Autore Topic: [COMMENTI] Alias 4x21 - Search and Rescue  (Letto 1302 volte)

Bellatrix♋

  • Rick Grimes
  • Post: 2486
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
[COMMENTI] Alias 4x21 - Search and Rescue
« il: 21 May 2014, 22:48:12 »
Salvataggio - Search and Rescue

Vaughn: "We’ve been tasked to rescue a woman who killed my father, your mother, who is supposed to be dead, by the way, and to disable a giant red ball floating over a Russian city."
Sydney: "Crazier things have happened."
Vaughn: "That’s kinda my point."


Prima parte del finale di stagione: una bomba. Questo episodio mi piace da impazzire, e non solo lo considero uno dei migliori della stagione, ma anche dell'intera serie. E la ragione non è solo ciò che succede nella scena finale (ok, magari un po' anche per quello :love:) ma proprio per la puntata nel suo complesso.

La scena si apre su un flashback di 14 mesi prima (non era mai successo che un episodio di Alias cominciasse con un flashback), a Vienna, dove Jack incontra Irina, che ricompare in scena per la prima volta dal finale della seconda stagione...ben tornata Lena Olin!
Quindi assistiamo finalmente al famigerato uxoricidio di cui tanto si era parlato negli ultimi venti episodi: una scena molto classica e che ho apprezzato molto, con i due ex coniugi che ballano in solitaria davanti ad una piscina elegante, ballo che si conclude, in perfetto stile da film noir, con un proiettile in piena fronte.

Nel presente, Jack non riesce a smettere di pensare a ciò che ha fatto, e si aggrappa sempre di più a quanto detto da Dixon, cioè che Irina potrebbe essere ancora viva. A differenza sua, Sydney non ci vuole credere: la sua è forse una forma di protezione, non vuole aprire il suo cuore alla speranza perché ha troppa paura di soffrire. E non posso di certo biasimarla, povera Syd!
Qual è invece la reazione di Nadia? Nadia vuole davvero credere che sua madre sia viva, come una sorta di rivalsa nei confronti di Jack e della sorella, come se solo un ritrovamento di Irina viva potesse assolvere i due dal tradimento attuato nei suoi confronti. E su questo punto, sono rimasta di nuovo sorpresa dalla non reazione di Nadia. In realtà una reazione ce l'ha, ma niente a che vedere con quanto ci era stato prospettato sin dall'inizio della stagione. Nel finale della 4x02 Nadia aveva giurato di uccidere chiunque si fosse rivelato l'assassino di sua madre, e in The awful truth, scaricando una raffica di proiettili su Bishop, aveva dimostrato di voler tenere fede alla parola data. Più avanti nella stagione si era parlato della famosa profezia secondo cui il Prescelto e il Passeggero si sarebbero uccisi a vicenda (cosa di cui si era già parlato nella terza stagione), e insomma tutto faceva presagire che Sydney e Nadia si sarebbero scontrate, e che l'azione di Jack contro Irina ne sarebbe stata la causa scatenante. Non è così. Il tutto si è rivelato solo un McGuffin. Nadia si arrabbia per non più di cinque secondi, e tutto è dimenticato. Il fatto che in questo finale di stagione ci fossero problemi ben più grandi da affrontare, è sicuramente una motivazione per cui gli autori hanno un po' tralasciato questa parte, e se da un lato mi dispiace perché forse si pecca un po' di incoerenza, dall'altro lato ne sono contenta perché uno scontro tra sorelle non mi sarebbe piaciuto.

In ogni caso, da quel momento in avanti comincia la "caccia a Irina", tema centrale dell'episodio, che si divide in due straordinarie parti. La prima parte, a Ibiza, vede Sydney e Vaughn alle prese con uno degli uomini di Elena Derevko, Lucien Nisard, già incontrato nella scena iniziale di The Descent: quella che in apparenza è la solita missione in un locale alla moda, invece si rivela una scena supersexy tra i quasi-promessi sposi, con tanto di Jack in ascolto (si è tenuto alla larga dalla vita privata di sua figlia per secoli, e adesso si ritrova protagonista di queste scene ben due volte nel giro di due episodi :huhu:): lo scambio di battute fra i due non ci rivela niente di nuovo, Sydney è aggressiva, e a Vaughn questo piace molto...del resto si sapeva che lui è sempre stato la sua puttana...:huhu:
Tornando alle cose serie, come si spiega la morte-non-morte di Irina? Nel modo più semplice, tanto più per questa serie dove si è già ampiamente parlato di duplicati: il progetto Elica (e per chi non lo ricordasse, si vada a rivedere la 2x14 Double Agent, o ripensi alla nostra cara alt-Francie). Mi è piaciuto questo andare a rivangare il passato, tanto più adesso che siamo a un passo dalla stagione finale.
Una volta appresa la notizia, ho apprezzato il fatto che la cosa che più ha impressionato Syd, più ancora del fatto che sua madre fosse stata duplicata, è il fatto che una donna si sia offerta di morire pur di portare avanti il piano. Una seguace di Rambaldi, spiegano. Un'altra fanatica che dà più peso alla sua follia che non alla propria vita...è una cosa molto molto triste.
In ogni caso, in tutto ciò, Sydney che annega Nisard nel water è stata la ciliegina sulla torta di una scena tanto sexy quanto divertente (che poi vogliamo parlare della faccia di Vaughn mentre assiste alla scena del water? Della serie "è davvero questa la donna che voglio sposare?" :paura: :rofl:), e a dare il tocco di classe ci si mette di nuovo il suo look: il suo vestitino era stupendo, e la parrucca bionda, abbinata ad un trucco perfetto, rendono questo travestimento uno dei più belli di tutta la serie, senza dubbio.
La seconda parte della missione centra il bersaglio e finalmente anche la vera Irina viene riportata in scena. La foresta del Guatemala è stata un'ottima ambientazione, soprattutto per la fuga delle tre donne con tanto di sparatorie, bastonate ed esplosione finale. :metal: E a proposito...Nadia nella scena di lotta è stata molto fuck yeah! :metal:

Bellissimo l'incontro tra Jack e Irina: quello schiaffone è stato perfetto, perché in un simile contesto, che cosa si sarebbero potuti dire quei due? Così hanno risolto il problema, un gesto che vale più di mille parole.
In seguito, la confessione di Irina in aereo è stata agghiacciante: sua sorella l'ha torturata per mesi e mesi, come è possibile una tale atrocità? Inoltre Irina rivela il nome del manoscritto di Rambaldi che parla di ciò che sta per accadere, "Il Diluvio", che ci preannuncia già il titolo del prossimo episodio.

Nel frattempo però il mio parlare del salvataggio di Irina mi ha distratto da un fatto molto importante, e cioè che il piano di Elena è stato ormai messo in atto, e che ci si prepara alla resa dei conti vera e propria, ci si prepara al gran finale: ciò che è accaduto alle api del monastero in In dreams, sta ora succedendo agli abitanti della città russa di Sovogda, i quali, avvelenati con l'acqua infetta dell'orchidea, e ora sotto l'influsso delle frequenze della sfera rossa, sono tutti impazziti, diventando violenti e indomabili. E fu così che dopo ben 4 stagioni e 87 episodi, si scoprì a cosa serviva davvero il congegno di Mueller, apparso sin dal pilot: "semplicemente" è un congegno che fa fare a una palla ciò che una palla sa fare meglio, cioè girare, e girando questa emette frequenze in grado di modificare il comportamento umano. Credo che a tutto ciò ci sia semplicemente da inchinarsi: pur nella fantascienza, direi quasi nel fantasy, gli autori sono riusciti a dare una spiegazione totalmente scientifica, quasi plausibile, una cosa talmente realistica che viene quasi il dubbio che non si tratti di qualcosa di realmente accaduto.

Ma veniamo finalmente alla scena conclusiva della puntata: la famigliola al completo (mamma, papà, sorelle e futuro genero) si prepara a una gita di famiglia, ovvero paracadutarsi su una città infestata da maniaci pazzi sotto l'influsso di una gigantesca palla rossa...se non è essere dei geni questo, ditemi voi che cos'è. Ma non è questo il punto su cui mi volevo soffermare.

I was gonna take you to the beach, Santa Barbara. We’d go out for a walk, maybe when the sun was setting. But now we’re here, and I don’t know what we’re jumping into. And I may never get another chance to do this again. Sometimes I wake up before you do, and I watch you sleep. And I’m overwhelmed because. . .you’re so amazing. And I don’t know why I’m lucky enough to have you in my life, but you’re here with me. And I know I want to spend the rest of my life with you, trying to make you as happy as you make me. Sydney Bristow, will you marry me?

:tenero:

Semplicemente stupendo. :cry: In genere non amo le proposte di matrimonio, sarà che anche quando le vogliono mettere giù in maniera semplice, si finisce sempre con lo scadere nello sdolcinato, nello smielato, nel diabetico. A mio parere qua ciò non è successo. Sarà che adoro talmente questa coppia che digerirei qualsiasi stomachevole scena tra loro due, sarà che la semplicità, pur romantica, delle parole di Vaughn mi ha colpita davvero. Non si limita a fare dei complimenti alla donna che vuole sposare, ma parla principalmente di se stesso: parla di come lei lo renda felice, di come lui sia fortunato, di come non si capacita della sorte favorevole che gli è toccata nel poterla avere accanto, si dice addirittura sopraffatto da tale situazione. Quindi in un certo senso una dichiarazione un po' "egoistica", ma proprio per questo reale e sincera e non costruita. E poi si torna a parlare di Santa Barbara, del famigerato viaggio che hanno fatto solo nei loro sogni: comincio a pensare che quel posto porti sfiga :paura:
So che alcuni hanno criticato il fatto che, per l'ennesima volta, una scena importante per la vita privata dei protagonisti si sia dovuta svolgere di corsa causa apocalisse imminente: non hanno tutti i torti, ma ormai abbiamo capito che questo è lo stile della serie, non ci vuole dare un attimo di tregua, neanche per momenti del genere, e così come i due protagonisti si sono baciati per la prima volta sulle macerie dell'SD-6 subito dopo la guerra, così il loro fidanzamento doveva avvenire a bordo di un aereo militare un secondo prima che si paracadutassero su un inferno. Questo è il vero Alias e a me piace così com'è.

Altre due note sull'episodio:
-Sloane ed Elena non compaiono neanche per un istante. Come ho detto, ci si sta preparando al gran finale, ma questo ancora non lo era a tutti gli effetti, era molto concentrato su Irina ma non ancora sulla Sfera di Mueller e Sovogda. E a proposito di Elena, non ricordo se in questo episodio  o più probabilmente in quello precedente, si scopre che c'era lei dietro la Convenzione. Applausi, decisamente applausi. Sembrava impossibile riuscire ad incastrare nel tutto anche un pezzo del puzzle grosso come un elefante, quale era in effetti la Convenzione e quindi la storyline principale della terza stagione, eppure ci sono riusciti. Di nuovo applausi: :clap:
-come preannunciato, alcuni elementi dei filler sono tornati nel finale, come Martin Bishop di cui parla Nadia a Vaughn (eredità della 4x03) o come il famigerato Indice Blackwell ereditato dalla 4x10 The Index: alla fine Jack aveva deciso di tenerlo per buoni fini, e il suo coinvolgimento di Marshall lo assolve a pieno titolo.

Voto: 10 meno

ITINERARIO: Ibiza; Tikal (Guatemala). Nei flashback: ambasciata britannica a Vienna.
WIGS and DISGUISES:
(clicca per mostrare/nascondere)
« Ultima modifica: 20 June 2014, 16:51:55 da Bellatrix♋ »
I was initially planning on being a casual fan, but then I thought, why not just let it consume my soul instead?