Autore Topic: Quando i paragoni ti succhiano via l'anima.  (Letto 2317 volte)

bigghele

  • Muciaccia
  • The Todd
  • Post: 138
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Quando i paragoni ti succhiano via l'anima.
« il: 28 August 2015, 11:56:34 »
Premetto che sono sempre stata una persona tendente, ahimè, a fare paragoni con chi mi sta intorno, ad osservare le vite degli altri e, come consono un po' per tutti immagino, verificare quanto siano migliori o più appaganti della mia.
Ecco. Visto che ciò non porta nulla di buono, perché non mi infonde voglia di rivalsa né mi incita ad essere più ambiziosa, vorrei levarmi dalla testa il pensiero di cosa facciano le altre persone, di come stiano e di con chi condividono la propria vita, o rischio seriamente un crollo.
In realtà, ho una vita normale, sono fuori sede, ho delle persone care e frequento l'università senza difficoltà, sto abbastanza bene, ciò che mi manca sono i viaggi e la così detta "persona giusta", ma per questa chi lo sa quanto occorrerà aspettare.
Voi come reagite a certi sentimenti negativi? Quando vedete che intorno a voi molte persone si realizzano maggiormente o hanno quello che voi vorreste?
Ad ogni modo, stamattina ho appurato che una persona a cui tengo moltissimo e con cui non mi sento da tempo ha cambiato nazione e sta cominciando un percorso pazzesco, qualcosa che io vorrei tanto fare e che mi porta a rabbuiarmi. L'invidia è una brutta bestia e, dopo tutto questo discorso, passo al dunque: sono al seconda anno di specialistica ed organizzare un erasmus o exchange con la mia università è complicato, oltre che ormai troppo tardivo, però vorrei partire comunque l'anno prossimo, almeno un mese, sola.
Potete passarmi siti di corsi d'inglese a prezzi non esorbitanti, in paesi dell'Europa?
Sapete quando si ha necessità di qualcosa in un dato momento? Bene. Io ne ho bisogno, o penso che scoppierò.

Grazie a chiunque risponderà.

chizpurfle

  • LA DOLCE CHIZ | chixhdhfjfhirhuguigdyyfhid | "Mi Piace" | Silent Stalker | chi vo capì capisc | Campionessa di Kimble 2016 | UnionPurfle | Colei che bacchibetta | 🐮 🐍 | shishpurfle
  • *
  • Post: 11316
  • Sesso: Femmina
  • MI FA PIACERE CHE TI PIACCIONO I MIEI POST
    • Mostra profilo
    • Pandas Falling
  • Revisioni: 170 Bugliony
  • Traduzioni: 850
Re: Quando i paragoni ti succhiano via l'anima.
« Risposta #1 il: 28 August 2015, 14:06:32 »
Prova a vedere se la tua uni o una vicina ha un gruppo aiesec, organizzano periodi di volontariato all'estero per qualche mese, sono molto interessanti
VOI GRIGLIA PROGRAMMI SONO SBAGLIATI TUTTI CHE SCHIFO
Citazione da: gekko84 - 27 Oct 2017, 10:31
PERCHè CI METTETE UNA VITA A TRADURRE QUESTA E TRADUCETE IN DUE GIORNI SERIE DI MERDA DA BIMBI MINKIA?
bingesubbing del cazzo vaffanculo
Citazione da: Virtuoso000 - 05/01/18, 18:20
Link grazie raga se no è inutile dare i sottotitoli

DareKiba

  • Peggy Olson
  • Post: 1150
  • Sesso: Maschio
  • The man without fear
    • Mostra profilo
Re: Quando i paragoni ti succhiano via l'anima.
« Risposta #2 il: 29 August 2015, 20:00:14 »
Potresti provare a frequentare un po' di sfigati, casi umani e poveracci :vecchio:

Io ho avuto un periodaccio nella mia vita che sto superando ormai solo adesso, ma provavo invidia praticamente ogni giorno e ancora oggi non ne sono privo. Mi capita spesso di voler essere praticamente un'altra persona, purtroppo non si può e non si può far altro che cercare di sorridere e provare a raggiungere le persone che invidiamo e a superarle, facendo anche di meglio.

Cosa faccio nei confronti della felicità altrui? Faccio in modo di averne una mia, magari anche più piccola vista da fuori, ma dato che è mia e mi appartiene sta a me dire quanto è profonda :jolly:


"Let's go steal a miracle."

Dieffenbachia

  • First Queen Oberkommando ☂♥♥♥y
  • Ragnar Lothbrok
  • Post: 11727
  • Sesso: Femmina
  • SHRIMPS IN MY EYES! #LABABBIONA
    • Mostra profilo
  • (Re)Synch: 200
Re: Quando i paragoni ti succhiano via l'anima.
« Risposta #3 il: 29 August 2015, 21:32:08 »
Secondo me non c'è niente di male a invidiare gli altri, se non diventa invidia cattiva che ti spinge ad augurare poi brutte cose a quelle persone. Ci sono quelli a cui sembra andare tutto bene, e ti viene solo voglia di mandargli accidenti :XD: ma l'importante è non farcisi il sangue amaro.
Io ho non ho una vita particolarmente pheega e invidiabile, vivo tranquilla, faccio le mie cose e sono contenta, e quando mi trovo a essere invidiosa di qualcun altro mi chiedo: voglio fare anch'io questa cosa? Posso farla? Se posso, tanto meglio. Se non posso amen, nel mio piccolo ho tante gioie e tante cose che non scambierei con niente. Sicuramente poi c'è chi invidia me :lici: e io manco lo so.

Per quanto riguarda i viaggi non saprei cosa consigliare, ho fatto parecchie vacanze studio negli USA e in Inghilterra, ma ai tempi della scuola, non so nulla di come funzioni per gli "adulti" :1:

bigghele

  • Muciaccia
  • The Todd
  • Post: 138
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: Quando i paragoni ti succhiano via l'anima.
« Risposta #4 il: 30 August 2015, 13:45:06 »
Potresti provare a frequentare un po' di sfigati, casi umani e poveracci :vecchio:

Io ho avuto un periodaccio nella mia vita che sto superando ormai solo adesso, ma provavo invidia praticamente ogni giorno e ancora oggi non ne sono privo. Mi capita spesso di voler essere praticamente un'altra persona, purtroppo non si può e non si può far altro che cercare di sorridere e provare a raggiungere le persone che invidiamo e a superarle, facendo anche di meglio.

Cosa faccio nei confronti della felicità altrui? Faccio in modo di averne una mia, magari anche più piccola vista da fuori, ma dato che è mia e mi appartiene sta a me dire quanto è profonda :jolly:

e se l'invidia riguarda essenzialmente una persona che un tempo è stata la più importante? Se si rivelasse una sorta di "confronto" continuo con lei? A volte, mi rendo conto che è una reazione esagerata, ma che non possiamo controllare quello che sentiamo. Possiamo provare a spiegarlo, esplicarlo o contenerlo, viverlo o metterlo da parte, ma non siamo capaci di annullarlo.

E bravo, fai bene ad agire così, io stessa ho la mia vita, degli obiettivi, aspettative e speranze, ma ci sono parti del passato che proprio non si riesce a mettere da parte...

Secondo me non c'è niente di male a invidiare gli altri, se non diventa invidia cattiva che ti spinge ad augurare poi brutte cose a quelle persone. Ci sono quelli a cui sembra andare tutto bene, e ti viene solo voglia di mandargli accidenti :XD: ma l'importante è non farcisi il sangue amaro.
Io ho non ho una vita particolarmente pheega e invidiabile, vivo tranquilla, faccio le mie cose e sono contenta, e quando mi trovo a essere invidiosa di qualcun altro mi chiedo: voglio fare anch'io questa cosa? Posso farla? Se posso, tanto meglio. Se non posso amen, nel mio piccolo ho tante gioie e tante cose che non scambierei con niente. Sicuramente poi c'è chi invidia me :lici: e io manco lo so.

Per quanto riguarda i viaggi non saprei cosa consigliare, ho fatto parecchie vacanze studio negli USA e in Inghilterra, ma ai tempi della scuola, non so nulla di come funzioni per gli "adulti" :1:

Madonna, ci sono alcune persone che ti dimostrano quanto il karma non esista, perché a loro va tutto bene, porca paletta, e proprio non c'è modo di dar loro il ben servito, mentre spesso noto come comportamenti meritevoli non vengano proprio presi in considerazione.

Pensi che sia vero tutto quello che si dice? Che all'Estero ti si apra un altro pianeta e sia tutto diverso? Io temo che dobbiamo essere i noi i primi a cambiare dentro, poi passare al cambio contestuale e così via..


Dieffenbachia

  • First Queen Oberkommando ☂♥♥♥y
  • Ragnar Lothbrok
  • Post: 11727
  • Sesso: Femmina
  • SHRIMPS IN MY EYES! #LABABBIONA
    • Mostra profilo
  • (Re)Synch: 200
Re: Quando i paragoni ti succhiano via l'anima.
« Risposta #5 il: 30 August 2015, 14:05:15 »
Madonna, ci sono alcune persone che ti dimostrano quanto il karma non esista, perché a loro va tutto bene, porca paletta, e proprio non c'è modo di dar loro il ben servito, mentre spesso noto come comportamenti meritevoli non vengano proprio presi in considerazione.

Pensi che sia vero tutto quello che si dice? Che all'Estero ti si apra un altro pianeta e sia tutto diverso? Io temo che dobbiamo essere i noi i primi a cambiare dentro, poi passare al cambio contestuale e così via..

Beh ma io non spero che succeda niente di male a quelli a cui va tutto bene :XD: a meno che non siano brutte persone per altri motivi indipendenti dalla fortuna sfacciata. Se continuassi ad avercela con chi ha qualcosa più di me morirei di rabbia, il mondo è pieno di gente più figa, più ricca, più intelligente. Ciao proprio :XD:

Per quanto riguarda il resto, io vivo all'estero ormai da un anno, e non mi sento cambiata nell'animo, sono sempre io. Sicuramente ho imparato ad essere più indipendente non avendo familiari vicino, a vivere usando una lingua che prima manco sapevo e a imparare come funziona un altro paese, in generale a badare a tutte quelle cose che impari quando devi cavartela da solo. Però non è che mi senta una persona diversa, ho guadagnato delle cose in più, quello sì. Anch'io penso che il cambiamento debba venire da dentro, che non sia andarsene o cambiare posto a risolvere magicamente tutti i conflitti interiori e i problemi, però sicuramente ti mette alla prova, impari qualcosa di nuovo, e fa bene. E' un'esperienza da fare potendo :zizi:
« Ultima modifica: 30 August 2015, 14:06:46 da Dieffenbachia »

chiaretta86

  • Una donna, un eprchè, una salsiccia: pelle fuori, maiala dentro
  • Alicia Florrick
  • Post: 17431
  • Sesso: Femmina
  • SS Lazio 1900
    • Mostra profilo
Re: Quando i paragoni ti succhiano via l'anima.
« Risposta #6 il: 30 August 2015, 14:14:33 »
secondo me a una certa..."tocca dasse una mossa".

voglio vivere a londra? ci vado, amen...alla peggio torno al punto di prima. Soprttutto se non hai famiglia o lavoro a "legarti" (e cmq li ritieni corde solo se non hai un carattere particolarmente "coraggioso" diciamo cosi...come me  :asd: ) non ha senso aspettare, si aspetterebbe per sempre.
Io a  gennaio saluto tutti, si prova a dublino e se scatta lìopportunità lavorativa, si va a Londra  :pirurì: :zizi:

bigghele

  • Muciaccia
  • The Todd
  • Post: 138
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: Quando i paragoni ti succhiano via l'anima.
« Risposta #7 il: 30 August 2015, 14:25:16 »
Beh ma io non spero che succeda niente di male a quelli a cui va tutto bene :XD: a meno che non siano brutte persone per altri motivi indipendenti dalla fortuna sfacciata. Se continuassi ad avercela con chi ha qualcosa più di me morirei di rabbia, il mondo è pieno di gente più figa, più ricca, più intelligente. Ciao proprio :XD:

Per quanto riguarda il resto, io vivo all'estero ormai da un anno, e non mi sento cambiata nell'animo, sono sempre io. Sicuramente ho imparato ad essere più indipendente non avendo familiari vicino, a vivere usando una lingua che prima manco sapevo e a imparare come funziona un altro paese, in generale a badare a tutte quelle cose che impari quando devi cavartela da solo. Però non è che mi senta una persona diversa, ho guadagnato delle cose in più, quello sì. Anch'io penso che il cambiamento debba venire da dentro, che non sia andarsene o cambiare posto a risolvere magicamente tutti i conflitti interiori e i problemi, però sicuramente ti mette alla prova, impari qualcosa di nuovo, e fa bene. E' un'esperienza da fare potendo :zizi:

Posso chiederti come hai deciso di intraprendere questo percorso? Sono molto interessata alle motivazioni, ai pro e i contro che uno si calcola mentalmente prima di cambiare vita. Io vorrei tanto farlo, ma temo che sia solo un "capriccio" perché ho una situazione che urge una smossa, devo muovermi e cambiare, o mi sento male al solo pensiero di non farlo.

secondo me a una certa..."tocca dasse una mossa".

voglio vivere a londra? ci vado, amen...alla peggio torno al punto di prima. Soprttutto se non hai famiglia o lavoro a "legarti" (e cmq li ritieni corde solo se non hai un carattere particolarmente "coraggioso" diciamo cosi...come me  :asd: ) non ha senso aspettare, si aspetterebbe per sempre.
Io a  gennaio saluto tutti, si prova a dublino e se scatta lìopportunità lavorativa, si va a Londra  :pirurì: :zizi:

Dopo la magistrale, infatti, credo proprio che proverò a cercare lavoro fuori.

Dieffenbachia

  • First Queen Oberkommando ☂♥♥♥y
  • Ragnar Lothbrok
  • Post: 11727
  • Sesso: Femmina
  • SHRIMPS IN MY EYES! #LABABBIONA
    • Mostra profilo
  • (Re)Synch: 200
Re: Quando i paragoni ti succhiano via l'anima.
« Risposta #8 il: 30 August 2015, 15:25:16 »
Posso chiederti come hai deciso di intraprendere questo percorso? Sono molto interessata alle motivazioni, ai pro e i contro che uno si calcola mentalmente prima di cambiare vita. Io vorrei tanto farlo, ma temo che sia solo un "capriccio" perché ho una situazione che urge una smossa, devo muovermi e cambiare, o mi sento male al solo pensiero di non farlo.

Sono partita perché non avevo niente che mi trattenesse in sostanza :XD: e perché penso che questa sia l'età migliore, non hai ancora responsabilità come i figli, il mutuo, i genitori anziani, puoi ancora fare qualche pazzia a cuor leggero. Era un momento in cui avevo voglia di cambiare aria, non stavo lavorando né studiando, i miei genitori non avevano bisogno di me e i miei amici sarebbero sopravvissuti benissimo. Già da un po' col mio ragazzo pensavamo di andare a vivere insieme, così abbiamo pensato "perché non farlo all'estero? Così facciamo un'esperienza nuova", lui ha accettato la prima offerta di lavoro vantaggiosa che gli è arrivata in un posto che ci ispirasse (Berlino), ha lasciato il lavoro a Milano, abbiamo trovato casa e siamo partiti, di notte, in macchina, con tutti i nostri averi nel bagagliaio :XD: 

bigghele

  • Muciaccia
  • The Todd
  • Post: 138
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: Quando i paragoni ti succhiano via l'anima.
« Risposta #9 il: 30 August 2015, 15:44:08 »
Sono partita perché non avevo niente che mi trattenesse in sostanza :XD: e perché penso che questa sia l'età migliore, non hai ancora responsabilità come i figli, il mutuo, i genitori anziani, puoi ancora fare qualche pazzia a cuor leggero. Era un momento in cui avevo voglia di cambiare aria, non stavo lavorando né studiando, i miei genitori non avevano bisogno di me e i miei amici sarebbero sopravvissuti benissimo. Già da un po' col mio ragazzo pensavamo di andare a vivere insieme, così abbiamo pensato "perché non farlo all'estero? Così facciamo un'esperienza nuova", lui ha accettato la prima offerta di lavoro vantaggiosa che gli è arrivata in un posto che ci ispirasse (Berlino), ha lasciato il lavoro a Milano, abbiamo trovato casa e siamo partiti, di notte, in macchina, con tutti i nostri averi nel bagagliaio :XD:

Be', diciamo che la presenza del ragazzo è un punto a favore. Si vive anche come un'avventura da condividere e diventa qualcosa di molto più sicuro e propedeutico al futuro.

chiaretta86

  • Una donna, un eprchè, una salsiccia: pelle fuori, maiala dentro
  • Alicia Florrick
  • Post: 17431
  • Sesso: Femmina
  • SS Lazio 1900
    • Mostra profilo
Re: Quando i paragoni ti succhiano via l'anima.
« Risposta #10 il: 30 August 2015, 15:47:04 »
Sono partita perché non avevo niente che mi trattenesse in sostanza :XD: e perché penso che questa sia l'età migliore, non hai ancora responsabilità come i figli, il mutuo, i genitori anziani, puoi ancora fare qualche pazzia a cuor leggero. Era un momento in cui avevo voglia di cambiare aria, non stavo lavorando né studiando, i miei genitori non avevano bisogno di me e i miei amici sarebbero sopravvissuti benissimo. Già da un po' col mio ragazzo pensavamo di andare a vivere insieme, così abbiamo pensato "perché non farlo all'estero? Così facciamo un'esperienza nuova", lui ha accettato la prima offerta di lavoro vantaggiosa che gli è arrivata in un posto che ci ispirasse (Berlino), ha lasciato il lavoro a Milano, abbiamo trovato casa e siamo partiti, di notte, in macchina, con tutti i nostri averi nel bagagliaio :XD:
bello bello bello, cosi si fa.

Penso la stessa cosa. Ovviamente andare con qualcuno o trovare qualcuno lì (personalmente a Dublino avrò mia sorella, che è li da un paio d'anni) è un bel invcentivo...ma non è difficile oggigiorno trovare qualcuno che parta  :XD: soprattutto per certe città...

Altra piccola riflessione: sto Paese fa veramente cagare al giorno d'oggi...non si tratta di "mollare" o "rinunciare"...non si tratta di lottare...si tratta che va veramente a rotoli e non credo sia giusto farsi travolgere per poi sentirsi anche dire che i risultati dovremo subirli noi nei prossimi decenni  :XD:

Per rimanere in topic, ultimamente ho provato "invidia positiva" nei confrnti di una mia amica, che ha fatto il mio stesso percorso di studi ecc. ed è andata a lavorare a londra, sapendo praticamente zero di lingua (a differenza mia) e completamente da sola... però lì ho capito che è ora anche per me.

Dieffenbachia

  • First Queen Oberkommando ☂♥♥♥y
  • Ragnar Lothbrok
  • Post: 11727
  • Sesso: Femmina
  • SHRIMPS IN MY EYES! #LABABBIONA
    • Mostra profilo
  • (Re)Synch: 200
Re: Quando i paragoni ti succhiano via l'anima.
« Risposta #11 il: 30 August 2015, 15:56:36 »
Be', diciamo che la presenza del ragazzo è un punto a favore. Si vive anche come un'avventura da condividere e diventa qualcosa di molto più sicuro e propedeutico al futuro.

Sicuramente. Mi piace pensare che sarei partita anche da sola :asd: ma chi lo sa. Conosco però gente che è partita interamente da sola, non è così strano. Ecco, parlando di invidia, visto che non saprò mai se io sarei stata troppo cagasotto o meno, invidio loro per essere stati coraggiosi!

Comunque mica è detto che una volta che sei andata non puoi più tornare indietro. Se anche il tuo fosse un "capriccio" momentaneo non ci sarebbe nulla di male, non devi per forza mettere radici a vita. Magari ti dà nuove prospettive, anzi te le dà sicuramente :zizi:

Miss Reyes

  • Abed Nadir
  • Post: 1684
  • Sesso: Femmina
  • The Truth is out there
    • Mostra profilo
Re: Quando i paragoni ti succhiano via l'anima.
« Risposta #12 il: 31 August 2015, 20:17:07 »
L'invidia, che brutta bestia..

sarà il momento (chiamarlo momento è riduttivo.. periodaccio infinito direi  :zizi: :zizi:) difficile a livello economico che stiamo vivendo, ma credo che questo aumenti la propensione al confronto con gli altri di una persona, soprattutto sul piano lavorativo.
attorno a me vedo gente che si realizza, gente che parte per l'estero, gente che si sposa, che va a convivere.. fa parte della vita. c'è chi ha più coraggio e chi meno, c'è chi ha trovato l'anima gemella e chi no.
di tanto in tanto mi confronto anche io con gli altri, ma non sono affatto invidiosa, non desidero essere qualcun altro solo perchè ha raggiunto tra traguardi ed io no, o solo perchè vediamo dei momenti estremamente positivi che vivono gli altri mentre noi rimaniamo "al palo".. ognuno ha i propri alti e bassi, alcuni più alti che bassi, altri moolto più bassi che alti. 
se vedo qualcuno che si realizza in qualche cosa, a cui magari tengo anche io e non ci sono riuscita, non mi dispero, certo mi domando però perchè io non sono arrivata a tanto. ma non sono invidiosa della cosa e non "mando a quel paese" la persona.
a volte dipende dall'impegno che ci mettiamo, a volte dal fatto che ci sono persone più portate di noi a fare qualcosa, o semplicemente più furbe.
quando ero iscritta alla magistrale la competizione tra studenti era molto forte, il confronto sui voti degli esami era all'ordine del giorno. che stressante.  :zizi: :zizi: avevo come la sensazione che tutti si guardassero le spalle.. :wall: :wall:

riguardo al partire per l'estero, credo sia una bella opportunità, da sfruttare indubbiamente se se ne ha la possibilità e denaro da parte. se si parte con qualcuno che ha già avuto esperienza nel posto di destinazione tanto meglio, si eviterà di partire allo sbaraglio, perchè comunque prima di partire ci si deve informare su tutta una serie di cose, ovviamente.
devo dire che mi si era presentata questa occasione, non ho accettato. voglio prima vedere se riesco a trovare un impiego decente qui. lo so, non è facile, e nonostante io viva in una cittadina del nord-est, non c'è granchè di lavoro al contrario di quanto si pensi, numerose aziende hanno chiuso anche qui gli anni scorsi. moltissime persone che conosco che vivono nella mia zona si sono trasferite a Milano per cercare un impiego con delle prospettive. e poi c'è chi è rimasto, ed ha trovato comunque un buon impiego, senza raccomandazioni.
questione di fattore C, probabilmente. io non voglio mollare e provare a vedere ancora per un po' di mesi se c'è qualcosa in linea con i miei studi, e se non sarà così, comunque fare un lavoro che mi consenta di mettere qualcosa da parte. in tal caso prenderò seriamente in considerazione l'estero. ma vorrei partire con dei risparmi, non posso partire per Londra e farmi pagare l'affitto di una stanza dai miei, perchè non ho soldi.
« Ultima modifica: 31 August 2015, 20:23:37 da Miss Reyes »
"Io non lo so se è meglio amarti invano o non amarti per niente, io non so se smetterai mai di mancarmi" - Dolcenera
"Oh, think twice, cause it's just another day for you, you and me, in Paradise..just think about it" - Phil Collins
"Chi ama non sa vivere, io non imparo mai" - Dolcenera
"Why do you say to taking changes?
Never knowing if there's solid ground below, or hand to hold, or a hell to pay..what do you say?" - Celine Dion