Autore Topic: [COMMENTI] How I Met Your Mother - 9x23/9x24 - Last Forever (SERIES FINALE)  (Letto 453801 volte)

DonOrange88

  • The Todd
  • Post: 159
    • Mostra profilo
E intanto il boss della 20th Century Fox parla di un possibile revival :O 
http://deadline.com/2017/05/how-i-met-your-mother-revival-20th-tv-boss-reunion-1202093612/

barneystinson1993

  • Rick Grimes
  • Post: 2319
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
E intanto il boss della 20th Century Fox parla di un possibile revival :O 
http://deadline.com/2017/05/how-i-met-your-mother-revival-20th-tv-boss-reunion-1202093612/
Io ci credo poco, sinceramente :eha:
It's going to be legen wait for it.... dary

DonOrange88

  • The Todd
  • Post: 159
    • Mostra profilo
Gli unici che potrebbero essere interessati paradossalmente sono proprio Bays e Thomas. Loro hanno sempre dichiarato che HIMYM finiva li' e non avrebbero fatto più altro a riguardo,ma 3 anni dopo,dopo tutti i pilot che hanno fallito come si diceva sopra,forse potrebbero essere tentati di provare a "rivitalizzare" un pò il franchise,che al momento è bello che morto. Il cast,invece,più o meno stanno lavorando tutti quanti: Josh sarà in una nuova serie sulla NBC,"Rise". Cobie e Neil sono in due serie Netflix ("Friends from College" e "Unfortunate Events"),Jason Segel paradossalmente sta facendo meno film da quando HIMYM è finito,però lui già non vedeva l'ora di andarsene quando HIMYM era in corso,figurarsi se accetterebbe di tornare. Le uniche libere in questo momento sono Cristin Milioti e Alyson Hannigan...facciamo uno spinoff su Tracy e Lily  :lol?: I'm in!  :metal:

Nanthleene

  • *
  • Post: 670
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
  • Traduzioni: -1
Eh niente... oggi ho visto un post su Facebook pieno di gente che osannava il finale di HIMYM, e sono venuta qua a leggervi per depurarmi l'anima.




Friendship dies and true love lies, Night will fall and the dark will rise, When a good man goes to war


myrs

  • Liz Lemon
  • Post: 4775
  • Sesso: Femmina
  • Wow, sarcasm. That's original.
    • Mostra profilo
Eh niente... oggi ho visto un post su Facebook pieno di gente che osannava il finale di HIMYM, e sono venuta qua a leggervi per depurarmi l'anima.



Forse era un esperimento sociale chiamato "Il mondo dei contrari"  :cons:
-I can tell life from TV, Jeff. TV makes sense. It has logic, structure, rules and likable leading men #sixseasonsANDAMOVIE

More importantly, it has to be joyful, effortless, fun.
TV defeats it’s own purpose when it’s pushing an agenda, or trying to defeat other TV or being proud or ashamed of itself for existing.
It’s TV, it’s comfort.
It's a friend you've known so well, and for so long you just let it be with you and it needs to be okay for it to have a bad day or phone in a day. And it needs to be okay for it to get on a boat with Levar Burton and never come back.

DonOrange88

  • The Todd
  • Post: 159
    • Mostra profilo
Lo abbiamo già detto,anche in questo topic ultimamente è spuntata più gente che adora il finale. Ovviamente li rispettiamo,ma,come gli abbiamo anche risposto,questo è dovuto più che altro al fatto che hanno visto la serie tutta in volta su Netflix o in tv,e non hanno sviluppato lo stesso attaccamento emotivo alla storia che abbiamo avuto noi. E sopratutto hanno "sentito di meno" tutta l'attenzione che la serie aveva dato a Barney e Robin da almeno la sesta stagione in poi (cliffchanger vari,season finales completamente dedicati a loro,etc.) per poi annullare la loro relazione nel giro di 15 minuti.

peolo12

  • Hug-stalker
  • Saul Goodman
  • Post: 10254
  • Sesso: Maschio
  • clear eyes..full hearts..can't lose!!!
    • Mostra profilo
Lo abbiamo già detto,anche in questo topic ultimamente è spuntata più gente che adora il finale. Ovviamente li rispettiamo,ma,come gli abbiamo anche risposto,questo è dovuto più che altro al fatto che hanno visto la serie tutta in volta su Netflix o in tv,e non hanno sviluppato lo stesso attaccamento emotivo alla storia che abbiamo avuto noi. E sopratutto hanno "sentito di meno" tutta l'attenzione che la serie aveva dato a Barney e Robin da almeno la sesta stagione in poi (cliffchanger vari,season finales completamente dedicati a loro,etc.) per poi annullare la loro relazione nel giro di 15 minuti.

una delle cose più controsenso che si sia mai vista su un piccolo schermo  :suicidiosenzafronzoli: io ancora non me ne capacito  :cry: :cry:
A volte tutto quello che serve nella vita, sono 20 secondi di imbarazzante coraggio

Un vincitore è solo un sognatore che non si è mai arreso  cit. Nelson "Madiba" Mandela


Hika

  • The Todd
  • Post: 195
    • Mostra profilo
Nel complesso dunque, per me, un finale che avrebbe dovuto essere approfondito meglio e con qualche cliché di troppo ma che comunque non mi fa odiare tutto quello che ho visto in 9 stagioni come avevo letto in giro.
Attenzione. Il finale non fa "odiare" la serie.
"Semplicemente", la rende inutile.
Perché a distanza di anni io devo ancora trovare UNA persona che riesca a spiegarmi il senso di "The Time Travelers" (08x20) con questo finale.
Perché NON HA SENSO, punto.

Facendo la spiega semplice semplice, come si fa ai bimbi di tre anni, Ted sta impostando un discorso lunghissimo il cui fine ultimo è chiedere ai figli il "permesso" di riprovarci con Robin.
Sorvoliamo sull'immenso disgusto del concetto tutto e concentriamoci sui dettagli.
In questo discorso lui ne inserisce un, breve, secondo, in cui dice, in buona sostanza, che sovvertirebbe le leggi della fisica di questa realtà per poter passare una manciata di secondi in più con la moglie, oramai morta.
Però vuole tornare da Robin.
È proprio a livello logico che le due cose non si conciliano, se non con una spiegazione che trascende il viscido.
E 'sta roba distrugge il concetto di romanticismo in toto, alla faccia della caratterizzazione di Ted, che nel finale viene fuori come un cinico bastardo con qualche parvenza di remora morale, ma che è interessato prima di tutto ad avere qualcuno nel letto.

E c'è gente a cui piace 'sto schifo, faccio sempre fatica a capacitarmene.

Ziolepr8

  • Annyong Bluth
  • Post: 608
    • Mostra profilo


Facendo la spiega semplice semplice, come si fa ai bimbi di tre anni, Ted sta impostando un discorso lunghissimo il cui fine ultimo è chiedere ai figli il "permesso" di riprovarci con Robin.




Il fine ultimo non è quello, il fine ultimo è il bisogno di superare il dolore attraverso la celebrazione dell'epicità della vita quotidiana. Se non si capisce questo non si è capito nulla di Ted Mosby e di HIMYM. Parlare di "cinico bastardo", di "viscido", di "volere qualcuno nel letto" significa davvero non aver capacità di andare un minimo più a fondo di un banale senso letterale. Spostati un attimo dalle ship e dalle romance, la serie parlava soprattutto di altro.

Tutta la serie è un susseguirsi di "that's the dream", "legendary", "the one". Ogni racconto rappresentava la spasmodica e illusoria ricerca di un punto fisso che emergesse dalla mediocrità delle loro vite.

Ma ogni sogno cresceva e inesorabilmente si dissolveva, dai progetti amorosi di Ted a quelli artistici di lily, passando per l'ambientalismo di Marshall. Vuoi per sfortuna, per cattiveria o per pura stupidità, tutto prima o poi finiva. La Fiero si scassa, l'hamburger non si trova, la pizza alla fine fa schifo, il matrimonio si sfalda, i quadri non interessano, il tg non lo guarda nessuno, il bar dura una serata....

Erano storie di mediocrità, che sono il sale della vita di tutti, ma che Ted celebrava come eventi unici nell'epicità del suo racconto.

Il motivo di questo è precisamente il bisogno di sfuggire alla transitorietà, alla vanità, alla percarietà delle esistenze, la necessità che una vita qualunque trovi un suo punto cardine che resti immortalato al di fuori del tempo e dello spazio che tutto consuma.

E' questo il senso della ricerca e del valore del racconto. E' per questo che in molti cerchiamo The One, e quando la o lo troviamo faremmo carte false per poter congelare il tempo in quell'istante, diverremmo tutti "Time Travelers"

Ma anche The One non non può sfuggire alla vanità della vita, anche The One come the dream, come i legendary, come tutto, per sfortuna o per stupidità spesso passa via.

E cosa fa Ted per superarlo? Racconta, racconta di come la sua ricerca del grande amore sia stata ardua e piena di delusioni, di errori, di sciocchezze ma anche di gioie, di piccole vittorie, di miseri aneddoti che per comuni mortali sono comunque grandi storie da raccontare.

Nel farlo, implicitamente sta ammettendo questo: "sono una persona qualunque, piena di difetti, di errori, in costante oscillazione tra vizio e virtù, e ho solo cercato con tutte le mie forze di essere felice".

Ed è questo il punto, la ricerca della felicità. Tracy, che era l'assoluto di Ted, è precipitata anche lei nella vanità del "troppo reale", portata via dalla malattia. Ma questo bisogno di assoluto di Ted resta vivo e si manifesta nel suo profondissimo e entusiasmante racconto fatto in realtà per lo più di banalità quotidiane.

Questo fanno capire i figli a Ted, quando si rendono conto che il padre racconta una vita "normale" cose me fosse un racconto epico:  che poteva "ripartire", perchè Ted non stava chiedendo di potersi sbattere Robin (ma davvero, quanto ingastriti si deve essere per poter pensare una cosa del genere?). Senza rendersene conto, stava chiedendo di poter riprovare a cercare di essere felice. Perchè è la ricerca della felicità l'unica cosa che dura per sempre.

"Last forever".

Non è certo un happy ending, ma non è neppure un finale viscido, o triste. E' un finale tremendamente umano.



barneystinson1993

  • Rick Grimes
  • Post: 2319
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo


Il fine ultimo non è quello, il fine ultimo è il bisogno di superare il dolore attraverso la celebrazione dell'epicità della vita quotidiana. Se non si capisce questo non si è capito nulla di Ted Mosby e di HIMYM. Parlare di "cinico bastardo", di "viscido", di "volere qualcuno nel letto" significa davvero non aver capacità di andare un minimo più a fondo di un banale senso letterale. Spostati un attimo dalle ship e dalle romance, la serie parlava soprattutto di altro.

Tutta la serie è un susseguirsi di "that's the dream", "legendary", "the one". Ogni racconto rappresentava la spasmodica e illusoria ricerca di un punto fisso che emergesse dalla mediocrità delle loro vite.

Ma ogni sogno cresceva e inesorabilmente si dissolveva, dai progetti amorosi di Ted a quelli artistici di lily, passando per l'ambientalismo di Marshall. Vuoi per sfortuna, per cattiveria o per pura stupidità, tutto prima o poi finiva. La Fiero si scassa, l'hamburger non si trova, la pizza alla fine fa schifo, il matrimonio si sfalda, i quadri non interessano, il tg non lo guarda nessuno, il bar dura una serata....

Erano storie di mediocrità, che sono il sale della vita di tutti, ma che Ted celebrava come eventi unici nell'epicità del suo racconto.

Il motivo di questo è precisamente il bisogno di sfuggire alla transitorietà, alla vanità, alla percarietà delle esistenze, la necessità che una vita qualunque trovi un suo punto cardine che resti immortalato al di fuori del tempo e dello spazio che tutto consuma.

E' questo il senso della ricerca e del valore del racconto. E' per questo che in molti cerchiamo The One, e quando la o lo troviamo faremmo carte false per poter congelare il tempo in quell'istante, diverremmo tutti "Time Travelers"

Ma anche The One non non può sfuggire alla vanità della vita, anche The One come the dream, come i legendary, come tutto, per sfortuna o per stupidità spesso passa via.

E cosa fa Ted per superarlo? Racconta, racconta di come la sua ricerca del grande amore sia stata ardua e piena di delusioni, di errori, di sciocchezze ma anche di gioie, di piccole vittorie, di miseri aneddoti che per comuni mortali sono comunque grandi storie da raccontare.

Nel farlo, implicitamente sta ammettendo questo: "sono una persona qualunque, piena di difetti, di errori, in costante oscillazione tra vizio e virtù, e ho solo cercato con tutte le mie forze di essere felice".

Ed è questo il punto, la ricerca della felicità. Tracy, che era l'assoluto di Ted, è precipitata anche lei nella vanità del "troppo reale", portata via dalla malattia. Ma questo bisogno di assoluto di Ted resta vivo e si manifesta nel suo profondissimo e entusiasmante racconto fatto in realtà per lo più di banalità quotidiane.

Questo fanno capire i figli a Ted, quando si rendono conto che il padre racconta una vita "normale" cose me fosse un racconto epico:  che poteva "ripartire", perchè Ted non stava chiedendo di potersi sbattere Robin (ma davvero, quanto ingastriti si deve essere per poter pensare una cosa del genere?). Senza rendersene conto, stava chiedendo di poter riprovare a cercare di essere felice. Perchè è la ricerca della felicità l'unica cosa che dura per sempre.

"Last forever".

Non è certo un happy ending, ma non è neppure un finale viscido, o triste. E' un finale tremendamente umano.

Sicuramente hai scritto delle cose molto esatte, hai dato meglio una spiegazione tu al finale piuttosto che gli autori :asd:. Comunque, sono d'accordo sul fatto che Ted cerchi di continuo la felicità, però, rimane il fatto che questo finale con lui che va dietro ancora a Robin nel 2030, oltre ad essere scritto malissimo e ad avere un sacco di buchi narritivi, è una grandissima presa per il sedere, per chi ha seguito davvero la serie "live". Ok il concetto di felicità nel suo intero, ma come si può vedere un Ted felice insieme a Robin, visto tutto il "male" che gli ha procurato in oltre 8 anni?
Si poteva far tanto meglio, non ci voleva chissà che o che cosa, bastava essere un pelo più coerenti. Peccato, davvero.
It's going to be legen wait for it.... dary

Ziolepr8

  • Annyong Bluth
  • Post: 608
    • Mostra profilo
Sicuramente hai scritto delle cose molto esatte, hai dato meglio una spiegazione tu al finale piuttosto che gli autori :asd:. Comunque, sono d'accordo sul fatto che Ted cerchi di continuo la felicità, però, rimane il fatto che questo finale con lui che va dietro ancora a Robin nel 2030, oltre ad essere scritto malissimo e ad avere un sacco di buchi narritivi, è una grandissima presa per il sedere, per chi ha seguito davvero la serie "live". Ok il concetto di felicità nel suo intero, ma come si può vedere un Ted felice insieme a Robin, visto tutto il "male" che gli ha procurato in oltre 8 anni?
Si poteva far tanto meglio, non ci voleva chissà che o che cosa, bastava essere un pelo più coerenti. Peccato, davvero.
E' stato fatto male sicuramente, e il perchè è presto detto: brodo allungato per almeno due anni in più e riempito di ingredienti che servivano solo ad assecondare la parte "rumorosa" di fan che voleva brobin e the barney show.
 Il racconto ha perso di organicità proprio per andare dietro a una romance assolutamente anti-empatica con il protagonista, e probabilmente l'errore, una volta commesso il peccato originale di "prostituire" l'idea iniziale ai capricci dei produttori e del pubblico è stato sia quello di non voler adeguare il finale alla direzione presa (che per carità, capisco pure il motivo, dici "avevo un'idea, fatemela almeno finire come dico io....") sia quello di annullare tutta la deriva con un colpo di spugna di cinque minuti.

Quindi sì, finale girato male, ultima stagione molto forzata, ma "concettualmente" resta effettivamente l'unico motivo per il quale l'intero racconto ha senso.

Diversamente sarebbe stata solo la storia di un logorroico.

myrs

  • Liz Lemon
  • Post: 4775
  • Sesso: Femmina
  • Wow, sarcasm. That's original.
    • Mostra profilo
E' stato fatto male sicuramente, e il perchè è presto detto: brodo allungato per almeno due anni in più e riempito di ingredienti che servivano solo ad assecondare la parte "rumorosa" di fan che voleva brobin e the barney show.
Il racconto ha perso di organicità proprio per andare dietro a una romance assolutamente anti-empatica con il protagonista, e probabilmente l'errore, una volta commesso il peccato originale di "prostituire" l'idea iniziale ai capricci dei produttori e del pubblico è stato sia quello di non voler adeguare il finale alla direzione presa (che per carità, capisco pure il motivo, dici "avevo un'idea, fatemela almeno finire come dico io....") sia quello di annullare tutta la deriva con un colpo di spugna di cinque minuti.

Quindi sì, finale girato male, ultima stagione molto forzata, ma "concettualmente" resta effettivamente l'unico motivo per il quale l'intero racconto ha senso.

Diversamente sarebbe stata solo la storia di un logorroico.
Intanto ti faccio i complimenti per il precedente post perché è una delle poche apologie al finale che comunque mi hanno convinto.
Continuo a non essere d'accordo, però.

Perché, di fatto, sono d'accordo con il nostro amico barneystinson1993 qui sopra. Tutto il ragionamento sarebbe perfetto, e regalerebbe al finale un senso se quella da cui Ted si dirige non fosse Robin.

I "capricci dei produttori e del pubblico", ossia la romance tra Robin e Barney, inizia, non dimentichiamolo, nella terza stagione.
Al pubblico sono piaciuti, e va bene. MA se la loro idea era, ed è sempre rimasta, quella di Robin come "scelta" finale perché calcare così tanto la mano su quei due? È sempre lo stesso discorso, perché i palloncini che volano via? Perché il "No, Robin, non ti amo più in quel modo in cui ti amavo anni fa, quando ti rubavo i corni blu" se poi l'idea è SEMPRE stata quella del corno blu nel finale?
E "la vita è amara" non è una scusa decente.

Se volevi raccontare la storia di una persona che insegue la felicità nonostante gli schiaffi della vita potevi far morire la madre e poi all'improvviso gli facevi incontrare un'altra tizia. A caso, nell'ultima scena, gli fai incontrare una ragazza che potrebbe essere chiunque, ma che avrebbe potuto significare una nuova possibilità per essere felice. Una nuova. NON la tizia che ti ha bullizzato emotivamente per anni, NON LEI.
E non è, ribadiamolo dato che le frecciatine ci sono sempre, una questione di ship. Non me ne frega una mazza che sia naufragata la storia con Barney, mi interessa il fatto che per nove stagioni hanno parlato del fatto che Robin e Ted insieme non funzionano. E poi nell'ultima scena, senza contesto e senza spiegazione i due si rimettono insieme. Così, a buffo. È assolutamente naturale pensare che non ce la faranno, dopo che li abbiamo visti fallire un centinaio di volte. Magari no, magari sono cambiati entrambi in quegli anni, ma lo sappiamo? Ce l'hanno fatto vedere o almeno intuire? No.
Anzi, sappiamo che Robin se ne è strafregata anche degli amici.
Il palloncino che se ne va è un paio di puntate prima. Lo so che c'è il salto temporale, ma è tv, e noi l'abbiamo visto succedere una settimana prima.

I cani nuovi sono sempre regalo di ex di Robin? Questa volta Ted ce la farà ad affrontare la cosa?

La vita è amara, ma nonostante tutto si va avanti.
Non indietro senza un contesto solo perché era la vostra idea di 7 anni fa.
Questo non è umano, questo è accanimento terapeutico.

Ovviamente la storia non era solo una scusa per chiedere ai figli di potersi sbattere Robin, però la battuta loro, i figli, la fanno, ed è tremendamente triste. Fuori contesto e fuori luogo.
Dopo tutto quello che hanno sentito, una volta capito dove voleva andare a parare dovevano volergli veramente male per rimandarlo con quella tranquillità da lei. A meno che, ribadisco, ci sia un totale cambiamento in Robin che noi non abbiamo visto. E questo si chiama cattiva scrittura. Modalità becera di gestire un finale.
-I can tell life from TV, Jeff. TV makes sense. It has logic, structure, rules and likable leading men #sixseasonsANDAMOVIE

More importantly, it has to be joyful, effortless, fun.
TV defeats it’s own purpose when it’s pushing an agenda, or trying to defeat other TV or being proud or ashamed of itself for existing.
It’s TV, it’s comfort.
It's a friend you've known so well, and for so long you just let it be with you and it needs to be okay for it to have a bad day or phone in a day. And it needs to be okay for it to get on a boat with Levar Burton and never come back.

Hika

  • The Todd
  • Post: 195
    • Mostra profilo
Come hanno già risposto, se Ted cercasse DAVVERO la felicità nel 2030, NON andrebbe da una che gli ha ripetutamente spezzato il cuore e ha fatto del profondissimo male emotivo ai suoi migliori amici.
O ci siamo dimenticati di Barney che torna donnaiolo "perché sì" dopo il divorzio, ma molto più triste di quanto non era stato in tutto il resto della serie?
Di Lily che viene distrutta durante una festa da una Robin incapace di accettare che il suo giocattolino (aka Ted) poteva benissimo vivere senza di lei ed essere felice, e, quindi, decide di andarsene sparendo dalla vita di tutti?
E 'sta roba Ted la racconta ai figli pochi minuti prima che i figli stessi gli dicano di andare da lei.
Cosa che Ted fa di corsa, tirando fuori a caso quel maledettissimo corno blu col sorrisone sulle labbra.

Quindi no, col cavolo che l'intenzione di "stare con Robin", mettiamola così che poi le anime pure si scandalizzano, NON era presente nel racconto di Ted.
E col cavolo che è una cosa accettabile nella serie, per un miliardo di motivi già spiegati più e più volte.

Che poi, "la vita è triste" non regge manco come scusa, perché Ted ha un concentrato di sfighe assolute che altro che "uomo medio", dai.

porcupinetree

  • Sarah Manning
  • Post: 295
  • Sesso: Maschio
  • Starborn
    • Mostra profilo
myrs, hyka, barneystinson1993: siete grandi.
E vi voglio bene perché mi evitate sempre di scrivere tappeti di messaggi, visto che tutto quello che avrei voluto dire l'avete già scritto voi.
Grazie ragazzi.

...e BOWL!

pluton

  • Richard Castle
  • Post: 3102
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Bowl ragazzi.

Siamo qua, anni dopo, a discutere ancora del finale. C'è a chi piace e a chi no. Sembra che chi era più in trepidazione per il finale si sia ritrovato molto più tradito rispetto a chi l'ha guardata "per passare il tempo". Però sono soltanto teorie.

Le motivazioni di entrambe le parti sono già state esposte a più riprese dal momento in cui è andato in onda il finale. Quella gigantesca presa per il culo (quando qualcuno dà motivazioni assurde rispondo "spallucce" citando uno di voi in particolare :rofl:) è stata una pugnalata alla schiena per me.

Una cosa che non ho mai capito è il coraggio di Robin, anzi la sua faccia tosta, nelle interazioni con il gruppo. Pensandoci col senno di poi non era propriamente in linea col personaggio secondo me.
Diffondete il verbo di NathanDrake83

"Le pause non sono manifestazione dell'ira di Dio, ma una normale sottrazione tra il totale di settimane (35) e il numero di episodi (22/24)."
"Quando si smette di correlare gli ascolti alla presunta, soggettiva qualità di una serie/puntata, forse si inizia a capire come funzionano i benedetti rating."