusilla non mi esprimo altrimenti comincio un poema che non avrà più fine.

Voto 8, alcuni filler non li perdono ma tutto sommato la serie cresce positivamente!

13
Buffy / [COMMENTI] Angel 5x17 "Underneath"
« il: 14 March 2014, 22:59:49 »


Altro buonissimo episodio, che continua a mettere fortemente in luce le conseguenze psicologiche della morte di Fred ma al contempo porta avanti la trama principale, al punto che le due cose alla fine si intrecciano. La sigla viene modificata un'altra volta: Mercedes McNab con la sua Harmony diventa una regular ed Amy Acker viene raffigurata quasi esclusivamente come Illyria.

Appare per la prima volta Marcus Hamilton, the man they called Jayne interpretato da un altro ex attore di Firefly, Adam Baldwin, in seguito diventato popolare per il suo ruolo in Chuck. Hamilton prende il posto di Eve con una semplice firma, lasciando personaggi e spettatori di stucco nel momento in cui dalla giacca estrae niente meno che una penna. Come dice Spike, "didn't see that coming!!"  :XD:
Contro ogni aspettativa, Lindsey si rivela fondamentale per scoprire i piani della Wolfram&Hart, costringendo i protagonisti ad entrare in azione per salvarlo. Anche qui, si resta spiazzati nell'apprendere quale sia la punizione inflitta a Lindsey, nonostante sotto le piacevoli apparenze si nasconda qualcosa di molto più inquietante. E' proprio in questo punto che trama principale e morte di Fred si intrecciano: Gunn, tornato per l'occasione a vestire nel suo originale stile rap, scambia il suo destino con quello di Lindsey. Una scelta sconvolgente per il personaggio, che si riaggancia al dialogo avuto con Angel ad inizio episodio. Gunn, restando alla W&H, avrebbe dovuto convivere ogni giorno con il rimorso per quanto ha involontariamente provocato. Offrendosi come prigioniero in quella dimensione infernale gli permette di fare due cose: dimenticare la sua colpa e contemporaneamente espiarsi, ricevendo la stessa quotidiana punizione.

Ma è Wesley che ci fornisce la parte più intensa, drammatica e bella, come in questa serie spesso e volentieri ho notato accadere. Grazie ai dialoghi ed alle capacità attoriali di Alexis Denisof ed Amy Acker, la sofferenza dell'ex Osservatore è resa così bene che le scene a riguardo valgono da sole il voto massimo. Dal sogno con Fred, perfetto nella sua tristezza, alla scena sul tetto mostrataci verso fine episodio, ogni cosa appare impeccabile. Bellissima la metafora presente nella barzelletta, volta ad indicare quanto Wesley si senta staccato da tutto e da tutti, caduto in un dolore profondissimo. Ho trovato questi dialoghi talmente perfetti che ogni singola parola mi sembrava una colata d'oro.

voto 9-

ps: sentire nel 2014 Lindsey dire "we're gonna die" ed Angel rispondere "Not today", mi ha fatto rotolare dalle risate.  :XD:

14
Buffy / [COMMENTI] Angel 5x15 "A hole in the world"
« il: 23 February 2014, 17:40:41 »

There's a hole in the world... feels like we ought to have known.


Un buco è proprio la sensazione che questo episodio mi ha lasciato. Un buco e poi una serie di pensieri volti a negare quanto successo. Il fatto è che Fred è morta, ma non si può uccidere Fred! Tra tutti, caro Joss, non puoi ammazzare Fred... è vietato!! La sensazione è che certi risvolti narrativi dovrebbero renderli fuorilegge, perchè quando ti ritrovi a vedere certe scene che mai e poi mai vorresti vedere, cominci a blaterare su quanto sia ingiusto questo mondo e sul perchè le peggiori cose capitino sempre alle persone più belle. Sì, lo so che il termine corretto sarebbe "personaggi", ma in casi come questi la parola "persone" ti suona più adatta. Non puoi uccidere Fred, Joss... you really can't!
Eppure l'ha fatto... Whedon si è trasformato in un bambino cattivo. E dire che mancava così poco alla fine! Cioè, quando il crudele Joss decise che così dovevano andare le cose, nessuno sapeva che Angel sarebbe stato cancellato alla fine di questa stagione.... ma vedendo questa serie anni dopo la sua conclusione, assistere alla fine di Fred consapevoli di essere agli sgoccioli di Angel probabilmente l'ha reso più doloroso. E' come se un maratoneta si ritirasse a 500m dal traguardo: ti dispiacerebbe un sacco, perchè insomma ce l'aveva quasi fatta!!
Fred lascia un buco pazzesco, oserei dire che il vuoto lasciato dal suo personaggio è di gran lunga maggiore di quello lasciato da Cordelia, perchè quest'ultima è uscita di scena in modo graduale e con un percorso che pian piano ha scemato l'affetto di molti fan (sì, non era Cordelia quella della 4a stagione, ma per buona parte del tempo abbiamo pensato che lo fosse). Fred, invece, sparisce da un giorno all'altro, tra atroci sofferenze.
La frase di Spike è diventata una delle citazioni-simbolo della serie, e si addatta perfettamente alla sensazione che abbiamo, nella vita reale, nel momento in cui se ne va una persona cara. "C'è un buco nel mondo... forse avremmo dovuto saperlo."
Esattamente, avremmo dovuto sapere che la felicità di Wesley non poteva durare a lungo! Siamo noi quegli stupidi: Wesley è un personaggio tragico, non può essere felice, avremo dovuto impararlo molto tempo fa... eppure il tempo concessogli assieme a Fred è stato troppo poco. Una totale ingiustizia. Ed è proprio sull'ingiustizia e sull'impotenza umana di fronte al destino che questo episodio pone le basi per risultare una delle più belle puntate di Angel, se non la più bella.


If cavemen and astronauts got into a fight, who would win?

L'episodio ruota attorno ad una domanda apparentemente insignificante, ma che rispecchia totalmente la situazione che si viene a verificare. Se cavernicoli e astronauti si scontrassero, chi vincerebbe? La risposta finale ce la fornisce proprio Fred: i cavernicoli vincono, è ovvio.
Gli astronauti rappresentano il mondo moderno, in cui la scienza fa da padrona e condiziona le nostre vite. I cavernicoli rappresentano l'antichità, quando si faceva conto esclusivamente sulle proprie forze fisiche. Illyria, che rientra nel secondo gruppo, alla fine riesce a prevalere su Fred, e contro il suo potere a nulla servono millenni e millenni di progressi tecnologici.
Quando era stato introdotto nella serie, i protagonisti avevano tentato di scoprire se in Knox ci fosse qualcosa di malvagio, restando sorpresi del fatto che un ragazzo apparentemente così gentile e normale potesse lavorare per la W&H senza venirne influenzato. Il fatto è che Knox perseguiva i suoi scopi fanatici ben prima di finire alla W&H... quanto messo in moto in questo episodio, era già cominciato molto tempo prima, e non v'era modo di fermarlo. Knox ha solamente schiacciato l'acceleratore e trovato in Gunn un inconsapevole alleato.
A questo punto c'è da chiedersi cosa succederà a Gunn: l'intervento al cervello dello scorso episodio venne eseguito dopo che lo stesso avvocato firmò un documento senza sapere il completo contenuto dello stesso. Una mossa apparentemente innocente, ma ormai Gunn dovrebbe sapere che alla W&H niente è innocente come sembra... era scontato che sotto sotto si nascondesse qualcosa di losco, e che le conseguenze prima o poi si sarebbero dovute affrontare.


I am not the damsel in distress. I am not some case. I have to work this. I lived in a cave for five years... in a world where they killed my kind like cattle. I am not going to be cut down by some monster flu. I am better than that!

In tutto questo casino, è da lodare il modo in cui Fred affronta quanto le sta succedendo. La ragazza si rifiuta di stare ferma ad aspettare, capisce che si tratta di un'emergenza ben più grande di quanto i suoi amici lo facciano sembrare, e l'ultima cosa che vuole è essere considerata uno di quei tanti casi che la gang ha affrontato. Lei è migliore di tutto questo, vuole essere migliore.
Eppure, poco alla volta, in Fred prende spazio la consapevolezza di essere impotente in confronto al potere di Illyria, piano piano si rende conto che le possibilità che Angel, l'handsome man, la salvi si affievoliscono sempre di più.
Ogni membro del team è impegnato a scovare un modo per guarirla, in una corsa contro il tempo. La determinazione di tutti raggiunge il suo culmine nel momento in cui Wesley spara ad un dipendente, colpevole di non lavorare al caso di Fred. Ecco, in questo gesto fuori da ogni logica e buonsenso, si nota quanto il gruppo sia in realtà stato toccato dalla W&H...
Interessanti anche le reazioni di Lorne. Nello schiaffone tirato ad Eve (a proposito la canzone che lei sceglie è quella cantata da Lindsey nella 2x18) si trova tutta la sua irrequietezza, il voler capire cosa stia succedendo a Fred. Una volta scoperto con chi ha a che fare, si ritira a pregare e scompare per tutto l'episodio.
Angel e Spike invece ottengono il lato più mistico della trama. Innanzitutto bellissimo il momento in cui, mentre Wes legge la storia, si passa dalla camera di Fred alle terre inglesi dove è situato il Deeper Well (in italiano tradotto con Immane Abisso). Interessante ed enigmatica anche la figura di Drogyn, al punto da chiedersi perchè ed in quale occasione lui ed Angel si siano conosciuti. Il Deeper Well è il luogo in cui sono sepolti i demoni antichi, è un vero e proprio buco che attraversa il mondo da parte a parte, semiriempito dai sarcofagi di tutti questi demoni esistenti in un periodo precedente alla razza umana. E proprio in questo posto scopriamo tutto quello che c'è da scoprire sul caso di Fred, scopriamo perchè Knox ha detto che Angel la lascerà morire...
salvare Fred significherebbe sacrificare migliaia di persone, e a questo punto cosa vale la vita di un umano in confronto a quella di tante altre persone? E' Fred, deve essere salvata!! Ed invece no.  :nu:


Why can't I stay?

Le ultime parole di Fred sono le "ultime parole" più scioccanti che si possano sentire. Perchè non posso restare?
E' completamente ingiusto che lei sia morta...come dice Spike: non a lei! Eppure le cose sono andate a finire male lo stesso. Come dicevo prima, lodevole il comportamento di Fred, nonostante fosse spaventatissima e ci tenesse a far credere ai suoi genitori di non aver sofferto.
La menzione finale ai genitori ci riporta alla scena d'apertura, quella del flashback in cui una spensierata Fred era in procinto di trasferirsi a Los Angeles promettendo di vivere una vita normale e noiosa, flashback che si è interrotto proprio in quel punto per mostrarci la Fred dei giorni nostri, intenta a dare fuoco ad un nido di parassiti. A dire il vero, la presenza stessa di questo flashback indicava che l'episodio sarebbe stato importante. Nel momento in cui la ragazza canta "You are my sunshine" e Lorne capta quanto sta succedendo, si dovrebbe capire che il lieto fine non è scontato.
Eppure, io sono andata avanti per la mia strada, dicendomi che tanto Fred non può morire, perchè Fred è Fred, e a fine episodio mi sono ritrovata col cuoricino spezzato. E con la sensazione che ci fosse veramente un buco nel mondo.

voto 10


gli screencaps erano tremendamente belli:
(clicca per mostrare/nascondere)

15
Buffy / [COMMENTI] Buffy tVS 2x17 "Passion"
« il: 1 January 2013, 21:10:58 »

Passion. It lies in all of us, sleeping, waiting.
And though unwanted, unbidden, it will stir,
Open its jaws and howl.

It speaks to us, guides us.
Passion rules us all and we obey.
What other choice do we have?

Passion is the source of our finest moments:
The joy of love, the clarity of hatred, and the ecstasy of grief.

It hurts sometimes more than we can bear.
If we could live without passion, maybe we’d know some kind of peace.
But we would be hollow: empty rooms, shuttered and dank.
Without passion, we’d be truly dead.


La grandezza di certi episodi in molti casi la si vede già dal primo minuto, e questo ne è un esempio: per me Passion rappresenta il primo capolavoro della serie. La poesia che scorre durante la puntata è azzecatissima con le scene corrispondenti, è bellissima ma allo stesso tempo inquietante, come il personaggio che la recita. Non possiamo vivere senza la passione, e niente come questa poesia spiega meglio il perchè. Angelus stavolta colpisce duramente, e lo fa con una classe ed un eleganza del tutto nuovi. La tortura psicologica che infligge ai protagonisti è più pesante che mai, minuto dopo minuto gli eventi precipitano. Angelus non trarrebbe nessuna soddisfazione dall'uccidere immediatamente Buffy, anzi per ora l'assassinio della Cacciatrice non è nemmeno una sua priorità. E' talmente ossessionato dalla ragazza (come un tempo lo fu da Drusilla, anche se in modo diverso) che non smette di girarle attorno, colpendo chi le sta vicino senza esporsi troppo. E', metaforicamente ma anche nella mente di Joyce, uno stalker della razza peggiore. Se già i ritratti sono inquietanti, i pesci morti di Willow sono puro scherno. La sua perversione va in crescendo, e tesissima è la scena con la spaventata Joyce, a cui "confida" di aver fatto sesso con Buffy, consapevole che questo porterà tensione tra madre e figlia. Angelus, in questi 40 minuti, ha messo in ombra perfino due personaggi come Spike e Drusilla, quasi ci si dimentica della loro presenza.
In tutto questo trambusto c'è qualcuno che vuole riscattarsi, che vuole riconquistare la fiducia dei suoi amici (ma soprattutto dell'uomo di cui è innamorata): Jenny. Se da una parte discendere dal popolo che maledì Angelus l'ha allontanata dalla gang, dall'altra la mette in vantaggio su alcune conoscenze. Nonostante la morte dello zio la professoressa è determinata a raccogliere tutti i pezzi, dalla sfera di Thesulah alla trascrizione del rito, per ridare l'anima al vampiro. Purtroppo Joss Whedon ha deciso altrimenti, dando il primo shock agli spettatori. La fuga di Jenny è angosciante, la tensione sale sempre di più, e la sua morte secca e veloce non toglie drammaticità ad una scena praticamente perfetta.
Ma Angelus non si limita a questo, vuole rendere la morte di Jenny più poetica: le rose, la musica, lo champagne e le candele perfettamente disposte a casa di Giles rappresentano ancora una volta quanto il vampiro ami vedere la gioia altrui trasformarsi in sofferenza.
Bellissimo il tentativo di vendetta di Giles, ed il momento in cui Buffy confessa al suo Osservatore che non potrebbe mai farcela senza di lui.
Episodio drammatico e toccante, ed il floppy che cade nella fessura è la dimostrazione finale che la speranza di far tornare le cose com'erano è perduta, la dimostrazione che la Cacciatrice, pentita di non aver ucciso Angelus quando ne ha avuto l'occasione, ora è pronta per compiere il suo dovere, come la sua voce fuori campo ci fa capire...

I wasn't ready, but i think I finally am. I can't hold on to the past anymore. Angel is gone... nothing's ever gonna bring him back.



Voto: 10