Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Anacross

Pagine: [1] 2 3 ... 54
1
Mad Men / Re: [Commenti] Mad Men 6x05 - The Flood
« il: 29 April 2013, 17:10:35 »
(clicca per mostrare/nascondere)

2
Mad Men / Re: [Commenti] Mad Men 6x08 - The Crash
« il: 20 May 2013, 23:37:18 »

(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)

3
Mad Men / Re: [Commenti] Mad Men 5x06 - Far Away Places
« il: 24 April 2012, 00:53:16 »
Inizio col dire che il lifetime mi ha fatto imprecare buoni 10 minuti e chi vuol capire capisca...  :look:

Detto questo la puntata è spettacolare, la stagione si conferma ad altissimo livello e, dato che Mad Men non ci ha mai fatto vedere bassi livelli, non so quale stagione sia la migliore.
Nota registica: l'inquadratura finale, da sbavo, bella proprio, Don ripensa a tutto quello che ha fatto dal matrimonio con Megan, è solo dentro il simbolo dell'attività lavorativa della sua azienda, cui lui non prende più parte.

C'è molto in questo episodio, c'è la ricerca della verità, della quale si parla al simposio, c'è il viaggio in posti lontani, come ci fa capire il titolo, ma c'è un altro protagonista, meno annunciato, molto presente, il tempo. Gli autori ce lo indicano già nella scelta stilistica adottata, tutto si svolge nell'ambito di una giornata, si taglia e si passa ad altro. Ma sono gli stessi protagonisti delle vicende ad interessarsi del tempo, "Che ore sono?", ognuno fa questa domanda, la risposta è sempre la stessa: è tardi, è ora di smettere di fare qualcosa.

È ora di mettere fine al matrimonio per Roger, probabilmente, come lui afferma, la moglie le piaceva, ma nulla di più, tra l'altro è troppo più giovane e infatti si preoccupa che le abbia avuto una relazione con un uomo più piccolo, non tanto del bacio fedifrago in sè. È sempre stato un matrimonio in cui vecchio e nuovo sono convissuti, ma non si sono mai fusi, come i capelli bicolore della pubblicità, come lo scambio di canzone e "mezzo per riprodurla", il vinile (introdotto nel '48) fa suonare un vecchio lento, la bobina (conosciuta dagli anni trenta) suona i Beach Boys, le due canzoni vanno avanti insieme, ma cozzano terribilmente, non si sa cosa ascoltare. Ma cosa suona esattamente la bobina (e qui che il genio degli autori di Mad Men va sempre più nel dettaglio)? I Just Wasn't Made For This Times (dell'album Pet Sounds, fatevi un piacere e sentitevi questo capolavoro  :zizi:) e Roger lo capisce che non c'entra nulla a quella cena, infatti le uniche cose che mostrano l'effetto della droga sono quelle che lui ha sempre amato: l'alcool, il fumo, la pubblicità e il baseball. Si guarda nello specchio, vede che lui e la moglie sono come i capelli e si immagina Don (il cui matrimonio va alla grande nella mente di Sterling) che gli consiglia di stare vicino alla moglie. Ma cosa fare? Sedersi con lei? Ballare? Ma chi balla il lento e chi balla i Beach Boys? Questo viaggio è finito, Roger deve rimanere aggrappato alla sua identità (il biglietto).

Per Don probabilmente è ora di finirla di giocare con la bella mogliettina, a dirglielo è proprio uno che testicoli non ne ha. Il matrimonio perfetto non può durare, Don si prodiga a trovare sempre attrazioni per la sua donna, ma è un disastro, litigano come non mai, l'allegria è solo di facciata. Don alla fine del viaggio resta aggrappato a Megan, ma forse dovrà lasciarla andare, la vuole per lui come un giocattolo, ma non è solo sua moglie, è anche una lavoratrice. Qui infatti non sono d'accordo con lalla, per me Megan, non fa tanto i capricci (che sono pur sempre presenti e la scena del gelato ne è la prova), ma vuole affermare la sua personalità, non vuole finire un miscuglio mal amalgamato come la coppia di cui prima, probabilmente ha anche voglia di affermarsi in ambito lavorativo senza sfruttare la spintarella del marito, come ha fatto Peggy, che tutti hanno sempre dato come amante di Don dato che sta lì.

Per quanto riguarda Peggy non sono sicuro, ma penso che sia ora di finirla di fare il maschio. Per tutto l'episodio ha ostentato atteggiamenti che nella serie abbiamo visto solo ai maschi, ha fumato, ha bevuto, ha risposto in maniera spocchiosa ad un cliente (solo Don di solito se lo permette, ma lui adesso non lo fa più), "Women usually wanna please", come dice Stan, lei no, a lavoro è un uomo. Va al cinema (lo so che ci è andata prima di chiedere che ore fossero, ma nemmeno nell'episodio il tempo è lineare, quindi concedetemelo  :asd:) e tenta di riappropriarsi della sua femminilità, ma nel modo più squallido che si possa immaginare, un lavoretto di mano disinteressato, al cinema, ad uno sconosciuto. Dopo chiamerà il suo ragazzo e gli dirà che ha sempre bisogno di lui. A lei viene proposto anche un viaggio su Marte, il posto più lontano di tutti gli altri della puntata, ma la cosa che le rimane in mente è solo il campo di concentramento, sulla Terra.

EDIT: Data tutta questa roba che ho scritto (spero qualcuno la legga), credo che questa sia una sorta di puntata di svolta della stagione, vediamo alla prossima.

4
Mad Men / Re: [Commenti] Mad Men 7x04 - The Monolith
« il: 8 May 2014, 01:26:47 »
Passato, presente e futuro si incontrano, si mischiano, combattono con tutte le forze fra loro, ma alla fine devono convivere.
Don è ritornato nella sua vecchia azienda, ma è un fantasma, nessuno lo considera, è un uomo morto, nell'ufficio di un morto, con le effigi di un morto appese alle pareti. Don vorrebbe andare avanti e avere il suo vecchio lavoro, in realtà il nuovo lavoro è più vecchio di quello che lui vorrebbe. Lo rimanda a un tempo in cui doveva arrivare presto la mattina, andarsene tardi la sera ed essere tutto il giorno impegnato, a rimanere in disparte senza poter vendere le sue idee come si era abituato a fare. Ne è capace, lo si sa perché ha passato a Frank le sue idee quando era in congedo, solo che il Don precedente è duro a morire e trascina nel gorgo dell'alcol quello che può essere un futuro.

Tutto cambia, si pensa in avanti, si pensa ai viaggi sulla luna, lo si è sempre fatto, anche prima degli astronauti ci ricorda Roger. Si ammira, non senza rabbia e disappunto per il cambiamento, la venuta di un computer che sconvolge il modo di lavorare e di rapportarsi con gli altri. Questi cambiamenti a volte vogliono tirarci di forza verso un futuro (come Roger fa con la figlia) quando dall'altra parte c'è anche un ritorno a uno stile di vita più antico che comunque regala felicità (ma sarà vera?).

La puntata non a caso si chiude con "On a Carousel" dei The Hollies che, oltre a essere ormai un marchio di fabbrica del nostro buon Draper, ci dice che siamo tutti su una giostra, in perenne moto rotatorio e quindi, ogni tanto, è bene fare un passo indietro per andare avanti.

5
Mad Men / Re: [Commenti] Mad Men 5x03 - Tea Leaves
« il: 4 April 2012, 18:05:08 »
Non dimentichiamo che fino ad una stagione fa Roger aveva come suo cliente un colosso come la Lucky Strike, che da sola rappresentava circa il 75% del fatturato dell'agenzia, quindi il lavoro lo faceva eccome, come dice tenpeun, il solo fare l'amicone, mangiare e bere è intrattenere il cliente e far vedere che l'agenzia ci tiene, poi sta ai creativi soddisfarli con le pubblicità

6
Televisione / Re: Oggi ho terminato ...
« il: 30 August 2013, 12:39:05 »
Seconda stagione di Coupling


7
Mad Men / Re: [commenti] Mad Man 5x09 - Dark Shadows
« il: 15 May 2012, 01:24:44 »
Due frasi riassumono al meglio questa puntata, la prima è quella pronunciata da Jane: "You've get everything you want and you still have to do this", la seconda è il classico motto che viene ricordato a Peter: "The Grass is always greener". Sì perché non ci accontentiamo di quello che abbiamo (magari due case grandi come fa il piccolo Robert?) e dobbiamo sempre guardare al nostro vicino e vedere che cos'ha in più rispetto a noi, non accorgendoci che spesso il vicino ha anche meno.

L'avevamo tutti un po' annunciato che questa fosse la stagione del declino di Roger e infatti è il personaggio che ha più rivali, oltre alla sua ormai imperterrita battaglia in ambito lavorativo contro Peter, si aggiunge anche quella in campo amoroso contro un giovane di bell'aspetto che ci prova palesemente con la sua ex moglie e l'unica cosa che Sterling può fare è attaccarsi a quella piccola passione che rimane ancora prima che passi troppo tempo dal distacco, rovinando tutto.

Don è invidioso del talento di Ginsberg, si è accorto di essersi arruginito, di aver dedicato troppo tempo ai giochi con la nuova moglie e cerca di recuperare il tempo perso. Non è ancora finito come Roger e, sebbene con un piccolo aiuto, tira fuori una bella idea. Si chiude nel suo ufficio buio e si dimentica i pastelli per la figlia, necessari per dare vita alla famiglia (aspetto che Sally cura molto, al contrario del padre e della madre che le chiede perché tanto tempo per quel lavoro) e invece i colori li mette tutti sulla sua pubblicità, mentre quella di Ginsberg viene finita di colorare dopo, con sdegno e lasciata nel taxi. E Don fa finta anche di non accorgersi dello stesso Michael che vuole entrare nell'ascensore, per allontanare il vicino che ci fa invidia, mentre nella prima scena Roger fa entrare Don e quest'ultimo invita Peter, l'avrebbe fatto, al posto suo, Roger? Un'altra scena in ascensore vede Roger e Peggy, e, sebbene l'uno manifesti intolleranza nei confronti dell'altra, non c'è invidia qui.

C'è però in Peggy nei confronti di Ginsberg, infatti la donna al lavoro sembra valere meno di zero ormai, è da notare che nell'unica scena in cui propone un'idea indossa un vestito che è dello stesso colore del divano di Don, è parte dell'arredamento ormai, non più dello staff.

La vera gelosia ci è mostrata tra Megan e Betty, tutte e due si guardano male, tutte e due vorrebbero qualcosa dell'altra, chi la linea, chi la famiglia, tutt'e due un riconoscimento. Betty, nel pieno stile del suo personaggio, prova a far scricchiolare il matrimonio che le appare idilliaco stando al biglietto dietro la balena, ma il suo piano non va a canestro proprio come il foglio che tenta di buttare. "Bell'appartamento", dice la bionda alla mora, senza rendersi conto che casa sua è più grande (infatti va a sbattere contro il lume) e di tutto punto l'altra risponde: "Penso tu l'abbia visto quasi tutto", ad indicare sia il fastidio del suo ficcanasare, ma anche a puntualizzare che è piccolo rispetto alla casa dove abitano i bambini.

Quindi ci si continua ad avvelenare l'un l'altro e si rende l'aria irrespirabile. Non ci si accorge che la persona per cui si prova tanta invidia durante il Ringraziamento mangia cibo in scatola e non si riesce ad assaporare un ottimo tacchino che si ha, benché in porzione ridotta, nel piatto.

8
Mad Men / Re: [Commenti] Mad Men 6x08 - The Crash
« il: 20 May 2013, 15:12:25 »
(clicca per mostrare/nascondere)

9
Person Of Interest / Re: Amy Acker appreciation thread
« il: 21 May 2012, 01:50:38 »
Non andate avanti se non avete visto il season finale.

Ma chissene del season finale! C'è sempre spazio per una bella figliola!

10
Star Wars: i Film / Re: [Fantascienza] Star Wars 7 - 2015
« il: 30 October 2012, 22:58:26 »
Il pericolo cagata è dietro l'angolo, ma appena ho letto non ho potuto fare a meno di gioire, non c'è nulla da fare, l'idea di vedere un nuovo Star Wars al cinema mi elettrizza. Poi quello che vogliono fare sarà, si può fare il benedetto raccordo tra 3 e 4 (anche se una profuzione di cartoni sono stati già realizzati a proposito), si può continuare dal 6 anche se gli attori sono molto in là con gli anni, si può attingere alla Vecchia Repubblica, che tra l'altro è il periodo che preferisco (Exar Kun  :love:). Non lo so, capisco lo scetticismo, capisco l'idea che le due trilogie ruotano intorno alla profezia ecc. ma è una notizia troppo forte per essere incazzati al momento, per ora mi lascio alla gioia.
C'è altro con questa acquisizione, i parchi avranno attrazioni a tema  :huhu:

11
Star Wars: i Film / Re: [Fantascienza] Star Wars 7 - 2015
« il: 6 February 2013, 21:48:20 »
Io non ho mai capito e mai capirò l'amore spassionato che i fan hanno di Boba Fett.

Come si fa a non amarlo? È carismatico nonostante si veda poco e faccia una fine (poi salvato dall'EU) ingloriosa, questo è bastato per farne un personaggio amatissimo e tra i più trattati, con creazione di tutta la saga dei mandaloriani a suo supporto. Infatti un film su Boba è benvenuto, ma deve essere cazzuto.

12
Trash / Re: Voi da che parte la mettete la carta igienica?
« il: 17 October 2012, 18:44:31 »
Questo cambia tutto  :aka:
non era nelle opzioni  :aka:
e adesso?  :eha:

13
Mad Men / Re: [commenti] Mad Men 5x11 -The Other Woman
« il: 29 May 2012, 02:22:17 »
Ho visto la puntata con un continua peso al petto, che fatica ad andare via, penso sia lo stesso che molti personaggi hanno provato in questo episodio, chi per l'attesa della decisione della Jaguar, chi per un sacrificio orribile che doveva compiere, chi per un addio che sarebbe significato molto.
Soldi sbattuti in faccia, come alle prostitute, ma come anche la verità che arriva diretta come un pugno e fa male. "Non posso affidare la Jaguar ad una donna", è questa la prima cosa che Don pensava che Peggy doveva discutere e ci fa capire come le donne sono ancora viste sia dai pubblicitari sia dai loro clienti.
La verità che arriva addosso anche a Joan, tutti i soci si sono riuniti e hanno deciso che si deve fare così. In realtà Don non aveva votato ed è essenziale la ripetizione della scena della visita a casa Harris, ci mostra che il misfatto è già avvenuto, sarebbe stato così se Don fosse andato prima?
Per ottenere qualcosa si fanno sacrifici, ma a volte il prezzo è troppo alto, Don lo riconosce per Joan, non per Peggy. Ottenere la Jaguar è costato la dipartita della creativa e una certa integrita della neo socia, che tra l'altro è l'unica che si accorge che Peggy se ne sta andando.
Riesco a commentare poco, questo episodio mi ha proprio colpito, come i soldi in faccia, come la verità che un gran personaggio ha abbandonato la serie (forse?).

14
Cinema / Re: [Drama] Inside Llewyn Davis (Coen brothers)
« il: 10 February 2014, 01:43:45 »
Non posso dire di aver visto tanti film dei Coen anche se sono in recupero, ma la mia critica non era tanto rivolta verso come finisce il film,

(clicca per mostrare/nascondere)

(clicca per mostrare/nascondere)

15
La neve cade incessante in quasi tutto l'episodio e copre tutto, proprio come il lavoro che Lane ha fatto per l'azienda è stato coperto dal successo degli altri, come lui stesso fa notare a Don (infatti è notabile che la scena in cui Sally fa cadere lo zucchero sfuma, come una nevicata, su un Pryce insonne). Sempre nell'ombra, ma un'ancora di sicurezza per tutta l'agenzia, ultimamente si è dimostrato anche utile nel ruolo di account nell'accalappiare la Jaguar. Ma questa è una macchina inaffidabile, non va bene neanche per suicidarsi, come lo stesso Lane agli occhi di Don ("I can't trust you anymore") e questo non va bene, serve stabilità, serve di più, perché la felicità, se la si raggiunge (dato che ogni cosa che vogliamo fare esita in uno schifo) è solo un momento fugace prima di raggiungerne un altro, dal 50%, all'81%, al 100% e, perché no, anche oltre.

Poi esce il sole, tutto dovrebbe riaffiorare, tutto dovrebbe migliorare, invece è peggio, Lane tenta prima e raggiunge poi il suicidio. "Pensa ad un'uscita di scena elegante" gli ha detto Don, non c'è riuscito, ha optato per un calo del sipario shock da una parte, semplice (come lui è sempre stato) dall'altra, con una lettera di dimissioni formato standard.
Don è profondamente scosso da questo, dopo aver trascurato Peggy e averla persa, adesso probabilmente si sente in colpa anche per la morte del socio, quindi cerca di rimediare in qualsiasi modo, infatti è l'unico che pensa a tirarlo giù dalla corda dalla quale pente. Tornato a casa non ci pensa due volte ad intraprendere un viaggio di due ore per accompagnare un ragazzo e in più decide di fargli realizzare un desiderio, per dimostrargli e dimostrarsi che magari non tutte le cose che si vogliono finiscono male.

Lane è un personaggio che ho amato moltissimo, mi è piaciuto sin dal suo ingresso in questa serie ed ero felicissimo durante la scena in cui gli proponevano la fondazione della SCDP, che sanciva la sua permanenza. È sempre stato un personaggio con stile (basti vedere il suo rapporto con Joan, tranne in quest'ultima puntata), dalla presenza importante ma mai invadente, più fragile degli altri soci, forse perché proveniente da un'altra realtà, forse non un vero e proprio Mad Man.

Altro segno di instabilità è rappresentato dal personaggio di Glenn, penso che ormai qualunque spettatore ogni volta che lo vede in scena non sa mai cosa aspettarsi e infatti non va tutto come i due giovani avevano preventivato.

Quindi in questo episodio ritorna il concetto di vita e morte (molto presente in questa stagione), ma ci ho visto anche questo dualismo tra sicurezza ed instabilità, testimoniato anche da altra due scene: la prima è quella in cui Betty chiama Megan e le fa sapere, con un certo tono, che Sally era con lei (sicuramente con sfida nei confronti dell'attrice, ma anche per darsi sicurezza dato che in un altro episodio era parsa chiara l'invidia che la bionda provava); la seconda è il ritorno stesso di Sally dalla mamma, perché per il divertimento si può andare ovunque (con Glenn, con Megan a far finta di essere donna prendendo il caffè e parlando di uomini), ma quando serve stabilità ci si rifugia dalla propria genitrice.

Lungi da me riacutizzare una discussione sul personaggio di Megan, ma voi non avete notato come lei avesse trovato nella non chiamata di Don subito un affronto alla sua persona, accusando il marito di credere che lei non faccia nulla e poi, quando lei esce, lo guarda storto perché non va con lei e lavora (mentre Sally capisce che per il padre il suo lavoro è importante)?

Concludo dicendo che questa stagione ha raggiunto dei livelli altissimi, per me non solo un Emmy è obbligatorio, ma dovrebbero inventare un altro premio per darlo a questa serie per quanto è bella.