Autore Topic: Sottotitoli meglio Letterali o Esplicativi ?  (Letto 3843 volte)

bobon123

  • Molly Hooper
  • Post: 517
  • Unbowed, Unbent, Unbroken
    • Mostra profilo
Re: Sottotitoli meglio Letterali o Esplicativi ?
« Risposta #30 il: 19 September 2009, 19:35:50 »
Citazione
non seguo altri team da tempo, ma temporibus illis mi pare che pure gli altri facessero dei riferimenti all'italiana (poi me ricorderò male; o seguivo team diversi dai tuoi)

Aspetta: anche su Itasa la maggior parte dei team fortunatamente non lo fa. Capita abbastanza raramente, fortunatamente, di vedere simili atrocità.

Comunque è una cosa davvero solo Italiana, spesso seguo serie e film sub-eng (ad esempio per prodotti stranieri che non escono subbati ita... misteriosamente pochi seguono la mia passione per i film thailandesi ^_^) e davvero non ho mai visto l'equivalente, tipo un giapponese citare The Rock invece di un lottatore locale  :asd:.

E nota bene che lì avrebbe anche più senso: non è irrealistico che due giapponesi discutano di un personaggio americano, mentre un newyorkese che cita la Littizzetto mi fa rimanere come se in una scena d'amore senza motivo appare il Gabibbo che saluta i belughi e se ne va.

Tura

  • Jonah Ryan
  • Post: 312
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: Sottotitoli meglio Letterali o Esplicativi ?
« Risposta #31 il: 19 September 2009, 20:00:33 »
D'accordissimo con te Bobob... ti karmo subito

Flavia

  • Empress of Trash
  • *
  • Post: 20551
  • Sesso: Femmina
  • Only the ideas that we really live have any value.
    • Mostra profilo
Re: Sottotitoli meglio Letterali o Esplicativi ?
« Risposta #32 il: 19 September 2009, 20:04:05 »
vabbé ma lui dice una cosa e tu ne leggi un'altra, dov'è il problema? leggi e senti entrambi... molto peggio i doppiaggi italiani, dove stravolgono il senso e non puoi rifarti manco

nel thread di csi parlavamo giusto di una puntata dell'ottava stagione in cui uno dei personaggi annuncia che si sposta al turno di giorno ed il doppiaggio italiano dice "me ne vado a shift"...come se shift fosse una città  :suicidiosenzafronzoli: altro che littizzetto, QUESTO è lo scandalo  :aka:
«Some birds are not meant to be caged, that's all. Their feathers are too bright, their songs too sweet and wild. So you let them go, or when you open the cage to feed them they somehow fly out past you. And the part of you that knows it was wrong to imprison them in the first place rejoices, but still, the place where you live is that much more drab and empty for their departure».
Stephen King, Rita Hayworth and Shawshank Redemption






bobon123

  • Molly Hooper
  • Post: 517
  • Unbowed, Unbent, Unbroken
    • Mostra profilo
Re: Sottotitoli meglio Letterali o Esplicativi ?
« Risposta #33 il: 19 September 2009, 22:05:42 »
Citazione
vabbé ma lui dice una cosa e tu ne leggi un'altra, dov'è il problema? leggi e senti entrambi...

Il problema è, come ti dicevo, nella mia capacità di apprezzare una puntata. Per essere emotivamente coinvolto, devi credere, temporaneamente, che quello che stai vedendo è vero. Per farlo la storia deve essere verosimile.

Ti è mai capitato ad esempio di vedere un film e, all'improvviso, distogliere lo sguardo al cielo quando la storia viene risolta con qualche mezzo inspiegabile? Con una coincidenza pazzesca? Con qualcosa di completamente fuori dall'ambientazione?

Il motivo del fastidio è lo stesso: improvvisamente il tuo cervello si rende conto che è un film, non accetta più di credere a quanto accade, perde affinità e empatia con i personaggi. Se va molto male scoppi in una risata di scherno all'opera ("Che cavolata!"). E' fondamentale quando si scrive un libro o una sceneggiatura di stare attenti a evitare la rottura di questo filo con lo spettatore: è facile non recuperarlo più e rovinargli la visione.

Una localizzazione ha esattamente lo stesso effetto. Per un istante, rompi la suspension of disbelief, ti ricordi che stai guardando un telefilm. Perché non può essere che stiano parlando della Littizzetto. Certo, poi ricolleghi. Torni indietro e senti il nome che dicevano in originale. Ma la scena l'hai buttata.

Citazione
molto peggio i doppiaggi italiani, dove stravolgono il senso e non puoi rifarti manco

Certo, sono daccordissimo!! Ma non è una gara al ribasso, io chiedo il meglio!

Il pubblico che segue i telefilm in originale con i sottotitoli nonostante l'indottrinamento al doppiaggio che ci viene fatto in Italia, è già selezionato verso l'alto, chi è in questo forum è gente che non vuole subire il doppiaggio orribile che gira in televisione. Il motivo di quei doppiaggi orribili è proprio che considerano lo spettatore incapace di capire culture diverse. Forse sei troppo giovane per ricordarti i cartoni giapponesi con tutti i nomi cambiati in nomi italiani e che parlavano di supplì e frittate mentre mangiavano onigiri e okonomiyaki... beh, vorrei che questo nei sottotitoli non capitasse e anche se non avessi idea di cosa sia un onigiri preferisco leggere parole che non conosco e guardarmi dopo cosa siano se sono interessato (e generalmente lo sono), piuttosto di vedere un giapponese che parla di supplì.

PS: grazie a Tura per il Karma!

icoborg

  • Molly Hooper
  • Post: 534
    • Mostra profilo
Re: Sottotitoli meglio Letterali o Esplicativi ?
« Risposta #34 il: 20 September 2009, 00:16:38 »
ma che dire nn ho questa sensazione di distacco dal feeling dell'episodio...gli equivalenti italiani vannp anche bene, la vera pecca e che ci sono adattamenti a volte liberi, che nn sono itasa style...sembrano presi da mediaset premium per dire....

JDsClone

  • Il Figlio
  • River Song
  • Post: 10915
  • Sesso: Maschio
  • I Tre Dell'ALE Maria
    • Mostra profilo
Re: Sottotitoli meglio Letterali o Esplicativi ?
« Risposta #35 il: 20 September 2009, 00:26:11 »
beh, itasa non è perfetta, so che ormai ci ha abituati bene ma se sbagliano o esagerano in libertà di adattamento i professionisti (spesso e volentieri) possono sbagliare o esagerare (raramente) anche i traduttori amatoriali di sottotitoli.

Vi assicuro che la qualità di itasa e sempre stata, è e sarà in continua evoluzione, c'è uno studio continuo al fine di creare delle regole di base per rendere le traduzioni ed il timing il più perfetto e coerente possibile e lo si puo' notare dall'evoluzione qualitativa dei subs nel corso degli anni. :ciao:
28 APRILE 2010: E' MANCATO ALL'AFFETTO DEI SUOI CARI IL GIOCO DEL CALCIO

Flavia

  • Empress of Trash
  • *
  • Post: 20551
  • Sesso: Femmina
  • Only the ideas that we really live have any value.
    • Mostra profilo
Re: Sottotitoli meglio Letterali o Esplicativi ?
« Risposta #36 il: 20 September 2009, 09:22:55 »
bobon, capisco alzare gli occhi al cielo per una scena inverosimile, ma farlo solo perché i traduttori ti mettono luttazzi invece di conan o'brien mi pare un po' esagerato  :huhu: ...è ovvio che lo fanno per far capire una cosa ad un pubblico quanto più ampio possibile e non per "snaturare" la serie o per fare un dispetto a chi conosce conan o brien...la traduzione è - appunto - una traduzione...per quante regole ci possano essere, se io e te traducessimo due cose uguali il risultato sarebbe diverso :) così credo sia per itasa: ci sono team che cercano di mantenere intatto il senso originale, altri che

mi ricordo che tempo fa c'era una puntata di non so quale serie - forse samantha who  - con un gioco di parole tra il nome di un personaggio ed i suoi pochi capelli che era intraducibile in italiano e loro misero Oliver che era allergico alle olive...anche questo t'avrebbe dato fastidio? probabilmente sì, ma traducendo in maniera "letterale" si sarebbe perso il senso...ecco, io quando vedo una littizzetto invece che una chelsea handler, penso che se io ed altri 50 capiamo il riferimento americano, ci possono essere altri 50 che direbbero "eh?"
«Some birds are not meant to be caged, that's all. Their feathers are too bright, their songs too sweet and wild. So you let them go, or when you open the cage to feed them they somehow fly out past you. And the part of you that knows it was wrong to imprison them in the first place rejoices, but still, the place where you live is that much more drab and empty for their departure».
Stephen King, Rita Hayworth and Shawshank Redemption






bobon123

  • Molly Hooper
  • Post: 517
  • Unbowed, Unbent, Unbroken
    • Mostra profilo
Re: Sottotitoli meglio Letterali o Esplicativi ?
« Risposta #37 il: 20 September 2009, 11:13:02 »
Citazione
se io e te traducessimo due cose uguali il risultato sarebbe diverso

Assolutamente, ed è giustissimo sia così! La traduzione è un'arte, come dice Borges, e il traduttore ha ampia possibilità artistica: tradurre bene non necessariamente significa tradurre il testo in modo più letterale possibile e il livello dell'opera tradotta dipende più dalla bravura del traduttore che dal livello dell'originale. Ma un conto è adattare, ad esempio, una frase ad una consecutio tempore più usata in Italiano, o rendere un dialogo più simile a come sarebbe in Italiano (i famosi "Grandi" di Faletti che hai citato). O, come citi, un gioco di parole ingestibile (lì naturalmente si vede il buon traduttore e il traduttore mediocre, nel tradurlo in un BUON gioco di parole in ita). Deve essere un'opera in italiano quella che ne esce fuori, questo è normale*. Se voglio apprezzarla in inglese la vedo sub-eng o raw.

Completamente diverso è cambiare la storia per togliere persone o elementi culturali a cui molti italiani non sono avvezzi. Un'opera in Italiano, sì, ma non italiana. Non è che tutto deve diventare "un medico in famiglia".

Ti facevo prima l'esempio del cibo giapponese, mi sembra un buon esempio. Nel cartone che andava molto tra le bambine quando io ero piccolopiccolo, kiss me licia, il proprietario padre della ragazza (chiamata Licia in italiano perché il nome giapponese avrebbe infastidito i pargoli) era diventato proprietario di una pizzeria, visto che un italiano non poteva sapere cosa fosse un ristorante di okonomiyaki. Tutto il cartone era stato adattato a questo fine, e avevano anche messo un accento leggermente napoletano al padre pizzaiolo.

Chiaramente questa è un'esagerazione, ma il punto è lo stesso : stiamo comunque parlando di un elemento out of reality in quel contesto. Si cerca di rendere "tutto il mondo paese", si elimina in pratica la particolarità locale di quella serie. How I Met Your Mother non parla di ragazzi qualsiasi. Sono fortemente newyorkesi. Non poteva essere girata a Marina di Vecchiano, e in tutto il telefilm New York è presente come un personaggio ricorrente nella serie, quasi un protagonista direi :) Localizzare, cambiare nomi di persone famose, di piatti, di luoghi, di squadre sportive, di feste tradizionali, svilisce questo aspetto nel caso migliore, rovina la serie nel caso peggiore.

E in cambio non ottieni niente. Perché, come dicevo 1000 post fa, se anche non hai idea di chi sia Chelsea Handler, la tua visione della puntata non ne è inficiata, cosa vuole dire il personaggio paragonando a XXX ti è chiaro dal contesto anche se non hai idea di chi sia XXX. E se non ti è chiaro, non lo capisci neanche se ti cambiano XXX con un nome italiano di cui comunque non hai idea in quale modo sia simile a XXX. Capisco l'intento del traduttore di tramettere ad un pubblico ampio, ma fino ad un certo limite: ad un certo punto vi è un livello di buzzurraggine a cui devo abbassarmi per ampliare il mio pubblico ulteriormente che inizio a perdere la fascia che mi seguiva all'inizio perché è curiosa del mondo che la circonda.

Quel tipo di ragionamento "Deve sembrare il più facile possibile per tutti, anche a costo di rovinare leggermente l'opera e fargli perdere in originalità"  è esattamente quello che ha portato agli adattamenti televisivi in Italia.

Oltretutto se una puntata di un telefilm mi permette di scoprire Chelsea, anche solo per quello è valsa la pena di vederlo.

*per quanto preferirei l'opposto, capisco che questo è collegato al fatto che in realtà io seguo in eng e butto un occhio ai sottotitoli un paio di volte a episodio, non sono lo spettatore medio