Autore Topic: Ciao  (Letto 45 volte)

Warner83

  • Jerry Gergich
  • Post: 4
    • Mostra profilo
Ciao
« il: 10 January 2020, 16:45:18 »
Ciao a tutti da un vostro affezionato lettore che da oggi inizierà a dire la sua di tanto in tanto  :ciao:

.::Kraven::.

  • Max Black
  • Post: 2644
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: Ciao
« Risposta #1 il: 10 January 2020, 19:01:23 »
Benvenuto  :welcome:
1. In funzione comparativa, "piuttosto che" significa "più che": conviene prendere l'aereo piuttosto che il treno. In funzione avversativa, equivale ad "anziché": piuttosto che perdere tempo, mettiti a studiare. A partire dagli anni Ottanta del secolo scorso  si è diffuso un terzo uso di "piuttosto che", che dà a questa espressione  lo stesso valore che ha la parola "o". Si tratta di una moda proveniente dall'Italia settentrionale. I primi a intercettare golosamente questa infelice novità lessicale sono stati i conduttori e i giornalisti televisivi. Dalle loro bocche il "piuttosto che" al posto di "o" è passato a quelle degli altri, contaminando linguisticamente un po' tutti. Mangerò carne piuttosto che pesce: da che italiano è italiano, una frase di questo genere ha indicato una scelta; una o travestita da piuttosto che indica l'esatto contrario di una scelta, e cioè la possibilità di un'alternativa. Così non va bene.

2. Si scrive "prosieguo" (continuazione, prosecuzione), [pro-siè-guo]. Non proseguo né proseguio.

3. http://pennerosse.it/a-meno-che-o-almeno-che/