Autore Topic: [COMMENTI] Alias 2x03 - Cipher  (Letto 2150 volte)

Bellatrix♋

  • Rick Grimes
  • Post: 2486
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
[COMMENTI] Alias 2x03 - Cipher
« il: 14 October 2013, 14:04:28 »
Cifre - Ciphers

Irina:  I've had this picture of your face in my mind for twenty years. I remember a loving husband, generous man, patriot. I may have been under orders to fabricate a life with you, but there were times when the illusion of our marriage was as powerful for me as it was for you, especially when Sydney was born. Looking at you now, I see that illusion is finally gone.


Questo episodio l'ho sempre considerato come un "Trust me parte 2" perchè di fatto continua tutte le storie della puntata precedente senza aggiungere granché di nuovo. Riguardo la faccenda della telecamera, scopriamo che l'obiettivo è piazzarla su un satellite per scoprire dalla conformazione del territorio dove si trovasse una misteriosa caverna descritta da, indovina indovinello, Rambaldi!!! Che a quanto pare ci ha nascosto un carillon!
E infatti in questo episodio, come lo stesso titolo suggerisce, il tema dei numeri e dei codici è al centro dell'attenzione, in particolare l'associazione tra matematica e musica. E mi è piaciuto il fatto che si sia colta l'occasione per fare qualche cenno a quei codici segreti che tanto vengono usati nel mondo dello spionaggio. In questo caso i codici sono i nomi di quattro famosi romanzieri russi(Chekov, Tolstoj, Dostojevski, Nabokov), e non è la prima volta(né l'ultima) che nella serie compaiono riferimenti ai loro romanzi se non agli stessi scrittori, tanto che mi piace considerarlo come l'ennesimo easter egg!! Tanto più ora che abbiamo tra i protagonisti una russa il riferimento era d'obbligo! (il fatto che sia interpretata da un'attrice svedese è solo un dettaglio :huhu:).
Passiamo oltre: Sark è tornato!!!!!!!!! :metal: cominciavo a sentirne la mancanza! Il fatto che fosse entrato fra i regulars lasciava presumere che sarebbe presto ricomparso in scena, ma comunque mi ha fatto fare un salto sulla sedia il rivederlo. Tra l'altro all'epoca ero rimasta davvero sorpresa nel vedere il suo inserimento nel cast fisso, dal momento che nella prima stagione non era stato un personaggio così importante: a questo punto il mio pensiero è che avesse riscosso abbastanza successo fra il pubblico da far propendere gli autori per un suo ingaggio fisso, ma questa è solo una mia supposizione.
In ogni caso Sark in quanto ad arrampicatore sociale e non solo, ha fatto un gran lavoro: dal momento che Khasinau è morto e che la Derevko si è consegnata alla CIA, ora è lui il capo dell'organizzazione senza nome lasciata dalle due spie russe. Sark è astuto, e durante la preparazione al lancio del razzo intuisce subito che qualcuno lo sta sabotando (probabilmente capisce anche che si tratta proprio di Sydney), e la poveretta per poco non viene arrostita come un pollo!! Di tutta questa missione mi è piaciuta molto l'adrenalina della fuga repentina di Syd inseguita dalle lingue di fuoco(proprio come nel caveau del museo algerino in The Solution) mentre mi è piaciuta meno la sua tutina rossa che mi fa inesorabilmente pensare a Capitan Ventosa -.-'.
La seconda missione, quella tra i ghiacci, è molto bella, soprattutto per la misteriosa musica del carillon, ma anche qui con un difetto, questa volta di scenografia: secondo me l'ambiente montano, la neve, il ghiaccio e tutto quanto, era finto in modo un po' troppo evidente. Strano, visto che normalmente le location e le ambientazioni di questa serie sono fatte molto bene, però ogni tanto c'è qualche caduta di stile veramente pessima. :doh:
Ma la cosa più importante dell'episodio è che è la giornata dei primi incontri, ne abbiamo infatti ben tre:

~Irina&Jack: questo era sicuramente il più atteso, e in effetti mette un po' i brividi.
Nessuno dei due perde la calma, anzi la freddezza che entrambi dimostrano è sconvolgente. Jack quasi non parla, ha uno sguardo assassino che fa venire la pelle d'oca, e le poche parole concitate che escono dalla sua bocca servono solo a chiarire la posizione dei tre membri della famiglia all'interno di quella situazione: due agenti che devono collaborare con una terrorista, niente di più, per cui se Jack s'impegnerà a non uccidere la donna che ha amato e poi odiato, così Irina deve impegnarsi a collaborare senza sfruttare l'occasione per irretire lui o Sydney. Dal canto suo Irina gli fa un bellissimo discorso. Bellissimo perchè non implora la sua pietà, rimane coerente a se stessa e non si pente di ciò che ha fatto né tantomeno lo nega. Ma, in tutta quella gigantesca menzogna, trova un po' di realtà spiegando a Jack che la finzione del loro matrimonio a volte ha ingannato lei quanto lui, e che quindi un briciolo di realtà c'è stata per entrambi, e che anche lei potrebbe averlo amato nonostante l'illusione in cui entrambi hanno vissuto.

~Will&Vaughn: e finalmente il famigerato incontro tra i due spasimanti di Sydney!! Quella scena in ascensore l'ho amata molto, sarà perchè è uno di quei momenti che, anche se non sono di importanza così cruciale, sono comunque talmente attesi che li vivi come la scena più importante del mondo. E come si comportano l'uno con l'altro i due galli nel pollaio?? Sono entrambi molto amichevoli e gentili l'uno con l'altro, ma si annusano subito la reciproca gelosia, in particolare quando Will si accorge che Vaughn non è solo un collega per Syd ma anche un amico molto intimo visto che le fa regali per Natale e conosce tutto della sua vita privata. Will ci resta male, si sente escluso, ma questo non nega la reciproca cordialità tra i due. Del resto sono entrambi uomini di buon carattere, pacifici, gentili, e Will pure un po' "burlone"...certo se al loro posto ci fossero stati Jack e Sloane la situazione sarebbe stata abbastanza diversa.
Questo ci porta alla regressione ipnotica di Will per recuperare i suoi ricordi durante il rapimento, che è forse la scena migliore dell'episodio, o forse lo è solo per me, perchè adoro ipnosi, lavaggi del cervello, viaggi nella mente e cose simili, e credo sia soprattutto questo che, almeno nella mia opinione, fa guadagnare a questo episodio quel punticino in più rispetto a Trust me.

~Sydney&Sark: ci riflettevo ora per la prima volta, e cioè che questo è il primo vero incontro ufficiale tra i due nemici. È vero, si sono già incontrati in passato, ma mai in modo così diretto: la prima volta era stato in The Solution ma Syd era mascherata e Sark non sapeva di avere davanti lei; poi c'era stata la scena canterina a Parigi, ma Syd stava, appunto, cantando, e quindi lei e Sark non avevano avuto modo di rivolgersi la parola, o anche solo guardarsi negli occhi. Ora questo succede, dentro a una caverna di ghiaccio, ma tra i due non c'è di sicuro bisogno di presentazioni, anche perchè la loro fama li precede, dal momento che nel loro mestiere sono entrambi dei fuoriclasse.

Ora, tornando a parlare dell'allegra famigliola, vorrei sottolineare la faccenda della recita scolastica di Sydney: in un certo senso viene mandato alle ortiche tutto il bel discorso di distacco emotivo che Sydney aveva fatto alla madre nel finale dell'episodio precedente. Dovevano limitarsi ad un freddo scambio di informazioni, e invece si ritrovano a parlare da madre e figlia: questo fa dispiacere per Sydney, che si fa subito affascinare dalle doti ammaliatrici di Irina, dimostrando poca coerenza e poca forza di volontà rispetto a poco prima; e denota inoltre come Irina stia affilando i suoi artigli, perchè si vuole insinuare sempre di più nell'animo di figlia ed ex marito, e più è materna con loro, più io la trovo inquietante da paura!! :paura:
In conclusione la cosa migliore di tutto ciò è che scopriamo che nella famosa recita scolastica del Ringraziamento di oltre 20 anni prima Sydney aveva interpretato un tacchino :rofl:, e per la precisione l'unico tacchino graziato dal massacro del Thanksgiving day! :XD:
L'episodio si conclude con il primo cliffhanger della stagione, e Sydney intrappolata tra i ghiacci direi che è un buon cliffhanger.

Voto: 8

ITINERARIO: Sri Lanka; Siberia
WIGS and DISGUISES:
(clicca per mostrare/nascondere)
« Ultima modifica: 17 February 2015, 22:51:37 da Bellatrix♋ »
I was initially planning on being a casual fan, but then I thought, why not just let it consume my soul instead?

Rotang14

  • Visitatore
Re: [COMMENTI] Alias 2x03-Cipher
« Risposta #1 il: 17 February 2015, 22:28:00 »
Sydney che interpretava un tacchino e Will che dice a Vaughn che se lo immaginava più vecchio valgono l'intero episodio (quasi) :XD:
Interessante anche come Sloane si stia pentendo della morte di Emily e la chiamata ricevuta dal B&B, mi chiedo dove ci porterà tutto questo. :scettico: E anche l'apparente "rivalità" (se così si può definire) tra Will e Vaughn.

Ho storto un po' il naso al metodo di ipnosi con cui Will riesce a ricordare dei nomi minuscoli su uno schermo che ha visto di sfuggita, ma vabbè un po' di sospensione dell'incredulità ogni tanto non fa male. :zizi:

Bellatrix♋

  • Rick Grimes
  • Post: 2486
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
Re: [COMMENTI] Alias 2x03-Cipher
« Risposta #2 il: 17 February 2015, 23:01:12 »
Ciao, bentornato!  :pirurì:

Mi accorgo adesso riaprendo questi topic dopo tanto tempo che alcune delle immagini si sono ingigantite da sole e non me lo spiego :doh: -.-'


Sydney che interpretava un tacchino e Will che dice a Vaughn che se lo immaginava più vecchio valgono l'intero episodio (quasi) :XD:

Sì anch'io ho amato molto entrambe quelle scene :asd:

Citazione
Interessante anche come Sloane si stia pentendo della morte di Emily e la chiamata ricevuta dal B&B, mi chiedo dove ci porterà tutto questo. :scettico:

:huhu:


Citazione
Ho storto un po' il naso al metodo di ipnosi con cui Will riesce a ricordare dei nomi minuscoli su uno schermo che ha visto di sfuggita, ma vabbè un po' di sospensione dell'incredulità ogni tanto non fa male. :zizi:

La sequenza dell'ipnosi per me è forse la parte migliore dell'episodio però anch'io ho sempre trovato assurdo ricordarsi di qualcosa a cui, anche in quel momento preciso, non aveva fatto caso...voglio dire, lui passa davanti al computer e non fa mica caso ai nomi, come può ricordarsi di qualcosa che non aveva neanche letto?
Però questa cosa l'ho vista applicata anche in altri telefilm/film per cui o siamo noi che non comprendiamo certi meccanismi del cervello, oppure questa forzatura è talmente diffusa che ormai non si preoccupano nemmeno di mascherarla  :sooRy: 
I was initially planning on being a casual fan, but then I thought, why not just let it consume my soul instead?