Autore Topic: [COMMENTI] I libri di Outlander  (Letto 4802 volte)

Owlie

  • The Todd
  • Post: 178
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] I libri di Outlander
« Risposta #60 il: 2 March 2019, 21:26:09 »
Allooooraaaaa, bella discussione  :riot:

Intanto volevo dire a @Patty23 che mi è piaciuta molto la sua teoria, è credibile e fornisce anche delle spiegazioni che la mia teoria invece non dà, tipo la voce narrante di Claire  :prego:

Intanto un punto fermo c'è: quello che vede Frank sotto la finestra di Claire, E' effettivamente un fantasma. Per quanto mi sarebbe piaciuto vedere Jamie viaggiatore nel futuro, pare che Zia Diana 'sta gioia non ce l'abbia voluta dare, perché nel libro (più che nella serie), Frank nel descrivere la presenza inquietante che fissa la moglie, dice chiaramente che, benché ci fosse un vento fortissimo, gli abiti dell'uomo non si muovevano minimamente, ergo...nessun essere in carne ed ossa (sigh!)


Ad ogni modo, questa la mia ipotesi:
quante volte Claire, nel XVIII secolo ha rischiato la vita? Parecchie, e dobbiamo ancora vedere l'avvelenamento da parte di Malva Christie (e la di lei penosissima vicenda familiare), il ferimento con il colpo di arma da fuoco, per non parlare dello stupro e chissà quante altre cose la Gabaldon escogiterà negli ultimi due libri. In pratica tutto questo potrebbe indurre Jamie a pensare che il più grande "nemico" dell'incolumità dell'amatissima moglie sia...
...Jamie stesso  :ninja2:.
Se non lo avesse mai incontrato, se non fosse più tornata indietro 20 anni dopo, non avrebbe vissuto le terribili esperienze di cui sopra e così via. Quindi ecco la decisione drammatica, in linea (almeno credo) con il Jamie-pensiero distribuito nei tanti libri della saga: Claire non può morire per causa sua, non potrebbe mai perdonarselo. Meglio saperla nella sua epoca viva, vegeta e al sicuro. Ma Jamie sa anche che se spedisse la moglie semplicemente 200 anni dopo (anche contro la volontà di lei), Claire tornerebbe indietro perché non potrebbe vivere senza Jamie.

QUINDI, in qualche modo (una stregoneria in tal senso si potrà pur trovare) Jamie decide di spedire Claire nel futuro sì, ma antecedentemente al loro incontro. In quel modo Claire vivrebbe senza avere la minima cognizione di Jamie, come se i due non si fossero mai incontrati, come se il loro amore non fosse mai esistito  :cry: (mi mette tristezza solo scriverlo...)

Questo spiegherebbe l'immensa tristezza che il fantasma di Jamie (a quel punto stra-morto e che si trova a vagare nel XX secolo perché "anche se sono morto il mio spirito ha continuato ad amarti" o giù di lì le parole che Jamie mi sembra avesse detto a Claire in uno dei libri) prova nell'osservare la moglie. Lei vive come se nulla ci fosse stato.

MA.

Ma, come Outlander insegna, la storia più di tanto non si può cambiare: arriverà sempre quel momento in cui Claire troverà un cerchio di pietre, ci si perderà dentro e si troverà indietro nel tempo di due secoli, imbattendosi in un affascinante highlander dai capelli rossi.
E la storia di Jamie e Claire si perpetuerà all'infinito. Neverending love!!  :love:

In questa mia sognante ricostruzione però, c'è un piccolo, impercettibilissimo dettaglio, anzi tre, che fanno crollare la mia impalcatura: Brianna, Jemmy, Mandy.

Se Jamie, per salvare Claire, scegliesse di farla vivere come se i due non si fossero mai incontrati, questo condannerebbe alla sparizione la figlia e i due nipotini e questo, no, Jamie non potrebbe mai farlo. A MENO CHE qualche disgrazia terribile non si abbatta sui Fraser (ma spero che Zia Diana ce la risparmi) e Bree e i figli escano di scena prima  :ninja2:

Questa è una teoria interessante  :zizi:
Jaime ha dei poteri "paranormali": ad esempio, sogna di baciare un neo sul collo di Bree, sogna un telefono e i nipotini nel futuro, però non ha memoria della comparsa del suo spirito nel futuro davanti alla finestra del b&b (se non ricordo male).

Ecco, i sogni di Jamie, per citare Tiziano Ferro, proprio "non me li so spiegare"  :O.O:

 

Tondelaya

  • Abed Nadir
  • Post: 1752
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] I libri di Outlander
« Risposta #61 il: 3 March 2019, 10:33:31 »

Ad ogni modo, questa la mia ipotesi:
quante volte Claire, nel XVIII secolo ha rischiato la vita? Parecchie, e dobbiamo ancora vedere l'avvelenamento da parte di Malva Christie (e la di lei penosissima vicenda familiare), il ferimento con il colpo di arma da fuoco, per non parlare dello stupro e chissà quante altre cose la Gabaldon escogiterà negli ultimi due libri. In pratica tutto questo potrebbe indurre Jamie a pensare che il più grande "nemico" dell'incolumità dell'amatissima moglie sia...
...Jamie stesso  :ninja2:.
Se non lo avesse mai incontrato, se non fosse più tornata indietro 20 anni dopo, non avrebbe vissuto le terribili esperienze di cui sopra e così via. Quindi ecco la decisione drammatica, in linea (almeno credo) con il Jamie-pensiero distribuito nei tanti libri della saga: Claire non può morire per causa sua, non potrebbe mai perdonarselo. Meglio saperla nella sua epoca viva, vegeta e al sicuro. Ma Jamie sa anche che se spedisse la moglie semplicemente 200 anni dopo (anche contro la volontà di lei), Claire tornerebbe indietro perché non potrebbe vivere senza Jamie.

QUINDI, in qualche modo (una stregoneria in tal senso si potrà pur trovare) Jamie decide di spedire Claire nel futuro sì, ma antecedentemente al loro incontro. In quel modo Claire vivrebbe senza avere la minima cognizione di Jamie, come se i due non si fossero mai incontrati, come se il loro amore non fosse mai esistito  :cry: (mi mette tristezza solo scriverlo...)

Questo spiegherebbe l'immensa tristezza che il fantasma di Jamie (a quel punto stra-morto e che si trova a vagare nel XX secolo perché "anche se sono morto il mio spirito ha continuato ad amarti" o giù di lì le parole che Jamie mi sembra avesse detto a Claire in uno dei libri) prova nell'osservare la moglie. Lei vive come se nulla ci fosse stato.

MA.

Ma, come Outlander insegna, la storia più di tanto non si può cambiare: arriverà sempre quel momento in cui Claire troverà un cerchio di pietre, ci si perderà dentro e si troverà indietro nel tempo di due secoli, imbattendosi in un affascinante highlander dai capelli rossi.
E la storia di Jamie e Claire si perpetuerà all'infinito. Neverending love!!  :love:

In questa mia sognante ricostruzione però, c'è un piccolo, impercettibilissimo dettaglio, anzi tre, che fanno crollare la mia impalcatura: Brianna, Jemmy, Mandy.

Se Jamie, per salvare Claire, scegliesse di farla vivere come se i due non si fossero mai incontrati, questo condannerebbe alla sparizione la figlia e i due nipotini e questo, no, Jamie non potrebbe mai farlo. A MENO CHE qualche disgrazia terribile non si abbatta sui Fraser (ma spero che Zia Diana ce la risparmi) e Bree e i figli escano di scena prima  :ninja2:


Quindi bloccati in un loop temporale, mi ricorda un po' La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo  :zizi:
Interessante, direi che visto il sadismo della Gabaldon, potresti averci preso!
Power is always dangerous. It attracts the worst and corrupts the best. I never asked for power. Power is only given to those who are prepared to lower themselves to pick it up.

Patty23

  • Clara Oswald
  • Post: 86
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] I libri di Outlander
« Risposta #62 il: 6 March 2019, 18:20:07 »
Finalmente @Tondelaya e @Owlie eccomi a voi!! :riot:

Allora, quello che scrivete ed ipotizzate secondo me è interessante per motivi diversi.
Citazione
Io in realtà non so proprio come spiegarmela la presenza del fantasma, perché è sicuro che Jaime ha dei poteri "paranormali": ad esempio, sogna di baciare un neo sul collo di Bree, sogna un telefono e i nipotini nel futuro, però non ha memoria della comparsa del suo spirito nel futuro davanti alla finestra del b&b (se non ricordo male).
Probabilmente le due cose sono collegate, forse delle cose che ho elencato ha memoria perché accadono "in parallelo" su due linee temporali diverse: lui è in vita nel 1780 e sogna il telefono nel 1980; mentre il suo fantasma, in teoria non dovrebbe stare lì nel 1948, perché lui sulla linea temporale parallela di 200 anni prima era vivo e non morto :XD: (ok, è contorto, me ne rendo conto  :asd:)
La spiegazione che dai delle "visioni" di Jamie mi sembra abbastanza accettabile ed in effetti è anche una teoria che razionalmente è corretta: lui vede delle cose del futuro nel momento in cui lui è vivo e nel futuro parallelo ci sono in vita o i suoi discendenti (Bree, Jem, Amanda) , oppure Claire stessa quando è tornata nella sua epoca e lui sembra vederla insieme a Frank! ... potrebbe essere.  :zizi:
D'altra parte come fai giustamente notare, non può aver memoria del suo spettro dato che questa è una cosa che ipoteticamente accade dopo la sua morte... e quindi non in conoscenza a Jamie quando è vivo.. (mi sto incartando , ma ci siamo capite.. spero.  :XD:)

Citazione
Ad ogni modo, questa la mia ipotesi:
quante volte Claire, nel XVIII secolo ha rischiato la vita? Parecchie, e dobbiamo ancora vedere l'avvelenamento da parte di Malva Christie (e la di lei penosissima vicenda familiare), il ferimento con il colpo di arma da fuoco, per non parlare dello stupro e chissà quante altre cose la Gabaldon escogiterà negli ultimi due libri. In pratica tutto questo potrebbe indurre Jamie a pensare che il più grande "nemico" dell'incolumità dell'amatissima moglie sia...
...Jamie stesso  :ninja2:.
Se non lo avesse mai incontrato, se non fosse più tornata indietro 20 anni dopo, non avrebbe vissuto le terribili esperienze di cui sopra e così via. Quindi ecco la decisione drammatica,..........

Teoria interessante, anche se veramente drammatica...  :cry:  Jamie che rinuncia alla loro storia ed al loro amore è una cosa che spezza il cuore..  :T_T: :T_T: ... però non ho compreso bene il perchè di questa scelta dato che fino a quello che abbiamo potuto leggere fino adesso Claire è ancora viva e seppur tra varie peripezie ha vissuto tanti anni accanto a lui nel passato...certo ci sono grandi sofferenze per lei ma sono stati sempre insieme...

Citazione
Ma, come Outlander insegna, la storia più di tanto non si può cambiare: arriverà sempre quel momento in cui Claire troverà un cerchio di pietre, ci si perderà dentro e si troverà indietro nel tempo di due secoli, imbattendosi in un affascinante highlander dai capelli rossi.
E la storia di Jamie e Claire si perpetuerà all'infinito. Neverending love!!  :love:
Citazione
Quindi bloccati in un loop temporale,

Ecco questo è sempre quello che mi ha preoccupato di più sul finale che potrebbe avere questa saga, far terminare il tutto con un paradosso ciclico la cui ipotesi non mi entusiasma.   :nu:  Potresti anche avere ragione , visto la mente della Gabaldon  spesso é portata a risolvere "situazioni" su cui si fantastica da anni , con un colpo di mano a volte manco tanto sorprendente ...  -.-'

Io da parte mia ho sempre sognato , senza essere confortata da nessun fatto nella trama dei libri intendiamoci, che per loro ci fosse non proprio un paradosso ciclico, ma come una mezza "sliding door".  Non so come spiegarmi bene e non so se riuscirò a mettere per scritto quello che c'è veramente nella mia mente : Jamie che comunque ha quelle "visioni" perchè  potrebbe avere come la contezza di un altra epoca, probabilmente moderna, non necessariamente gli anni '80 ma magari prima,  il fantasma potrebbe essere un avo di Jamie che vaga in quella notte particolare e vede Claire e con nostalgia rivive la loro storia . E quindi un ipotesi: e se in realtà lei dalle pietre non fosse mai partita? e se fosse una storia nata e sviluppatasi semplicemente nel passato ,di cui loro portano in qualche angolo della loro coscienza , una memoria? E viene appunto raccontata dai loro avi?
E se il finale fosse appunto una "sliding door" che si apre in un'altra epoca, dando loro un'altra possibilità.. magari negli anni '40 dove lui è un valoroso soldato scozzese e lei appunto un infermiera e tutto inizia da un soldato ferito con  un'osso fuori posto e con lei che lo sistema e si innamorano ?... Dove Frank ovviamente sarebbe sempre quello tradito e messo da parte!  :XD:
Certo  sarebbe più duro da spiegare tutto l'intreccio del fantasma e della voce narrante... che potrebbe comunque essere un'antenata di Claire..ma comunque penso che sarebbe un finale troppo contorto per la saga... Ok ho solo sognato , con la probabile trama di qualche vecchio film che devo aver visto nel passato, (non "Sliding Doors" !!  :XD: se lo ricordate voi aiutatami!  :XD:).


« Ultima modifica: 6 March 2019, 18:23:01 da Patty23 »

Owlie

  • The Todd
  • Post: 178
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] I libri di Outlander
« Risposta #63 il: 10 March 2019, 18:45:18 »
però non ho compreso bene il perchè di questa scelta dato che fino a quello che abbiamo potuto leggere fino adesso Claire è ancora viva e seppur tra varie peripezie ha vissuto tanti anni accanto a lui nel passato...certo ci sono grandi sofferenze per lei ma sono stati sempre insieme...
Diciamo che l'ho ipotizzata in riferimento a qualcosa che deve ancora avvenire e che potrebbe rappresentare per Jamie la classica goccia che fa traboccare il vaso, oppure, semplicemente, potrebbe trattarsi di un evento che metterebbe in pericolo la vita di Claire che potrebbe salvarsi solo tornando nella sua epoca, abbandonando definitivamente il XVIII secolo...
Tanto la Diana quando si tratta di accanirsi con le sfighe sui suoi personaggi, qualcosa riesce sempre ad escogitare  :ninja2:


E se il finale fosse appunto una "sliding door" che si apre in un'altra epoca, dando loro un'altra possibilità.. magari negli anni '40 dove lui è un valoroso soldato scozzese e lei appunto un infermiera e tutto inizia da un soldato ferito con  un'osso fuori posto e con lei che lo sistema e si innamorano ?... Dove Frank ovviamente sarebbe sempre quello tradito e messo da parte!  :XD:
Certo  sarebbe più duro da spiegare tutto l'intreccio del fantasma e della voce narrante... che potrebbe comunque essere un'antenata di Claire..ma comunque penso che sarebbe un finale troppo contorto per la saga... Ok ho solo sognato , con la probabile trama di qualche vecchio film che devo aver visto nel passato, (non "Sliding Doors" !!  :XD: se lo ricordate voi aiutatami!  :XD:).

Bellissimo!! Questo mi piacerebbe decisamente. Anche perché avrei sempre voluto vedere Jamie nel XX secolo  :love: certo che il poro Frank...mai na gioia, con Jamie che lo perseguita in ogni luogo e in ogni tempo :lol?:

Per tornare, invece, alle torture che la Gabaldon infligge ai suoi personaggi (basti pensare a Roger, cioè dài, gli vuole proprio male  :ninja2:), mi auguro che l'autrice metta finalmente la parola "fine" al ciclo di stupri dei Fraser: ok, che in certi periodi (e non solo, purtroppo) subire soprusi e violenze era una probabilità particolarmente elevata, ma, santo cielo, qui c'è un intero nucleo familiare che è stato vittima di violenza, figlio adottivo compreso.
Manca all'"appello" il solo William e mi auguro che la Gabaldon eviti di cadere nel grottesco facendogli subire la stessa sorte dal villain di turno.

Comunque per i due libri conclusivi mi piacerebbe vedere i Fraser tornare in Scozia. Con il ritorno di Bree e famiglia nel XVIII secolo, viene meno il motivo che aveva spinto Jamie e Claire a stabilirsi in America: la faccenda dell'eredità materiale e spirituale da lasciare a Brianna - motivazione scelta dalla Gabaldon che non mi aveva mai convinto - viene a cadere dal momento che lei adesso si trova con loro. Quindi perché restare in una terra che sarà sempre più sconquassata dalla guerra e non tornare nei luoghi delle proprie radici? Oltretutto, se non sbaglio, Jamie non rischiava più la forca tornando in Scozia, ma non vorrei ricordare male. (A volte sento che dovrei fare una rilettura di tutta la saga, ma l'idea di imbattermi di nuovo in alcune parti noiosette anzichenò, un po' mi scoraggia, lo ammetto  :shy:)

 



Tondelaya

  • Abed Nadir
  • Post: 1752
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] I libri di Outlander
« Risposta #64 il: 11 March 2019, 10:05:58 »
mi auguro che l'autrice metta finalmente la parola "fine" al ciclo di stupri dei Fraser: ok, che in certi periodi (e non solo, purtroppo) subire soprusi e violenze era una probabilità particolarmente elevata, ma, santo cielo, qui c'è un intero nucleo familiare che è stato vittima di violenza, figlio adottivo compreso.
Manca all'"appello" il solo William e mi auguro che la Gabaldon eviti di cadere nel grottesco facendogli subire la stessa sorte dal villain di turno.

Concordo e mi auguro che risparmi anche quei due bambini  :paura: Già il povero Jemmy ne ha passate parecchie per avere solo nove anni  :aka:
Power is always dangerous. It attracts the worst and corrupts the best. I never asked for power. Power is only given to those who are prepared to lower themselves to pick it up.

Patty23

  • Clara Oswald
  • Post: 86
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] I libri di Outlander
« Risposta #65 il: 13 March 2019, 01:22:07 »
Citazione
Comunque per i due libri conclusivi mi piacerebbe vedere i Fraser tornare in Scozia.

Anche a me piacerebbe che i prossimi libri della  saga fossero ambientati di nuovo in Scozia. E sono d'accordo con il ragionamento che fai.
Ma che ci stanno a fare ormai in America??

Citazione
Per tornare, invece, alle torture che la Gabaldon infligge ai suoi personaggi (basti pensare a Roger, cioè dài, gli vuole proprio male  :ninja2:), mi auguro che l'autrice metta finalmente la parola "fine" al ciclo di stupri dei Fraser: ok, che in certi periodi (e non solo, purtroppo) subire soprusi e violenze era una probabilità particolarmente elevata, ma, santo cielo, qui c'è un intero nucleo familiare che è stato vittima di violenza, figlio adottivo compreso.
Citazione
Concordo e mi auguro che risparmi anche quei due bambini  :paura: Già il povero Jemmy ne ha passate parecchie per avere solo nove anni 

Concordo anch'io .  :zizi:   a me con questi stupri ha stufato da un pezzo, già da quello di Brianna non ne potevo più...

Citazione
(A volte sento che dovrei fare una rilettura di tutta la saga, ma l'idea di imbattermi di nuovo in alcune parti noiosette anzichenò, un po' mi scoraggia, lo ammetto  :shy:)

Eh ma il vantaggio è proprio che avendoli già letti , sai già più o meno quali siano le parti noiosette e questo ti permette in quelle parti di leggere dieci righe no e due si , come ho fatto io rileggendone alcuni ...  :XD: :XD:

Tondelaya

  • Abed Nadir
  • Post: 1752
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] I libri di Outlander
« Risposta #66 il: 20 March 2019, 18:29:35 »
Le ultime parole della Gabaldon sul fantasma di Jaime
(clicca per mostrare/nascondere)
Power is always dangerous. It attracts the worst and corrupts the best. I never asked for power. Power is only given to those who are prepared to lower themselves to pick it up.

Owlie

  • The Todd
  • Post: 178
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] I libri di Outlander
« Risposta #67 il: 7 April 2019, 15:49:42 »
https://www.thescottishsun.co.uk/tvandshowbiz/4089910/outlander-diana-gabaldon-sam-heughan-caitriona-balfe-characters-jamie-claire-new-book/amp/

Zia Diana dunque ci svela che nel suo ultimo libro Jamie avrà 59 anni e Claire 64. Che, nel XVIII secolo, equivaleva più o meno all'età di Noè.
Sarà meraviglioso vedere (soprattutto) Sam dimostrare sempre poco più di 30 anni anziché avere l'aspetto di Gandalf il Bianco  :lol?:

Per non parlare di altre "prestazioni"  :asd:

Walls

  • Annyong Bluth
  • Post: 692
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] I libri di Outlander
« Risposta #68 il: 7 April 2019, 19:05:58 »
Il danno dei vent'anni di separazione a livello di credibilità narrativa e visiva è stato devastante  :lol?: