Autore Topic: [COMMENTI] Alias 2x02-Trust me  (Letto 2306 volte)

Bellatrix♋

  • Rick Grimes
  • Post: 2486
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
[COMMENTI] Alias 2x02-Trust me
« il: 14 October 2013, 13:53:14 »
Fiducia-Trust me

Sydney: Let's get something clear. You are not my mother. My mother was Laura Bristow. Laura Bristow died in a car accident twenty-one years ago. You are a traitor and a prisoner of the United States government. Look at me! We will interact only when necessary. You will address me as "Agent Bristow" and answer only the questions I ask. There will be no personal anecdotes, no comments about my job performance, no condolences or congratulations. Do you understand me? Do you understand?
Irina: Yes... Agent Bristow.


Episodio incentrato, e a buon diritto, su Irina Derevko, che finalmente ci viene presentata come personaggio completo.
Irina è inquietante più che mai, e le visite dei vari personaggi che si susseguono nel corso dell'episodio, sembrano le visite di Jodie Foster ad Hannibal Lecter: a questo proposito trovo ottima l'idea di aver fatto sì che Irina si consegnasse spontaneamente, perchè dà l'idea che la donna abbia tutte le carte in mano, che tutti, ma proprio tutti, anche chi la tiene prigioniera, siano solo delle pedine del suo misterioso gioco. :paura:
Un altro evento importante dell'episodio è sicuramente il ritorno dell'agente Kendall (Terry O'Quinn) come nuovo direttore del centro operativo CIA, e con egli anche un nuovo ambiente, cioè appunto il centro operativo che in seguito verrà definito "La Rotunda": questa è la prima volta che Sydney prende ordini direttamente dai superiori e non solo da Vaughn, e i suoi incontri clandestini con la CIA non si svolgono (quasi) più nei bui magazzini abbandonati cui la prima stagione ci aveva abituati, ma il tutto passa ad un livello superiore, con l'agente Bristow ad interagire per via diretta con tutto l'apparato organizzativo del suo lavoro. Se questo da un lato sminuisce il lavoro di Vaughn, o comunque la sua "specialità" all'interno della serie, dall'altro lato permette alla storia di fare un grosso passo avanti, e di rendere Sydney non più un semplice strumento nelle mani dell'Intelligence, ma un membro attivo del lavoro che lei stessa porta avanti.
Kendall, che ritorna dall'episodio Q&A, è un personaggio scontroso e autoritario, ma che riesce in fretta a conquistare il pubblico, soprattutto per via del suo particolare rapporto con Sydney: se la giovane all'inizio ne è quasi spaventata (e ci credo, visto quanto capitato nella 1x17 :zizi: )subito prende di petto il difficile carattere del direttore, e gli scontri tra i due si susseguono burrascosamente. A dispetto di tutto però è proprio Kendall ad insistere affinché Sydney interagisca  con la madre. A questo proposito direi che sono tre i personaggi più in ansia di incontrare Irina, e ciascuno di loro reagisce in modo diverso:

-Sydney: l'impatto iniziale è sicuramente la rabbia, lei odia quella donna, e le augura il peggio.

  "I don't support the death penalty, but I hope that she dies for all that she's done."

Accecata dalla rabbia, probabilmente qui Sydney sta solo mentendo a se stessa, sta solo cercando di sopprimere il dolore dissociandosi completamente da quella donna che purtroppo è sua madre. E a questa frase segue poi la scena finale, quella del discorso d'intestazione, in cui alla rabbia segue la negazione(o forse la stessa rabbia di augurare ad Irina la morte era comunque una forma di negazione), e ciò che vuole Sydney è solo cullarsi nell'idea che sua madre era Laura Bristow, una brava donna ed una brava mamma che purtroppo è morta in un tragico incidente quando la sua bambina era ancora piccola. Sydney vuole fare di tutto per dissociare l'idea che il mostro che ha davanti sia la stessa persona che lei chiamava "mamma": la cosa più terribile di tutto ciò non è solo che lei non vuole accettare la cruda verità che ha davanti, ma il fatto che gli eventi recenti stiano completamente distruggendo ogni ricordo felice che lei ha della sua infanzia. Tutto è menzogna, tutto è finzione, è come se tutta la sua vita, anche le parti più innocenti, anche quelle più "sacre" come la spensieratezza dell'infanzia, o le lacrime di una ragazza a cui manca la madre morta, si basassero tutte su una gigantesca bugia. A questo proposito mi viene in mente l'episodio di Lost "La grande menzogna", che poteva essere un titolo sostitutivo a quello di questo episodio(anche se "Trust me", oltre ad essere una frase della stessa Derevko alla figlia, ci riporta comunque al tema di fiducia e menzogna che è il pilastro portante di tutto l'episodio).

-Vaughn: apparentemente estraneo alla vicenda, poiché non condivide legami di parentela con Irina, Vaughn è comunque un'altra vittima delle atrocità della donna. Anche lui, come Sydney, ha avuto l'infanzia rovinata per colpa sua, poiché ha perso il padre cui era tanto affezionato per mano della crudeltà della Derevko. Nonostante tutto Vaughn è il primo ad avere il coraggio di andare a colloquio con lei, come ad indicare che il suo desiderio di proteggere Sydney va aldilà del suo rifiuto ad incontrare la donna che gli ha rovinato la vita. Durante l'incontro si mostra molto dimesso, ma Irina non ci mette molto a capire chi lui sia. E capisce pure che tra lui e Sydney c'è un rapporto abbastanza intimo. Questa cosa, anche se sottolinea la sensibilità della donna, l'ho trovata comunque un po' forzata.

-Jack: per ora il tanto atteso incontro tra i due ex coniugi non si è ancora verificato, ma un po' come Sydney anche Jack è sulla fase rabbia/negazione. Per lui ogni parola che esce dalla bocca di quella donna è pura menzogna, e mi ha fatto ridere un sacco la scena in cui Vaughn ricorda la risposta che gli ha dato Jack sul fidarsi o meno dei consigli di Irina, ovvero un breve flashback di Mr. Bristow in auto che, dal telefono, urla un "ASSOLUTAMENTE NO!!" piuttosto convincente :rofl:

Sydney: Sloane got back from London last night. A full partner in the Alliance. Emily knew the truth. Her death, his immediately being let in, I'm confident he killed his wife to get that seat.
Vaughn: Killing his wife wouldn't surprise me. Eating his wife wouldn't surprise me.


E questo ci porta all'argomento Sloane (devo dire che la battuta di Vaughn rende forse meglio in italiano: "non mi sorprenderebbe neppure se se la fosse mangiata" :rofl:): ignaro di tutto ciò che sta succedendo sull'argomento Irina, il neo vedovo Arvin viene ammesso di fatto come membro ufficiale dell'Alleanza. La cerimonia, che si svolge a Londra, prevede che gli venga iniettato un trasmettitore sottocutaneo nel collo, che permette agli altri membri non solo di tenere sotto controllo le sue funzioni vitali, ma anche di ascoltare ogni sua conversazione, cosa che limita notevolmente la libertà di Sloane il manipolatore: ne vedremo delle belle...

Adesso non ci resta che parlare del lato action dell'episodio, che vede due missioni abbastanza adrenaliniche. La prima è una specie di "new entry": non bastava il doppio gioco tra CIA ed SD-6, adesso a complicare la situazione ci si mette pure il fidarsi o meno dei consigli di Irina. Syd sceglie di non fidarsi, e questo le fa compromettere il risultato, ed è così che viene innescata la seconda missione in cui la spia deve andare a recuperare la famosa telecamera che le era sfuggita.

Jack: Sydney, she is the enemy.
Sydney: And so is Sloane. And if the devil herself wants to help me bring him down, fine by me.


Alla fine non è Kendall a convincere Sydney a parlare con la mammina, non è Vaughn, non è la sua pietà. Sono i fatti, i fatti magistralmente orchestrati dalla stessa Irina. Ed è qui che il percorso di padre e figlia si divide: Jack continua a non volerla ascoltare, farebbe esplodere l'intera LA piuttosto che dare retta alla sua ex moglie, mentre Sydney si rende conto che c'è una sola persona che odia più di sua madre: Sloane.
Ed è così che parte la missione in Finlandia, che per ben due volte ci fa pensare che Sloane stia per beccare Syd, salvata dallo sgambetto di Vaughn al cameriere :XD: :XD: e da un nascondiglio alquanto fortuito che non viene scoperto solo grazie a un miracolo (di sceneggiatura :doh:).
Tra l'altro in questa missione Sydney è sexy più che mai in total black, uno dei miei disguise preferiti (cool black flippy wig :asd:).
Tornando al discorso Sloane, Sydney considera lui e solo lui il vero nemico, ma chi è quindi il vero nemico? Probabilmente ognuno vede il grande nemico in chi più l'ha tradito, quindi Jack da sua moglie, mentre Sydney da Sloane, che l'ha usata e ingannata per 7 anni, più ancora di sua madre, che la sta ossessionando meno del capo dell'SD-6: forse perchè la ferita è ancora fresca, o forse perchè semplicemente è sua madre, e per quanto possa odiarla, vuole comunque sperare che quella donna abbia tradito lei perchè doveva tradire l'America, ma che in fondo le volesse bene e che, almeno nei suoi confronti, non ci fosse nulla di personale.
Il succo del discorso è comunque che per ciascuno di noi la pericolosità di un nemico è direttamente proporzionale al grado di ossessione che abbiamo nei suoi confronti.
Due ultimi cenni:
-Weiss è miracolosamente ancora vivo, e a Vaughn tocca badare al suo pesce. :XD:
-Francie è davvero decisa ad aprire il suo ristorante, e chiede consiglio a Jack sul colore con cui dipingere le pareti...easter egg in arrivoooooooo :1: Jack suggerisce il rosso, ovviamente!! Approvo!!

In conclusione episodio intenso, che però perde un po' dopo i 4 spettacolari episodi che lo hanno preceduto.

Voto: 8 meno

Ps. Vaughn: "Guess it's two-for-one day on blackmail."
In questo episodio Vaughn era in vena di battute...strano...:paura:

ITINERARIO: Rabat(Marocco); Londra; Helsinki(Finlandia)
LINGUE PARLATE: Sydney parla italiano, nei panni di Beatrice Cunelli(chissà perchè questo nome mi piace un sacco! :love:), moglie del ricco Silvio Cunelli(chissà perchè quando si parla di un ricco italiano, il nome Silvio salta fuori così facilmente -.-')
WIGS and DISGUISES:
(clicca per mostrare/nascondere)
« Ultima modifica: 1 January 2014, 21:35:48 da Bellatrix♋ »
I was initially planning on being a casual fan, but then I thought, why not just let it consume my soul instead?

Rotang14

  • Visitatore
Re: [COMMENTI] Alias 2x02-Trust me
« Risposta #1 il: 17 February 2015, 21:38:40 »
Posto brevemente per dire che ho ripreso la visione da dove avevo lasciato, ovvero da questo episodio :metal: