Autore Topic: [COMMENTI] Alias 5x06 - Solo  (Letto 1424 volte)

Bellatrix♋

  • Rick Grimes
  • Post: 2486
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
[COMMENTI] Alias 5x06 - Solo
« il: 22 June 2014, 13:10:12 »
Assolo - Solo

Peyton: "So… if I run into her?"
Dean: "Show her the professional courtesy of putting a bullet in her head."


Episodio molto carino che nonostante fosse un po' filleroso, mi è sempre piaciuto molto. Per certi versi è una puntata abbastanza inutile, incentrata sulla nuova recluta, Rachel, che ormai è ufficialmente la sostituta di una ingravidata Sydney. Questo fatto fa perdere qualche punto all'episodio, ma per il resto gli trovo solo elementi positivi.
Il primo della lista è proprio il tema di fondo, la solitudine, uno dei miei preferiti nei film e nelle serie. La solitudine viene analizzata su più piani, sia a livello professionale che personale. Quello della spia è un mestiere solitario, un mestiere che ti porta a segreti e menzogne e che finisce per allontanarti dalla famiglia e dagli affetti, come successo a Rachel, che si può comunque dire fortunata. A Sydney invece è andata anche peggio, perché i suoi affetti non le sono solo lontani, ma sono addirittura morti. Non a caso la scena finale in cui Syd sulla sedia a dondolo fa ascoltare al suo bambino la voce di papà Michael è stata a dir poco straziante, e, oltre alle lacrime, mi faceva urlare contro lo schermo un rabbioso PERCHÉ?????  :?$%&:
Ma oltre al rapporto che Sydney e Rachel hanno con i propri cari, è interessante in questo episodio il rapporto che si viene invece a creare tra le due. Per prima cosa viene confermato ed accentuato ciò che era stato già intuito in The Shed, un rapporto quasi materno da parte di Sydney nei confronti della nuova recluta: Sydney le fa da maestra non solo perché le insegna qualche strategia o i trucchi del mestiere, ma proprio perché la assiste a livello psicologico, non la lascia mai sola, la fa sempre sentire protetta sotto la sua ala materna. Sydney fa questo per il suo buon cuore, e perché il suo istinto materno si sta già facendo sentire, ma anche perché in Rachel rivede se stessa, e vuole essere per lei l'aiuto che Vaughn era stato per lei a suo tempo, per quanto i due rapporti siano molto diversi (e per quanto abbia da dire Jack, non sarà mai la stessa cosa). Questo le fa rivangare l'inizio del loro amore, tra incontri clandestini e contromissioni, e mi fa venire una gran nostalgia. :cry:

Oltre alla solitudine, come ho scritto prima ci sono altri elementi che ho apprezzato dell'episodio, come la divertente missione in India, o come l'adrenalinica missione sulla piattaforma petrolifera. Come ho già detto un milione di volte, la scelta dei luoghi per me conta molto, e quella piattaforma è stata azzeccatissima, qualunque cosa ci avessero fatto succedere credo ne sarei stata soddisfatta.
Rachel si traveste da prostituta, proprio come accaduto a Sydney più di una volta in passato (anche se la più memorabile resterà sempre quella di Phase One :huhu:), con una parrucca oscena e un look improbabile, regalandoci una scena abbastanza esilarante. Ma il tizio che le voleva saltare addosso non è l'unico dei suoi problemi, perché ritorna anche LEI, la mitica Kelly Peyton! Amy Acker mi piace troppo, non so che dire! Qualunque cosa faccia o dica, io la adoro, e qui è stata anche meglio del solito. E il suo mega tuffo finale resta una delle cose più memorabili dell'intera serie. :metal:

Oltre a tutto questo, abbiamo un breve ritorno di Mia Maestro, cosa che ci fa ben sperare per un suo ritorno in un prossimo futuro. Nadia ci manchi! :T_T:

Infine, una piccola nota: questo episodio è stato scritto da Jeffrey Bell (Buffy), e in effetti questo episodio aveva qualche eco alla Buffy, in particolare per alcuni dialoghi rapidi e brillanti, e anche un piccolo riferimento...infatti Marshall ad un certo punto dice "Great. We're five by five." Faith!!!!! :huhu:

Voto: 8 meno

ITINERARIO: Bombay; Marsiglia; Mare della Cina del Sud.
WIGS and DISGUISES:
(clicca per mostrare/nascondere)
I was initially planning on being a casual fan, but then I thought, why not just let it consume my soul instead?