Autore Topic: Repubblica Cinematografica di Italiansubs (aka il film che ho appena visto)  (Letto 3348998 volte)

Aletranco

  • L'esaltato
  • *
  • Post: 3218
  • Sesso: Maschio
  • The ride ain't over
    • Mostra profilo
Su Netflix ho recuperato l'intera filmografia dei fratelli Safdie.

Good Time
Noir splendido, che si inserisce nel sottogenere After Hours di Scorsese, con un ottimo spaccato della New York "che non conta".
Spicca l'interpretazione di un Pattinson che già qui comincia a dare dimostrazione di aver intrapreso la strada di Christian Bale (da lubrificante di figa per quindicenni infoiate, a mago del trasformismo estremo).
Voto 8

Uncut Gems
Questo invece m'è piaciuto un po' meno: Più che altro bisogna passare indenni la prima mezz'ora, in un film caratterizzato da una scrittura abbastanza particolare (non ci sono dialoghi, più che altro sembra di stare in un talk show televisivo trash dove i partecipanti si urlano sopra non stop).
Questa particolarità è dovuta alla centralità del protagonista dal cui punto di vista vengono filtrati tutti gli eventi e che viene seguito dalla telecamera con inquadrature strettissime per tutto il film.
Interessante, anche se chiaramente soggettiva, l'evoluzione che lo spettatore può avere relativamente al parteggiare per il protagonista durante il film.
(clicca per mostrare/nascondere)
Secondo me comunque, un passo indietro rispetto al loro primo film, vale comunque la pena.
Voto 7

Per quanto mi riguarda i Safdie di questo passo nel giro di un decennio diventeranno due icone fondamentali del cinema americano contemporaneo, e vorrei dire che secondo me Uncut Gems non è assolutamente inferiore al meraviglioso Good Time, anzi!

Personalmente mi sono innamorato della progressiva tragedia di Good Time, ma l'intessitura drammaturgica di Uncut Gems è anche superiore: quello che secondo me è strabiliante non è tanto la questione morale sull'empatia/apatia nei confronti del protagonista (comunque interessante, soprattutto per il finale), ma il meccanismo devastante di suspense e di gestione dei conflitti che hanno messo in scena. Letteralmente in ogni minuto si creano nuovi contrasti su altri contrasti, conflitti su conflitti, l'intero film è pressoché un virtuosismo ininterrotto per vedere quanta ansia lo spettatore riesce a sostenere e quanti conflitti i Safdie riescono a far innescare attorno al personaggio tragicomico di Sandler prima che esploda. Il tutto girato, montato e fotografato come avrebbe fatto Robert Altman sotto steroidi e acidi lisergici (teleobiettivi a manetta, dialoghi in multitraccia che si sovrappongono di continuo, musica elettronica a palla, montaggio forsennato...), quindi non posso che ritenere il film già un cult dell'attuale decennio :metal:

E oggettivamente, se un qualsiasi film neo-noir mi mette
(clicca per mostrare/nascondere)
come sottofondo ai titoli di coda allora merita soltanto applausi :XD: :XD: :XD:
So, what have we learned? What's the lesson for today, for all the never-ending days and restless nights in Oz? That morality is transient? That virtue cannot exist without violence? That to be honest is to be flawed? That the giving and taking of love both debases and elevates us? That God or Allah or Yahweh has answers to questions we dare not even ask? The story is simple. A man lives in prison and dies. How he dies, that's easy. The who and the why is the complex part. The human part, the only part worth knowing. Peace.
(August Hill)

Serie seguite e terminate

Sherlockata

  • Piper Chapman
  • Post: 5836
    • Mostra profilo
Hogar
Thriller spagnolo che per certi aspetti ricorda Parasite (ma ovviamente siamo lontani anni luce come sceneggiatura) comunque guardabile.
Voto 6 e mezzo
“L’universo è solo un vuoto crudele e indifferente, la chiave per la felicità non è trovare un significato, ma tenersi occupati con stronzate varie fino a quando è il momento di tirare le cuoia”.
Mr. Peanutbutter (da BoJack Horseman)

manupelli

  • Alicia Florrick
  • Post: 16336
  • Sesso: Femmina
  • I Love You 3000
    • Mostra profilo
Zombies-La Vendetta Degli Innocenti,niente di che.

Dragon Trainer-La Rimpatriata :tenero:

The Invisible Man (2020) :notbad:

Può Darcy

  • Ragnar Lothbrok
  • Post: 14756
  • Sesso: Femmina
  • Vado soggetta ad amnistie cerebrali.
    • Mostra profilo
    • 😻🐷🦄🐌🐠🐍🐬🐮
Sempre su disney+ ho recuperato un po' di live action che mi mancavano


Cenerentola : atroce
Il libro della giungla : meh
La bella e la bestia : bellissimo
Aladdin : carino dai, pensavo peggio onestamente


Poi ho rivisto Tre scapoli e un bebè e Tre scapoli e una bimba, meglio il secondo del primo, Tom Selleck era veramente tanta roba in quel periodo
I promise if you keep searching for everything beautiful in this world, you will eventually become it.



T’insegneranno a non splendere. E tu splendi, invece. ~ She did not know yet that splendor is something in the heart.
[faut faire comme les éléphants, quand ils sont malheureux, ils partent][born to be mild]


Le serie tv che ho finito, che seguo, che vorrei guardare

lucaxt

  • Clark Kent
  • Post: 906
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo


Poi ho rivisto Tre scapoli e un bebè e Tre scapoli e una bimba, meglio il secondo del primo, Tom Selleck era veramente tanta roba in quel periodo

E, da fan sfegatato di Magnum P.I., trovo che fosse anche davvero molto bravo  :zizi:

scandalo

  • Peggy Olson
  • Post: 1303
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Paddington 1e 2 Carini entrambi.

Tron Non mi è dispiaciuto, ma vederlo ora è stato strano. Probabilmente vederlo all'epoca avrebbe avuto diverso valore.

krug

  • SJW, SJW, SJW. Did I mention SJW already?
  • Gregory House
  • Post: 7118
  • Sesso: Maschio
  • And my laughter the devil would frighten
    • Mostra profilo
Vivarium
Non è proprio atroce, ma la sufficienza la vede col binocolo.
Finale che si intuisce immediatamente, e ritmo che altro che slow burn  :asd: :asd: :asd:.
Va bene la metafora, scontatissima peraltro, ma bastava un corto di 5 minuti eh  :huhu:.
Voto 5
People think that PR means Public Relations, I have a different definition; It's Perception of Reality.                 
We are living in an era of woke capitalism in which companies pretend to care about social justice to sell products to people who pretend to hate capitalism. Clay Routledge
"The View" is the endgame of women's suffrage

Tommy_monaghan

  • Barney Stinson
  • Post: 6148
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Vivarium
Non è proprio atroce, ma la sufficienza la vede col binocolo.
Finale che si intuisce immediatamente, e ritmo che altro che slow burn  :asd: :asd: :asd:.
Va bene la metafora, scontatissima peraltro, ma bastava un corto di 5 minuti eh  :huhu:.
Voto 5
grazie risparmio tempo e banda

scandalo

  • Peggy Olson
  • Post: 1303
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
La la land
Non pensavo un film del genere potesse piacermi tanto, e invece.
Aspirazioni e rinunce in una Los Angeles dalle atmosfere sognanti.
Bellissime soundtrack e fotografia, e anche i due protagonisti.
Gosling che ormai ero abituato a vedere taciturno, col sangue sulla faccia e illuminato da luci al neon  :asd:

krug

  • SJW, SJW, SJW. Did I mention SJW already?
  • Gregory House
  • Post: 7118
  • Sesso: Maschio
  • And my laughter the devil would frighten
    • Mostra profilo
Un Petit Boulot
Ottimo thriller Francese con venature da black comedy, che poteva essere un quasi capolavoro prima della mezz'ora finale.
Complessivamente non vale comunque meno di 7,5.
Consigliato.
People think that PR means Public Relations, I have a different definition; It's Perception of Reality.                 
We are living in an era of woke capitalism in which companies pretend to care about social justice to sell products to people who pretend to hate capitalism. Clay Routledge
"The View" is the endgame of women's suffrage

Domens

  • Peggy Olson
  • Post: 1460
  • Sesso: Maschio
  • So say we all.
    • Mostra profilo
In questi giorni ho visto Before Sunrise, Before Sunset e Before Midnight.
Sono rimasto più che stupito da questa trilogia, mi sono emozionato una marea di volte e alla fine del terzo film ho avuto l'impressione di aver davvero conosciuto i due protagonisti.
Il mio preferito è stato Before Sunrise ma penso che sia esclusivamente perchè in pratica ho la stessa età dei protagonisti, sono sicuro che tra dieci anni il mio preferito sarà il secondo e tra vent'anni il terzo. E forse questo è il più grosso complimento che mi viene in mente di fare ad una trilogia del genere.  :zizi:

kicco14

  • Jonah Ryan
  • Post: 337
  • The universe is indifferent.
    • Mostra profilo
Yesterday: mmm... Danny Boyle... qui non ci siamo. Film molto molto debole, attori scarsi, non si salva niente. Le canzoni sono ovviamente immortali, ma rese in questo modo sono uno scempio totale.

God's Own Country: anche detto Brokeback Hills in Bradford. Non è neanche malaccio in realtà, ma tutto è telefonatissimo e si capisce da subito cosa sta per succedere in ogni singola scena. Apprezzabile il rapporto dei personaggi e la loro evoluzione. Minimo sindacale. Voto 6.

Maniac: woooow. Classico esempio da far vedere ai prevenuti del "eh ma i remake.........". Prende il film originale, ne segue la linea cambiando però ambientazione, adattandone i tempi, la location, il carattere e il fisico del protagonista, osando con una regia folle e funzionale, e ne viene fuori un prodotto che vale la pena guardare e che si differenzia dall'originale pur rimanendone comunque molto vicino. Dosato perfettamente tra gore e caratterizzazione del protagonista, sceneggiatura solida e finale soddisfacente. Tantissime trovate visive veramente spettacolari, e una colonna sonora anni '80 spettacolare. Insomma... un grande horror. Ovviamente l'analisi psicologica del protagonista è del tutto abusata nel cinema e non, ed è anche trattata in maniera un po' banalotta, ma stiamo parlando di un horror... non certo di un film di Malick, quindi basta e avanza. Adorato! Voto 8,5.

Levity: non capisco perché sia così poco conosciuto, visto il cast e visto che è comunque un bel film. Billy Bob Thornton è veramente in formissima, regge benissimo la scena e dà un notevole spessore al personaggio. Il resto del cast è perfetto. Musiche molto belle, testi anche, e storia non originalissima ma scritta molto bene. Parte finale un po' telefonata ma poi si chiude in maniera giusta senza rovinare tutto, e il rischio c'era. Piacevolissima sorpresa. Voto 7/8.
You can't take a picture of this, it's already gone.

"Don't put it in your pocket. It's your lucky quarter."
"Where do you want me to put it?"
"Anywhere not in your pocket. Or it'll get mixed in with the others and become just a coin. Which it is."

kicco14

  • Jonah Ryan
  • Post: 337
  • The universe is indifferent.
    • Mostra profilo
El Hoyo: mah... l'idea è veramente ottima, la presentazione del film pure, poi basta. Più si va avanti e più sembra che non sappiano dove andare a parare e come concludere la cosa. Mi piace quando un film ha qualcosa da dire, però poi devi anche saperlo dire. In ogni caso si lascia guardare ma speravo molto meglio. Rientra nella mia lista di film distopici per i quali la critica impazzisce, frase valida in entrambi i sensi ovviamente. Voto 6.
You can't take a picture of this, it's already gone.

"Don't put it in your pocket. It's your lucky quarter."
"Where do you want me to put it?"
"Anywhere not in your pocket. Or it'll get mixed in with the others and become just a coin. Which it is."

scandalo

  • Peggy Olson
  • Post: 1303
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Guns Akimbo
Spassoso, sono contento di averlo recuperato.
(clicca per mostrare/nascondere)
Se dovesse esserci un sequel lo vedrò.

andremilan1899

  • Clark Kent
  • Post: 957
  • Sesso: Maschio
  • Charlie? Charlie Runkle? Are you inside that woman
    • Mostra profilo
L'immortale