Autore Topic: COME vi sentite in questo momento?  (Letto 1113202 volte)

peperuta

  • PERPETUA MEZZOSANGUE GINGER MALEFICA
  • Ahsoka Tano
  • Post: 15927
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20415 il: 26 November 2013, 13:00:28 »
Ho usato una figura retorica (che non è un paragone :interello: ) perché rende bene l'idea senza doverlo spiegare con mille parole e soprattutto enfatizza l'aspetto traumatico della vicenda.
A leggere le parole di Manrich mi sembra evidente, ma potrei sbagliarmi, che l'ostacolo non sia l'istruzione in sé, al contrario, che stia a casa o che sia a scuola la sua paura è di non essere all'altezza; questa sentimento di paura e inadeguatezza è così limitante che arriva al punto di piangere fino a non riuscire a respirare.
Come sai, io sono un sostenitore dell'educazione a calci in culo, sono cresciuto con quell'educazione e con il senno di poi devo ringraziare i miei genitori.
Però il calcio in culo non è la cura universale a tutti i problemi di un figlio e in questo caso sono convinto che non lo sia.

Questo è giustissimo, ma come dicevo sopra, il calcio nel culo non è la cura universale.
Se il suo problema fosse quello di un ragazzino ribbelle che dice "la squola è unammerda, non cio voglia e non ci vado!!11!!!", prendi tuo marito e insieme fate la catapulta infernale dei gemelli Derrick.
Ma se la sofferenza del figlio fosse come quella descritta da Manrich credo che nessun genitore potrebbe essere così superficiale e così cieco da mandarlo a scuola con la forza senza provare un approccio migliore.
Secondo me ti sei focalizzata troppo sul fatto che non vada a scuola, che è importante, ma è una conseguenza del problema, non la causa.
Ok, gli dai calci in culo fino al diploma e poi?
Gli sarà passata la paura di essere inadeguato?
Lo manderai a lavoro a calci in culo?
Lo manderai all'appuntamento con una ragazza a calci in culo?
Lo manderai a firmare il contratto della sua nuova casa a calci in culo?
Io penso che il modo migliore per affrontare questa situazione sia risolvere il problema alla radice.

Vabbè ma anche tu non focalizzarti su una cosa che dico per farmi sembrare cattiva :XD:  L'ansia che ha lui è relativa alla paura di non farcela e sicuramente i suoi gli hanno detto che è assolutamente ingiustificata, come gli stiamo dicendo noi. La può risolvere da solo varcando il portone.
Manrich probabilmente ha problemi seri, non lo so. Mi dispiace tanto se è così ma ultimamente leggo tantissimo di quello che non va a scuola, l'altro che ha paura dell'esame, l'altra che non si vuole laureare. Ognuno ha i suoi problemi e molti anche seri, e noi qui a dispensare anche volentieri sempre gli stessi consigli. Però c'è pure gente che si trincera dietro la paura (ma di cosa poi?) quando magari i genitori si spaccano  in 4 per farli studiare e semplicemente non hanno voglia di fare una mazza. Sembrerò dura e cinica ma sono dell'opinione che per alcuni (e manrich non è incluso) la  soluzione sia molto semplicemente IL CULO SULLA SEDIA.
Perù è come una navicella che per combustibile ha l'amore

DannyTrejo

  • Max Black
  • Post: 2949
  • Sesso: Femmina
  • Distant thing, I hold you and you'll touch my soul
    • Mostra profilo
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20416 il: 26 November 2013, 14:59:37 »
ma ultimamente leggo tantissimo di quello che non va a scuola, l'altro che ha paura dell'esame, l'altra che non si vuole laureare. Ognuno ha i suoi problemi e molti anche seri, e noi qui a dispensare anche volentieri sempre gli stessi consigli.

Su questo ti faccio una standing ovation :XD:
Però quello che sto dicendo io, e poi chiudo perché stiamo monopolizzando il topic e Manrich mi sa che è già a scuola :XD: , è che secondo me, a sensazione, il suo è un problema più serio del ragazzino non stimolato :zizi:

peperuta

  • PERPETUA MEZZOSANGUE GINGER MALEFICA
  • Ahsoka Tano
  • Post: 15927
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20417 il: 26 November 2013, 15:23:19 »
Su questo ti faccio una standing ovation :XD:
Però quello che sto dicendo io, e poi chiudo perché stiamo monopolizzando il topic e Manrich mi sa che è già a scuola :XD: , è che secondo me, a sensazione, il suo è un problema più serio del ragazzino non stimolato :zizi:

ho mangiato una pizza ieri che conteneva acido muriatico quindi ero ancora più simpatica del solito :bitchplease:
Diciamo che ho colto al balzo l'occasione anche perché recentemente mi è capitato di sentire i discorsi tra i figli delle mie colleghe o i racconti di mia zia che insegna. C'è chi ha problemi seri e reali ma c'è anche questa "moda" della depressione su cui molti adolescenti (e meno adolescenti purtroppo) si trincerano per non studiare o non fare una mazza. Però hanno tutti l'ultimo modello di cellulare e sono "depressi" anche perché non socializzano in maniera convenzionale. Per quello il metaforico calcio nel sedere, perché per risvegliare il torpore di certi ragazzini e le stupidaggini che hanno in testa gli darei volentieri due schiaffi (veri però).
Poi anche io non c'ho voglia di alzarmi la mattina e di andare a lavorare, ma ci devo andare. Punto. :sooRy: O forse i miei mi hanno educato in modo che anche se potevano darmi quello che chiedevo me lo facevano sudare sette camicie.
Sono vecchia, capitemi  :vecchio:
Perù è come una navicella che per combustibile ha l'amore

Makirama

  • elemosinatrice di undernick
  • Post: 0
  • Sesso: Femmina
  • Huh, what's your function?
    • Mostra profilo
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20418 il: 26 November 2013, 17:59:40 »
Stavo per scrivere un post, ma risulterei ripetitiva perché peperuta ha appena sintetizzato il mio pensiero nel suo ultimo post. Quindi quoto. E tutti voi, datevi animo.
Ce ne sono di cose brutte nella vita che non dipendono da noi, dalle quali non si può scappare e che non si possono cambiare in nessun modo, nemmeno se lo vuoi fortissimo, e io purtroppo lo so. Quindi non vi trincerate dietro queste paure e queste ansie, pensate che se volete (magari con un po' di lavoro su voi stessi o anche con l'aiuto giusto) potete cambiare la situazione!
Cos'è che rende un uomo neutrale? La sete di denaro? Di potere? O ci siete nati con il cuore gonfio di neutralità?!

Lisbeth__

  • Peggy Olson
  • Post: 1423
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20419 il: 26 November 2013, 21:51:54 »
Mi dispiace intromettermi nel discorso, che è interessante.

Io non ne posso più, è stato un anno di merda (quando vi dicono 'Avete Saturno contro, andrà tutto male', credeteci), è successo di tutto, e sono abbastanza stanca. Amo il mio ragazzo, sto bene con lui, però a volte..boh, non so nemmeno che pensare, litighiamo e mi sembra di stare su due mondi diversi. E' tutto un grande boh..voglio andare in un'isola deserta.

Scusate, avevo bisogno di scrivere qualcosa da qualche parte.

MAnrich

  • Richard Castle
  • Post: 3256
  • Sesso: Maschio
  • Elementary,My Dear Watson
    • Mostra profilo
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20420 il: 27 November 2013, 06:46:24 »
rieccomi, scusate ma senza portatile ( in assistenza ) e senza app di itasa su android mi riesce male scrivere se non dal fisso...
La mia come è gia' stato detto, non è mancanza di voglia, ma paura di non riuscire ( a passare la quinta ) e in piu' ci si mette una sorta di fobia sociale, che mi fa' star male se sono fuori casa...
ora c'è da aggiungere al pacchetto, il fatto che abbia fatto molte assenze, e non so' come la vedano i professori, e ho paura che giochi a mio svantaggio ( tutto questo non a livello di studio, li' piu' o meno ci siamo anche se saro' indietro x ste assenze... )
il fatto è questo : io voglio finirla la quinta, perchè voglio andare all'universita', dove tutto lo gioco grazie a me stesso, e dove posso andare finalmente a fare quello che mi piace... il problema è che ho questi blocchi che non me lo permettono.. e riguardo ai miei genitori...  MAGARI  avessi qualcuno che mi sproni un minimo, che ci mandi a calci in culo a scuolo, che mi faccia curare nel caso serva, ma purtroppo i miei, se ne fregano altamente..dopo avermi imposto il liceo e dopo che si sono separati ( e ho smesso di andare a scuola per questo motivo, idiota io lo so') se ne fregano altamente e pesano solo uno a trovare donne e l'altra a fare la massaia per il fidanzato montanaro piu' giovane. e se gli parlo dei miei problemi, escono fuori con i solitoi cosa vuoi che sia è tutta questione di testa... sei te che non ne hai voglia... MA NON è VERO! io se vado a suola sto male, se non ci vado sto male comunque per l'altro verso... è una situazione difficile da capire lo so' da solo...
ora spero che andando da uno psichiatra qualcosa si risolva ma anche li' suppongo ci voglia tempo, e non voglio perdere un'altro anno! no no no no!!

Post unito: 27 November 2013, 06:46:25
Ed eccomi qua appena sveglio a aspettare il treno che già mi sta prendendo il panico... Che gli dico ai prof che é un mucchio che non torno? E come faccio? Rispondendo a chi mi ha chiesto cosa prendo prendo daparox e xanax dati dal medico curante su consiglio si un suo amico psichiatra in attesa dell appuntamento con lo psichiatra... Alla scuola serale ci svevo pensato ma non ne trovo del liceo nei dintorni, e con dintorni intendo un raggio di 70 80 km... Oddio che passione...
contatto skype : Manrich007

BucketOfBunnies

  • Visitatore
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20421 il: 27 November 2013, 06:55:46 »
MAnrich perdonami se mi intrometto.
Non conosco bene la situazione quindi potrei dire cose senza senso ma a me pare di capire che tu debba mettere un attimo i tuoi obiettivi davanti a tutto. Davanti alle tue fobie, alle tue ansie, alla tua situazione familiare, alla tua situazione sociale.
Mi dispiace sapere dei tuoi genitori ma, a maggior ragione, se a loro non interessa vederti andare all'università dovresti stringere i denti e provare a superare l'anno per te stesso. Perché sei tu quello che vuole giustamente lasciare il liceo per cominciare qualcosa di diverso con l'università. L'unica persona che potrebbe trarre beneficio da un cambiamento sei tu. Sentirsi soli non è semplice e di certo non aiuta in situazioni simili, ma il minimo è riuscire a credere un po' in se stessi.
Hai un botto di assenze? Vai subito dal preside/dai docenti e cerca di capire com'è la situazione. Alla fine è "ancora" dicembre, studiando riusciresti a recuperare tutto in un mese. Dovresti però dimostrare di tenerci e imparare a diventare costante, sia con le presenze che con lo studio.
Usare la paura come "scusa" non farà che alimentare i tuoi blocchi, che sono - più o meno consapevolmente - autoimposti.
Parlare con qualcuno aiuterebbe [non conoscendo la situazione medica non mi permetto di consigliare/sconsigliare psichiatri etc] ma, detto con la mia solita finezza, la soluzione sarebbe cacciare le palle. Te lo dice una tutto-fobica probabilmente affetta da agorafobia e disturbo evitante di personalità :asd:
Prima impari a controllare, prevenire e superare i blocchi, prima finirai il liceo, prima andrai all'università, prima farai quello che ti piace. E se la paura di non riuscire è forte, la voglia di poterlo fare dovrebbe essere ben maggiore.
Non abbatterti.

E non preoccuparti di cosa dire ai prof, fai un bel respiro profondo e vai a scuola.

Perdona eventuali errori ma ancora non vado a fare le mie adorate 3 ore di sonno :asd:



MAnrich

  • Richard Castle
  • Post: 3256
  • Sesso: Maschio
  • Elementary,My Dear Watson
    • Mostra profilo
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20422 il: 27 November 2013, 08:47:03 »
letto ora il tuo post, appena "scappato" da scuola.. Sono arrivato davanti e sono letteralmente corso via... Tutto quello che dici é giusto, recuperare non sarebbe difficile considerando che ho anche le vacanze di natale a mio favore... L andare dal preside e dai docenti però, quello é un grosso problema, non ci riuscirei mai
.. Ho mandato un po si messaggi ai miei stamani, sperando che mi aiutino
Almeno andando a parlare con preside e docenti..
contatto skype : Manrich007

Jacob89

  • Visitatore
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20423 il: 27 November 2013, 09:22:31 »
rieccomi, scusate ma senza portatile ( in assistenza ) e senza app di itasa su android mi riesce male scrivere se non dal fisso...
La mia come è gia' stato detto, non è mancanza di voglia, ma paura di non riuscire ( a passare la quinta ) e in piu' ci si mette una sorta di fobia sociale, che mi fa' star male se sono fuori casa...
ora c'è da aggiungere al pacchetto, il fatto che abbia fatto molte assenze, e non so' come la vedano i professori, e ho paura che giochi a mio svantaggio ( tutto questo non a livello di studio, li' piu' o meno ci siamo anche se saro' indietro x ste assenze... )
il fatto è questo : io voglio finirla la quinta, perchè voglio andare all'universita', dove tutto lo gioco grazie a me stesso, e dove posso andare finalmente a fare quello che mi piace... il problema è che ho questi blocchi che non me lo permettono.. e riguardo ai miei genitori...  MAGARI  avessi qualcuno che mi sproni un minimo, che ci mandi a calci in culo a scuolo, che mi faccia curare nel caso serva, ma purtroppo i miei, se ne fregano altamente..dopo avermi imposto il liceo e dopo che si sono separati ( e ho smesso di andare a scuola per questo motivo, idiota io lo so') se ne fregano altamente e pesano solo uno a trovare donne e l'altra a fare la massaia per il fidanzato montanaro piu' giovane. e se gli parlo dei miei problemi, escono fuori con i solitoi cosa vuoi che sia è tutta questione di testa... sei te che non ne hai voglia... MA NON è VERO! io se vado a suola sto male, se non ci vado sto male comunque per l'altro verso... è una situazione difficile da capire lo so' da solo...
ora spero che andando da uno psichiatra qualcosa si risolva ma anche li' suppongo ci voglia tempo, e non voglio perdere un'altro anno! no no no no!!

Post unito: 27 November 2013, 06:46:25
Ed eccomi qua appena sveglio a aspettare il treno che già mi sta prendendo il panico... Che gli dico ai prof che é un mucchio che non torno? E come faccio? Rispondendo a chi mi ha chiesto cosa prendo prendo daparox e xanax dati dal medico curante su consiglio si un suo amico psichiatra in attesa dell appuntamento con lo psichiatra... Alla scuola serale ci svevo pensato ma non ne trovo del liceo nei dintorni, e con dintorni intendo un raggio di 70 80 km... Oddio che passione...

Già che i tuoi ti hanno imposto il corso di studi da frequentare (pratica purtroppo diffusissima che andrebbe sradicata totalmente) è un motivo per non stare più a sentirli perché mette già in luce che non ti vogliono capire, che tu devi fare così e amen. Detto ciò gran brutta situazione, mi spiace MAnrich, l'unica a questo punto è farti aiutare.

Andare a parlare coi professori secondo me non serve a nulla. I professori di oggi o comunque il 95% di loro si occupa di dare nozioni e mettere voti, non guardano nemmeno chi hanno in classe. Ho avuto anche io molti problemi quando ero più piccolo e ne avessi trovato uno capace di non dirmi le solite due frasi di circostanza. Se non riesci a spronarti, e capisco bene che in una situazione del genere sia molto difficile, l'unica è trovare qualcuno che ti aiuti a farlo.

nanozart

  • Proud #Mammutspamm'amamm't
  • *
  • Post: 12714
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20424 il: 27 November 2013, 10:23:20 »
Già che i tuoi ti hanno imposto il corso di studi da frequentare (pratica purtroppo diffusissima che andrebbe sradicata totalmente) è un motivo per non stare più a sentirli perché mette già in luce che non ti vogliono capire, che tu devi fare così e amen. Detto ciò gran brutta situazione, mi spiace MAnrich, l'unica a questo punto è farti aiutare.

Andare a parlare coi professori secondo me non serve a nulla. I professori di oggi o comunque il 95% di loro si occupa di dare nozioni e mettere voti, non guardano nemmeno chi hanno in classe. Ho avuto anche io molti problemi quando ero più piccolo e ne avessi trovato uno capace di non dirmi le solite due frasi di circostanza. Se non riesci a spronarti, e capisco bene che in una situazione del genere sia molto difficile, l'unica è trovare qualcuno che ti aiuti a farlo.
Non sono d'accordo.. Nella mia classe di liceo ho avuto compagne che hanno avuto problemi e quindi facevano molte assenze. I miei insegnanti si preoccupavano per loro o anche quando c'era un litigio in classe cercavano di aiutarci a risolvere.. 
Ovviamente bisogna trovare docenti disponibili ad aiutare l'alunno non solo con le conoscenze della propria materia.

Comunque MAnrich, mi dispiace per questa situazione.. Devi farti forza da solo visto che i tuoi se ne fregano..  Vedo in te una grande voglia di realizzare i tuoi sogni e di studiare all'università, quindi ogni volta devi pensare che per fare quello che ti piace devi superare questo ostacolo del liceo. Credi maggiormente in te stesso e vedrai che ce la farai :riot:
"Siamo musicisti. Abbiamo scelto di vivere questa vita. Abbiamo scelto una professione che richiede esercizio costante e dedizione, che quasi nessun altro riesce a capire. E' una vocazione difficile, ma quanti di voi farebbero un'altra scelta?" (Mozart in the jungle)

Jacob89

  • Visitatore
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20425 il: 27 November 2013, 10:31:52 »
Non sono d'accordo.. Nella mia classe di liceo ho avuto compagne che hanno avuto problemi e quindi facevano molte assenze. I miei insegnanti si preoccupavano per loro o anche quando c'era un litigio in classe cercavano di aiutarci a risolvere.. 
Ovviamente bisogna trovare docenti disponibili ad aiutare l'alunno non solo con le conoscenze della propria materia.

Fortunata a trovare quel 5% valido

peperuta

  • PERPETUA MEZZOSANGUE GINGER MALEFICA
  • Ahsoka Tano
  • Post: 15927
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20426 il: 27 November 2013, 10:39:34 »
Fortunata a trovare quel 5% valido

ma scusa però Jacob: uno non va a scuola, non ha voglia di studiare e la colpa è dell'insegnante che non lo stimola e non gli sta dietro?
Questi discorsi possono andare bene per le scuole medie, ma in quarta-quinta superiore sei già grandetto per aver bisogno di essere imboccato. Il docente deve fare la sua parte ma la volontà non si può inculcare tanto meno la voglia.
Perù è come una navicella che per combustibile ha l'amore

MAnrich

  • Richard Castle
  • Post: 3256
  • Sesso: Maschio
  • Elementary,My Dear Watson
    • Mostra profilo
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20427 il: 27 November 2013, 10:40:30 »
Non sono d'accordo.. Nella mia classe di liceo ho avuto compagne che hanno avuto problemi e quindi facevano molte assenze. I miei insegnanti si preoccupavano per loro o anche quando c'era un litigio in classe cercavano di aiutarci a risolvere.. 
Ovviamente bisogna trovare docenti disponibili ad aiutare l'alunno non solo con le conoscenze della propria materia.

Comunque MAnrich, mi dispiace per questa situazione.. Devi farti forza da solo visto che i tuoi se ne fregano..  Vedo in te una grande voglia di realizzare i tuoi sogni e di studiare all'università, quindi ogni volta devi pensare che per fare quello che ti piace devi superare questo ostacolo del liceo. Credi maggiormente in te stesso e vedrai che ce la farai :riot:

esatto, io vorrei solo riuscire sa superare questo scoglio..
le assenze sono diventate tante, forse troppe, so che c'è un limite, e non so' se lo ho passato...
i miei non mi aiutano nache ora ho discusso con mio padre che dice roba come : hai 23 anni, ci devi andare da solo a parlare con il preside e dirgli i tuoi problemi"... ma cristo, ho problemi a passare la porta della scuola con che logica secondo loro io riesco ad andare da un preside a dirgli i miei problemi e cercare di farmi aiutare? che poi cioè, spesso si potrebbe pensare ad una mia mancanza di voglia, giustamente, a un semplice espediente per rattoppare le assenze fatte..
cavolo, non pensavo si potesse stare cosi', sono sempre stato un tipo ansioso, ma una roba del genere non mi è mai capitata.. piango cavolo, piango ogni 10 minuti pensando che se non faccio qualcosa non potro' realizzare cio' che piu' mi sta a cuore... 
contatto skype : Manrich007

Cheddi

  • Cheddi Uells | Buzzkill Owl
  • *
  • Post: 1866
  • Sesso: Femmina
  • A suffusion of yellow
    • Mostra profilo
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20428 il: 27 November 2013, 10:51:12 »
MAnrich, che brutta situazione, mi dispiace per quello che stai passando  :nu:

Mi intrometto, lo so, però, visto lo scarso interesse dei tuoi genitori (perché sì, avrai pure 23 anni, ma magari non riescono a comprendere il disagio che stai provando), perché non farti aiutare da un fratello/sorella o da un amico, con cui magari senti di poterti confidare?
Puoi chiedere loro di farti compagnia mentre vai a parlare con il Preside o magari con un insegnante che, nel periodo in cui hai frequentato le lezioni, ti ha colpito perché ti sembrava disponibile.

Talvolta le situazioni ci sembrano insormontabili, ma in effetti basta poi solo una compagnia, qualcuno che possa farci sentire di non essere soli e allo sbaraglio. E se non sono i genitori, allora si deve trovare qualcun altro.

E mi sento anche di consigliarti, perché ho avuto un po' di esperienza di queste situazioni, di non ritardare ancora l'appuntamento con uno psicologo/psichiatra/terapeuta. Qualcuno che possa darti gli strumenti per affrontare questo periodo per te difficile, strumenti che, evidentemente, adesso non possiedi.

Un abbraccio, comunque  :hug:
Do I dare
Disturb the universe?
In a minute there is time
For decisions and revisions which a minute will reverse.

Haku

  • Post: 0
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: COME vi sentite in questo momento?
« Risposta #20429 il: 27 November 2013, 11:08:24 »
MAnrich, hai scritto che quei farmaci ti sono stati prescritti da un amico del tuo medico curante. Ti ha visitato, ci hai parlato in prima persona o è stato il medico a riferirgli il tuo stato?
Personalmente ritengo che prima di tutto tu necessiti di una psicoterapia fatta da psicologi competenti (non psichiatri, sono due cose diverse) per capire da dove nascono queste tue fobie e lavorarci sù per superarle. Solo dopo aver sentito il loro parere potrai valutare la necessità di consultare uno psichiatra che ti prescriva farmaci diversi, perchè è evidente che questa cura che segui attualmente non ti è d'aiuto e non migliora la tua condizione.